ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Legge Pinto: durata ragionevole del processo ed equa riparazione
Legge 24.03.2001 n° 89 , G.U. 03.04.2001

Pubblichiamo il testo della L. aggiornato con le modifiche introdotte dal D.L.8 aprle 2013, n. 35, convertito con modificazioni nella L. 6 giugno 2013, n. 64 e dal D.L. 22 giugno 2012, n. 83, con modificazioni nella L. 7 agosto 2012, n. 134.






LEGGE 24 marzo 2001, n. 89

Previsione di equa riparazione in caso di violazione del termine ragionevole del processo e modifica dell'articolo 375 del codice di procedura civile.

(G.U. SERIE GENERALE N. 78 DEL 3/4/2001)

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Promulga

la seguente legge:

Capo I
DEFINIZIONE IMMEDIATA DEL PROCESSO CIVILE

Art. 1.
Pronuncia in camera di consiglio

1. L'articolo 375 del codice di procedura civile e' sostituito dal seguente:
"Art. 375. - (Pronuncia in camera di consiglio). - La Corte, sia a sezioni unite che a sezione semplice, pronuncia con ordinanza in camera di consiglio quando riconosce di dovere:
1) dichiarare l'inammissibilita' del ricorso principale e di quello incidentale eventualmente proposto;
2) ordinare l'integrazione del contraddittorio o disporre che sia eseguita la notificazione dell'impugnazione a norma dell'articolo 332;
3) dichiarare l'estinzione del processo per avvenuta rinuncia a norma dell'articolo 390;
4) pronunciare in ordine all'estinzione del processo in ogni altro caso;
5) pronunciare sulle istanze di regolamento di competenza e di giurisdizione.
La Corte, sia a sezioni unite che a sezione semplice, pronuncia sentenza in camera di consiglio quando il ricorso principale e quello incidentale eventualmente proposto sono manifestamente fondati e vanno, pertanto, accolti entrambi, o quando riconosce di dover pronunciare il rigetto di entrambi per mancanza dei motivi previsti nell'articolo 360 o per manifesta infondatezza degli stessi, nonche' quando un ricorso va accolto per essere manifestamente fondato e l'altro va rigettato per mancanza dei motivi previsti nell'articolo 360 o per manifesta infondatezza degli stessi.
La Corte, se ritiene che non ricorrano le ipotesi di cui al primo e al secondo comma, rinvia la causa alla pubblica udienza.
Le conclusioni del pubblico ministero, almeno venti giorni prima dell'adunanza della Corte in camera di consiglio, sono notificate agli avvocati delle parti, che hanno facolta' di presentare memorie entro il termine di cui all'articolo 378 e di essere sentiti, se compaiono, nei casi previsti al primo comma, numeri 1), 4) e 5), limitatamente al regolamento di giurisdizione, e al secondo comma".

Capo II
EQUA RIPARAZIONE

Art. 2.
Diritto all'equa riparazione.

1. Chi ha subìto un danno patrimoniale o non patrimoniale per effetto di violazione della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, ratificata ai sensi della legge 4 agosto 1955, n. 848, sotto il profilo del mancato rispetto del termine ragionevole di cui all'articolo 6, paragrafo 1, della Convenzione, ha diritto ad una equa riparazione.

2. Nell'accertare la violazione il giudice valuta la complessità del caso, l'oggetto del procedimento, il comportamento delle parti e del giudice durante il procedimento, nonché quello di ogni altro soggetto chiamato a concorrervi o a contribuire alla sua definizione (1).

2-bis. Si considera rispettato il termine ragionevole di cui al comma 1 se il processo non eccede la durata di tre anni in primo grado, di due anni in secondo grado, di un anno nel giudizio di legittimità. Ai fini del computo della durata il processo si considera iniziato con il deposito del ricorso introduttivo del giudizio ovvero con la notificazione dell'atto di citazione. Si considera rispettato il termine ragionevole se il procedimento di esecuzione forzata si è concluso in tre anni, e se la procedura concorsuale si è conclusa in sei anni. Il processo penale si considera iniziato con l'assunzione della qualità di imputato, di parte civile o di responsabile civile, ovvero quando l'indagato ha avuto legale conoscenza della chiusura delle indagini preliminari (5).

2-ter. Si considera comunque rispettato il termine ragionevole se il giudizio viene definito in modo irrevocabile in un tempo non superiore a sei anni (3).

2-quater. Ai fini del computo non si tiene conto del tempo in cui il processo è sospeso e di quello intercorso tra il giorno in cui inizia a decorrere il termine per proporre l'impugnazione e la proposizione della stessa (4).

2-quinquies. Non è riconosciuto alcun indennizzo:
a) in favore della parte soccombente condannata a norma dell'articolo 96 del codice di procedura civile;
b) nel caso di cui all'articolo 91, primo comma, secondo periodo, del codice di procedura civile;
c) nel caso di cui all'articolo 13, primo comma, primo periodo, del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28;
d) nel caso di estinzione del reato per intervenuta prescrizione connessa a condotte dilatorie della parte;
e) quando l'imputato non ha depositato istanza di accelerazione del processo penale nei trenta giorni successivi al superamento dei termini cui all'articolo 2-bis;
f) in ogni altro caso di abuso dei poteri processuali che abbia determinato una ingiustificata dilazione dei tempi del procedimento (5).

3. (...) (6).

(1) Comma così sostituito dall'art. 55, co. 1, lett. a), n. 1), D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni nella L. 7 agosto 2012, n. 134.
(2) Comma aggiunto dall'art. 55, co. 1, lett. a), n. 2), D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni nella L. 7 agosto 2012, n. 134.
(3) Comma aggiunto dall'art. 55, co. 1, lett. a), n. 2), D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni nella L. 7 agosto 2012, n. 134.
(4) Comma aggiunto dall'art. 55, co. 1, lett. a), n. 2), D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni nella L. 7 agosto 2012, n. 134.
(5) Comma aggiunto dall'art. 55, co. 1, lett. a), n. 2), D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni nella L. 7 agosto 2012, n. 134.
(6) Il comma che recitava: "3. Il giudice determina la riparazione a norma dell' articolo 2056 del codice civile, osservando le disposizioni seguenti:
a) rileva solamente il danno riferibile al periodo eccedente il termine ragionevole di cui al comma 1;
b) il danno non patrimoniale è riparato, oltre che con il pagamento di una somma di denaro, anche attraverso adeguate forme di pubblicità della dichiarazione dell'avvenuta violazione.
" è stato abrogato dall'art. 55, co. 1, lett. a), n. 3), D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni nella L. 7 agosto 2012, n. 134.


Art. 2-bis.
Misura dell'indennizzo (1).

1. Il giudice liquida a titolo di equa riparazione una somma di denaro, non inferiore a 500 euro e non superiore a 1.500 euro, per ciascun anno, o frazione di anno superiore a sei mesi, che eccede il termine ragionevole di durata del processo.

2. L'indennizzo è determinato a norma dell'articolo 2056 del codice civile, tenendo conto:
a) dell'esito del processo nel quale si è verificata la violazione di cui al comma 1 dell'articolo 2;
b) del comportamento del giudice e delle parti;
c) della natura degli interessi coinvolti;
d) del valore e della rilevanza della causa, valutati anche in relazione alle condizioni personali della parte.

3. La misura dell'indennizzo, anche in deroga al comma 1, non può in ogni caso essere superiore al valore della causa o, se inferiore, a quello del diritto accertato dal giudice.


(1) Articolo aggiunto dall’art. 55, co. 1, lett. b), D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni nella L. 7 agosto 2012, n. 134.

Art. 3.
Procedimento (1).

1. La domanda di equa riparazione si propone con ricorso al presidente della corte d'appello del distretto in cui ha sede il giudice competente ai sensi dell'articolo 11 del codice di procedura penale a giudicare nei procedimenti riguardanti i magistrati nel cui distretto è concluso o estinto relativamente ai gradi di merito il procedimento nel cui ambito la violazione si assume verificata. Si applica l'articolo 125 del codice di procedura civile.

2. Il ricorso è proposto nei confronti del Ministro della giustizia quando si tratta di procedimenti del giudice ordinario, del Ministro della difesa quando si tratta di procedimenti del giudice militare. Negli altri casi è proposto nei confronti del Ministro dell'economia e delle finanze.

3. Unitamente al ricorso deve essere depositata copia autentica dei seguenti atti:
a) l'atto di citazione, il ricorso, le comparse e le memorie relativi al procedimento nel cui ambito la violazione si assume verificata;
b) i verbali di causa e i provvedimenti del giudice;
c) il provvedimento che ha definito il giudizio, ove questo si sia concluso con sentenza od ordinanza irrevocabili.

4. Il presidente della corte d'appello, o un magistrato della corte a tal fine designato, provvede sulla domanda di equa riparazione con decreto motivato da emettere entro trenta giorni dal deposito del ricorso. Si applicano i primi due commi dell'articolo 640 del codice di procedura civile.

5. Se accoglie il ricorso, il giudice ingiunge all'amministrazione contro cui è stata proposta la domanda di pagare senza dilazione la somma liquidata a titolo di equa riparazione, autorizzando in mancanza la provvisoria esecuzione. Nel decreto il giudice liquida le spese del procedimento e ne ingiunge il pagamento.

6. Se il ricorso è in tutto o in parte respinto la domanda non può essere riproposta, ma la parte può fare opposizione a norma dell'articolo 5-ter.

7. L'erogazione degli indennizzi agli aventi diritto avviene nei limiti delle risorse disponibili.

(1) L'articolo che recitava: "1. La domanda di equa riparazione si propone dinanzi alla corte di appello del distretto in cui ha sede il giudice competente ai sensi dell'articolo 11 del codice di procedura penale a giudicare nei procedimenti riguardanti i magistrati nel cui distretto e' concluso o estinto relativamente ai gradi di merito ovvero pende il procedimento nel cui ambito la violazione si assume verificata.
2. La domanda si propone con ricorso depositato nella cancelleria della corte di appello, sottoscritto da un difensore munito di procura speciale e contenente gli elementi di cui all'articolo 125 del codice di procedura civile.
3. Il ricorso e' proposto nei confronti del Ministro della giustizia quando si tratta di procedimenti del giudice ordinario, del Ministro della difesa quando si tratta di procedimenti del giudice militare. Negli altri casi e' proposto nei confronti del Ministro dell'economia e delle finanze.
4. La corte di appello provvede ai sensi degli articoli 737 e seguenti del codice di procedura civile. Il ricorso, unitamente al decreto di fissazione della camera di consiglio, e' notificato, a cura del ricorrente, all'amministrazione convenuta, presso l'Avvocatura dello Stato. Tra la data della notificazione e quella della camera di consiglio deve intercorrere un termine non inferiore a quindici giorni.
5. Le parti hanno facolta' di richiedere che la corte disponga l'acquisizione in tutto o in parte degli atti e dei documenti del procedimento in cui si assume essersi verificata la violazione di cui all'articolo 2 ed hanno diritto, unitamente ai loro difensori, di essere sentite in camera di consiglio se compaiono. Sono ammessi il deposito di memorie e la produzione di documenti sino a cinque giorni prima della data in cui e' fissata la camera di consiglio, ovvero sino al termine che e' a tale scopo assegnato dalla corte a seguito di relativa istanza delle parti.
6. La corte pronuncia, entro quattro mesi dal deposito del ricorso, decreto impugnabile per cassazione. Il decreto e' immediatamente esecutivo.
7. L'erogazione degli indennizzi agli aventi diritto avviene, nei limiti delle risorse disponibili, a decorrere dal 1º gennaio 2002
." è stato così sostituito dall’art. 55, co. 1, lett. c), D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni nella L. 7 agosto 2012, n. 134.

Art. 4.
Termine di proponibilità (1).

1. La domanda di riparazione può essere proposta, a pena di decadenza, entro sei mesi dal momento in cui la decisione che conclude il procedimento è divenuta definitiva.

(1) L'articolo che recitava: "Art. 4. Termine e condizioni di proponibilità. 1. La domanda di riparazione puo' essere proposta durante la pendenza del procedimento nel cui ambito la violazione si assume verificata, ovvero, a pena di decadenza, entro sei mesi dal momento in cui la decisione, che conclude il medesimo procedimento, è divenuta definitiva." è stato così sostituito dall’art. 55, co. 1, lett. d), D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni nella L. 7 agosto 2012, n. 134.


Art. 5.
Notificazioni e comunicazioni (1).

1. Il ricorso, unitamente al decreto che accoglie la domanda di equa riparazione, è notificato per copia autentica al soggetto nei cui confronti la domanda è proposta.

2. Il decreto diventa inefficace qualora la notificazione non sia eseguita nel termine di trenta giorni dal deposito in cancelleria del provvedimento e la domanda di equa riparazione non può essere più proposta.

3. La notificazione ai sensi del comma 1 rende improponibile l'opposizione e comporta acquiescenza al decreto da parte del ricorrente.

4. Il decreto che accoglie la domanda è altresì comunicato al procuratore generale della Corte dei conti, ai fini dell'eventuale avvio del procedimento di responsabilità, nonché ai titolari dell'azione disciplinare dei dipendenti pubblici comunque interessati dal procedimento.

(13) L'articolo che recitava: "Art. 5. Comunicazioni. 1. Il decreto di accoglimento della domanda e' comunicato a cura della cancelleria, oltre che alle parti, al procuratore generale della Corte dei conti, ai fini dell'eventuale avvio del procedimento di responsabilita', nonche' ai titolari dell'azione disciplinare dei dipendenti pubblici comunque interessati dal procedimento." è stato così sostituito dalla lettera e) del comma 1 dell’art. 55, co. 1, lett. e), D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni nella L. 7 agosto 2012, n. 134.


Art. 5-bis.
Gratuità del procedimento.

(...) (1).

(1) L'articolo che recitava: "1. Il procedimento di cui all'articolo 3 è esente dal pagamento del contributo unificato di cui all'articolo 9 della legge 23 dicembre 1999, n. 488. Il procedimento iscritto prima del 13 marzo 2002 è esente dalla imposta di bollo, dai diritti di cancelleria e dai diritti di chiamata di causa dell'ufficiale giudiziario." è stato aggiunto dall'art. 2, D.L. 11 marzo 2002, n. 28 e successivamente abrogato dall'art. 299, D.Lgs. 30 maggio 2002, n. 113 e dall'art. 299, D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115.

Art. 5-ter.
Opposizione (1).

1. Contro il decreto che ha deciso sulla domanda di equa riparazione può essere proposta opposizione nel termine perentorio di trenta giorni dalla comunicazione del provvedimento ovvero dalla sua notificazione.

2. L'opposizione si propone con ricorso davanti all'ufficio giudiziario al quale appartiene il giudice che ha emesso il decreto. Si applica l'articolo 125 del codice di procedura civile.

3. La corte d'appello provvede ai sensi degli articoli 737 e seguenti del codice di procedura civile. Del collegio non può far parte il giudice che ha emanato il provvedimento impugnato.

4. L'opposizione non sospende l'esecuzione del provvedimento. Il collegio, tuttavia, quando ricorrono gravi motivi, può, con ordinanza non impugnabile, sospendere l'efficacia esecutiva del decreto opposto.

5. La corte pronuncia, entro quattro mesi dal deposito del ricorso, decreto impugnabile per cassazione. Il decreto è immediatamente esecutivo.

(1) Articolo aggiunto dall’art. 55, co. 1, lett. f), D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni nella L. 7 agosto 2012, n. 134.

Art. 5-quater.
Sanzioni processuali (1).

1. Con il decreto di cui all'articolo 3, comma 4, ovvero con il provvedimento che definisce il giudizio di opposizione, il giudice, quando la domanda per equa riparazione è dichiarata inammissibile ovvero manifestamente infondata, può condannare il ricorrente al pagamento in favore della cassa delle ammende di una somma di denaro non inferiore ad euro 1.000 e non superiore ad euro10.000.

(1) Articolo aggiunto dall’art. 55, co. 1, lett. f), D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni nella L. 7 agosto 2012, n. 134.

Art. 5-quinquies.
Esecuzione forzata (1).

1. Al fine di assicurare un'ordinata programmazione dei pagamenti dei creditori di somme liquidate a norma della presente legge, non sono ammessi atti di sequestro o di pignoramento presso la Tesoreria centrale e presso le Tesorerie provinciali dello Stato per la riscossione coattiva di somme liquidate a norma della presente legge.

2. Fermo quanto previsto dall'articolo 1, commi 294-bis e 294-ter, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, i creditori di dette somme, a pena di nullità rilevabile d'ufficio, eseguono i pignoramenti e i sequestri esclusivamente secondo le disposizioni del libro III, titolo II, capo II del codice di procedura civile, con atto notificato ai Ministeri di cui all'articolo 3, comma 2, ovvero al funzionario delegato del distretto in cui è stato emesso il provvedimento giurisdizionale posto in esecuzione, con l'effetto di sospendere ogni emissione di ordinativi di pagamento relativamente alle somme pignorate. L'ufficio competente presso i Ministeri di cui all'articolo 3, comma 2, a cui sia stato notificato atto di pignoramento o di sequestro, ovvero il funzionario delegato sono tenuti a vincolare l'ammontare per cui si procede, sempreché esistano in contabilità fondi soggetti ad esecuzione forzata; la notifica rimane priva di effetti riguardo agli ordini di pagamento che risultino già emessi.

3. Gli atti di pignoramento o di sequestro devono indicare a pena di nullità rilevabile d'ufficio il provvedimento giurisdizionale posto in esecuzione.

4. Gli atti di sequestro o di pignoramento eventualmente notificati alla Tesoreria centrale e alle Tesorerie provinciali dello Stato non determinano obblighi di accantonamento da parte delle Tesorerie medesime, nè sospendono l'accreditamento di somme a favore delle Amministrazioni interessate. Le Tesorerie in tali casi rendono dichiarazione negativa, richiamando gli estremi della presente disposizione di legge.

5. L'articolo 1 del decreto-legge 25 maggio 1994, n. 313, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 luglio 1994, n. 460, si applica anche ai fondi destinati al pagamento di somme liquidate a norma della presente legge, ivi compresi quelli accreditati mediante aperture di credito in favore dei funzionari delegati degli uffici centrali e periferici delle amministrazioni interessate.

(1) Articolo aggiunto dall’art. 6, co. 6, D.L. 8 aprile 2013, n. 35, convertito con modificazioni nella L. 6 giugno 2013, n. 64.

Art. 6.
Norma transitoria.

1. Nel termine di sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, coloro i quali abbiano già tempestivamente presentato ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo, sotto il profilo del mancato rispetto del termine ragionevole di cui all'articolo 6, paragrafo 1, della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, ratificata ai sensi della legge 4 agosto 1955, n. 848, possono presentare la domanda di cui all'articolo 3 della presente legge qualora non sia intervenuta una decisione sulla ricevibilità da parte della predetta Corte europea. In tal caso, il ricorso alla corte d'appello deve contenere l'indicazione della data di presentazione del ricorso alla predetta Corte europea.

2. La cancelleria del giudice adìto informa senza ritardo il Ministero degli affari esteri di tutte le domande presentate ai sensi dell'articolo 3 nel termine di cui al comma 1 del presente articolo.

Art. 7.
Disposizioni finanziarie.

1. All'onere derivante dall'attuazione della presente legge, valutato in lire 12.705 milioni a decorrere dall'anno 2002, si provvede mediante corrispondente riduzione delle proiezioni dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2001-2003, nell'àmbito dell'unità previsionale di base di parte corrente «Fondo speciale» dello stato di previsione del Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica per l'anno 2001, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al medesimo Ministero (19).

2. Il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

CIAMPI
Amato, Presidente del Consiglio dei Ministri
Visto, il Guardasigilli: Fassino

LAVORI PREPARATORI

Senato della Repubblica (atto n. 3813):
Presentato dal senatore Michele Pinto ed altri il 16 febbraio 1999.
Assegnato alla 2a commissione (Giustizia), in sede referente, il 4 marzo 1999 con pareri delle commissioni 1a, 3a, 4a, 5a e 6a, e giunta per gli affari delle Comunita' europee.
Esaminato dalla 2a commissione il 21, 27 e 28 aprile 1999; 16 e 22 marzo 2000; 25 e 31 maggio 2000; 29 giugno 2000; 4, 5 e 6 luglio 2000.
Relazione scritta presentata il 14 settembre 2000 (atto n. 3813/A-relatore sen. Follieri).
Esaminato in aula ed approvato il 28 settembre 2000.
Camera dei deputati (atto n. 7327):
Assegnato alla II commissione (Giustizia), in sede referente, il 4 ottobre 2000 con pareri delle commissioni I, III, IV, V, VI e XIV.
Esaminato dalla II commissione il 29 novembre 2000;
23 gennaio 2001 ed 8 febbraio 2001.
Esaminato in aula il 12 febbraio 2001 ed approvato, con modificazioni, il 6 marzo 2001.
Senato della Repubblica (atto n. 3813-B):
Assegnato alla 2a commissione (Giustizia), in sede dilberante, il 7 marzo 2001 con pareri delle commissioni 1a e 5a.
Esaminato dalla 2a commissione, in sede legislativa, ed approvato l'8 marzo 2001.



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Durata irragionevole del processo: indennizzo spetta anche a soccombente (Corte Costituzionale , ordinanza 09.05.2014 n° 124 )

Equo processo, termine irragionevole, ricorso, notificazione, omissione (Cassazione civile , SS.UU, sentenza 02.05.2014 n° 9558 )

Giusto processo, procedimento amministrativo, esclusione, termine ragionevole (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 25.02.2014 n° 4429 )

Fallimento, dipendente, credito, giudizio pendente, eccessiva durata (Corte Costituzionale , sentenza 25.02.2014 n° 30 )

Processo, durata ragionevole, equo indennizzo, norme comunitarie, conflitto (Consiglio di Stato , sez. IV, ordinanza 17.02.2014 n° 754 )

Legge Pinto: Palazzo Spada ne sospetta l'incostituzionalità (Consiglio di Stato , sez. IV, ordinanza 17.02.2014 n° 754 (Riccardo Bianchini) )

Indennizzo per eccessiva durata del processo spetta anche al contumace (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 14.01.2014 n° 585 (Giulio Spina) )

Equa riparazione per irragionevole durata del processo del contumace (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 14.01.2014 n° 585 (Marilena Pisani) )

Processo civile, ragionevole durata, contumace, equa riparazione, applicabilità (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 14.01.2014 n° 585 )

Penalità di mora per ritardo nell’esecuzione del giudicato: c.d. astreinte (TAR Lazio-Roma, sez. II, sentenza 02.01.2014 n° 1 (Rosita Ponticiello) )

Delle impugnazioni (Codice di procedura civile , Libro II, Titolo III, agg. al 23.10.2013)

Equa riparazione, istanza, termine semestrale, mediazione, interruzione (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 22.07.2013 n° 17781 )

Equa riparazione: mediazione interrompe il decorso del termine per l'istanza (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 22.07.2013 n° 17781 (Giulio Spina) )

Mediazione: il DLgs. n. 28/2010 aggiornato con al Decreto del Fare (Note di commento e osservazioni per la modifica in sede di conversione (Giuseppe Agozzino) )

Debiti Pa: il decreto per i pagamenti alle imprese (Decreto Legge , testo coordinato 08.04.2013 n° 35 , G.U. 07.06.2013 )

Società, registro imprese, cancellazione, processo, durata irragionevole, rinuncia (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 12.03.2013 n° 6072 )

Processo equo, termine ragionevole, durata, danno, riparazione, contumace (Cassazione civile , sez. II, sentenza 21.02.2013 n° 4474 )

Processo, durata irragionevole, sentenza, deposito, ritardo, indennizzo, rimborso (Corte dei Conti , sez. Puglia, sentenza 18.02.2013 n° 251 )

Processo, eccessiva durata, indennizzo, termine, titolo esecutivo, ritardo, danno (TAR Lazio-Roma, sez. I, sentenza 24.10.2012 n° 8746 )

La mediazione si applica anche alle pubbliche amministrazioni. Ecco le linee guida per le p.a. (Articolo 22.10.2012 (Giulio Spina) )

Legge Pinto, processo, pendenza, indennizzo, prescrizione, esclusione (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 02.10.2012 n° 16783 )

Equa riparazione, danno non patrimoniale, processo tributario, ragionevole durata (Cassazione civile , sez. VI, sentenza 24.09.2012 n° 16212 )

Legge Pinto: i casi in cui si applica al processo tributario (Cassazione civile , sez. VI, sentenza 24.09.2012 n° 16212 (Maurizio Villani, Iolanda Pansardi) )

Decreto Sviluppo 2012: le novità sul processo civile e il fallimento (News 14.08.2012)

Decreto Sviluppo: il testo della legge di conversione pubblicato in Gazzetta (Legge 07.08.2012 n° 134 , G.U. 11.08.2012 )

Decreto sviluppo: modifiche alla legge Pinto e profili di incostituzionalità (Articolo 05.07.2012 (Paolo Franzì) )

DECRETO SVILUPPO 2012: IL TESTO COORDINATO IN GAZZETTA (Decreto Legge , testo coordinato, 22.06.2012 n° 83 , G.U. 11.08.2012 )

Ricorso, equa riparazione, processo, ragionevole durata, termini (Cassazione civile , sez. VI, sentenza 24.05.2012 n° 8283 )

Processo, durata, irragionevolezza, risarcimento, risorse, mancanza (TAR Lombardia-Brescia, sez. II, sentenza 09.02.2012 n° 213 )

Durata ragionevole, processo, parti processuali, equa riparazione (Cassazione civile , sez. VI, sentenza 09.01.2012 n° 35 )

Causa troppo lunga? Equo indennizzo spetta anche alla parte che perde (Cassazione civile , sez. VI, sentenza 09.01.2012 n° 35 (Laura Biarella) )

DL su sovraindebitamento e processo civile: un primo commento (Articolo 03.01.2012 (Maria Morena Ragone, Fabrizio Sigillò) )

Processo penale, irragionevole durata, computo, indagini preliminari, onere prova (Cassazione civile , sez. II, sentenza 04.11.2011 n° 22922 )

Lite temeraria: sì alla liquidazione equitativa del danno (Cassazione civile , sez. VI, ordinanza 12.10.2011 n° 20995 (Maria Elena Bagnato) )

Eccessiva durata del processo, indennizzo, importo annuo (Cassazione civile , sez. I, sentenza 07.10.2011 n° 20689 )

Durata ragionevole del processo, lite temeraria, equa riparazione (Cassazione civile , sez. VI, ordinanza 13.09.2011 n° 18745 )

Eccessiva durata del processo, indennizzo, valutazione giudice (Cassazione civile , sez. I, sentenza 23.06.2011 n° 13804 )

Il fallimento dura troppo? Sì all'equa riparazione (Cassazione civile , sez. I, ordinanza 13.06.2011 n° 12936 (Simone Marani) )

Abuso del processo, pluralità di ricorsi, sussistenza (Cassazione civile , sez. I, ordinanza 05.05.2011 n° 9962 )

Manca la domanda di mediazione? Il Giudice assegna un nuovo termine (Il Tribunale di Prato si pronuncia sulla condizione di procedibilità (Adriana Capozzoli) )

Opposizione, D.I., termini di comparizione, sezioni unite, rinvio (Cassazione civile , sez. III, sentenza 22.03.2011 n° 6514 )

Mediazione civile e mediazione familiare: culture a confronto (Articolo 16.02.2011 (Mauro Giarrizzo) )

I rimedi per contrastare l'azione temeraria: una prima lettura interpretativa (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 11.02.2011 n° 5300 (Giuseppe Buffone) )

Anno Giudiziario 2011: l'intervento del Procuratore Generale della Cassazione (Relazione di Vitaliano Esposito 28.01.2011)

Irragionevole durata del procedimento di sfratto (Cassazione civile , sez. I, sentenza 15.11.2010 n° 23053 (Domenico Prosciutto) )

Articolo 93 c.p.c.: può essere utilizzato il provedimento di correzione degli errori materiali (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 07.07.2010 n° 16037 (Domenico Prosciutto) )

Giudizio in materia pensionistica, Corte dei Conti, ragionevole durata del processo (Cassazione civile , sez. I, sentenza 02.07.2010 n° 15778 )

Irragionevole durata, esecuzione, opposizione (Cassazione civile , sez. I, sentenza 26.05.2010 n° 12867 )

Indennizzo da irragionevole durata del processo, durata (Cassazione civile , sez. I, sentenza 22.04.2010 n° 9618 )

Strategie difensive e ragionevole durata del processo (Cassazione civile sez. I, ordinanza 29.03.2010 n° 7550 (Manuela Rinaldi) )

Legge Pinto: equa riparazione, competenza e giurisdizione (Cassazione civile , SS.UU., ordinanza 16.03.2010 n° 6306 (Manuela Rinaldi) )

Letture, qualificazione e contumacia e tenuta del sistema italo-europeo (Articolo 04.03.2010 (Danilo Iacobacci) )

Sul termine di prescrizione e di decadenza nella legge Pinto (Cassazione civile , sez. I, sentenza 24.02.2010 n° 4524 (Domenico Chindemi) )

Irragionevole durata del processo: prescrizione del diritto all'equa riparazione (Cassazione civile , sez. I, sentenza 24.02.2010 n° 4524 (Vincenzo Galatro) )

Il litisconsorzio necessario e la sospensione (non) necessaria del processo tributario (Cassazione civile , sez. tributaria, sentenza 18.02.2010 n° 3830 (Roberto Alecci) )

Irragionevole durata del processo e riparazione: i criteri per stabilere il quantum (Cassazione civile sez. I, ordinanza 25.01.2010 n° 1300 (Manuela Rinaldi) )

Lite temeraria, valutazione, equità, precisazioni (Tribunale Varese, ordinanza 23.01.2010)

Processo breve: il disegno di legge approvato dal Senato (Disegno di legge approvato dal Senato il 20.01.2010 n° 1880 )

Irragionevole durata del processo, standards, indennizzo (Cassazione civile , sez. I, sentenza 07.01.2010 n° 61 )

Irragionevole durata del processo e liquidazione dell’indennizzo (Cassazione civile , sez. I, sentenza 07.01.2010 n° 61 (Vincenzo Galatro) )

Irragionevole durata del processo, indennizzo, quantum, precisazioni (Cassazione civile , sez. I, sentenza 31.12.2009 n° 28247 )

Irragionevole durata del processo, indennizzo, processo di cognizione (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 24.12.2009 n° 27365 )

La legge Pinto si applica anche alla procedura fallimentare (Cassazione civile , sez. I, sentenza 18.11.2009 n° 24360 )

Equa riparazione, fallimento-lumaca, diritto all'indennizzo, creditore, somma modesta (Cassazione civile , sez. I, sentenza 18.11.2009 n° 24360 )

Equa riparazione, interessi legali, danno non patrimoniale, precisazioni (Cassazione civile , sez. I civile, sentenza 16.11.2009 n° 24187 )

Spese, condanna, precisazioni, motivazione (Tribunale Bari, sez. III civile, sentenza 05.11.2009 n° 3308 )

Ragionevole durata dei processi, legittimazione dell’amministratore di condominio (Cassazione civile , sez. I, sentenza 23.10.2009 n° 22558 )

Equa riparazione, quantificazione del danno non patrimoniale, criteri, precisazioni (Cassazione civile , sez. I, sentenza 14.10.2009 n° 21840 )

Liquidazione delle spese processuali e dell’onorario spettante al difensore (Cassazione civile , sez. I, sentenza 07.10.2009 n° 21371 (Vincenzo Galatro) )

Irragionevole durata del processo, equa riparazione, segmento della stessa causa già risarcito (Cassazione penale , sez. I, sentenza 21.09.2009 n° 20318 )

Ragionevole durata del processo, termini rigidi, assolutezza, insussistenza (Cassazione civile , sez. I, ordinanza 02.07.2009 n° 15578 )

Durata irragionevole del processo, adeguamento corte Europea, automaticità (Cassazione civile , sez. I, ordinanza 02.07.2009 n° 15568 )

Durata irragionevole, indennizzo, prescrizione, dies a quo (Corte d'Appello Reggio Calabria, sez. civile, decreto 11.05.2009)

Indennizzo, durata irragionevole processo, interdetto, ammissibilità (Cassazione civile , sez. I, sentenza 06.05.2009 n° 10412 )

Percentualizzazione del danno morale e reductio ad unum del danno biologico (Articolo 06.05.2009 (Luigi Viola) )

Comunità Europea, danni civili e penali, equa riparazione (Cassazione civile , sez. I, sentenza 06.05.2009 n° 10415 )

Danno non patrimoniale, irragionevole durata, ansia, presunzioni (Corte d'Appello Potenza, sez. lavoro, decreto 10.03.2009)

Processo, durata irragionevole, indennizzo, particolare importanza, precisazioni (Cassazione civile , sez. I, sentenza 17.02.2009 n° 3814 )

Danno da stress, durata irragionevole del processo, indennizzo, prova (Cassazione civile , sez. I, sentenza 28.01.2009 n° 2144 )

Equa riparazione da irragionevole durata del processo: le novità giurisprudenziali (Focus di Massimario.it agg. al 26.01.2009 (Luigi Viola) )

Irragionevole durata del processo e definizione del giudizio di ottemperanza (Cassazione civile , sez. I, sentenza 23.01.2009 n° 1732 (Vincenzo Galatro) )

Danno da irragionevole durata del processo: danno patrimoniale e non patrimoniale (Cassazione civile , sez. I, sentenza 12.01.2009 n° 402 (Vincenzo Galatro) )

Processo, irragionevole durata, equa riparazione, danno, esiguità (Cassazione civile , sez. I, sentenza 01.12.2008 n° 28501 )

Le Sezioni Unite sul danno esistenziale (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 11.11.2008 n° 26972 (Paolo Franceschetti) )

Il danno esistenziale esiste? La posizione delle Sezioni Unite (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 11.11.2008 n° 26972 (Luigi Viola) )

Irragionevole durata del processo, danno non patrimoniale, accertamento (Cassazione civile , sez. I, sentenza 02.07.2008 n° 18162 )

Il diritto all’equa riparazione per violazione del termine ragionevole del processo (Articolo 14.04.2008 (Walter Giacardi) )

Danno da irragionevole durata del processo: parametri europei e criteri per la determinazione (Cassazione civile , sez. I, sentenza 03.04.2008 n° 8521 (Vincenzo Galatro) )

Irragionevole durata del processo, danno non patrimoniale, presupposti (Cassazione civile , sez. I, sentenza 03.04.2008 n° 8523 )

Ingiusta detenzione, risarcimento, insussistenza, precisazioni (Cassazione penale , sez. III, sentenza 13.03.2008 n° 11251 (Gesuele Bellini) )

Irragionevole durata del processo, danno non patrimoniale, persone giuridiche (Cassazione civile , sez. I, sentenza 10.01.2008 n° 337 )

Danno non patrimoniale delle persone giuridiche (Cassazione civile , sez. I, sentenza 07.01.2008 n° 31 (Solange Manfredi) )

Irragionevole durata dei processi: tempo rilevante e criteri di indennizzo (Cassazione civile , sez. I, sentenza 03.01.2008 n° 14 (Vincenzo Galatro) )

Irragionevole durata dei processi, indennizzo, quantum debeatur, criteri (Cassazione civile , sez. I, sentenza 03.01.2008 n° 14 )

L’infiltrazione nella terrazza a livello e i tempi lunghi della giustizia (Cassazione civile , sez. III, sentenza 13.12.2007 n° 26239 (Giuseppe Mommo) )

Responsabilità medica e risarcimento danni: una materia in continua evoluzione (Articolo 29.09.2007 (Giuseppe Mommo) )

Irragionevole durata del processo, riparazione, competenza funzionale (Corte Costituzionale , sentenza 17.07.2007 n° 287 )

Durata irragionevole del processo, equa riparazione, ricorso, proposizione (Tribunale Bologna, sentenza 13.06.2007 )

Lite temeraria e risarcimento danni (Articolo e Ilaria Pulice 16.04.2007 (Marianna Pulice) )

Ragionevole durata del processo (Cassazione civile , sez. I, sentenza 27.02.2007 n° 4476 )

Il danno esistenziale (Articolo di Felice Lima 07.02.2007)

Legge Finanziaria 2007 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale (Legge 27.12.2006 n° 296 , G.U. 27.12.2006 )

Durata irragionevole del processo amministrativo e istanza di prelievo (Cassazione civile , sez. I, sentenza 04.12.2006 n° 25668 (Antonella Crisafulli) )

Richieste di rinvio formulate dalle parti ed irragionevole durata del processo (Cassazione civile , sez. I, sentenza 13.04.2006 n° 8716 (Andrea Gnignera) )

Durata ragionevole del processo: eredi legittimati a richiedere l'indennizzo (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 23.12.2005 n° 28507 (Giuseppe Buffone) )

Divorzio pronunciato con ritardo e risarcimento del danno esistenziale (Cassazione civile , sez. I, sentenza 04.10.2005 n° 19354 (Luigi Viola, Paolo Cendon) )

Risarcimento del danno non patrimoniale per durata eccessiva del processo (Corte d'Appello di Bari, decreto 16.03.2004 (Antonio Tanza) )


Seminario online di aggiornamento professionale, accreditato 4 ore CNF

I seminari in materia di processo telematico, mirano a fornire all’Avvocato una preparazione di base in vista dell’imminente entrata a regime del Processo Civile telematico. L'intero percorso formativo &egr ...

Avv. Giovanni PRINCIPE

Lo studio, con sede in Messina, si occupa di diritto civile.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli Equitalia esame esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto Inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura