ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Assoggettamento ad IVA dei proventi derivanti dalla gestione dei parcheggi
Risoluzione, Agenzia delle Entrate 15.11.2004 n° 134 (Massimo Paternoster)

Con la presente pronuncia l’Agenzia delle Entrate fornisce risposta in merito ad un quesito inoltrato da un Consorzio di enti locali di una Provincia che gestisce, per conto dei Comuni associati, determinate aree di parcheggio. I vari Comuni delegano tale attività per mezzo di apposite convenzioni nelle quali è prevista la corresponsione, da parte del Consorzio nei confronti del Comune, di un canone di concessione calcolato in percentuale sugli incassi annuali.

Alla luce di quanto premesso l’Agenzia ha escluso l’imponibilità ai fini IVA dei proventi ricevuti dal Comune a titolo di canone annuo per mancanza del presupposto soggettivo. Invero il Comune affidando ad un terzo la gestione delle aree di parcheggio effettua una concessione di un servizio con criteri pubblicistico-istituzionali, mantenendo i poteri propri della pubblica autorità (effettua la determinazione delle tariffe, delle agevolazioni e mantiene l’esercizio della facoltà di revocare l’affidamento per finalità di interesse pubblico) non configurando pertanto un’attività di tipo imprenditoriale.

L’Agenzia giunge, invece, a diverse considerazioni per quanto riguarda il trattamento ai fini IVA dei proventi incassati dal Consorzio. Infatti il Consorzio, entità giuridicamente distinta dagli enti locali, mediante la gestione delle aree di sosta svolge un’attività di tipo imprenditoriale e i conseguenti corrispettivi percepiti per tale attività hanno natura di ricavi. Alla luce di quanto detto, in relazione all’attività svolta dal Consorzio, sussistono i presupposti soggettivo ed oggettivo per l’applicazione dell’IVA.

(Altalex, 11 gennaio 2005. Nota a cura di Massimo Paternoster)






Agenzia delle Entrate

Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

Risoluzione del 15/11/2004 n. 134

Oggetto:

Istanza di interpello - Art. 4 D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 - Agenzia XY (Trasporti .......)


Testo:

Con istanza d'interpello, di cui all'art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, presentata alla Direzione regionale, l'Agenzia XY (Trasporti

......) ha chiesto di conoscere l'esatta applicazione dell'art. 4 D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 esponendo il seguente



Quesito

L'Agenzia XY di ...., ente pubblico economico - Consorzio di enti locali della Provincia di ..... -, ha quale oggetto della propria attivita' l'organizzazione ed affidamento dei servizi di trasporto pubblico locale, la gestione per conto dei Comuni associati di aree di parcheggio e l'esercizio di alcune funzioni proprie degli Enti associati. Essa ha stipulato una convenzione con il Comune di ... per l'affidamento del servizio pubblico di gestione di alcune aree di sosta in virtu' del quale provvede ad incassare per conto del Comune le tariffe, individuate ed imposte dall'Ente concedente.

L'Agenzia XY chiede di conoscere quale sia il trattamento applicabile, agli effetti dell'IVA, alle tariffe riscosse.



Soluzione interpretativa prospettata dal contribuente

A parere dell'istante gli incassi derivanti dalla gestione dei parcheggi non sono assoggettabili ad IVA, anche se l'attivita' e' esercitata attraverso aziende speciali, costituite ai sensi della legge n. 142/1990, in quanto l'Ente concedente agisce in veste di pubblica autorita' nell'affidamento a terzi del servizio. A questo proposito, vengono richiamate le risoluzioni n. 36 del 12 marzo 2004 e n. 210 del 14 dicembre 2001.



Parere dell'Agenzia delle Entrate

Al fine dell'esatto inquadramento giuridico della fattispecie in esame, occorre preliminarmente esaminare i rapporti che intercorrono tra l'Agenzia XY ed il Comune.

Il Comune di .... ha affidato all'Agenzia XY, con convenzione del 1997 di durata quindicennale, la gestione dei parcheggi gia' realizzati e da realizzare, con l'obbligo di subentrare integralmente all'Affidante, per il periodo residuo, nei contratti gia' esistenti con altri soggetti per la gestione dei parcheggi. L'affidamento comprende anche la realizzazione e la gestione di un sistema informatico-informativo e l'impegno a consentire, previo pagamento del canone, l'allacciamento a gestori di aree di parcheggio diverse da quelle assegnate all'Agenzia e a consentire l'interconnessione con altre reti comunali.

Il Comune determina le tariffe e le agevolazioni in alcune fasce orarie per facilitare l'accesso ai servizi e alle attivita' commerciali.

Puo', inoltre, revocare l'affidamento di alcune aree per finalita' di interesse pubblico, assumendosi gli oneri residui non ammortizzati relativi agli investimenti sostenuti su dette aree.

L'art. 5 della convenzione stabilisce che "Gli incassi, al netto di IVA, derivanti dalla gestione dei parcheggi sono ripartiti nella seguente misura:


28% all'Affidante (Comune di ....)
72% all'Affidataria (XY).


All'Affidante dovra' essere riconosciuto, indipendentemente dagli incassi ottenuti dall'Affidataria, un introito minimo annuale di L 1.000.000.000 + IVA".
In pratica, il 28% degli incassi o la quota minima prestabilita costituiscono il canone annuo di gestione corrisposto dall'Agenzia al Comune.
Con le risoluzioni n. 210/E del 14 dicembre 2001 e n. 36/E del 12 marzo 2004, la scrivente, esaminando i rapporti tra azienda speciale ed ente locale, ha chiarito che i canoni percepiti dagli enti locali per l'affidamento a terzi della gestione delle aree di parcheggio non sono soggetti ad IVA, per carenza del presupposto soggettivo di cui all'art. 4 del DPR 26 ottobre 1972, n. 633, quando la concessione del servizio viene effettuata con criteri meramente pubblicistico-istituzionali che implicano l'uso di poteri propri della pubblica autorita' e quando il mancato assoggettamento ad IVA non produce distorsioni di concorrenza di una certa rilevanza.
Nel caso in esame, il Comune mantiene i poteri propri della pubblica autorita' (determinazione delle tariffe e delle agevolazione e l'esercizio della facolta' di revocare l'affidamento per finalita' di interesse pubblico) e non sembrano realizzarsi effetti distorsivi sulla concorrenza, in quanto la gestione della totalita' o della quasi totalita' delle aree di sosta comunali e' affidata all'Agenzia XY. Pertanto, il Comune non deve assoggettare ad IVA il canone percepito per carenza del presupposto soggettivo.
Diverso e', invece, il trattamento, ai fini IVA, applicabile ai proventi incassati dall'Agenzia XY per l'attivita' di gestione delle aree di sosta.
Quest'ultima, infatti, e' un consorzio di enti locali, giuridicamente distinto da questi, che svolge attivita' imprenditoriale, e quindi, tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi fatte si considerano effettuate nell'esercizio di impresa, per la presunzione assoluta contenuta nell'art. 4, comma 2, n. 2, del DPR n. 633 del 1972.
I proventi derivanti dall'attivita' di gestione dei parcheggi hanno natura di corrispettivi, versati dagli utenti per fruire delle aree di sosta. Sussiste quindi il presupposto oggettivo per l'applicazione dell'IVA, ai sensi dell'art. 3, comma 1, del DPR n. 633/1972, il quale stabilisce, fra l'altro, che costituiscono prestazioni di servizi le prestazioni verso corrispettivo dipendenti da obbligazioni di fare, non fare e permettere quale ne sia la fonte.
Pertanto, la soluzione prospettata dall'istante non appare corretta, in quanto, nel caso in esame, ricorrono sia il presupposto soggettivo sia quello oggettivo per l'applicazione del tributo e quindi l'Agenzia XY deve assoggettare ad IVA i proventi derivanti dalla gestione dei parcheggi.

La risposta di cui alla presente nota, sollecitata con istanza di interpello presentata alla Direzione regionale ....., viene resa dalla scrivente, ai sensi dell'art. 4, comma 1, ultimo periodo del DM 26 aprile 2001, n. 209.



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.

40 ore di lezioni registrate ed in aula virtuale

Il corso mira a fornire la preparazione necessaria a superare le prove di diritto dei concorsi per personale amministrativo (istruttori amministrativi, istruttori tecnici, ecc..).  E' progettato secondo tre di ...

Studio Legale avv. Roberto Colica

Laurea Roma "La Sapienza" , iscritto all'Albo dal 1974, patrocinate in cassazione dal 1992, esercizio della professione nel Distretto della Corte d'Appello di Catanzaro e nei circondari dei Tribunale di Catanzaro, Vibo Valentia, Lamezia Terme e Crotone


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli equitalia esame esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura