ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Testo unico sul Pubblico Impiego
Decreto legislativo , testo coordinato 30.03.2001 n° 165 , G.U. 09.05.2001

Pubblichiamo il testo unico sul Pubblico impiego aggiornato con le modifiche apportate dal D.L. 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla L. 11 agosto 2014, n. 114 e dalla L. 11 agosto 2014, n. 125.

.

Testo unico sul Pubblico impiego (Dlgs 165/2001)


Titolo I - Principi generali (artt. 1-9)
Titolo II - Organizzazione (artt. 10-39)
Titolo III - Contrattazione collettiva e rappresentatività sindacale (artt. 40-50-bis)
Titolo IV - Rapporto di lavoro (artt. 51-57)
Titolo V - Controllo della spesa (artt. 58-62)
Titolo VI - Giurisdizione (artt. 63-66)
Titolo VII - Disposizioni diverse e norme transitorie finali (artt. 67-73)
Allegati


 Altalex eBook - Collana "Codici Altalex''

 T.U. Pubbligo impiego
(agg. alla Legge 2 maggio 2014, n. 68)

SCARICALO GRATUITAMENTE in formato pdf


 Vedi anche

 "Codice della Contabilità Pubblica" 

aggiornato alla L. n. 56/2012 a cura di V. Raeli  e ammesso al concorso per referendario della Corte dei conti.

Acquistalo subito con il 10% di sconto .







Testo unico sul Pubblico impiego

(Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165)

** * **

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 ed 87 della Costituzione.

Vista la legge 23 ottobre 1992, n. 421, ed in particolare l'articolo 2;

Vista la legge 15 marzo 1997, n. 59;

Visto il decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive modificazioni ed integrazioni;
Visto l'articolo 1, comma 8, della legge 24 novembre 2000, n. 340:

Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri adottata nella seduta del 7 febbraio 2001;

Acquisito il parere dalla Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, espresso in data 8 febbraio 2001;

Acquisito il parere delle competenti Commissioni del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, rispettivamente in data 27 e 28 febbraio 2001;

Viste le deliberazioni del Consiglio dei Ministri, adottate nelle sedute del 21 e 30 marzo 2001;

Su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri e del Ministero per la funzione pubblica;

Emana il seguente decreto legislativo:

TITOLO I
Principi generali

Art. 1.
Finalità ed ambito di applicazione.

1.  Le disposizioni del presente decreto disciplinano l'organizzazione degli uffici e i rapporti di lavoro e di impiego alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche, tenuto conto delle autonomie locali e di quelle delle regioni e delle province autonome, nel rispetto dell'articolo 97, comma primo, della Costituzione, al fine di:

a)  accrescere l'efficienza delle amministrazioni in relazione a quella dei corrispondenti uffici e servizi dei Paesi dell'Unione europea, anche mediante il coordinato sviluppo di sistemi informativi pubblici;

b)  razionalizzare il costo del lavoro pubblico, contenendo la spesa complessiva per il personale, diretta e indiretta, entro i vincoli di finanza pubblica;

c)  realizzare la migliore utilizzazione delle risorse umane nelle pubbliche amministrazioni, assicurando la formazione e lo sviluppo professionale dei dipendenti, applicando condizioni uniformi rispetto a quelle del lavoro privato, garantendo pari opportunità alle lavoratrici ed ai lavoratori nonché l’assenza di qualunque forma di discriminazione e di violenza morale o psichica. (1)

2.  Per amministrazioni pubbliche si intendono tutte le amministrazioni dello Stato, ivi compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative, le aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane, e loro consorzi e associazioni, le istituzioni universitarie, gli Istituti autonomi case popolari, le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni, tutti gli enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali, le amministrazioni, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale, l'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (ARAN) e le Agenzie di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300. Fino alla revisione organica della disciplina di settore, le disposizioni di cui al presente decreto continuano ad applicarsi anche al CONI. (2


3.  Le disposizioni del presente decreto costituiscono principi fondamentali ai sensi dell'articolo 117 della Costituzione. Le Regioni a statuto ordinario si attengono ad esse tenendo conto delle peculiarità dei rispettivi ordinamenti. I principi desumibili dall'articolo 2 della legge 23 ottobre 1992, n. 421, e successive modificazioni, e dall'articolo 11, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n. 59, e successive modificazioni ed integrazioni, costituiscono altresì, per le Regioni a statuto speciale e per le province autonome di Trento e di Bolzano, norme fondamentali di riforma economico-sociale della Repubblica.

(1) Lettera così sostituita dall'art. 21, co. 1, lett. a), L. 4 novembre 2010, n. 183.
(2) Comma così modificato dall'art. 1, co. 1, L. 15 luglio 2002, n. 145 e, successivamente, dall'art. 2, co. 2-quaterdecies, D.L. 29 dicembre 2010, n. 225, convertito, con modificazioni, nella L. 26 febbraio 2011, n. 10.

Art. 2.
Fonti.

1. Le amministrazioni pubbliche definiscono, secondo principi generali fissati da disposizioni di legge e, sulla base dei medesimi, mediante atti organizzativi secondo i rispettivi ordinamenti, le linee fondamentali di organizzazione degli uffici; individuano gli uffici di maggiore rilevanza e i modi di conferimento della titolarità dei medesimi; determinano le dotazioni organiche complessive. Esse ispirano la loro organizzazione ai seguenti criteri:

a) funzionalità rispetto ai compiti e ai programmi di attività, nel perseguimento degli obiettivi di efficienza, efficacia ed economicità. A tal fine, periodicamente e comunque all'atto della definizione dei programmi operativi e dell'assegnazione delle risorse, si procede a specifica verifica e ad eventuale revisione;

b) ampia flessibilità, garantendo adeguati margini alle determinazioni operative e gestionali da assumersi ai sensi dell'articolo 5, comma 2;

c) collegamento delle attività degli uffici, adeguandosi al dovere di comunicazione interna ed esterna, ed interconnessione mediante sistemi informatici e statistici pubblici;

d) garanzia dell'imparzialità e della trasparenza dell'azione amministrativa, anche attraverso l'istituzione di apposite strutture per l'informazione ai cittadini e attribuzione ad un unico ufficio, per ciascun procedimento, della responsabilità complessiva dello stesso;

e) armonizzazione degli orari di servizio e di apertura degli uffici con le esigenze dell'utenza e con gli orari delle amministrazioni pubbliche dei Paesi dell'Unione europea.

1-bis. I criteri di organizzazione di cui al presente articolo sono attuati nel rispetto della disciplina in materia di trattamento dei dati personali.

2. I rapporti di lavoro dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche sono disciplinati dalle disposizioni del capo I, titolo II, del libro V del codice civile e dalle leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell'impresa, fatte salve le diverse disposizioni contenute nel presente decreto che costituiscono disposizioni a carattere imperativo. Eventuali disposizioni di legge, regolamento o statuto, che introducano discipline dei rapporti di lavoro la cui applicabilità sia limitata ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche, o a categorie di essi, possono essere derogate da successivi contratti o accordi collettivi e, per la parte derogata, non sono ulteriormente applicabili, solo qualora ciò sia espressamente previsto dalla legge. (1)

3. I rapporti individuali di lavoro di cui al comma 2 sono regolati contrattualmente. I contratti collettivi sono stipulati secondo i criteri e le modalità previste nel titolo III del presente decreto; i contratti individuali devono conformarsi ai princìpi di cui all'articolo 45, comma 2. L'attribuzione di trattamenti economici può avvenire esclusivamente mediante contratti collettivi e salvo i casi previsti dal comma 3-ter e 3-quater dell’articolo 40 e le ipotesi di tutela delle retribuzioni di cui all’articolo 47-bis, o, alle condizioni previste, mediante contratti individuali. Le disposizioni di legge, regolamenti o atti amministrativi che attribuiscono incrementi retributivi non previsti da contratti cessano di avere efficacia a far data dall'entrata in vigore del relativo rinnovo contrattuale. I trattamenti economici più favorevoli in godimento sono riassorbiti con le modalità e nelle misure previste dai contratti collettivi e i risparmi di spesa che ne conseguono incrementano le risorse disponibili per la contrattazione collettiva. (2)

3-bis. Nel caso di nullità delle disposizioni contrattuali per violazione di norme imperative o dei limiti fissati alla contrattazione collettiva, si applicano gli articoli 1339 e 1419, secondo comma, del codice civile.(3)

(1) Comma così modificato dall'art. 1, co. 1, L. 4 marzo 2009, n. 15 e poi dall'art. 33, co. 1, lett. a), D.Lgs.27 ottobre 2009, n. 150.
(2) Comma così modificato dall’art. 33, co. 1, lett. b), D.Lgs. 27 ottobre 2009, n. 150.
(3) Comma aggiunto dall’art. 33, co. 1, lett. c), D.Lgs. 27 ottobre 2009, n. 150

Art. 3.
Personale in regime di diritto pubblico.

1. In deroga all'articolo 2, commi 2 e 3, rimangono disciplinati dai rispettivi ordinamenti: i magistrati ordinari, amministrativi e contabili, gli avvocati e procuratori dello Stato, il personale militare e le Forze di polizia di Stato, il personale della carriera diplomatica e della carriera prefettizia nonché i dipendenti degli enti che svolgono la loro attività nelle materie contemplate dall'articolo 1 del decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 17 luglio 1947, n. 691, e dalle leggi 4 giugno 1985, n. 281, e successive modificazioni ed integrazioni, e 10 ottobre 1990, n. 287.

1-bis. In deroga all'articolo 2, commi 2 e 3, il rapporto di impiego del personale, anche di livello dirigenziale, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, esclusi il personale volontario previsto dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 2 novembre 2000, n. 362, e il personale volontario di leva, è disciplinato in regime di diritto pubblico secondo autonome disposizioni ordinamentali. (1)

1-ter. In deroga all'articolo 2, commi 2 e 3, il personale della carriera dirigenziale penitenziaria è disciplinato dal rispettivo ordinamento. (2)

2. Il rapporto di impiego dei professori e dei ricercatori universitari resta disciplinato dalle disposizioni rispettivamente vigenti, in attesa della specifica disciplina che la regoli in modo organico ed in conformità ai princìpi della autonomia universitaria di cui all'articolo 33 della Costituzione ed agli articoli 6 e seguenti della legge 9 maggio 1989, n. 168, e successive modificazioni ed integrazioni, tenuto conto dei princìpi di cui all'articolo 2, comma 1, della legge 23 ottobre 1992, n. 421.

(1) Comma aggiunto dall'art. 1, co. 1, L. 30 settembre 2004, n. 252
(2) Comma aggiunto dall'art. 2, co. 2, L. 27 luglio 2005, n. 154

Art. 4.
Indirizzo politico-amministrativo. Funzioni e responsabilità.

1. Gli organi di governo esercitano le funzioni di indirizzo politico-amministrativo, definendo gli obiettivi ed i programmi da attuare ed adottando gli altri atti rientranti nello svolgimento di tali funzioni, e verificano la rispondenza dei risultati dell'attività amministrativa e della gestione agli indirizzi impartiti. Ad essi spettano, in particolare:

a) le decisioni in materia di atti normativi e l'adozione dei relativi atti di indirizzo interpretativo ed applicativo;

b) la definizione di obiettivi, priorità, piani, programmi e direttive generali per l'azione amministrativa e per la gestione;

c) la individuazione delle risorse umane, materiali ed economico-finanziarie da destinare alle diverse finalità e la loro ripartizione tra gli uffici di livello dirigenziale generale;

d) la definizione dei criteri generali in materia di ausili finanziari a terzi e di determinazione di tariffe, canoni e analoghi oneri a carico di terzi;

e) le nomine, designazioni ed atti analoghi ad essi attribuiti da specifiche disposizioni;

f) le richieste di pareri alle autorità amministrative indipendenti ed al Consiglio di Stato;

g) gli altri atti indicati dal presente decreto.

2. Ai dirigenti spetta l'adozione degli atti e provvedimenti amministrativi, compresi tutti gli atti che impegnano l'amministrazione verso l'esterno, nonché la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa mediante autonomi poteri di spesa di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo. Essi sono responsabili in via esclusiva dell'attività amministrativa, della gestione e dei relativi risultati.

3. Le attribuzioni dei dirigenti indicate dal comma 2 possono essere derogate soltanto espressamente e ad opera di specifiche disposizioni legislative.

4. Le amministrazioni pubbliche i cui organi di vertice non siano direttamente o indirettamente espressione di rappresentanza politica, adeguano i propri ordinamenti al principio della distinzione tra indirizzo e controllo, da un lato, e attuazione e gestione dall'altro. A tali amministrazioni è fatto divieto di istituire uffici di diretta collaborazione, posti alle dirette dipendenze dell'organo di vertice dell'ente. (1)

(1) Periodo aggiunto dall'art. 2, co. 632, L. 24 dicembre 2007, n. 244.

Art. 5.
Potere di Organizzazione.

1. Le amministrazioni pubbliche assumono ogni determinazione organizzativa al fine di assicurare l’attuazione dei principi di cui all’articolo 2, comma 1, e la rispondenza al pubblico interesse dell'azione ammi-nistrativa.

2. Nell'ambito delle leggi e degli atti organizzativi di cui all'articolo 2, comma 1, le determinazioni per l’organizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro sono assunte in via esclusiva dagli organi preposti alla gestione con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, fatti salvi la sola informazione ai sindacati per le determinazioni relative all’organizzazione degli uffici ovvero, limitatamente alle misure riguardanti i rapporti di lavoro, l’esame congiunto, ove previsti nei contratti di cui all’articolo 9. Rientrano, in particolare, nell’esercizio dei poteri dirigenziali le misure inerenti la gestione delle risorse umane nel rispetto del principio di pari opportunità, nonché la direzione, l’organizzazione del lavoro nell’ambito degli uffici (1).

3. Gli organismi di controllo interno verificano periodicamente la rispondenza delle determinazioni organizzative ai principi indicati all'articolo 2, comma 1, anche al fine di proporre l'adozione di eventuali interventi correttivi e di fornire elementi per l'adozione delle misure previste nei confronti dei responsabili della gestione.

3-bis. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche alle Autorità amministrative indipendenti. (2)

(1) Comma sostituito dall'art. 34, co. 1, lett. a), D.Lgs. 27 ottobre 2009, n. 150 e, successivamente, così modificato dall'art. 2, co. 17, D.L. 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, nella L. 7 agosto 2012, n. 135.
(2) Comma aggiunto dall'art. 34, co. 1, lett. b), D.Lgs. 27 ottobre 2009, n. 150.

Art. 6.
Organizzazione e disciplina degli uffici e dotazioni organiche.

1. Nelle amministrazioni pubbliche l'organizzazione e la disciplina degli uffici, nonché la consistenza e la variazione delle dotazioni organiche sono determinate in funzione delle finalità indicate all'articolo 1, comma 1, previa verifica degli effettivi fabbisogni e previa informazione delle organizzazioni sindacali rappresentative ove prevista nei contratti di cui all'articolo 9. Nei casi in cui processi di riorganizzazione degli uffici comportano l'individuazione di esuberi o l'avvio di processi di mobilità, al fine di assicurare obiettività e trasparenza, le pubbliche amministrazioni sono tenute a darne informazione, ai sensi dell'articolo 33, alle organizzazioni sindacali rappresentative del settore interessato e ad avviare con le stesse un esame sui criteri per l'individuazione degli esuberi o sulle modalità per i processi di mobilità. Decorsi trenta giorni dall'avvio dell'esame, in assenza dell'individuazione di criteri e modalità condivisi, la pubblica amministrazione procede alla dichiarazione di esubero e alla messa in mobilità. Nell'individuazione delle dotazioni organiche, le amministrazioni non possono determinare, in presenza di vacanze di organico, situazioni di soprannumerarietà di personale, anche temporanea, nell'ambito dei contingenti relativi alle singole posizioni economiche delle aree funzionali e di livello dirigenziale. Ai fini della mobilità collettiva le amministrazioni effettuano annualmente rilevazioni delle eccedenze di personale su base territoriale per categoria o area, qualifica e profilo professionale. Le amministrazioni pubbliche curano l'ottimale distribuzione delle risorse umane attraverso la coordinata attuazione dei processi di mobilità e di reclutamento del personale. (1)

2. Per le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, si applica l'articolo 17, comma 4-bis, della legge 23 agosto 1988, n. 400. La distribuzione del personale dei diversi livelli o qualifiche previsti dalla dotazione organica può essere modificata con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del ministro competente di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, ove comporti riduzioni di spesa o comunque non incrementi la spesa complessiva riferita al personale effettivamente in servizio al 31 dicembre dell'anno precedente. (2)

3. Per la ridefinizione degli uffici e delle dotazioni organiche si procede periodicamente e comunque a scadenza triennale, nonché ove risulti necessario a seguito di riordino, fusione, trasformazione o tra-sferimento di funzioni. Ogni amministrazione procede adottando gli atti previsti dal proprio ordinamento.

4. Le variazioni delle dotazioni organiche già determinate sono approvate dall'organo di vertice delle amministrazioni in coerenza con la programmazione triennale del fabbisogno di personale di cui all'artico-lo 39 della legge 27 dicembre 1997, n. 449, e successive modificazioni ed integrazioni, e con gli strumenti di programmazione economico-finanziaria pluriennale. Per le amministrazioni dello Stato, la programmazione triennale del fabbisogno di personale è deliberata dal Consiglio dei ministri e le variazioni delle dotazioni organiche sono determinate ai sensi dell'articolo 17, comma 4-bis, della legge 23 agosto 1988, n. 400.

4-bis. Il documento di programmazione triennale del fabbisogno di personale ed i suoi aggiornamenti di cui al comma 4 sono elaborati su proposta dei competenti dirigenti che individuano i profili professionali necessari allo svolgimento dei compiti istituzionali delle strutture cui sono preposti.

5. Per la Presidenza del Consiglio dei ministri, per il Ministero degli affari esteri, nonché per le amministrazioni che esercitano competenze istituzionali in materia di difesa e sicurezza dello Stato, di polizia e di giustizia, sono fatte salve le particolari disposizioni dettate dalle normative di settore. L'articolo 5, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 503, relativamente al personale appartenente alle Forze di polizia ad ordinamento civile, si interpreta nel senso che al predetto personale non si applica l'articolo 16 dello stesso decreto. Restano salve le disposizioni vigenti per la determinazione delle piante organiche del personale degli istituti e scuole di ogni ordine e grado e delle istituzioni educative. Le attribuzioni del Ministero dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica, relative a tutto il personale tecnico e amministrativo universitario, ivi compresi i dirigenti, sono devolute all'università di appartenenza. Parimenti sono attribuite agli osservatori astronomici, astrofisici e vesuviano tutte le attribuzioni del Ministero dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica in materia di personale, ad eccezione di quelle relative al reclutamento del personale di ricerca.

6. Le amministrazioni pubbliche che non provvedono agli adempimenti di cui al presente articolo non possono assumere nuovo perso-nale, compreso quello appartenente alle categorie protette.

(1) Comma così modificato dall'art. 11, co. 1, D.L. 10 gennaio 2006, n. 4, convertito, con modificazioni, nella L. 9 marzo 2006, n. 80 e, successivamente, dall'art. 2, co. 18, lett. a) e b), D.L. 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla L. 7 agosto 2012, n. 135.
(2) Comma inserito dall'art. 35, co. 1, D.Lgs. 27 ottobre 2009, n. 150.

Art. 6-bis.
Misure in materia di organizzazione e razionalizzazione della spesa per il funzionamento delle pubbliche amministrazioni (1)

1. Le pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, nonché gli enti finanziati direttamente o indirettamente a carico del bilancio dello Stato sono autorizzati, nel rispetto dei princìpi di concorrenza e di trasparenza, ad acquistare sul mercato i servizi, originariamente prodotti al proprio interno, a condizione di ottenere conseguenti economie di gestione e di adottare le necessarie misure in materia di personale e di dotazione organica.

2. Relativamente alla spesa per il personale e alle dotazioni organiche, le amministrazioni interessate dai processi di cui al presente articolo provvedono al congelamento dei posti e alla temporanea riduzione dei fondi della contrattazione, fermi restando i conseguenti processi di riduzione e di rideterminazione delle dotazioni organiche nel rispetto dell’articolo 6 nonché i conseguenti processi di riallocazione e di mobilità del personale.

3. I collegi dei revisori dei conti e gli organi di controllo interno delle amministrazioni che attivano i processi di cui al comma 1 vigilano sull’applicazione del presente articolo, dando evidenza, nei propri verbali, dei risparmi derivanti dall’adozione dei provvedimenti in materia di organizzazione e di personale, anche ai fini della valutazione del personale con incarico dirigenziale di cui all’articolo 5 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286

(1) Articolo introdotto dall'articolo 22, co. 1, della L. 18 giugno 2009, n. 69

Art. 7.
Gestione delle risorse umane.

 1.  Le pubbliche amministrazioni garantiscono parità e pari opportunità tra uomini e donne e l’assenza di ogni forma di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all’età, all’orientamento sessuale, alla razza, all’origine etnica, alla disabilità, alla religione o alla lingua, nell’accesso al lavoro, nel trattamento e nelle condizioni di lavoro, nella formazione professionale, nelle promozioni e nella sicurezza sul lavoro. Le pubbliche amministrazioni garantiscono altresì un ambiente di lavoro improntato al benessere organizzativo e si impegnano a rilevare, contrastare ed eliminare ogni forma di violenza morale o psichica al proprio interno. (1)

2.  Le amministrazioni pubbliche garantiscono la libertà di insegnamento e l'autonomia professionale nello svolgimento dell'attività didattica, scientifica e di ricerca.

3.  Le amministrazioni pubbliche individuano criteri certi di priorità nell'impiego flessibile del personale, purché compatibile con l'organizzazione degli uffici e del lavoro, a favore dei dipendenti in situazioni di svantaggio personale, sociale e familiare e dei dipendenti impegnati in attività di volontariato ai sensi della legge 11 agosto 1991, n. 266.

4.  Le amministrazioni pubbliche curano la formazione e l'aggiorna-mento del personale, ivi compreso quello con qualifiche dirigenziali, garantendo altresì l'adeguamento dei programmi formativi, al fine di contribuire allo sviluppo della cultura di genere della pubblica amministrazione.

5.  Le amministrazioni pubbliche non possono erogare trattamenti economici accessori che non corrispondano alle prestazioni effettivamente rese.

6. Per esigenze cui non possono far fronte con personale in servizio, le amministrazioni pubbliche possono conferire incarichi individuali, con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa, ad esperti di particolare e comprovata specializzazione anche universitaria, in presenza dei seguenti presupposti di legittimità:

a) l'oggetto della prestazione deve corrispondere alle competenze attribuite dall'ordinamento all'amministrazione conferente, ad obiettivi e progetti specifici e determinati e deve risultare coerente con le esigenze di funzionalità dell'amministrazione conferente;

b) l'amministrazione deve avere preliminarmente accertato l'impossibilità oggettiva di utilizzare le risorse umane disponibili al suo interno;

c) la prestazione deve essere di natura temporanea e altamente qualificata; non è ammesso il rinnovo; l'eventuale proroga dell'incarico originario è consentita, in via eccezionale, al solo fine di completare il progetto e per ritardi non imputabili al collaboratore, ferma restando la misura del compenso pattuito in sede di affidamento dell'incarico; (2)

d) devono essere preventivamente determinati durata, luogo, oggetto e compenso della collaborazione.

Si prescinde dal requisito della comprovata specializzazione universitaria in caso di stipulazione di contratti di collaborazione di natura occasionale o coordinata e continuativa per attività che debbano essere svolte da professionisti iscritti in ordini o albi o con soggetti che operino nel campo dell'arte, dello spettacolo, dei mestieri artigianali o dell’attività informatica nonché a supporto dell’attività didattica e di ricerca, per i servizi di orientamento, compreso il collocamento, e di certificazione dei contratti di lavoro di cui al decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, purché senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, ferma restando la necessità di accertare la maturata esperienza nel settore.

Il ricorso a contratti di collaborazione coordinata e continuativa per lo svolgimento di funzioni ordinarie o l'utilizzo dei collaboratori come lavoratori subordinati è causa di responsabilità amministrativa per il dirigente che ha stipulato i contratti. Il secondo periodo dell'articolo 1, comma 9, del decreto-legge 12 luglio 2004, n. 168 convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2004, n. 191, è soppresso. Si applicano le disposizioni previste dall'articolo 36, comma 3, del presente decreto e, in caso di violazione delle disposizioni di cui al presente comma, fermo restando il divieto di costituzione di rapporti di lavoro a tempo indeterminato, si applica quanto previsto dal citato articolo 36, comma 5-quater. (3)

6-bis.  Le amministrazioni pubbliche disciplinano e rendono pubbliche, secondo i propri ordinamenti, procedure comparative per il conferimento degli incarichi di collaborazione. (4)

6-ter.  I regolamenti di cui all'articolo 110, comma 6, del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, si adeguano ai principi di cui al comma 6. (4)

6-quater.  Le disposizioni di cui ai commi 6, 6-bis e 6-ter non si applicano ai componenti degli organismi di controllo interno e dei nuclei di valutazione, nonché degli organismi operanti per le finalità di cui all’ articolo 1, comma 5, della legge 17 maggio 1999, n. 144. (5)

(1) Comma così sostituito dall'art. 21, co. 1, lett. b), L. 4 novembre 2010, n. 183.
(2) Lettera così modificata dall'art. 1, co. 147, L. 24 dicembre 2012, n. 228.
(3) Il presente comma era stato sostituito dall'art. 32, co. 1, D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla L. 4 agosto 2006, n. 248, modificato dall'art. 3, co. 76, L. 24 dicembre 2007, n. 244, e sostituito dall'art. 46, co. 1, D.L. 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla L. 6 agosto 2008, n. 133. Infine, il presente comma è stato così modificato dall'art. 22, co. 2, lett. a) e b), L. 18 giugno 2009, n. 69, dall'art. 17, co. 27, D.L. 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla L. 3 agosto 2009, n. 102 e, successivamente dall'art. 4, comma 2, D.L. 31 agosto 2013, n. 101, convertito, con modificazioni, dalla L. 30 ottobre 2013, n. 125.
(4) Comma inserito dall'art. 32, co. 1, D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modi-ficazioni, dalla L. 4 agosto 2006, n. 248.
(5) Comma aggiunto dall'art. 3, co. 77, L. 24 dicembre 2007, n. 244

Art. 7-bis.
Formazione del personale (1)

(1) Articolo abrogato dall’art. 18, comma 1, lett. a), D.P.R. 16 aprile 2013, n. 70.

Art. 8.
Costo del lavoro, risorse finanziarie e controlli.

1. Le amministrazioni pubbliche adottano tutte le misure affinché la spesa per il proprio personale sia evidente, certa e prevedibile nella evoluzione. Le risorse finanziarie destinate a tale spesa sono determinate in base alle compatibilità economico-finanziarie definite nei documenti di programmazione e di bilancio.

2. L'incremento del costo del lavoro negli enti pubblici economici e nelle aziende pubbliche che producono servizi di pubblica utilità, nonché negli enti di cui all'articolo 70, comma 4, è soggetto a limiti compatibili con gli obiettivi e i vincoli di finanza pubblica.

Art. 9.
Partecipazione sindacale.

1. Fermo restando quanto previsto dall’articolo 5, comma 2, i contratti collettivi nazionali disciplinano le modalità e gli istituti della partecipazione. (1)

(1) Articolo così sostituito dall’art. 36, co. 1, D.Lgs. 27 ottobre 2009, n. 150

(segue>>)


Le nuove parcelle per gli avvocati - Volume + Software
Leonardo Carbone
€ 55,00
€ 49,50
Sconto 10%
Wolters Kluwer Italia

COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Pubblica amministrazione, incarichi organizzativi, conferimento, requisiti (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 11.09.2014 n° 19223 )

Appalti, processo e azioni: la responsabilità solidale (Articolo 21.07.2014 (Roberto Riverso) )

Comune, servizi legali, incarico esterno, patrocinio di causa, gara (TAR Campania-Salerno, sez. II, sentenza 16.07.2014 n° 1383 )

Corte dei Conti: autorizzato il reclutamento di 18 referendari (D.P.C.M. 20.06.2014)

Testo Unico Pubblico impiego, Ed. Maggio 2014 - SCARICA GRATIS L'EBOOK (eBook gratuito, segnalazione 27.05.2014)

Pubblico impiego: incarichi dirigenziali e giurisdizione del Giudice Ordinario (Consiglio di Stato , sez. IV, sentenza 14.05.2014 n° 2495 (Valeria Tevere) )

Project financing: sugli incentivi ai dipendenti decide il giudice del lavoro (TAR Campania-Napoli, sez. I, sentenza 24.04.2014 n° 2305 (Riccardo Bianchini) )

Enti pubblici economici, dipendente, Agenzia del Demanio, mobilità, concorso (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 23.04.2014 n° 2049 )

Edilizia pubblica, ordinanza di rilascio, dirigente, separazione funzionale (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 20.02.2014 n° 830 )

Codice della privacy commentato - 2^ edizione (Aggiornato al D.Lgs. n. 69/2012 ed alla L. n. 35/2012 ***NOVITA' EDITORIALE*** (Marco A. Quiroz Vitale) )

Mobbing, mansioni dequalificanti, nuova assegnazione, danno, reintegra (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 15.01.2014 n° 687 )

Precari della Pa: chiarimenti sulle nuove procedure di stabilizzazione (Articolo 08.01.2014 (Giuseppe Donato Nuzzo) )

Dipendenti pubblici, stipendio, blocco, università, legittimità costituzionale (Corte Costituzionale , sentenza 17.12.2013 n° 310 )

Pubblico impiego, assunzione in prova, durata, obbligo ex lege, contrattazione (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 18.11.2013 n° 25823 )

Corpi militarizzati, arruolamento, graduatoria, scorrimento, inapplicabilità (TAR Lazio-Roma, sez. II, sentenza 07.11.2013 n° 9487 )

Lavoro, ente pubblico, gestione, autotutela, interesse pubblico, irrilevanza (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 10.10.2013 n° 23060 )

Le società strumentali tra il d.l. Bersani e il d.l. Spending Review (Corte dei Conti , sez. Lombardia, deliberazione 07.10.2013 n° 411 (Francesco Logiudice) )

Razionalizzazione Pa: tagli spesa, mobilità pubblico impiego e meno precari (Previsto il blocco dell’acquisto di autoblu e l'assunzione di 1000 vigili del fuoco)

Contratto pubblico, deroghe, contrattualizzazione, pubblico impieglo, esclusione (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 15.07.2013 n° 17322 )

Accesso civico: verso il superamento dell’accesso procedimentale? Parte III (Articolo 08.07.2013 (Luca Cestaro) )

Esimente politica non salva il sindaco se atti rientrano nella sua competenza (Corte dei Conti , sez. Puglia, sentenza 26.06.2013 n° 1014 (Cristiana Cremonesi) )

Accesso civico: verso il superamento dell’accesso procedimentale? Parte II (Articolo 10.06.2013 (Luca Cestaro) )

Dirigenza, contestazioni, comunicazioni scritte, denigrazione, licenziamento (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 29.04.2013 n° 10107 )

Sistema di reclutamento e formazione di dirigenti e funzionari pubblici (D.P.R. 16.04.2013 n° 70 , G.U. 24.06.2013 )

P.A.: prorogabili fino a luglio i contratti a tempo determinato (Articolo 15.02.2013 (Ettore Vita) )

Dipendenti pubblici, indennità chilometriche, privatizzazione, competenza (Corte Costituzionale , sentenza 14.02.2013 n° 19 )

Reato, insussistenza, illecito disciplinare, dipendente pubblico, licenziamento (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 08.01.2013 n° 206 )

Dipendente pubblico inadempiente: è ammissibile la contestazione tardiva? (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 28.12.2012 n° 24009 (Angela Chiacchio) )

Quote rosa: nuove disposizioni per consigli e giunte di enti locali e regioni (Legge 23.11.2012 n° 215 , G.U. 11.12.2012 )

Inesattezze nelle domande di concorso e dichiarazioni mendaci (Consiglio di Stato , sez. IV, sentenza 14.11.2012 n° 5762 (Roberto Pellegrini) )

Controversie su scorrimento graduatorie concorsuali: giurisdizione amministrativa (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 12.11.2012 n° 19595 (Clorinda Di Franco) )

La mediazione si applica anche alle pubbliche amministrazioni. Ecco le linee guida per le p.a. (Articolo 22.10.2012 (Giulio Spina) )

Dirigente pubblico, trattamento economico, valutazione, giurisdizione ordinaria (TAR Piemonte-Torino, sez. II, sentenza 27.09.2012 n° 1006 )

Codice della contabilità pubblica (Tomo I + Tomo II) - Ed. 2012 (Libro , segnalazione del 11.07.2012 (Vittorio Raeli) )

I concorsi pubblici nella giurisprudenza recente (Focus di Massimario.it agg. al 17.04.2012 )

Vicesegretario comunale, diritti di rogito, autoliquidazione, legittimità (Corte dei Conti , sez. Sicilia, sentenza 08.03.2012 n° 786 )

eBook ''Pubblico Impiego: mansioni superiori, inferiori ed equivalenti'' (eBook , segnalazione del 28.02.2012 (Roberto Pellegrini) )

Il dottorato di ricerca per il dipendente pubblico dopo la riforma ''Gelmini'' (Articolo 24.01.2012 (Nicola Longhi) )

Pubblico impiego, accesso, privatizzazione, contratti a termine, conversione (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 13.01.2012 n° 392 )

Differenze stipendiali, decreto ingiuntivo, ricorso, prescrizione, notificazione (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 11.11.2011 n° 5961 )

Lavoro, mobilità interna, novazione, rapporto di lavoro, esclusione (Tribunale Brindisi, sez. lavoro, sentenza 10.11.2011 n° 4190 )

Servizi pubblici locali e obbligo di dismissione: quali novità nella Manovra 2011? (Articolo 03.11.2011 (Riccardo Bianchini) )

Lavoratore, qualifica, mansioni superiori, differenze retributive, diritto (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 27.10.2011 n° 22438 )

La delega alla sottoscrizione degli avvisi di accertamento (Articolo 20.10.2011 (Francesca Sannicandro, Maurizio Villani) )

Ordini professionali, Corte dei Conti, controllo di gestione, esclusione (Cassazione civile , sez. I, sentenza 14.10.2011 n° 21226 )

Funzione politica, funzione amministrativa, principio di separazione (TAR Sardegna-Cagliari, sez. II, ordinanza 12.10.2011 n° 968 )

Disposizioni per la codificazione in materia di pubblica amministrazione (Legge 03.10.2011 n° 174 , G.U. 02.11.2011 )

La ricorrente ricerca della flessibilità nelle mansioni (Articolo 08.09.2011 (Mario Meucci) )

Nuovo concorso o scorrimento delle graduatorie? Risponde l'Adunanza Plenaria (Consiglio di Stato , adunanza plenaria, sentenza 28.07.2011 n° 14 (Francesco Logiudice) )

Concorso pubblico, commissione, componente, impedimento (TAR Campania-Napoli, sez. V, sentenza 21.07.2011 n° 3895 )

Pubblico impiego, procedura di mobilità volontaria, giurisdizione (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 20.07.2011 n° 4402 )

Scuola, pubblico impiego, contratti a termine, divieto di conversione (Corte d'Appello Perugia, sez. lavoro, sentenza 16.07.2011 n° 341 )

Comportamento antisindacale, dirigente scolastico, sussistenza (Tribunale di Nuoro, sez. lavoro, decreto 01.06.2011 n° 162 )

Scorrimento di graduatorie: nuovo revirement giurisprudenziale sulla giurisdizione (Articolo 20.04.2011 (Edoardo Nicola Fragale) )

Progressione verticale, primo livello professionale, nozione (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 19.04.2011 n° 8924 )

Questione di costituzionalità, ammissibilità, limiti, altre interpretazioni (Corte Costituzionale , ordinanza 15.04.2011 n° 139 )

Spoil system incostituzionale anche per incarichi dirigenziali esterni prima del 2009 (Corte Costituzionale , sentenza 11.04.2011 n° 124 (Giulio Spina) )

Vice dirigenza: una chimera per pochi (Tribunale Caltanissetta, sentenza 06.04.2011 (Cesira Cruciani) )

Mansioni superiori nel pubblico impiego: differenze retributive e giurisdizione (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 16.02.2011 n° 3814 (Francesco Logiudice) )

Graduatorie ad esaurimento, modifica, docenti, collocamento in coda (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 08.02.2011 n° 3032 )

Giurisdizione in materia di scorrimento delle graduatorie concorsuali (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 08.02.2011 n° 3032 (Domenico Prosciutto) )

L’applicazione della riforma Brunetta non è condizionata da norme transitorie (Articolo 01.02.2011 (Francesco Logiudice) )

Graduazione e proporzionalità delle sanzioni disciplinari (Consiglio di Stato , sez. IV, decisione 07.01.2011 n° 25 (Rosita Ponticiello) )

Illegittime norme regionali che prevedono progressioni verticali e concorsi riservati (Corte Costituzionale , sentenza 05.01.2011 n° 7 (Francesco Logiudice) )

In Gazzetta la riforma del Codice dell'amministrazione digitale (Decreto legislativo 30.12.2010 n° 235 , G.U. 10.01.2011 )

La riforma Brunetta e la realtà dell'università (Articolo 17.12.2010 (Evarita D'Archivio) )

La conciliazione dopo il Collegato Lavoro: le prime istruzioni operative (Circolare Ministero Lavoro 25.11.2010 n° 3428 )

Dirigenti del SSN: il collegato lavoro innalza l’età per il collocamento a riposo (Articolo 22.11.2010 (Edoardo Nicola Fragale) )

Collegato Lavoro in pillole: la tabella delle novità sul rapporto di lavoro pubblico (Articolo 09.11.2010 (Francesco Logiudice) )

Collegato lavoro: il testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale (Legge 04.11.2010 n° 183 , G.U. 09.11.2010 (Manuela Rinaldi) )

Incarichi di diretta collaborazione con il Ministro: lo spoils system è legittimo (Corte Costituzionale , sentenza 28.10.2010 n° 304 (Giulio Spina) )

Pubblico impiego: disciplina del contratto di formazione e lavoro negli Enti Locali (Articolo 26.10.2010 (Giancarlo Neri) )

Il pignoramento presso terzi da parte degli agenti della riscossione (Articolo 22.10.2010 (Fernanda Ballardin) )

La dirigenza pubblica: lo spoils system dalla giurisprudenza alla manovra d’estate (Articolo 20.10.2010 (Francesco Logiudice, Giancarlo Neri) )

I riflessi della manovra d’estate sul personale delle PPAA (Articolo 24.09.2010 (Francesco Logiudice) )

Sullo stato giuridico dei dipendenti amministrativi della Università Iulm (Articolo 16.09.2010 (Franco Abruzzo) )

Concorsi pubblici: necessario il previo esperimento delle procedure di mobilità (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 18.08.2010 n° 5830 (Francesco Logiudice) )

Nuova direttiva sulla formazione dei dipendenti pubblici (Presidenza del Consiglio dei Ministri, direttiva 30.07.2010 n° 10 , G.U. 06.10.2010 )

La PEC e due falsi problemi di democrazia (Articolo 13.07.2010 (Gianni Penzo Doria) )

La disciplina della revoca degli incarichi dirigenziali negli enti locali (Articolo 08.07.2010 (Pasquale Russo, Maria Ilaria Bruno) )

Pubblico impiego privatizzato, controinteressati, necessità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 10.06.2010 n° 13968 )

Manovra correttiva: misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria (Decreto Legge , testo coordinato 31.05.2010 n° 78 , G.U. 30.07.2010 (Elena Salemi) )

Assentesimo dei medici: i chiarmenti su responsabilità e sanzioni (Presidenza del Consiglio dei Ministri, circolare 28.04.2010 n° 5 , G.U. 23.06.2010 (Manuela Rinaldi) )

Dati Nielsen: Altalex primo sito giuridico italiano con quasi 6 milioni di pagine visitate (Altalex, comunicato stampa 27.04.2010)

Certificati di malattia Inps: le istruzioni operative per l’invio telematico (INPS , circolare 16.04.2010 n° 60 (Simone Marani) )

L’esternalizzazione dei servizi nelle Aziende sanitarie siciliane (Articolo 16.04.2010 (Massimo Greco) )

D.Lgs. n. 150/09: vale tutto e il contrario di tutto? (Tribunale Torino, sez. civile, sentenza 02.04.2010 (Diego Noretta, Luigi Spadone) )

L’annullamento d’ufficio e ministeriale degli atti amministrativi (Articolo di Cristian Baldi e Denise Porfidia 22.03.2010)

La Class Action nella P.A. (Articolo 04.03.2010 (Giada Buzzi) )

Pubblico impiego: natura del bando di concorso e riparto di giurisdizione (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 26.02.2010 n° 4648 (Francesco Logiudice) )

Al via il cartellino per i dipendenti pubblici (Presidenza del Consiglio dei Ministri, circolare 17.02.2010 n° 3 (Gesuele Bellini) )

Concorsi pubblici: i bandi devono essere pubblicati nella Gazzetta Ufficiale (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 16.02.2010 n° 871 (William Damiani) )

Che PEC-cato! La posta elettronica certificata tra equivoci e limitati utilizzi concreti (Articolo 05.02.2010 (Andrea Lisi, Gianni Penzo Doria) )

Impiego pubblico, termine, precisazioni (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 03.02.2010 n° 500 )

Riordino dei licei e riforma degli istituti tecnici e professionali (Articolo 26.01.2010 (Pierangela Dagna) )

La natura giuridica della Libera Università Kore di Enna (Articolo 19.01.2010 (Massimo Greco) )

Precari della scuola statale: forme di tutela di derivazione comunitaria (Articolo 19.01.2010 (Luigi Giuseppe Papaleo) )

Debiti fuori bilancio: nuovi profili di responsabilità per danno erariale (Articolo 15.01.2010 (Pasquale Russo, Maria Ilaria Bruno) )

Pubblico impiego: i primi chiarimenti sui procedimenti disciplinari (Presidenza del Consiglio dei Ministri, circolare 27.11.2009 n° 9 (Gesuele Bellini) )

Scorrimento della graduatoria: facoltà e non obbligo (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 19.11.2009 n° 7243 (Roberto Pellegrini) )

Il rapporto di lavoro nel pubblico impiego dopo la riforma Brunetta (Articolo 07.11.2009 (Maurizio Danza) )

Attribuzione di incarichi e controllo preventivo di legittimità della corte dei conti (Articolo 28.10.2009 (Carlo Rapicavoli) )

Timbrare il cartellino e lasciare il posto di lavoro può integrare il reato di truffa (Cassazione penale , sez. II, sentenza 28.10.2009 n° 41471 (Rocchina Staiano) )

La riforma Brunetta sulla pubblica amministrazione pubblicata in Gazzetta (Decreto legislativo 27.10.2009 n° 150 , G.U. 31.10.2009 )

Caso Modulo 30: Responsabilità della P.A. (Corso OnLine Altalex, Caso Modulo 30 del 16.10.2009 )

Lavoro a tempo determinato, contratto di diritto privato con p.a., incompatibilità (Tribunale Catania, ordinanza 15.10.2009 n° 5766 (Valentina Agozzino, Marilena Parisi) )

Regolamento di giurisdizione e condizioni di procedibilità del ricorso (Cassazione civile , SS.UU., ordinanza 12.10.2009 n° 21558 (Vincenzo Galatro) )

Principio di effettività della tutela giurisdizionale e traslatio iudicii (Articolo 18.09.2009 (Daniela Aceti) )

La successione di contratti di lavoro a tempo determinato nella scuola statale (Articolo 11.09.2009 (Marco Cini) )

Licenziamento del dipendente che elude il sitema di rilevamento delle presenze (Tribunale di Verbania, ordinanza 04.09.2009 (Diego Noretta) )

Antefatti e postfatti del mobbing (Articolo 27.07.2009 (Aldo Niccoli) )

Trasferimento ingiustificato e di ritorsione nel pubblico impiego contrattualizzato (Articolo 21.07.2009 (Stefano Gennai) )

Dipendente pubblico, atti di macro organizzazione, natura provvedimentale (TAR Lombardia-Milano, sez. III, sentenza 07.07.2009 n° 4311 )

Concorsi pubblici, ricorsi, effetti, conseguenze (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 02.07.2009 n° 15497 )

Idoneità nei concorsi pubblici, escluso il diritto allo scorrimento (TAR Puglia-Lecce, sez. II, sentenza 01.07.2009 n° 1750 (Roberto Pellegrini) )

Collegato Competitività: in Gazzetta la riforma del processo civile (Legge 18.06.2009 n° 69 , G.U. 19.06.2009 )

Lo status giuridico degli avvocati in servizio presso le amministrazioni pubbliche (TAR Campania-Salerno, sez. II, ordinanza 15.05.2009 n° 443 (Pasquale D'Angiolillo) )

Pubblico impiego (Mappa agg. al 07.04.2009)

Del mobbing nel pubblico impiego conosce il giudice ordinario (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 13.03.2009 n° 6058 (Clorinda Di Franco) )

Collegato p.a. sulla produttività nel pubblico impiego: in vigore la legge Brunetta (Legge 04.03.2009 n° 15 , G.U. 05.03.2009 )

“Effettività di tutela” per il Dirigente pubblico illegittimamente rimosso (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 16.02.2009 n° 3677 (Giuseppe Buffone) )

Tutela ripristinatoria e risarcitoria in favore del dirigente demansionato e revocato (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 16.02.2009 n° 3677 (Claudio Venditti) )

Pubblico impiego, concorsi e graduatorie: il perimetro della giurisdizione del GA (Cassazione civile , SS.UU., ordinanza 09.02.2009 n° 3055 (Francesco Logiudice) )

PEC: il legislatore italiano la rende obbligatoria per professionisti ed imprese (Articolo 03.02.2009 (Nicola Fabiano) )

Potere organizzativo del datore di lavoro pubblico e azione sindacale (Articolo 26.01.2009 (Stefano Gennai) )

Danni da mobbing e competenza del giudice (Tribunale Taranto, sentenza 22.01.2009 (Rocchina Staiano) )

PEC, dematerializzazione e firma digitale: verso quale approdo? (Articolo 05.12.2008 (Nicola Fabiano) )

Processo del lavoro: produzione di nuovi documenti e non contestazione del fatto (Articolo 27.11.2008 (Stefano Gennai) )

Personale del Ministero e sospensione dei trasferimenti per effetto della L.133/08 (Tribunale Catanzaro, sez. lavoro, ordinanza 18.11.2008 (Giuseppe Buffone) )

La dirigenza nella burocrazia in rete (Articolo 24.10.2008 (Sergio Sabetta) )

Attribuzione di mansioni superiori nel pubblico impiego e ratifica (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 17.09.2008 n° 4383 (Clorinda Di Franco) )

Mansione superiore, svolgimento, pubblico impiego privatizzato, conseguenze (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 17.09.2008 n° 4385 (Rocchina Staiano) )

Mansioni superiori nella p.a.: differenze retributive immediate solo dal 1998 (Consiglio di Stato , sez. VI, sentenza 11.09.2008 n° 4346 (Clorinda Di Franco) )

Mansioni superiori nella p.a. e differenze retributive (Consiglio di Stato , sez. VI, decisione 11.09.2008 n° 4346 (Rocchina Staiano) )

Graduatorie a esaurimento e riparto di giurisdizione (Articolo 03.09.2008 (Luigi Sposato) )

Concorsi pubblici e obbligatorietà della conoscenza della lingua inglese (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 25.08.2008 n° 4081 (Clorinda Di Franco) )

Sul periodo di prova nelle pubbliche amministrazioni (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 13.08.2008 n° 21586 (Gesuele Bellini) )

Pubblico impiego: atti macro-organizzatori e translatio iudicii (Consiglio di Stato , sez. VI, decisione 19.06.2008 n° 3065 (Francesco Logiudice) )

Pubblico impiego e giudizio di ottemperanza: verbale di conciliazione non è titolo (TAR Calabria-Catanzaro, sez. II, sentenza 19.05.2008 n° 522 (Gesuele Bellini) )

Pubblico impiego: contenzioso su fatti anteriori al 30 giugno 1998 e giurisdizione (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 12.05.2008 n° 11652 (Clorinda Di Franco) )

La stabilizzazione nella giurisprudenza del pubblico impiego contrattualizzato (Articolo 22.04.2008 (Maurizio Danza) )

Danni da mobbing ai docenti universitari: la cognizione al giudice amministrativo (Consiglio di Stato , sez. VI, decisione 15.04.2008 n° 1739 (Francesco Logiudice) )

Demansionamento del dipendente comunale per istituzione di nuova figura (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 04.04.2008 n° 8740 (Nicola Luciani) )

Demansionamento non sussiste se il dipendente mantiene incarichi congrui (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 04.04.2008 n° 8740 (Arcangelo G. Annunziata) )

Pubblico impiego, retribuzione e risarcimento del danno, periodo ante privatizzazione (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 27.03.2008 n° 7943 )

Assegnazione temporanea del dipendente pubblico in favore della famiglia (TAR Lazio-Roma, sez. I quater, sentenza 13.03.2008 n° 2521 (Gesuele Bellini) )

Onorari, dopo l'Ordine la parola passa al Tar (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 12.03.2008 n° 6534 (Franco Abruzzo) )

Sull'inquadramento dei dipendenti pubblici con qualifica ex 8° e 9° livello (Tribunale Roma, sez. lavoro, sentenza 07.03.2008 n° 4399 (Gesuele Bellini) )

Sui termini di ricorso alle procedure di arbitrato avverso le sanzioni disciplinari (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 26.02.2008 n° 5045 (Maurizio Danza) )

Pubblico impiego, ritardata assunzione, risarcimento del danno, giurisdizione del GO (TAR Abruzzo, sez. I, sentenza 25.02.2008 n° 82 )

Graduatorie degli insegnanti: sulle controversie decide il giudice ordinario (Cassazione civile , SS.UU., ordinanza 13.02.2008 n° 3399 (Clorinda Di Franco) )

Pubblico impiego, mansioni superiori, retribuzione, inquadramento superiore (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 22.01.2008 n° 1346 )

Delle controversie sulle progressioni verticali conosce il giudice amministrativo (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 12.11.2007 n° 23439 (Clorinda Di Franco) )

Esame di avvocato 2007: nominate la Commissione centrale e le Sottocommissioni (Decreto Ministero Giustizia 30.10.2007)

Pubblico impiego, dirigenza, conferimento incarico direttore generale ASL (TAR Campania, sez. V, sentenza 29.10.2007 n° 10204 )

Concorso pubblico: sul divieto della partecipazione alle commissioni giudicatrici (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 23.10.2007 n° 5572 (Gesuele Bellini) )

Concorsi pubblici, composizione della commissione giudicatrice (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 23.10.2007 n° 5572 )

Gli uffici per le relazioni con il pubblico: finalità, attività, struttura (Articolo 12.10.2007 (Gesuele Bellini) )

Dirigenza pubblica, spoil-system, revoca incarico, automaticità (TAR Lazio-Roma, sez. III bis, ordinanza 01.10.2007 n° 1143 )

La riforma della rappresentatività sindacale nel pubblico impiego contrattualizzato (Articolo 21.09.2007 (Maurizio Danza) )

Il mobbing è (ancora) reato, o no(n più)? (Articolo di Giampaolo Perdonà e Elena Blu Fabris 20.09.2007)

Decadenza dall’impiego a seguito della produzione di documenti falsi o viziati (Corte Costituzionale , sentenza 27.07.2007 n° 329 (Francesco Navaro) )

Il modello organizzativo dell’in house providing (Articolo di Giuseppe Chiantera e Daniela Pettinato 07.07.2007)

La rappresentatività sindacale (Articolo 03.07.2007 (Gesuele Bellini) )

Lavoro a tempo determinato nella pubblica amministrazione dopo il d.l. n. 4/2006 (Articolo di Angela Bruno 18.06.2007)

Pubblico concorso e utilizzo in chiave premiale del rapporto di lavoro a termine (Articolo 14.06.2007 (Sergio Salvatore Manca) )

PC ai collaboratori: criteri e modalità per la concessione di contributi (Decreto Ministero Economia e finanze 08.06.2007, G.U. 18.06.2007 )

Concorsi pubblici, riparto di giurisdizione, diritto al lavoro, giurisdizione ordinaria (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 28.05.2007 n° 12348 )

Graduatorie permanenti nel pubblico impiego: la giurisdizione è del G.A. (Consiglio di Stato , adunanza plenaria, decisione 24.05.2007 n° 8 (Antonella Crisafulli) )

Concorsi pubblici e giurisdizione amministrativa (Consiglio di Stato , adunanza plenaria, decisione 24.05.2007 n° 8 (Francesco Logiudice) )

Il lavoro a termine “pubblico” e "privato” (Articolo 21.05.2007 (Sergio Salvatore Manca) )

Pubblico impiego privatizzato, concorsi, giurisdizione (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 18.05.2007 n° 11559 )

Concorsi interni: le SS.UU. dettano i criteri di riparto tra G.O.e G.A. (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 18.05.2007 n° 11559 (Francesco Logiudice) )

Dirigenti pubblici, trattamento economico, retribuzione di posizione (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 15.05.2007 n° 11084 )

Riparto di giurisdizione in materia di scorrimento di graduatoria concorsuale (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 14.05.2007 n° 10940 (Francesco Logiudice) )

Giurisdizione ordinaria, concorsi pubblici, scorrimento della graduatoria (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 14.05.2007 n° 10940 )

La rilevanza giuridica del risultato sul sistema dei controlli (Articolo 09.05.2007 (Francesco Logiudice) )

Sul passaggio tra le aree nel pubblico impiego decide il giudice amministrativo (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 08.05.2007 n° 10374 (Gesuele Bellini) )

Stabilizzazione e proroga dei contratti a tempo determinato (Ministero per le Riforme, direttiva 30.04.2007 n° 7 (Gesuele Bellini) )

Incarichi extragiudiziari, autorizzazione del C.S.M., silenzio assenso (TAR Lazio-Roma, sez. I, sentenza 19.04.2007 n° 3453 )

Pubblico impiego, reggenza e sostituzioni (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 17.04.2007 n° 9130 )

Svolgimento di mansioni superiori nel pubblico impiego non privatizzato (TAR Lazio-Roma, sez. I, sentenza 03.04.2007 n° 2872 (Antonella Crisafulli) )

Il rapporto di lavoro pubblico ed i nuovi contratti collettivi (Articolo di Donatella De Benedittis 02.04.2007)

Danno da mobbing nel rapporto di pubblico impiego non privatizzato (TAR Abruzzo-Pescara, sez. I, sentenza 23.03.2007 n° 339 (Antonella Crisafulli) )

Dipendenti pubblici: sì al rimborso spese per i viaggi aerei in classi superiori (Corte Costituzionale , sentenza 21.03.2007 n° 95 (Gesuele Bellini) )

Retribuzione di incarichi conferiti da amministrazioni dello Stato ed enti pubblici (Direttiva P.C.M. 16.03.2007, G.U. 03.07.2007 )

Provvedimento di immissione in servizio: sussiste la giurisdizione del G.O. (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 14.03.2007 n° 1233 (Francesco Logiudice) )

Procedimenti concorsuali "interni" e riparto di giurisdizione (Cassazione civile , SS.UU., ordinanza 06.03.2007 n° 5079 (Francesco Logiudice) )

I diritti sindacali nel lavoro pubblico (Articolo 27.02.2007 (Gesuele Bellini) )

Medici ''a gettone'', qualificazione del rapporto di lavoro e giurisdizione (Consiglio di Stato , adunanza plenaria, decisione 21.02.2007 n° 4 (Antonella Crisafulli) )

Dirigente pubblico e mancato raggiungimento dell'obiettivo previsto dall'incarico (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 01.02.2007 n° 2233 (Gesuele Bellini) )

Dipendenti pubblici: trattamento retributivo in caso di passaggio di carriera (TAR Piemonte-Torino, sezione I, sentenza 23.01.2007 n° 93 (Gesuele Bellini) )

Valutazione tecnico-discrezionale: errore di fatto rilevabile con l'ordinaria diligenza (C.G.A. Sicilia, sez. giurisdizionale, sentenza 27.12.2006 n° 821 (Antonella Crisafulli) )

Apprendistato: percorsi formativi tra disciplina regionale e norme di diritto comune (Corte Costituzionale 19.12.2006 n° 425 (Milena Iacobazzi) )

Direttiva sulla qualità nella pubblica amministrazione (Ministero Funzione Pubblica, direttiva 19.12.2006 (Gesuele Bellini) )

Mobilità dei pubblici dipendenti: esclusa l’intangibilità del trattamento accessorio (Consiglio di Stato , adunanza plenaria, sentenza 11.12.2006 n° 14 (Clorinda Di Franco) )

Bossing, mobbing, straining nel pubblico impiego: il trasferimento per ritorsione (Articolo 06.12.2006 (Stefano Gennai) )

Ordinamento degli uffici comunali: esercizio del potere regolamentare (TAR Puglia-Lecce, sentenza 02.12.2006 n° 5636 (Francesco Navaro) )

Esame di avvocato 2006: nominate la Commissione centrale e le Sottocommissioni (Decreto Ministero Giustizia 15.11.2006)

Sulla nomina di un nuovo segretario comunale decide il giudice ordinario (Consiglio di Stato , sez. IV, sentenza 20.09.2006 n° 5528 (Clorinda Di Franco) )

Controversie relative al rapporto di lavoro del segretario comunale (Consiglio di Stato , sez. IV, decisione 20.09.2006 n° 5528 (Francesco Navaro) )

Sullo scorrimento della graduatoria decide il giudice amministrativo (Consiglio di Stato , sez. IV, sentenza 12.09.2006 n° 5320 (Clorinda Di Franco) )

Sull'organizzazione dei pubblici uffici decide il Giudice Amministrativo (Cassazione civile , SS.UU., ordinanza 13.07.2006 n° 15904 (Francesco Logiudice) )

Decreto Bersani: manovra bis e liberalizzazioni. Professioni, banche, farmaci (Decreto Legge , testo coordinato ed agg., 04.07.2006 n° 223 , G.U. 11.08.2006 )

Assegnazione della responsabilità dei procedimenti ad unico dipendente (Articolo 23.06.2006 (Mario Chiarello, Gennaro Lezzi) )

Azione risarcitoria nei confronti della p.a. e giudice competente (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 13.06.2006 n° 13659 (Antonella Crisafulli) )

Il mutamento delle mansioni nell’impiego pubblico privatizzato: nozione e tutela (Articolo 31.05.2006 (Aldo Niccoli) )

Il riparto di giurisdizione in tema di pubblico impiego (Articolo 27.05.2006 (Francesco Logiudice) )

Dirigenti scolastici: incostituzionali le riserve di posti e gli incarichi di presidenza (Corte Costituzionale , sentenza 11.05.2006 n° 190 (Pierangela Dagna) )

Pubblico impiego: organizzazione del lavoro e gestione delle risorse umane (Presidenza Consiglio dei Ministri, circolare 02.05.2006 n° 3 , G.U. 20.06.2006 )

Concorsi interni alla p.a.: sussiste la giurisdizione del giudice amministrativo (Cassazione civile SS.UU., sentenza 20.04.2006 n° 9168 (Deborah Cimellaro) )

Assegnazione temporanea non applicabile al personale delle Forze Armate (Consiglio di Stato , sez. IV, decisione 28.12.2005 n° 7472 )

Testo Unico della Previdenza Complementare (Decreto legislativo 05.12.2005 n° 252 , G.U. 13.12.2005 )

Le progressioni verticali nell'alveo delle ''assunzioni'' (Consiglio di Stato , Commissione speciale P.I., parere 09.11.2005 n° 3556 (Ermelinda Biesuz, Giuseppe Buffone) )

Qualità dei servizi on-line della pubblica amministrazione e customer satisfaction (Ministro Innovazione, direttiva 27.07.2005)

Decreto mille-proroghe: processo civile, patentino, violenza negli stadi, ordini (Decreto Legge , testo coordinato 30.06.2005 n° 115 , G.U. 22.08.2005 )

Disposizioni urgenti in materia di bolli, università, grandi opere e beni culturali (Decreto Legge 31.01.2005 n° 7 , G.U. 01.04.2005 )

Assunzioni nelle regioni ed enti locali: incostituzionale il blocco del turn-over (Corte Costituzionale , sentenza 17.12.2004 n° 390 )

Vigili del fuoco: delega al Governo in materia di rapporto di impiego del personale (Legge 30.09.2004 n° 252 , G.U. 12.10.2004 )

Proroga dei contratti di lavoro a tempo determinato stipulati da alcune p.a. (Decreto Legge , testo coordinato 28.05.2004 n° 136 , G.U. 28.07.2004 )

Linee guida in materia di digitalizzazione dell'amministrazione per l'anno 2004 (Ministro per l'Innovazione, direttiva 18.12.2003, G.U. 04.02.2004 )

Codice della Privacy (Decreto legislativo , testo coordinato, 30.06.2003 n° 196 , G.U. 29.07.2003 )

Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione (Legge 16.01.2003 n° 3 )

Spoil system: modalità applicative della legge sul riordino della dirigenza statale (Circolare Presidenza Consiglio Ministri 31.07.2002, G.U. 05.08.2002 )

Spoil system: disposizioni per il riordino della dirigenza statale (Legge 15.07.2002 n° 145 , G.U. 24.07.2002 )


40 ore di lezioni registrate ed in aula virtuale

Il corso mira a fornire la preparazione necessaria a superare le prove di diritto dei concorsi per personale amministrativo (istruttori amministrativi, istruttori tecnici, ecc..).  E' progettato secondo tre di ...

Avv. Carlo Cavalea

Marchi, Brevetti, Diritto d'autore, Concorrenza sleale, Pubblicità, Antitrust, Design, Made in Italy, Contratti commerciali


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri certificato di agibilità Codice della Strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale gazzetta ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione Riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca italia sciopero sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali tulps usucapione usura