ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Impedimento del difensore: requisiti della richiesta di rinvio dell'udienza
Cassazione penale sez. IV, sentenza 05.11.2003 n° 41997
La Cassazione ha stabilito che nell'ipotesi in cui il difensore intenda ottenere il rinvio del dibattimento deve presentare una richiesta al giudice procedente nel più breve tempo possibile, con riferimento al momento in cui è insorta la causa dell'impedimento, affinché il giudice possa tempestivamente valutarla ed adottare gli opportuni procedimenti.

Con la sentenza 5 novembre 2003 n. 41997 la Suprema Corte ha precisato che con riferimento all'ipotesi della richiesta di rinvio del difensore per concomitante impegno professionale, il rinvio deve essere richiesto non appena conosciuta la contemporaneità dei diversi impegni e il difensore deve esporre le ragioni che rendono essenziale l'espletamento della sua funzione in esso per la particolare natura dell'attività a cui deve presenziare, l'assenza in detto procedimento di altro condifensore che possa validamente difendere l'imputato, l'impossibilità di avvalersi di un sostituto ai sensi dell'articolo 102 Cpp, sia nel processo a cui si intende partecipare sia in quello di cui si chiede il rinvio.

(Altalex, 19 novembre 2003. Cfr. Cass. SS.UU. 4708/92)





Cassazione

Sezione quarta penale (up)

Sentenza 5 novembre 2003 n. 41997

(Presidente D'Urso – relatore Romis)


Osserva

Il Tribunale di Prato condannava F.E. alla pena ritenuta di giustizia per violazione della legge sugli stupefacenti. A seguito di rituale gravame proposto nell'interesse dell'imputato, la Corte di Appello di Firenze confermava l'impugnata sentenza; la Corte territoriale disattendeva, con apposita ordinanza, l'istanza con la quale il difensore dell'imputato aveva richiesto il rinvio del dibattimento invocando il legittimo impedimento a comparire per concomitante impegno professionale.

Ha proposto ricorso per Cassazione l'imputato, tramite il difensore, deducendo violazione di legge e vizio motivazionale in ordine al diniego del rinvio del dibattimento.

Il ricorso deve essere dichiarato inammissibile per la manifesta infondatezza della censura. Ed invero del tutto corretta deve ritenersi la decisione di negare il rinvio del dibattimento, avendo la Corte di merito puntualmente evidenziato la non tempestività dell'istanza avanzata dal difensore avv. Francesco Mandarano, atteso che la stessa era stata presentata lo stesso giorno fissato per il dibattimento di secondo grado (6 dicembre 2000).

Giova ricordare che nella norma in cui è disciplinata l'ipotesi dell'impedimento del difensore è prescritto che il difensore stesso deve comunicare l'impedimento “prontamente”. Orbene, quanto al significato del termine “prontamente”, nella giurisprudenza di legittimità (anche con l'avallo delle Sezioni unite: 4708/92, imp. Fogliani, rv 190828) è stato enunciato, e più volte ribadito, il seguente principio: «nell'ipotesi in cui il difensore intenda ottenere il rinvio del dibattimento deve dare sollecita comunicazione del suo impedimento al giudice procedente. Tale “prontezza” deve essere riferita al momento in cui è insorta la causa dell'impedimento stesso; ne deriva che la richiesta difensiva deve essere presentata nel più breve tempo possibile, affinché il giudice possa tempestivamente valutarla ed adottare gli opportuni procedimenti» (in termini, sezione terza, 5334/92, imp. Scarica, rv 189973; nello stesso senso sezione prima, 2567/96, imp. Listanti, rv 204064, nonché sezione sesta, 10027/91, imp. Nalbone, rv 188407 con la precisazione che il difensore «è obbligato a comunicare l'impedimento non appena esso si verifica e non in prossimità della celebrazione del processo»).

Ma vi è di più. Con la sentenza appena ricordata, le Sezioni unite hanno ritenuto di dover precisare, con riferimento all'ipotesi della richiesta di rinvio del difensore per concomitante impegno professionale, non solo che il rinvio deve essere richiesto non appena conosciuta la contemporaneità dei diversi impegni, ma altresì che il difensore deve esporre «le ragioni che rendono essenziale l'espletamento della sua funzione in esso per la particolare natura dell'attività a cui deve presenziare, l'assenza in detto procedimento di altro condifensore che possa validamente difendere l'imputato, l'impossibilità di avvalersi di un sostituto ai sensi dell'articolo 102 Cpp, sia nel processo a cui si intende partecipare sia in quello di cui si chiede il rinvio». Nel caso in esame, come si rileva dagli atti, il difensore si era limitato ad indicare nell'istanza di rinvio il contestuale impegno dinanzi alla Corte di Appello di Milano.

Alla declaratoria di inammissibilità segue, per legge, la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali, nonché (trattandosi di causa di inammissibilità riconducibile alla volontà, e quindi a colpa, del ricorrente: cfr. Corte costituzionale, sentenza 186/00) al versamento a favore della cassa delle ammende di una somma che si ritiene equo e congruo determinare in euro 500,00 (cinquecento).

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di euro 500,00 in favore della cassa delle ammende.


Così deciso in Roma l'11 giugno 2003.

DEPOSITATA IN CANCELLERIA IL 5 novembre 2003.


COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.

16 correzioni personalizzate di pareri e atti + 8 lezioni in "aula virtuale"

Giunto alla XI edizione, il corso on-line diretto per Altalex da Paolo Franceschetti, è mirato all’acquisizione del metodo e delle conoscenze necessarie a superare l'Esame Avvocato e quest'anno si pres ...

Avv. Carlo Cavalea

Marchi, Brevetti, Diritto d'autore, Concorrenza sleale, Pubblicità, Antitrust, Design, Made in Italy, Contratti commerciali


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice Deontologico Forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli equitalia esame esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto Inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura