ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Multe, notifica oltre il termine: no all'obbligo di comunicare i dati del conducente
Cassazione civile , sez. I, sentenza 20.05.2011 n° 11185 (Laura Biarella)

Il principio di diritto pronunciato dalla Suprema Corte prende origine da un’infrazione al C.d.S. il cui verbale di contestazione veniva notificato oltre il termine di legge.

Dopo aver provveduto al pagamento della sanzione, la proprietaria del veicolo inviava missiva raccomandata dove comunicava di non poter comunicare i dati del conducente motivando, peraltro, che la contestazione era pervenuta trascorsi 5 mesi dalla notifica del verbale concernente la prima contestazione. In seguito veniva notificato ulteriore verbale dove le si addebitava la mancata comunicazione dei dati dell’autore della prima infrazione.

La vicenda giudiziaria sfocia in Cassazione, dove il ricorso della proprietaria del veicolo è stato ritenuto inammissibile: il quesito formulato è stato giudicato carente di ogni riferimento alla fattispecie concreta, mancando l’esposizione degli elementi di fatto sottoposti al giudice di merito e la regola di diritto che si sarebbe dovuta applicare secondo il ricorrente, diversa rispetto a quella applicata dal giudice di merito e sulla quale si fonda l’asserito errore di diritto. Pur dichiarando tale inammissibilità, la Corte coglie la particolarità del caso sottoposto al suo esame per enunciare un principio di diritto che potrebbe rivelarsi utile a controversie analoghe in sede di opposizione dinanzi al giudice di pace.

In merito alla contestazione relativa alla mancata comunicazione dei dati del conducente di un veicolo, regolata dall’art. 126 bis, C.d.S., a dir della Cassazione, qualora la contestazione dell’infrazione principale sia avvenuta in ritardo, per superamento del termine di 150 gg. (in seguito alla riforma abbreviato a 90 gg.) di cui all’art. 201, C.d.S., non c’è obbligo per il proprietario del veicolo di comunicare i dati del conducente.

Deve quindi ritenersi illegittima la pretesa sanzionatoria derivante dall’infrazione per mancata comunicazione degli estremi dell’autore, la quale sia contestata con apposito verbale, a seguito della prima violazione contestata.

Se la prima multa viene notificata oltre il termine previsto dalla legge, il proprietario del veicolo mediante il quale è stata commessa l’infrazione non è tenuto a comunicare i dati dell’autore e neppure è tenuto a corrispondere la sanzione per l’omessa comunicazione, sul presupposto che il secondo verbale è interdipendente dal verbale dove si contesta la violazione principale. Non si può infatti pretendere che il proprietario tenga a mente l’utilizzatore effettivo del mezzo di trasporto per un tempo illimitato, indipendentemente dal fatto che la sanzione relativa al primo verbale, anche se notificato tardivamente, sia stata pagata.

Alla luce di ciò, soltanto il verbale dove si contesta la violazione dell’obbligo di cui all’art. 126 bis, C.d.S. deve essere opposto in quanto illegittimo.

(Altalex, 6 giugno 2011. Nota di Laura Biarella)






SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE I CIVILE

Ordinanza 20 maggio 2011, n. 11185

Massima e Testo Integrale 



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Circolazione stradale, contestazione tardiva, conducente, conseguenze (Cassazione civile , sez. III, sentenza 20.05.2011 n° 11185 )


Seminario online di aggiornamento professionale, accreditato 4 ore CNF

I seminari in materia di processo telematico, mirano a fornire all’Avvocato una preparazione di base in vista dell’imminente entrata a regime del Processo Civile telematico. L'intero percorso formativo &egr ...

Francesca Marcucci

Diritto di famiglia, Diritto del lavoro, Recupero crediti, Responsabilità Medica, Risarcimento Danni, Diritto delle proprietà


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri certificato di agibilità Codice della Strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale gazzetta ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione Riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca italia sciopero sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura