ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Testo Unico degli Enti Locali
Testo Unico Enti Locali , agg. al 21.07.2014

Pubblichiamo il testo unico degli enti locali coordinato ed aggiornato con le modifiche apportate dal D.L. 24 giugno 2014, n. 90 e dal D.L. 24 giugno 2014, n. 91.

Testo unico degli enti locali


Parte I - Ordinamento istituzionale

Titolo I - Disposizioni generali (Artt. 1-12)
Titolo II - Soggetti (Artt. 13-35)
Titolo III - Organi (Artt. 36-87)
Titolo IV - Organizzazione e personale (Artt. 88-111)
Titolo V - Servizi e interventi pubblici locali (Artt. 112-123)
Titolo VI - Controlli (Artt. 124-148)

Parte II - Ordinamento finanziario e contabile

Titolo I - Disposizioni Generali (Artt. 149-161)
Titolo II - Programmazione e bilanci (Artt. 162-177)
Titolo III - Gestione del bilancio (Artt. 178-198-bis)
Titolo IV - Investimenti (Artt. 199-207)
Titolo V - Tesoreria (Artt. 208-226)
Titolo VI - Rilevazione e dimostrazione dei risultati di gestione (Artt. 227-233)
Titolo VII - Revisione economico-finanziaria (Artt. 234-241)
Titolo VIII - Enti locali deficitari o dissestati (Artt. 242-269)

Parte III - Associazioni degli enti locali (Art. 270-272)

Parte IV - Disposizioni transitorie ed abrogazioni (Art. 273-275)



Altalex eBook - Collana "Codici Altalex''


Testo Unico degli
enti locali


Scarica il testo in PDF del Testo Unico degli enti locali aggiornato alla L. 29 gennaio 2014, n. 5 e al D.L. 6 marzo 2014, n. 16.






Decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267

Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali

(pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 227 del 28 settembre 2000 - Supplemento Ordinario n. 162)

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Visto l'articolo 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400;

Visto l'articolo 31 della legge 3 agosto 1999, n. 265, recante delega al Governo per l'adozione di un testo unico in materia di ordinamento degli enti locali;

Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 20 aprile 2000;

Acquisiti i pareri delle competenti commissioni del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati;

Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nell'adunanza generale dell'8 giugno 2000;

Acquisito il parere della Conferenza Stato-città ed autonomie locali e della Conferenza Unificata, istituita ai sensi del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 4 agosto 2000;

Sulla proposta del Ministro dell'interno, di concerto con i Ministri per gli affari regionali e della giustizia;

Emana

il seguente decreto legislativo:

1. È approvato l'unito testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, composto di 275 articoli.

PARTE I

Ordinamento istituzionale

TITOLO I

Disposizioni generali

Art. 1 (1)
Oggetto

1. Il presente testo unico contiene i princìpi e le disposizioni in materia di ordinamento degli enti locali.

2. Le disposizioni del presente testo unico non si applicano alle regioni a statuto speciale e alle province autonome di Trento e di Bolzano se incompatibili con le attribuzioni previste dagli statuti e dalle relative norme di attuazione.

3. La legislazione in materia di ordinamento degli enti locali e di disciplina dell'esercizio delle funzioni ad essi conferite enuncia espressamente i princìpi che costituiscono limite inderogabile per la loro autonomia normativa. L'entrata in vigore di nuove leggi che enunciano tali princìpi abroga le norme statutarie con essi incompatibili. Gli enti locali adeguano gli statuti entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore delle leggi suddette.

4. Ai sensi dell'articolo 128 della Costituzione le leggi della Repubblica non possono introdurre deroghe al presente testo unico se non mediante espressa modificazione delle sue disposizioni.

(1) Per le nuove disposizioni in materia di città metropolitane, province e unioni e fusioni di comuni, vedi la L. 7 aprile 2014, n. 56.

Art. 2 (1)
Àmbito di applicazione

1. Ai fini del presente testo unico si intendono per enti locali i comuni, le province, le città metropolitane, le comunità montane, le comunità isolane e le unioni di comuni.

2. Le norme sugli enti locali previste dal presente testo unico si applicano, altresì, salvo diverse disposizioni, ai consorzi cui partecipano enti locali, con esclusione di quelli che gestiscono attività aventi rilevanza economica ed imprenditoriale e, ove previsto dallo statuto, dei consorzi per la gestione dei servizi sociali.

(1) Per le nuove disposizioni in materia di città metropolitane, province e unioni e fusioni di comuni, vedi la L. 7 aprile 2014, n. 56.

Art. 3 (1)
Autonomia dei comuni e delle province

1. Le comunità locali, ordinate in comuni e province, sono autonome.

2. Il comune è l'ente locale che rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo.

3. La provincia, ente locale intermedio tra comune e Regione, rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi, ne promuove e ne coordina lo sviluppo.

4. I comuni e le province hanno autonomia statutaria, normativa, organizzativa e amministrativa, nonché autonomia impositiva e finanziaria nell'àmbito dei propri statuti e regolamenti e delle leggi di coordinamento della finanza pubblica.

5. I comuni e le province sono titolari di funzioni proprie e di quelle conferite loro con legge dello Stato e della Regione, secondo il principio di sussidiarietà. I comuni e le province svolgono le loro funzioni anche attraverso le attività che possono essere adeguatamente esercitate dalla autonoma iniziativa dei cittadini e delle loro formazioni sociali.

(1) Per le nuove disposizioni in materia di città metropolitane, province e unioni e fusioni di comuni, vedi la L. 7 aprile 2014, n. 56.

Art. 4 (1)
Sistema regionale delle autonomie locali

1. Ai sensi dell'articolo 117, primo e secondo comma, e dell'articolo 118, primo comma, della Costituzione, le regioni, ferme restando le funzioni che attengono ad esigenze di carattere unitario nei rispettivi territori, organizzano l'esercizio delle funzioni amministrative a livello locale attraverso i comuni e le province.

2. Ai fini di cui al comma 1, le leggi regionali si conformano ai princìpi stabiliti dal presente testo unico in ordine alle funzioni del comune e della provincia, identificando nelle materie e nei casi previsti dall'articolo 117 della Costituzione, gli interessi comunali e provinciali in rapporto alle caratteristiche della popolazione e del territorio.

3. La generalità dei compiti e delle funzioni amministrative è attribuita ai comuni, alle province e alle comunità montane, in base ai princìpi di cui all'articolo 4, comma 3, della L. 15 marzo 1997, n. 59, secondo le loro dimensioni territoriali, associative ed organizzative, con esclusione delle sole funzioni che richiedono l'unitario esercizio a livello regionale.

4. La legge regionale indica i princìpi della cooperazione dei comuni e delle province tra loro e con la Regione, al fine di realizzare un efficiente sistema delle autonomie locali al servizio dello sviluppo economico, sociale e civile.

5. Le regioni, nell'àmbito della propria autonomia legislativa, prevedono strumenti e procedure di raccordo e concertazione, anche permanenti, che diano luogo a forme di cooperazione strutturali e funzionali, al fine di consentire la collaborazione e l'azione coordinata fra regioni ed enti locali nell'àmbito delle rispettive competenze.

(1) Per le nuove disposizioni in materia di città metropolitane, province e unioni e fusioni di comuni, vedi la L. 7 aprile 2014, n. 56.

Art. 5 (1)
Programmazione regionale e locale

1. La Regione indica gli obiettivi generali della programmazione economico-sociale e territoriale e su questi ripartisce le risorse destinate al finanziamento del programma di investimenti degli enti locali.

2. Comuni e province concorrono alla determinazione degli obiettivi contenuti nei piani e programmi dello Stato e delle regioni e provvedono, per quanto di propria competenza, alla loro specificazione ed attuazione.

3. La legge regionale stabilisce forme e modi della partecipazione degli enti locali alla formazione dei piani e programmi regionali e degli altri provvedimenti della Regione.

4. La legge regionale indica i criteri e fissa le procedure per gli atti e gli strumenti della programmazione socio-economica e della pianificazione territoriale dei comuni e delle province rilevanti ai fini dell'attuazione dei programmi regionali.

5. La legge regionale disciplina, altresì, con norme di carattere generale, modi e procedimenti per la verifica della compatibilità fra gli strumenti di cui al comma 4 e i programmi regionali, ove esistenti.

(1) Per le nuove disposizioni in materia di città metropolitane, province e unioni e fusioni di comuni, vedi la L. 7 aprile 2014, n. 56.

Art. 6 (2)
Statuti comunali e provinciali

1. I comuni e le province adottano il proprio statuto.

2. Lo statuto, nell'àmbito dei princìpi fissati dal presente testo unico, stabilisce le norme fondamentali dell'organizzazione dell'ente e, in particolare, specifica le attribuzioni degli organi e le forme di garanzia e di partecipazione delle minoranze, i modi di esercizio della rappresentanza legale dell'ente, anche in giudizio. Lo statuto stabilisce, altresì, i criteri generali in materia di organizzazione dell'ente, le forme di collaborazione fra comuni e province, della partecipazione popolare, del decentramento, dell'accesso dei cittadini alle informazioni e ai procedimenti amministrativi, lo stemma e il gonfalone e quanto ulteriormente previsto dal presente testo unico.

3. Gli statuti comunali e provinciali stabiliscono norme per assicurare condizioni di pari opportunità tra uomo e donna ai sensi della legge 10 aprile 1991, n. 125, e per garantire (1) la presenza di entrambi i sessi nelle giunte e negli organi collegiali del comune e della provincia, nonché degli enti, aziende ed istituzioni da essi dipendenti.

4. Gli statuti sono deliberati dai rispettivi consigli con il voto favorevole dei due terzi dei consiglieri assegnati. Qualora tale maggioranza non venga raggiunta, la votazione è ripetuta in successive sedute da tenersi entro trenta giorni e lo statuto è approvato se ottiene per due volte il voto favorevole della maggioranza assoluta dei consiglieri assegnati. Le disposizioni di cui al presente comma si applicano anche alle modifiche statutarie.

5. Dopo l'espletamento del controllo da parte del competente organo regionale, lo statuto è pubblicato nel bollettino ufficiale della Regione, affisso all'albo pretorio dell'ente per trenta giorni consecutivi ed inviato al Ministero dell'interno per essere inserito nella raccolta ufficiale degli statuti. Lo statuto entra in vigore decorsi trenta giorni dalla sua affissione all'albo pretorio dell'ente.

6. L'ufficio del Ministero dell'interno, istituito per la raccolta e la conservazione degli statuti comunali e provinciali, cura anche adeguate forme di pubblicità degli statuti stessi.

(1) La parola: "promuovere" è stata così sostituita dall'art. 1, co. 1, L. 23 novembre 2012, n. 215.
(2) Per le nuove disposizioni in materia di città metropolitane, province e unioni e fusioni di comuni, vedi la L. 7 aprile 2014, n. 56.

Art. 7 (1)
Regolamenti

1. Nel rispetto dei princìpi fissati dalla legge e dello statuto, il comune e la provincia adottano regolamenti nelle materie di propria competenza ed in particolare per l'organizzazione e il funzionamento delle istituzioni e degli organismi di partecipazione, per il funzionamento degli organi e degli uffici e per l'esercizio delle funzioni.

(1) Per le nuove disposizioni in materia di città metropolitane, province e unioni e fusioni di comuni, vedi la L. 7 aprile 2014, n. 56.

Art. 7-bis (1) (3)
Sanzioni amministrative

1. Salvo diversa disposizione di legge, per le violazioni delle disposizioni dei regolamenti comunali e provinciali si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 25 euro a 500 euro.

1-bis. La sanzione amministrativa di cui al comma 1 si applica anche alle violazioni alle ordinanze adottate dal sindaco e dal presidente della provincia sulla base di disposizioni di legge, ovvero di specifiche norme regolamentari. (2)

2. L'organo competente a irrogare la sanzione amministrativa è individuato ai sensi dell'articolo 17 della legge 24 novembre 1981, n. 689.

(1) Articolo inserito dall'art. 16, co. 1, L. 16 gennaio 2003, n. 3.
(2) Comma inserito dall'art. 1-quater, D.L. 31 marzo 2003, n. 50, convertito con modificazioni nella L. 20 maggio 2003, n. 116.
(3) Per le nuove disposizioni in materia di città metropolitane, province e unioni e fusioni di comuni, vedi la L. 7 aprile 2014, n. 56.

Art. 8 (1)
Partecipazione popolare

1. I comuni, anche su base di quartiere o di frazione, valorizzano le libere forme associative e promuovono organismi di partecipazione popolare all'amministrazione locale. I rapporti di tali forme associative sono disciplinati dallo statuto.

2. Nel procedimento relativo all'adozione di atti che incidono su situazioni giuridiche soggettive devono essere previste forme di partecipazione degli interessati secondo le modalità stabilite dallo statuto, nell'osservanza dei princìpi stabiliti dalla legge 7 agosto 1990, n. 241.

3. Nello statuto devono essere previste forme di consultazione della popolazione nonché procedure per l'ammissione di istanze, petizioni e proposte di cittadini singoli o associati dirette a promuovere interventi per la migliore tutela di interessi collettivi e devono essere, altresì, determinate le garanzie per il loro tempestivo esame. Possono essere, altresì, previsti referendum anche su richiesta di un adeguato numero di cittadini.

4. Le consultazioni e i referendum di cui al presente articolo devono riguardare materie di esclusiva competenza locale e non possono avere luogo in coincidenza con operazioni elettorali provinciali, comunali e circoscrizionali.

5. Lo statuto, ispirandosi ai princìpi di cui alla legge 8 marzo 1994, n. 203 e al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, promuove forme di partecipazione alla vita pubblica locale dei cittadini dell'Unione europea e degli stranieri regolarmente soggiornanti.

(1) Per le nuove disposizioni in materia di città metropolitane, province e unioni e fusioni di comuni, vedi la L. 7 aprile 2014, n. 56.

Art. 9 (2)
Azione popolare e delle associazioni di protezione ambientale.

1. Ciascun elettore può far valere in giudizio le azioni e i ricorsi che spettano al comune e alla provincia.

2. Il giudice ordina l'integrazione del contraddittorio nei confronti del comune ovvero della provincia. In caso di soccombenza, le spese sono a carico di chi ha promosso l'azione o il ricorso, salvo che l'ente costituendosi abbia aderito alle azioni e ai ricorsi promossi dall'elettore.

(...) (1).

(1) Il comma che recitava: “3. Le associazioni di protezione ambientale di cui all'art. 13, L. 8 luglio 1986, n. 349, possono proporre le azioni risarcitorie di competenza del giudice ordinario che spettino al comune e alla provincia, conseguenti a danno ambientale. L'eventuale risarcimento è liquidato in favore dell'ente sostituito e le spese processuali sono liquidate in favore o a carico dell'associazione.” è stato abrogato d’ll'art. 318, co. 2, lett. b), D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152.
(2) Per le nuove disposizioni in materia di città metropolitane, province e unioni e fusioni di comuni, vedi la L. 7 aprile 2014, n. 56.

Art. 10 (1)
Diritto di accesso e di informazione

1. Tutti gli atti dell'amministrazione comunale e provinciale sono pubblici, ad eccezione di quelli riservati per espressa indicazione di legge o per effetto di una temporanea e motivata dichiarazione del sindaco o del presidente della provincia che ne vieti l'esibizione, conformemente a quanto previsto dal regolamento, in quanto la loro diffusione possa pregiudicare il diritto alla riservatezza delle persone, dei gruppi o delle imprese.

2. Il regolamento assicura ai cittadini, singoli e associati, il diritto di accesso agli atti amministrativi e disciplina il rilascio di copie di atti previo pagamento dei soli costi; individua, con norme di organizzazione degli uffici e dei servizi, i responsabili dei procedimenti; detta le norme necessarie per assicurare ai cittadini l'informazione sullo stato degli atti e delle procedure e sull'ordine di esame di domande, progetti e provvedimenti che comunque li riguardino; assicura il diritto dei cittadini di accedere, in generale, alle informazioni di cui è in possesso l'amministrazione.

3. Al fine di rendere effettiva la partecipazione dei cittadini all'attività dell'amministrazione, gli enti locali assicurano l'accesso alle strutture ed ai servizi agli enti, alle organizzazioni di volontariato e alle associazioni.

(1) Per le nuove disposizioni in materia di città metropolitane, province e unioni e fusioni di comuni, vedi la L. 7 aprile 2014, n. 56.

Art. 11 (1) (2)
Difensore civico

1. Lo statuto comunale e quello provinciale possono prevedere l'istituzione del difensore civico, con compiti di garanzia dell'imparzialità e del buon andamento della pubblica amministrazione comunale o provinciale, segnalando, anche di propria iniziativa, gli abusi, le disfunzioni, le carenze ed i ritardi dell'amministrazione nei confronti dei cittadini.

2. Lo statuto disciplina l'elezione, le prerogative ed i mezzi del difensore civico nonché i suoi rapporti con il consiglio comunale o provinciale.

3. Il difensore civico comunale e quello provinciale svolgono altresì la funzione di controllo nell'ipotesi prevista all'articolo 127.

(1) L’art. 2, co. 186, lett. a), L. 23 dicembre 2009, n. 191 ha soppresso la figura del difensore civico comunale.
(2) Per le nuove disposizioni in materia di città metropolitane, province e unioni e fusioni di comuni, vedi la L. 7 aprile 2014, n. 56.

Art. 12 (1)
Sistemi informativi e statistici

1. Gli enti locali esercitano i compiti conoscitivi e informativi concernenti le loro funzioni in modo da assicurare, anche tramite sistemi informativo-statistici automatizzati, la circolazione delle conoscenze e delle informazioni fra le amministrazioni, per consentirne, quando prevista, la fruizione su tutto il territorio nazionale.

2. Gli enti locali, nello svolgimento delle attività di rispettiva competenza e nella conseguente verifica dei risultati, utilizzano sistemi informativo-statistici che operano in collegamento con gli uffici di statistica in applicazione del decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322. È in ogni caso assicurata l'integrazione dei sistemi informativo-statistici settoriali con il sistema statistico nazionale.

3. Le misure necessarie sono adottate con le procedure e gli strumenti di cui agli articoli 6 e 9 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

(1) Per le nuove disposizioni in materia di città metropolitane, province e unioni e fusioni di comuni, vedi la L. 7 aprile 2014, n. 56.

(Segue>>)


Lavoro - Formulario commentato
M. Arturo, R. Pierluigi, F. Luca, R. Roberto, B. Massimo
130,00
€ 117,00
Società di persone - Società di capitali - Cooperative - Consorzi - Start Up
IPSOA 2014

COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Il principio delle “quote rosa” nella costituzione delle giunte (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 24.07.2014 n° 3938 (Valeria Tevere) )

Enti locali, nomine, parità di genere, pari opportunità (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 24.07.2014 n° 3938 )

Testo Unico Enti Locali, Ed. Settembre 2014 - SCARICA GRATIS L'EBOOK (eBook , segnalazione del 21.07.2014)

Condominio, vialetto, attraversamento pedonale, divieto, illegittimità (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 25.06.2014 n° 3206 )

Testo Unico Pubblico impiego, Ed. Maggio 2014 - SCARICA GRATIS L'EBOOK (eBook gratuito, segnalazione 27.05.2014)

Legittimazione all’accesso dei Comuni quali enti esponenziali (Consiglio di Stato , sez. IV, sentenza 11.04.2014 n° 1768 (Valeria Tevere) )

Riordino Province e città metropolitane: la Legge in Gazzetta (Legge 07.04.2014 n° 56 , G.U. 07.04.2014 )

Decreto Salva Roma, Tasi, finanza locale e servizi scolastici (Decreto Legge , testo coordinato 06.03.2014 n° 16 , G.U. 05.05.2014 )

Edilizia pubblica, ordinanza di rilascio, dirigente, separazione funzionale (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 20.02.2014 n° 830 )

Limiti delle ordinanze contingibili e urgenti (TAR Lombardia-Milano, sez. II, sentenza 11.12.2013 n° 2830 (Roberto Pellegrini) )

Società in house e giurisdizione contabile (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 25.11.2013 n° 26283 (Valeria Tevere) )

Rapporti concessori e giurisdizione esclusiva (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 12.11.2013 n° 5421 (Valeria Tevere) )

La nuova pagina Facebook di Altalex (Segnalazione del 15.10.2013)

Legge Severino: il Tar Lazio dice sì ad incandidabilità retroattiva (TAR Lazio-Roma, sez. II bis, sentenza 08.10.2013 n° 8696 (Simone Marani) )

Farmacie, pianta organica, adeguamento, competenza, Giunta comunale (Consiglio di Stato , sez. III, sentenza 19.09.2013 n° 4668 )

Razionalizzazione Pa: tagli spesa, mobilità pubblico impiego e meno precari (Previsto il blocco dell’acquisto di autoblu e l'assunzione di 1000 vigili del fuoco)

Annullamento titoli abilitativi all'edificazione: uso e abuso dell’effetto sanante (Articolo 31.05.2013 (Diletta Lastraioli) )

Modalità di calcolo del 60% dei seggi spettanti quale “premio di maggioranza” (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 07.05.2013 n° 2468 (Riccardo Bianchini) )

L'inosservanza del dovere di astensione inficia i provvedimenti della P.A. (TAR Lombardia-Milano, sez. IV, sentenza 03.05.2013 n° 1137 (Roberto Pellegrini) )

Pubblico amministratore, conflitto di interessi, delibera, astensione, obbligo (TAR , Lombardia-Milano, sez. IV, sentenza 03.05.2013 n° 1137 )

Giunta comunale, parità di rappresentanza dei sessi, soglia minima (TAR , Lazio-Roma, sez. II bis, sentenza 21.01.2013 n° 633 )

Comune, assessori maschi, nomina, pari opportunità, quote rosa, illegittimità (TAR Piemonte-Torino, sez. I, sentenza 10.01.2013 n° 24 )

Dipendente pubblico inadempiente: è ammissibile la contestazione tardiva? (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 28.12.2012 n° 24009 (Angela Chiacchio) )

Decreto taglia-province: quali conseguenze in caso di mancata conversione? (Articolo 11.12.2012 (Luigi Spadone) )

Quote rosa: nuove disposizioni per consigli e giunte di enti locali e regioni (Legge 23.11.2012 n° 215 , G.U. 11.12.2012 )

Sulla legittimazione dei consiglieri comunali ad agire avverso gli atti del consiglio (Consiglio di Stato , sez. IV, sentenza 02.10.2012 n° 5184 (Clorinda Di Franco) )

Codice della contabilità pubblica (Tomo I + Tomo II) - Ed. 2012 (Libro , segnalazione del 11.07.2012 (Vittorio Raeli) )

Codice del processo amministrativo commentato - omaggio versione eBook 2012 (Volume, segnalazione del 20.03.2012)

Decreto fiscale: il testo coordinato in Gazzetta Ufficiale (Decreto Legge , testo coordinato 02.03.2012 n° 16 , G.U. 28.04.2012 )

Altalex eBook - Collana "Publica" (Collana diretta da Riccardo Bianchini e Alessandro Ferretti 01.03.2012)

eBook ''Pubblico Impiego: mansioni superiori, inferiori ed equivalenti'' (eBook , segnalazione del 28.02.2012 (Roberto Pellegrini) )

Nuovo concorso o scorrimento delle graduatorie? Risponde l'Adunanza Plenaria (Consiglio di Stato , adunanza plenaria, sentenza 28.07.2011 n° 14 (Francesco Logiudice) )

Danni cagionati da fauna selvatica: responsabilità la Provincia o la Regione? (Tribunale Vasto, sentenza 07.07.2011 (Valentino Aventaggiato, Raffaele Plenteda) )

Esercizi pubblici: il Sindaco non può deciderne la chiusura serale anticipata (TAR Lombardia-Brescia, sez. II, sentenza 18.05.2011 n° 739 (Manuela Rinaldi) )

L’attestazione di intervenuta efficacia dell’aggiudicazione definitiva negli appalti pubblici (Articolo 06.04.2011 (Arturo Piero Mazzucato, Gianni Penzo Doria) )

Comunali: l'assegnazione dei seggi deve riferirsi ai risultati del ballottaggio (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 28.02.2011 n° 1269 (Alfredo Matranga) )

Sul potere di nomina fiduciaria del Sindaco (TAR Lombardia-Brescia, sez. II, sentenza 28.01.2011 n° 179 (Clorinda Di Franco) )

Divieto di spese per sponsorizzazioni e salvaguardia dell’associazionismo locale (Articolo 18.01.2011 (Pasquale Russo, Maria Ilaria Bruno) )

Niente affidamento diretto per le società miste (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 15.10.2010 n° 7533 (Simone Marani) )

Due pesi e due misure nel diritto tributario: gli interessi di mora (Articolo 12.10.2010 (Maurizio Villani) )

L'ordinanza di rimozione rifiuti compete al Sindaco (TAR Lombardia-Milano, sez. VI, sentenza 09.06.2010 n° 1764 (Aurelio Schiavone) )

L'ordinanza di bonifica del sito non rientra fra le ordinanze contingibili ed urgenti (TAR Calabria-Catanzaro, sez. I, sentenza 31.05.2010 n° 959 (Aurelio Schiavone) )

Sul divieto di vendita degli alcolici negli stadi (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 29.04.2010 n° 2465 (Alfredo Matranga) )

Sui poteri dei sindaci in materia di sicurezza urbana (TAR Veneto-Venezia, sez. III, ordinanza 22.03.2010 n° 40 (Francesco Vergine) )

La Tarsu non esiste più (Articolo 04.03.2010 (Maurizio Villani, Stefania Attolini) )

Società in house: nomina del consiglio di amministrazione, sì alle quote rosa (TAR Puglia-Lecce, sez. I, sentenza 24.02.2010 n° 622 (Alfredo Matranga) )

Giustizia amministrativa e tariffe forensi (Articolo 22.02.2010 (Stefania Lecca) )

Il sindaco non può prescrivere l'uso della lingua italiana nelle riunioni religiose (TAR Lombardia-Brescia, sez. II, sentenza 15.01.2010 n° 19 (Lorenzo Prudenzano) )

Legge Finanziaria 2010 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale (Legge 23.12.2009 n° 191 , G.U. 30.12.2009 )

Attribuzione di incarichi e controllo preventivo di legittimità della corte dei conti (Articolo 28.10.2009 (Carlo Rapicavoli) )

I flussi comunicativi contabili ordinari tra enti locali e Ministero dell’interno (Articolo 28.10.2009 (Maurizio Di Gennaro) )

In house providing in pillole (Articolo 17.10.2009 (Francesco Logiudice) )

Ordinanza di rimozione rifuti in caso di costruzioni e riutilizzo di inerti edili (TAR Veneto-Venezia, sez. III, sentenza 29.09.2009 n° 2454 (Alessandro Del Dotto) )

Decreto Ronchi: attuazione degli obblighi comunitari e servizi pubblici locali (Decreto Legge , testo coordinato 25.09.2009 n° 135 , G.U. 24.11.2009 (Giuseppe Mommo) )

Giunte... tremate le quote rosa sono tornate (TAR Puglia-Lecce, ordinanza 23.09.2009 n° 740 (Serafino Ruscica) )

In house providing: configurabilità del "controllo analogo" (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 26.08.2009 n° 5082 (Francesco Logiudice) )

Affidamento in house dei servizi pubblici (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 26.08.2009 n° 5082 (Clorinda Di Franco) )

Lavoratore che assiste handicappato trasferibile in caso di incompatibilità ambientale (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 09.07.2009 n° 16102 (Adolfo Liarò) )

Inquinamento: il comitato è legittimato a chiedere l’attivazione dei poteri sindacali (TAR Puglia-Lecce, sez. I, sentenza 07.07.2009 n° 1786 (Francesco Navaro) )

Dimissioni ultra dimidium, tempi diversi, rapporto strettamente consequenziale (TAR Puglia-Lecce, sez. I, ordinanza 01.07.2009 n° 550 )

Idoneità nei concorsi pubblici, escluso il diritto allo scorrimento (TAR Puglia-Lecce, sez. II, sentenza 01.07.2009 n° 1750 (Roberto Pellegrini) )

Le clausole del bando di gara – vero campo minato (Articolo 26.06.2009 (Giovanni Gioffré) )

La ristrutturazione edilizia "vincolata" (Articolo 12.06.2009 (Andrea Berto) )

Approvazione del progetto anche in mancanza dello studio di prefattibilità dei lavori pubblici (Consiglio di Stato , sez. IV, decisione 13.05.2009 n° 2966 (Clorinda Di Franco) )

Enti locali (Mappa agg. al 12.05.2009)

Enti locali, poteri del Sindaco, ordinanze, precisazioni (TAR Campania-Napoli, sez. III, sentenza 08.04.2009 n° 1868 )

Inquinamento acustico: limitazioni all’orario di apertura degli esercizi commerciali (TAR Veneto-Venezia, sez. III, sentenza 02.04.2009 n° 1071 )

Relazioni della Direzione Lavori e accesso agli atti (TAR Piemonte-Torino, sez. I, sentenza 16.03.2009 n° 754 (Alessandro Del Dotto) )

Sul controllo analogo “funzionale” in caso di società partecipata da più enti pubblici (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 09.03.2009 n° 1365 (Francesco Logiudice) )

Incarichi presso enti locali diversi e cumulo tra indennità e gettoni (TAR Puglia-Lecce, sez. I, sentenza 12.02.2009 n° 219 (Alfredo Matranga) )

La revoca degli Assessori Comunali e Provinciali (Articolo 09.02.2009 (Giovanni Gioffré) )

Interrogazione di un consigliere comunale: impugnabilità del silenzio della p.a. (TAR Puglia-Bari, sez. I, sentenza 13.01.2009 n° 19 (Massimo Pelo) )

Servizio idrico integrato: determinazione della tariffa e principio della corrispettività (TAR Campania-Salerno, sez. I, sentenza 12.01.2009 n° 24 (Pasquale D'Angiolillo) )

L’in house providing e il paradosso del caffè (Articolo 12.01.2009 (Alessandro Del Dotto) )

Sicurezza e prestazioni sessuali: nuovi poteri del sindaco e dubbi di costituzionalità (Articolo 11.12.2008 (Renato Amoroso) )

I nuovi poteri attribuiti ai sindaci in materia di sicurezza urbana (L. 125/2008) (Articolo 01.12.2008 (Francesco Morelli) )

Processo del lavoro: produzione di nuovi documenti e non contestazione del fatto (Articolo 27.11.2008 (Stefano Gennai) )

Fondazioni lirico-sinfoniche: no all’affidamento in house (Consiglio di Stato , sez. VI, decione 25.11.2008 n° 5781 (Francesco Logiudice) )

Motivazione del provvedimento amministrativo di revoca degli assessori (TAR Puglia-Lecce, sez. I, ordinanza 19.11.2008 n° 1073 (Giuseppe Farina) )

Cariche di consigliere e di assessore in due comuni della stessa Regione (Consiglio di Stato , sez. I, parere 22.10.2008 n° 3376 (Cesira Cruciani) )

Ordinanze contingibili e urgenti: caso di stazioni radio base (TAR Sardegna-Cagliari, sez. II, sentenza 06.10.2008 n° 1820 (Alessandro Del Dotto) )

Accordo di programma, data di inizio e fine dei lavori, risoluzione del contratto (Consiglio di Stato , sez. VI, decisione 09.09.2008 n° 4304 )

Sulla nomina del collegio dei revisori dei conti (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 08.09.2008 n° 4278 (Massimo Pelo, Andrea Ferreri) )

Diritto d’accesso, informazione e partecipazione: nuovi diritti di (pluri)cittadinanza (Articolo 01.09.2008 (Serafino Ruscica) )

Incolumità pubblica e sicurezza urbana: i nuovi poteri dei sindaci (Decreto Ministero Interno 05.08.2008, G.U. 09.08.2008 (Cesira Cruciani) )

Viaggi all’estero per il Comune: promozione del territorio o illecito contabile? (Corte dei Conti , sez. I, sentenza 28.07.2008 n° 346 (Massimo Pelo) )

Sulla legittimazione del Consigliere comunale ad impugnare le delibere consiliari (TAR Puglia-Bari, sez. I, sentenza 10.07.2008 n° 1724 (Antonella Crisafulli) )

Il diritto di accesso dei consiglieri comunali e provinciali nella legislazione (Articolo 04.07.2008 (Giovanni Gioffré) )

Società miste pubblico privato. Le peculiarità del caso italiano (Articolo di Vincenzo Bombardieri e Rosaria Favoino 01.07.2008)

Pacchetto sicurezza: il decreto legge pubblicato in Gazzetta (Decreto Legge , testo coordinato 23.05.2008 n° 92 , G.U. 25.07.2008 (Andrea Ceccobelli) )

Emergenza rifiuti, ordinanza del Sindaco, stoccaccio temporaneo, illegittimità (TAR Campania-Napoli, sez. VII, sentenza 07.05.2008 n° 3518 )

Elezioni, voto di lista, mancanza del contrassegno sulla lista, non assegnazione (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 05.05.2008 n° 1978 )

L’affidamento in house ed i suoi presupposti (Focus di Massimario.it agg. al 09.04.2008 (Claudio Venditti) )

Fornitura di elicotteri allo Stato italiano: le condizioni per l'affidamento in house (Corte di Giustizia UE , sez. Grande, sentenza 08.04.2008 n° C-337/05 )

Mecenatismo culturale e Sponsorizzazione (Articolo 28.03.2008 (Alessandro Ferretti) )

Distanze dal muro di cinta e valutazione delle scelte estetiche (Consiglio di Stato , sez. IV, sentenza 05.03.2008 n° 931 (Alessandro Del Dotto) )

Consiglieri comunali, conflitto di interessi, obbligo di astensione, atti urbanistici (Consiglio di Stato , sez. IV, decisione 05.03.2008 n° 931 )

Sulla necessità del rispetto del procedimento di evidenza pubblica (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 04.03.2008 n° 889 (Francesco Logiudice) )

L’Adunanza plenaria sull’immediata operatività dei principi generali del Trattato UE (Consiglio di Stato , adunanza plenaria, decisione 03.03.2008 n° 1 (Antonella Crisafulli) )

Nuove strade per gli affidamenti diretti alle società miste (Articolo 01.03.2008 (Alessandro Del Dotto) )

La problematica dell’approvazione degli accordi di programma (Articolo 19.02.2008 (Alessandro Bernasconi) )

Patti locali di sicurezza urbana e associazioni di volontariato (Articolo 16.02.2008 (Corrado Maffi) )

Enti locali, scioglimento Consiglio comunale, infiltrazioni mafiose, presupposti (Consiglio di Stato , sentenza 08.02.2008 n° 449 )

Il Consiglio di Stato torna di nuovo sulla gestione “in house” (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 23.01.2008 n° 136 (Alessandro Del Dotto) )

Qualificazione dell’oggetto di gara: concessione di servizio pubblico o appalto misto? (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 15.01.2008 n° 36 (Antonella Crisafulli) )

Appalti, Grande Viabilità, gestione dei servizi, prevalenza su appalto di lavori (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 15.01.2008 n° 36 )

Legge Finanziaria 2008 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale (Legge 24.12.2007 n° 244 , G.U. 28.12.2007 )

Contratti pubblici, forma scritta ad substantiam, necessità, sussistenza (Cassazione civile , sez. I, sentenza 26.10.2007 n° 22537 )

Affidamenti diretti, capitale interamente pubblico, pluralità di enti pubblici (TAR Lazio-Roma, sez. II ter, sentenza 16.10.2007 n° 9988 )

Elezioni nei comuni con più di 15.000 abitanti: sulla rideterminazione dei seggi (TAR Puglia-Lecce, sez. I, ordinanza 10.10.2007 n° 951 (Alfredo Matranga) )

Elezioni locali, comuni con più di 15.000 abitanti, seggi, ripartizione dei voti (TAR Puglia-Lecce, sez. I, ordinanza 10.10.2007 n° 951 )

Appalti pubblici, servizio pubblico di trasporto disabili, affidamento diretto (TAR Puglia-Lecce, sez. II, sentenza 04.10.2007 n° 3436 )

Affidamento diretto, società miste, oggetto sociale, ammissibilità (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 18.09.2007 n° 4862 )

Corte dei conti, controllo sulla gestione finanziaria, finanza locale, complementarietà (Corte Costituzionale , ordinanza 13.07.2007 n° 285 )

Elezioni comunali, Sindaco, terzo mandato consecutivo, causa di ineleggibilità (Consiglio di Stato , sez. VI, decisione 10.07.2007 n° 5309 )

Il modello organizzativo dell’in house providing (Articolo di Giuseppe Chiantera e Daniela Pettinato 07.07.2007)

L'affidamento in house nella giurisprudenza del consiglio di stato (Articolo di Giuseppe Mullano 26.06.2007)

Pubblico impiego, compiti del segretario comunale, sostituzione del dirigente (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 12.06.2007 n° 13708 )

Sul divieto di elezione del sindaco per il terzo mandato consecutivo (Cassazione civile , sez. I, sentenza 05.06.2007 n° 13181 (Francesco Logiudice) )

Sulla candidabilità del sindaco condannato per peculato d’uso (Corte Costituzionale , sentenza 23.05.2007 n° 171 (Simone Marani) )

Ordinanze contingibili ed urgenti, presupposti, pericolo per l’incolumità pubblica (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 08.05.2007 n° 2109 )

Ordinanza contingibile e urgente emanata senza previo accertamento del pericolo (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 08.05.2007 n° 2109 (Antonella Crisafulli) )

Comuni e province: sui siti trasparenza, ma con dati personali indispensabili (Garante Privacy , deliberazione 19.04.2007 n° 17 (Alessandro Tognetti) )

Delle c.d. “ordinanze di necessità” (TAR Campania-Napoli, sez. V, sentenza 19.04.2007 n° 4992 )

Vietato l’affidamento in house dei lavori di restauro dei beni culturali (Consiglio di Stato , sez. VI, sentenza 03.04.2007 n° 1514 (Clorinda Di Franco) )

Il diritto di accesso da parte di un consigliere di un ente locale (Articolo 28.03.2007 (Giovanni Modesti) )

Ordinamento degli uffici comunali: esercizio del potere regolamentare (TAR Puglia-Lecce, sentenza 02.12.2006 n° 5636 (Francesco Navaro) )

Chi vigila sull’operato dei Commissari Straordinari di un Comune? (Articolo 04.10.2006 (Carlo Crapanzano) )

Difensore civico regionale ed intervento sostitutivo (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 02.10.2006 n° 5706 (Francesco Navaro) )

Dimissioni del consigliere comunale e surroga (TAR Calabria-Reggio Calabria, sentenza 29.09.2006 n° 1595 (Francesco Navaro) )

Sulla nomina di un nuovo segretario comunale decide il giudice ordinario (Consiglio di Stato , sez. IV, sentenza 20.09.2006 n° 5528 (Clorinda Di Franco) )

Competenza del Sindaco ad emanare provvedimenti in luogo del dirigente (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 30.08.2006 n° 5073 (Francesco Navaro) )

Codice dell'ambiente (Decreto legislativo 03.04.2006 n° 152 , G.U. 14.04.2006 )

Collegato alla Finanziaria 2006: lotta all'evasione, conti pubblici e riscossione (Decreto Legge , testo coordinato 30.09.2005 n° 203 , G.U. 02.12.2005 )

Decreto mille-proroghe: processo civile, patentino, violenza negli stadi, ordini (Decreto Legge , testo coordinato 30.06.2005 n° 115 , G.U. 22.08.2005 )

Enti locali: proroga al 31 maggio del termine per la deliberazione dei bilanci 2005 (Decreto Legge , testo coordinato 31.03.2005 n° 44 , G.U. 31.05.2005 )

Legge finanziaria 2005 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale (Legge 30.12.2004 n° 311 , G.U. 31.12.2004 )

Delega ambientale e condono edilizio su abusi in zone a vincolo paesaggistico (Legge 15.12.2004 n° 308 , G.U. 27.12.2004 )

Manovra correttiva di finanza pubblica e rinvio dei termini per il condono edilizio (Decreto Legge , testo coordinato 12.07.2004 n° 168 , G.U. 12.07.2004 )

Proroga dei contratti di lavoro a tempo determinato stipulati da alcune p.a. (Decreto Legge , testo coordinato 28.05.2004 n° 136 , G.U. 28.07.2004 )

Enti locali: disposizioni urgenti per il loro funzionamento (Decreto Legge , testo coordinato 29.03.2004 n° 80 , G.U. 29.05.2004 )

Legge finanziaria 2004 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale (Legge 24.12.2003 n° 350 , G.U. 27.12.2003 )

Maxi-decreto collegato a Finanziaria 2004: condoni, tecno-tremonti e concordato (Decreto Legge , testo coordinato 30.09.2003 n° 269 , G.U. 25.11.2003 )

Disposizioni urgenti in materia di bilanci degli enti locali (Decreto Legge 31.03.2003 n° 50 , G.U. 31.03.2003 )

Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione (Legge 16.01.2003 n° 3 )

Disposizioni in materia di infrastrutture e trasporti - Collegato Finanziaria 2002 (Legge 01.08.2002 n° 166 , G.U. 03.08.2002 )

Spoil system: disposizioni per il riordino della dirigenza statale (Legge 15.07.2002 n° 145 , G.U. 24.07.2002 )

Delega per riorganizzazione Governo, Presidenza del Consiglio ed enti pubblici (Legge 06.07.2002 n° 137 , G.U. 08.07.2002 )

Bilanci di previsione - norme per funzionalità degli enti locali - testo coordinato (Decreto Legge 22.02.2002 n° 13 , G.U. 26.04.2002 )

Finanziaria 2002 - il testo definitivo della manovra (Legge 28.12.2001 n° 448 , G.U. 29.12.2001 )


32 moduli didattici e 10 correzioni personalizzate

Diretto dal Cons. Antonio Massimo Marra e dall'Avv. Francesco Carlo Milanesi, il corso mira a fornire una preparazione bilanciata delle varie materie oggetto di prova scritta del concorso per Commissario di Poliza (ved ...

Studio legale Antolini

Lo studio opera su tutta la provincia di Trento ed ha sede a Tione di Trento Lo studio si occupa di diritto civile , penale, divorzi e separazioni, infortunistica stradale procedure esecutive, diritto tavolare ed consulenza legale domiciliazioni


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri certificato di agibilità codice della strada codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame Tribunali usucapione usura