ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Opposizione di terzo ex art. 619 c.p.c. e ripartizione dell’onere probatorio
Tribunale Milano, sez. III civile, sentenza 05.07.2010 (Filippo Scornajenghi)

La sentenza del Tribunale di Milano 5 luglio 2010, n. 8831 definisce il giudizio di opposizione all’esecuzione ex art. 619 c.p.c. introdotto da tre soggetti che affermavano di essere proprietari di alcuni beni mobili pignorati ad un’associazione.

Tale decisione fornisce l’occasione per redigere alcuni brevi appunti circa i criteri di ripartizione dell’onere della prova (che vengono puntualmente applicati dalla sentenza milanese) in tema di opposizione di terzo, ed in quale ipotesi debba trovare applicazione l’art. 621 c.p.c..

Quest’ultima norma, come è noto, stabilisce che “il terzo opponente non può provare con testimoni il suo diritto sui beni mobili pignorati nella casa o nell’azienda del debitore, tranne che l’esistenza del diritto stesso sia resa verosimile dalla professione o dal commercio esercitati dal terzo o dal debitore”. Allorché dunque il pignoramento sia avvenuto nella c.d. casa del debitore (da identificare nel luogo che “inerisce ad un semplice rapporto di fatto, che abbia però una certa stabilità e non sia di temporanea ospitalità in casa altrui”, cfr. Cass. 14 giugno 1982 n. 3626; Cass. 22 giugno 2001 n. 8591), la prova del diritto sui beni, al di fuori dell’ipotesi espressamente contemplata dalla norma, potrà essere fornita solo documentalmente, con atto di data certa anteriore al pignoramento (Cass. 4 maggio 2006, n. 10287; Cass. 16 giugno 2003, n. 9627; Cass. 16 novembre 2000, n. 14873; Trib. Benevento 26 marzo 2008).

Stante la stringente limitazione probatoria prevista dall’art. 621 c.p.c., risulta dunque molto importante, dal punto di vista operativo, individuare la parte sulla quale incombe l’onere di dimostrare se il pignoramento sia avvenuto o meno in un luogo identificabile come “casa del debitore”, e determinare a chi spetti provare la titolarità dei beni. Inoltre, occorre stabilire se l’art. 621 c.p.c. debba trovare applicazione nell’ipotesi in cui il pignoramento sia avvenuto in un luogo identificabile sì come casa del debitore, ma che sia allo stesso tempo luogo riconducibile anche al terzo opponente, e sia dunque - per così dire - anche “casa del terzo”.

Di seguito, si darà risposta a questi interrogativi.

Ripartizione dell’onere della prova sulla c.d. casa del debitore

Occorre dunque anzitutto stabilire se spetta al creditore procedente, contro cui viene proposta l’opposizione, dimostrare che il pignoramento è avvenuto nella c.d. casa del debitore, ovvero al terzo opponente provare che tale luogo è privo di ogni stabile rapporto di fatto con il debitore.

La risposta a tale quesito è fornita dalla costante giurisprudenza: spetta al terzo l’onere di dimostrare che il luogo del pignoramento non è riconducibile (nel senso voluto dall’art. 621 c.p.c.) al debitore. In tal senso, cfr. Cass. 12 marzo 2005, n. 5467; Trib. Catania Sez. VI, 18 gennaio 2006, delle quali infra sono riportate le massime.

Tale criterio è in effetti condivisibile, anche solo considerando che frequentemente il creditore non conosce l’organizzazione del proprio debitore, che anzi spesso si fa purtroppo inseguire, e che dunque sarebbe per lo più impossibile (o “diabolico”) per il creditore fornire la dimostrazione di ciò che attiene alla sfera di uno sfuggente debitore. L’ordinamento, in altri termini, grava il terzo opponente dell’onere della prova, probabilmente allo scopo di evitare l’insorgere di accordi più o meno espliciti con il debitore, al fine di consentire a quest’ultimo di sottrarsi all’azione esecutiva.

Ma esattamente, che cosa deve provare il terzo, per evitare di incorrere nelle stringenti limitazioni ex art. 621 c.p.c.? Ossia: è sufficiente che il terzo dia la dimostrazione della circostanza che il luogo del pignoramento è a sé riconducibile, oppure occorre qualcosa di più?

Frequentemente, accade che il debitore condivida un immobile (una “casa”) con altre persone: ciò può comunemente avvenire in ipotesi di semplice convivenza tra persone fisiche, o di condivisione di un’unica sede tra persone giuridiche.

Ebbene, in una tale eventualità, al terzo opponente e convivente non sarà affatto sufficiente dimostrare che il pignoramento è avvenuto in luogo a sé inerente. In simili ipotesi, infatti, la giurisprudenza è concorde nel ritenere che:

“L'espressione <casa del debitore>, usata dall'art. 621 c.p.c. per stabilire i limiti della prova testimoniale nel giudizio di opposizione all'esecuzione promosso dal terzo che pretende di avere la proprietà sui beni pignorati in quel luogo, inerisce ad un semplice rapporto di fatto, che abbia però una certa stabilità e non sia di temporanea ospitalità in casa altrui; conseguentemente, qualora in una casa convivano più persone, tutti i beni ivi esistenti possono essere pignorati per il debito di ciascuno, salvo il diritto dei conviventi non debitori di proporre opposizione a norma dell'art. 619 c. p. c. e con le limitazioni di prova stabilite dal cit. art. 621, ancorché l'opponente sia un parente (Cass. 14 giugno 1982, n. 3626).

E ancora:

  • Trib. Benevento, 26 marzo 2008: “In tema di opposizione di terzo avverso l'esecuzione mobiliare, avente ad oggetto beni pignorati presso l'abitazione del debitore, i soggetti conviventi con il debitore medesimo, se sono esonerati, in ragione del rapporto di coabitazione, dalla dimostrazione dell'affidamento di quei beni all'esecutato per un titolo diverso dalla proprietà, restano gravati, a norma dell'art. 621 c.p.c., ed al pari di ogni altro terzo opponente, dall'onere di provare documentalmente, con scrittura di data certa anteriore al pignoramento, l'acquisto del diritto dominicale sui beni stessi. E, invero, all'infuori dell'ipotesi espressamente contemplata dalla citata norma (verosimiglianza del preteso diritto in relazione alla professione esercita dal terzo o dal debitore) il terzo convivente con il debitore non può fornire per testimoni la prova idonea a superare la presunzione di appartenenza al debitore dei beni staggiti presso la sua abitazione, nemmeno invocando la deroga al divieto di prova testimoniale fissata dall'art. 2724, n. 2, c.c., (impossibilità materiale o morale di procurarsi la prova scritta), il quale non opera nel rapporto tra creditore procedente e terzo opponente, specificamente regolato dal menzionato art. 621 c.p.c.”;
  • Cass. 18 gennaio 2002, n. 539: “In caso di opposizione di terzo avverso il pignoramento eseguito contro una società (nella specie, a r.l.), quando detto atto esecutivo venga effettuato in un luogo che oltre ad essere la residenza del terzo sia anche luogo di appartenenza della società debitrice, che ivi svolga la sua normale attività amministrativa con l'arredo di ufficio indispensabile, non merita censura in sede di legittimità la valutazione del giudice di merito che, in virtù dello stabile rapporto di fatto tra il debitore e detto luogo di sua appartenenza in comune con altri, ritenga sussistente la condizione di proprietà, in capo allo stesso debitore, di quei beni per i quali il diritto, oltre che conclamato dalla presunzione di possesso, è reso altresì verosimile dalla reale destinazione all'attività esercitata.”

Il terzo opponente dovrà dunque fornire la più pregnante prova del fatto che il debitore, con il luogo del pignoramento, non ha alcun legame, perché esso è di sua esclusiva inerenza.

Da segnalare, comunque, che con ogni probabilità ad attenuare la posizione del terzo sta la possibilità di considerare “casa” (sempre intesa come luogo di fatto inerente ad una parte) anche una sola porzione di un immobile: il terzo ben potrebbe dare la prova, dunque, che il debitore usufruiva di un’unica e sola stanza all’interno di un più ampio appartamento, e che il pignoramento è avvenuto all’infuori di essa.

Insomma, per concludere sul punto, è da osservare che la posizione del terzo opponente non è affatto semplice, e ciò vieppiù considerando che, quand’anche esso riesca ad evitare l’applicazione dell’art. 621 c.p.c., le difficoltà non saranno di certo finite.

Ripartizione dell’onere della prova sulla titolarità dei beni pignorati

Una volta chiarito quale sia la parte su cui grava l’onere della prova circa la qualificazione del luogo del pignoramento, occorre chiedersi a chi spetti dimostrare la titolarità dei beni pignorati, e ciò tanto nell’ipotesi in cui l’esecuzione sia avvenuta nella casa del debitore quanto nell’opposta eventualità.

Evidentemente, nel primo caso possono sorgere pochi dubbi, attesa la previsione dell’art. 621 c.p.c., che espressamente pone a carico del terzo, limitando i mezzi istruttori consentiti, l’onere di dimostrare il diritto fatto valere sul bene.

Viceversa, l’ipotesi in cui il terzo dimostri che il pignoramento non è avvenuto in luogo qualificabile come casa del debitore può dar luogo a qualche dubbio, che però merita di essere velocemente fugato.

Ed infatti, l’art. 621 c.p.c. dispone unicamente che il terzo opponente non può provare con testimoni il suo diritto sui beni mobili pignorati nella casa del debitore: dalla norma si ricava, quindi, a contrario, che, in caso di pignoramento non eseguito in tale luogo, l'opponente non soggiace più alle limitazioni di prova indicate nell'art. 621 c.p.c., fermo restando che la prova, pur senza tali limitazioni, e, quindi, anche con testimoni o per presunzioni, deve comunque vertere sulla proprietà dei beni pignorati, e di ciò debba essere gravato il terzo opponente.

In termini:

  • Cass. 12 marzo 2005, n. 5467: “Nel caso in cui il pignoramento non sia avvenuto nella casa o nell'azienda del debitore, il terzo opponente che dia la dimostrazione di tale circostanza è comunque onerato della prova di un suo diritto sul bene, prevalente rispetto a quello fatto valere dal creditore procedente. Tale prova non soggiace tuttavia alle limitazioni poste dall'art. 621 c. p. c. e può quindi essere data anche a mezzo di testimoni o di presunzioni”;
  • Cass. 24 giugno 1997, n. 5636: Nell'opposizione all'esecuzione proposta dal terzo, ai sensi dell'art. 619 c.p.c., i limiti alla prova testimoniali, indicati dal successivo art. 621, hanno riguardo alla sola ipotesi in cui i beni mobili siano stati pignorati nella casa del debitore, così che, in mancanza di tale condizione, la prova della proprietà potrà essere fornita dall'opponente con ogni mezzo, ivi comprese le presunzioni;
  • Trib. Catania 18 gennaio 2006: “Nell'opposizione alla esecuzione proposta dal terzo, la dimostrazione da parte del terzo opponente che il pignoramento sia stato eseguito in luogo non appartenente al debitore fa venir meno la presunzione di appartenenza al debitore dei beni mobili pignorati di cui all'art. 513 c.p.c., ma non esonera il terzo dall'onere dell'ulteriore prova (che in questo caso può essere fornita con ogni mezzo, senza i limiti probatori di cui all'art. 621 c.p.c.) dell'esistenza di un suo diritto reale sui beni medesimi, il cui accertamento costituisce l'oggetto necessario dell'azione in parola”.

Tale conclusione appare essere quella seguita dalla giurisprudenza maggioritaria.

Da registrare, comunque, l’esistenza di un orientamento contrario, cui sembrerebbe aderire anche il Tribunale di Milano con la decisione in commento, che tuttavia appare superato dalla più recente giurisprudenza. Secondo infatti Cass. 20 febbraio 1987, n. 4616:

“La presunzione iuris tantum di appartenenza al debitore dei beni pignorati, opera solo se ed in quanto i beni siano rinvenuti nella casa di abitazione dello stesso; pertanto, quando in sede di opposizione di terzo all'esecuzione, risulti che il luogo in cui essi sono stati staggiti non è la casa del debitore, spetta al creditore che intende insistere nell'esecuzione provarne specificamente l'appartenenza al debitore”.

Detta decisione, tuttavia, si limita ad enunciare apoditticamente il principio di diritto, senza argomentare sul punto.

(Altalex, 27 agosto 2010. Nota di Filippo Scornajenghi)






Tribunale di Milano

Sezione III Civile

Sentenza 14 giugno - 5 luglio 2010

REPUBBLICA ITALIANA

In nome del Popolo Italiano

Il Tribunale di Milano, sez. 3° civile, nella persona del Giudice Unico dott.ssa Elena Grazioli,

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nella causa civile iscritta al n. r.g 19257/2007

tra

M.L. s.r.l., S. F. e S. P., elettivamente domiciliati in Milano, via Gianella 26 presso lo studio dell'Avv.to Sarah Montagner che li rappresenta e difende per delega a margine dell'atto introduttivo.

OPPONENTI

contro

S. S.p.a. elettivamente domiciliata in Milano, via Fontana n. 16 presso lo studio degli Avv.ti Luigi e Filippo Scornajenghi che la rappresentano e difendono come da delega in atti;

OPPOSTA

Associazione Giovanile L.,

DEBITRICE ESECUTATA NON COSTITUITA

Oggetto

Opposizione ex art. 619 c.p.c.

FOGLIO DI PRECISAZIONI CONCLUSIONI

nell'interesse di M.L. Srl, S. F. e S. P.

Voglia il Giudice Ill.mo, cosi giudicare:

Nel merito

- Ritenere e dichiarare nullo ed inefficace il pignoramento eseguito sui beni descritti in premessa (di cui al verbale di pignoramento) il giorno 29 settembre 2006 a ministerio Signora Elia Astori, Uff. Giudiziario dell’Ufficio Unico degli Ufficiali Giudiziari di Milano.

Con vittoria di spese, diritti ed onorari.

CONCLUSIONI PER S. S.p.A.

Voglia il Tribunale di Milano, ogni contraria istanza, anche istruttoria, disattesa e respinta:

rigettare l'opposizione, in quanto infondata in fatto e in diritto.

Con vittoria di spese, competenze ed onorari di causa.

In via istruttoria: ammettere prova per interrogatorio formale come nella memoria per S. ex art. 183, VI comma, n. 2, c.p.c.

Ci si oppone a eventuali nuove domande ed eccezioni avverse.

FATTO E DIRITTO

Con ricorso depositato ex art. 619 c.p.c. M.L. S.r.l., S. F. e S. P. proponevano opposizione all'esecuzione promossa da S. S.p.a. nei confronti dell'Associazione Giovanile L. con pignoramento eseguito in data 29 settembre 2006 assumendo di essere proprietari dei beni assoggettati a vincolo.

Facevano presente che i beni pignorati si trovavano all'interno di spazi e locali di esclusiva pertinenza di essa ricorrente società M.L. S.r.l. e che la debitrice esecutata aveva la disponibilità di una sola stanza, solo saltuariamente per due giorni alla settimana.

Chiedevano, pertanto, che venisse dichiarato nullo o comunque inefficace il pignoramento mobiliare.

Si costituiva la creditrice S. s.p.a contestando le domande di controparte di cui chiedeva il rigetto.

Nessuno si costituiva per la debitrice.

Il giudice dell'esecuzione sospendeva l'esecuzione ed assegnava alla parte interessata termine per l'introduzione del giudizio di merito.

Respinte le istanze istruttorie, all'udienza dell'11 marzo 2010 le parti precisavano le conclusioni come in epigrafe richiamate e la causa veniva trattenuta in decisione con i termini per il deposito di memorie conclusionali ed eventuali repliche.

Preliminarmente deve essere dichiarata la contumacia della debitrice Associazione Giovanile L. per non essersi costituita in giudizio seppur regolarmente citata.

Nel merito l'opposizione è infondata e va pertanto rigettata.

Risulta agli atti che in data 29 settembre 2006 l'Ufficiale Giudiziario di Milano procedeva a pignorare su istanza di S. s.p.a. i seguenti beni mobili:

-Una fotocopiatrice Toshiba 2060;

-Un computer Compaq Presario 1425;

-Un computer 26 LG solo studio Work;

-Una stampante-fax Lexmark;

-Un fax orifax 5200 OKI;

-1 computer Compaq Presario R 300;

-Un tavolo da disegno.

La signora S. F. gia in sede di pignoramento, rivendicava la proprietà di tali beni in capo alla M.L. s.r.l. e a terzi.

In sede di ricorso ex art. 619 c.p.c. gli opponenti precisavano che i beni di cui ai n. 1,2,5,6 del verbale di pignoramento erano di proprietà della M.L. S.r.l. come comprovato dalle fatture in atti; il bene di cui al n. 7 della signora S. F. per averlo ricevuto in regalo dalla madre signora Romilde A. e i beni di cui ai n. 3 e 4 del verbale di pignoramento del signor S. P. come da fatture in atti.

Occorre innanzitutto evidenziare come la valutazione richiesta dal giudice dell'esecuzione in ordine all'esistenza o meno dei gravi motivi che possono giustificare la sospensione dell'esecuzione ai sensi dell'art. 624 c.p.c. sia notoriamente collegata ad un giudizio di probabilità riguardo il possibile accoglimento dell'opposizione, nonché la possibile difficoltà di restituzione o di risarcimento del danno da parte del creditore espropriante sempre nell'ipotesi di un probabile buon esito dell'opposizione.

Si tratta naturalmente di una valutazione prudenziale operata allo stato degli atti e quindi del tutto inidonea ad influire sulla decisione finale che il giudice dovrà assumere con cognizione piena a conclusione del processo originato dall'opposizione.

Fatta questa premessa si osserva che nel caso di espropriazione mobiliare presso il debitore opera a norma degli articoli 621 e 513 c.p.c. una presunzione di appartenenza a quest'ultimo dei beni che si trovino presso I'abitazione dello stesso o presso altri luoghi a lui appartenenti a prescindere da chi li abbia acquistati o introdotti nella casa.

Valendo tale presunzione al terzo che intenda rivendicare la proprietà dei beni incombe l'onere di provare di avere acquistato il relativo diritto con atto di data certa anteriore al pignoramento, mentre tale onere viene meno quando sia possibile escludere che il luogo ove il pignoramento è avvenuto costituisca la "casa" del debitore per esistenza di uno stabile e persistente rapporto di abitazione nel senso precisato.

Nel caso in esame si tratta dunque di valutare, essendo la relativa circostanza oggetto di contestazione, se i locali di via Albricci n. 9, nel quale fu operato nell'interesse della S. S.p.a il pignoramento possa o meno considerarsi casa o "luogo" della debitrice Associazione Giovanile L.

Dalla documentazione in atti si può ritenere che nei locali di via Albricci n. 9, l'Associazione Giovanile L. avesse la propria sede (v. doc. 1 e 5).

Risulta, poi, che l'Associazione e per essa il suo Presidente, Sig. Aristide F., abbia personalmente ritirato decreti ingiuntivi emessi nei confronti dell'Associazione Giovanile L. ( doc. 2). La stessa odierna opponente, Signora S. F., nel ricevere due atti di precetto emessi nei confronti della Associazione Giovanile L. si è qualificata dapprima come "socia" e poi come "incaricata a ricevere" (v. doc. 3 e doc. 4).

Dalla documentazione prodotta dagli opponenti risulta, peraltro, che all'epoca del pignoramento i locali di via Albricci n. 9 fossero condotti in locazione dalla societa M.L. S.r.l. (vedi fattura relativa ai canoni di locazione - doc. 2).

Da questi elementi si può allora ritenere che sia la terza opponente M.L., sia l'Associazione Giovanile L. avessero al tempo del pignoramento la disponibilità dei locali di via Albricci n. 9.

E' rimasta, invece, indimostrata la circostanza dedotta dalla terza opponente secondo cui solo una stanza fosse in uso "saltuariamente" alla debitrice.

I capitoli di prova offerti erano genericamente formulati in quanto non specificavano di quale stanza l'Associazione avesse la disponibilità, né era indicato il periodo temporale. Va peraltro osservato come gli stessi capitoli fossero tra loro in contraddizione laddove la M.L. faceva riferimento al cap. 1) di "una sola stanza" in uso alla Associazione, mentre al cap. 3) "ai locali" occupati dalla stessa Associazione.

La terza opponente, inoltre non ha poi dimostrato, come era invece suo onere, che i beni oggetto di pignoramento siano stati effettivamente rinvenuti nei locali di sua esclusiva pertinenza.

In mancanza, quindi, di specifica prova sul punto, si deve allora ritenere che tutti i locali di via Albricci n. 9 fossero, al momento del pignoramento, nella piena disponibilità sia della debitrice esecutata sia della terza opponente M.L. S.r.l. e che quindi fossero tra di loro in "condivisione".

Da questa considerazione discende allora che tutti i beni ivi esistenti potevano essere pignorati per il debito della Associazione Giovanile L. salvo il diritto degli odierni opponenti non debitori di fornire la prova precisa e con le limitazioni stabilite dall'articolo 621 c.p.c. che quei beni specifici individuati nel verbale di pignoramento costituissero oggetto del diritto di proprietà acquistato in data anteriore al pignoramento.

Sul punto è pacifico che la prova relativa alla proprietà dei beni pignorati deve essere fornita dal terzo con atto avente data certa anteriore al pignoramento.

Nessuno dei documenti prodotti risulta, tuttavia, essere fornito di tale caratteristica.

In ogni caso dall'esame delle fatture prodotte dagli opponenti sub. 3, sub. 4, sub.5 e sub.6 non è possibile ricavare alcuna conferma dell'effettivo acquisto da parte della M.L. S.r.l. dei beni indicati ai n. 1,2,5,6 del verbale di pignoramento; né, del resto, l'opponente ha fornito nel corso del giudizio elementi di valutazione ulteriori, rispetto alle fatture indicate, da cui possa trarre conferma l'esistenza di un suo diritto di proprietà su tali beni.

Stesso discorso per quanto riguarda i beni di cui ai n. 3 e 4 del verbale di pignoramento di cui il signor P. si ritiene proprietario. In particolare dalla documentazione in atti non vi è prova della coincidenza con i beni oggetto di pignoramento.

Per quanto riguarda infine il "tavolo da disegno" di cui al n. 7 del verbale di pignoramento, la signora S. F. si afferma proprietaria del tavolo e più in particolare del "tecnigrafo". Si osserva, tuttavia, che oggetto di pignoramento è solo il tavolo del quale tuttavia non è stata fornita alcuna prova della sua appartenenza in capo alla signora F. Non si può, infatti, ritenere tale la sola dichiarazione prodotta (sub. 7), che peraltro fa riferimento anche ad una radio portatile Panasonic, che non risulta fra i beni pignorati.

Per i su esposti motivi l'opposizione deve essere rigettata.

Per la sua soccombenza parte opponente deve essere condannata a rifondere in favore di S. S.p.a le spese di lite come da liquidazione fattane in dispositivo.

Nulla, invece, sulle spese nei confronti della debitrice Associazione Giovanile L. non essendosi quest'ultima costituita in giudizio.

P.Q.M.

Il Tribunale di Milano, nella persona del giudice unico Dott.ssa Elena Grazioli, definitivamente pronunciando, ogni diversa istanza, deduzione disattesa, così provvede:

1) rigetta l'opposizione proposta da M.L. S.r.l., F. S. e S. P.;

2) condanna gli opponenti, in via tra loro solidale, a rifondere in favore di S. S.p.a le spese di lite che si liquidano in Euro 150,00 per spese, Euro 1.500,00 per diritti ed Euro 2.000,00 per onorario di Avvocato, oltre rimborso spese generali, IVA e c.p.a.

3) Nulla sulle spese nei confronti della debitrice Associazione Giovanile L.

Così deciso in Milano, lì 14 giugno 2010

IL GIUDICE

(Elena Grazioli)

La presente sentenza è stata resa pubblica mediante deposito in Cancelleria oggi 5.07.2010.


Francesca Marcucci

Diritto di famiglia, Diritto del lavoro, Recupero crediti, Responsabilità Medica, Risarcimento Danni, Diritto delle proprietà


COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.

Seminario online di aggiornamento professionale, accreditato 4 ore CNF

I seminari in materia di processo telematico, mirano a fornire all’Avvocato una preparazione di base in vista dell’imminente entrata a regime del Processo Civile telematico. L'intero percorso formativo &egr ...

Segnalazioni Editoriali
Il nuovo diritto processuale amministrativo (Sconto 15%) A cura di Cirillo Gianpiero Paolo 110,00 € 93,50
CEDAM — Anno 2014
Articolata in un commento organico alle norme sul processo amministrativo di primo e secondo grado, l’opera sviscer...

Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri cartella esattoriale certificato di agibilità codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace Giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sciopero sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali tulps usucapione usura