ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Pignoramenti di crediti presso terzi: chiarimenti su modalità di esecuzione
Circolare Ministero Giustizia 20.07.2011 (Laura Biarella)

Il Ministero della Giustizia risponde ad un quesito formulato da un Ufficio NEP in tema alla notifica del pignoramento presso terzi ed in particolare:

“1. l’ordine in cui procedere alle notificazioni del terzo e del debitore;
2. il momento in cui si concretizza il pignoramento, se con la notifica al terzo o al debitore e, quindi, quando effettuare il deposito dell’atto alla cancelleria del Tribunale competente;
3. come procedere, in caso di mancata notifica al terzo, ai fini della notifica al debitore.”

In primis il Ministero rammenta che la disciplina della notifica dell’atto nell’espropriazione presso terzi non statuisce un ordine di priorità tra terzo e debitore, ma è preferibile notificare il pignoramento prima al terzo, nella finalità di garantire il credito da sottrazioni o atti pregiudizievoli.

In ordine al secondo quesito, in tema di deposito da parte dell’Ufficiale giudiziario dell’originale dell’atto notificato al terzo presso la Cancelleria del Tribunale, per la formazione del fascicolo, il Ministero raccomanda agli Ufficiali, in ipotesi di mancata notifica al terzo, di restituire l’atto all’avvocato dell’istante “per le eventuali ulteriori indicazioni in merito, essendo venuto meno l’avvio effettivo del procedimento espropriativo”.

Da ultimo il Ministero dà chiarimenti in merito alla fattispecie che si realizza quando il creditore identifica più debitori del suo debitore che risiedono in circoscrizioni differenti, e vorrebbe citarli davanti al giudice dell’esecuzione del luogo di residenza di uno di questi. Circa le modalità di notificazione dell’atto di pignoramento presso terzi, viene precisato che esistono due diverse prassi operative: notificare l’atto per posta fuori dal circondario di competenza dell’Ufficio NEP presso il quale è stato intrapreso il procedimento di espropriazione, ovvero respingere la notificazione per posta. La prima prassi, per il Ministero, non deve essere condivisa.

Muovendo dal disposto dell’art. 28 c.p.c., la competenza statuita dal secondo comma dell’art. 26 c.p.c. in materia di esecuzione forzata (“per l’espropriazione di crediti è competente il giudice del luogo dove risiede il terzo debitore”) è esclusiva nonché inderogabile. All’inderogabilità consegue l’inapplicabilità al processo esecutivo dell’art. 33 c.p.c.  in tema di connessione soggettiva. Pertanto non è derogabile la competenza per territorio in ipotesi di connessione di cause proposte contro più soggetti. Da ciò consegue che il numero delle procedure sarà pari ai circondari di residenza dei terzi debitori del proprio debitore.

Nell’ipotesi in considerazione, con un solo titolo spedito in forma esecutiva, il creditore procedente, provvederà alla notifica di un pignoramento per volta, comportando un evidente dilatamento del tempo necessario per perfezionare tutte le notifiche, nonché una maggiore probabilità che vengano compiuti atti pregiudizievoli o sottrazioni ai patrimoni in questione.

(Altalex, 26 settembre 2011. Nota di Laura Biarella)






Ministero della Giustizia, circolare 20 luglio 2011

Pignoramenti di crediti presso terzi: chiarimenti riguardanti le modalità di esecuzione.

Ministero della Giustizia
Dipartimento dell'Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi
Direzione Generale del Personale e della Formazione

OGGETTO: Circolare Uffici NEP: Pignoramenti di crediti presso terzi – Chiarimenti riguardanti le modalità di esecuzione.

E’ pervenuto dalla Direzione Generale della Giustizia Civile apposito quesito formulato da un Ufficio NEP, riguardante la materia indicata in oggetto, in merito alla quale vengono richieste “direttive riguardanti i seguenti punti:

1. l’ordine in cui procedere alle notificazioni del terzo e del debitore;
2. il momento in cui si concretizza il pignoramento, se con la notifica al terzo o al debitore e, quindi, quando effettuare il deposito dell’atto alla cancelleria del Tribunale competente;
3. come procedere, in caso di mancata notifica al terzo, ai fini della notifica al debitore.”

Il procedimento di espropriazione di crediti del debitore presso terzi ha inizio con la notifica dell’atto di pignoramento di cui all’art. 543 c.p.c. al terzo e al debitore esecutato. In proposito, si osserva che le norme che disciplinano la notifica del predetto atto nell’espropriazione presso terzi non prevedono un ordine tassativo tra terzo e debitore, anche se si ritiene consigliabile notificare l’atto di pignoramento prima al terzo, al fine di assicurare il credito da indebite tempestive sottrazioni da parte del debitore o preservarlo da contingenti vicende esterne al procedimento di espropriazione in questione.

Il funzionario UNEP che ha proceduto alla notificazione dell’atto di pignoramento al terzo e al debitore, è tenuto a depositarne immediatamente l’originale nella cancelleria del Tribunale per la formazione del fascicolo previsto dall’art. 488 c.p.c.. Al riguardo, si osserva che condizione necessaria affinché si concreti il pignoramento presso terzi e possa essere depositato nella cancelleria competente, è l’avvenuto espletamento della notificazione dell’atto di pignoramento al terzo, in quanto la mancata notifica a tale parte impedisce l’ulteriore corso della procedura esecutiva.

Nel caso di mancata notifica dell’atto di pignoramento al terzo, si ritiene che l’Ufficio NEP debba restituire il predetto atto al procuratore della parte procedente, per le eventuali ulteriori indicazioni in merito, essendo venuto meno l’avvio effettivo del procedimento espropriativo.

Per completezza argomentativa sulla materia in questione, si richiamano le allegate note prot. n. 6/283/03-1/2010/CA del 23 febbraio 2010 e prot. n. 6/1018/03-1/2010/CA del 6 luglio 2010, contenenti risposte a quesiti circa ulteriori aspetti di carattere generale, riguardanti l’esecuzione del pignoramento presso terzi.
Con riferimento alla notifica dell’atto di pignoramento presso terzi in ipotesi di pluralità di terzi di cui soltanto uno o alcuni aventi sede, residenza o dimora nell’ambito del circondario ove ha competenza territoriale l’Ufficio NEP a cui è stata richiesta l’esecuzione, questa Direzione Generale ha rilevato, a seguito di indicazioni di numerosi Uffici NEP, che sul territorio nazionale vengono seguite due prassi differenti per quanto riguarda l’iter procedurale:

1. quella di notificare per posta l’atto di pignoramento a terzi fuori dal circondario di competenza dell’Ufficio NEP presso il quale è stato incardinato il procedimento di espropriazione;
2. quella di rifiutare di notificare per posta l’atto di cui al punto 1) con le relative condizioni specificate.

Stando alla normativa di riferimento dell’istituto giuridico in questione, la prassi di cui al punto 1) è da ritenersi inapplicabile.

Infatti, ai sensi dell’art. 26, terzo comma, e dell’art. 543, secondo comma, n. 4 del codice di procedura civile, per l’espropriazione forzata di crediti è competente il Giudice del luogo dove risiede il terzo debitore. La competenza stabilita da tale norma è esclusiva ed inderogabile, come espressamente dispone l’art. 28 c.p.c., per cui le violazioni della relativa disciplina sono rilevabili anche di ufficio, in ogni stato e grado del processo.
Inoltre, l’inderogabilità della competenza stabilita per l’espropriazione forzata di crediti dall’art. 26 c.p.c., nonché dall’art. 543, secondo comma, n. 4, c.p.c., determina l’inapplicabilità al processo esecutivo della norma di cui all’art. 33 c.p.c. (connessione soggettiva), che consente la deroga della competenza per territorio in caso di connessione di cause proposte contro più persone (cfr. Cassazione civile 17/12/1991 n. 13954 e, per quanto riguarda espressamente la materia dell’esecuzione forzata, Cassazione civile, 2/08/2000 n. 10123).

Ne consegue che, nel caso in cui il creditore intenda procedere all’espropriazione di crediti vantati dal proprio debitore nei confronti di più soggetti aventi residenza in circoscrizioni di diversi Uffici giudiziari, tale parte non potrà citare tutti i terzi debitori a comparire davanti ad un unico Giudice, da lui scelto, anche in deroga ai criteri di cui agli artt. 26 e 543 c.p.c., ma dovrà promuovere distinte procedure esecutive.

Pertanto, alla luce di quanto sopra esposto, la nota prot. n. 6/1152/03-1/2011/CA del 15 giugno 2011, inoltrata alla Corte di Appello di Catania, è da ritenersi superata.

Si prega di voler comunicare la presente nota ai Dirigenti degli Uffici NEP dei distretti di rispettiva competenza, affinché ne tengano conto nella regolazione della materia.

Si ringrazia per la collaborazione e si porgono cordiali saluti.



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.

Accesso a 40 corsi di 1 ora accreditati CNF, di cui 10 in Deontologia

40 seminari di 1 ora (equivalenti a 40 crediti formativi) di cui 10 ore di deontologia forense Con un semplice PC connesso alla rete, puoi assolvere i tuoi obblighi formativi seguendo i corsi online accreditati dal Consi ...

avv. luca faggioli

esperto recupero crediti contro pubblica amministrazione e rivalse del datore di lavoro per recupero emolumenti corrisposti al dipendente assente per sinistro causato da terzi


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli equitalia esame esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura