ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Legittimo impedimento dell'imputato: valutazione del certificato medico
Cassazione penale , SS.UU., sentenza 27.09.2005 n° 36635

Nel disattendere un certificato medico ai fini della dichiarazione di contumacia, il giudice deve attenersi alla natura dell'infermità e valutarne il carattere impeditivo.

Ne consegue che egli può pervenire ad un giudizio negativo circa l'assoluta impossibilità a comparire solo disattendendo, con adeguata valutazione del referto, la rilevanza del male da cui si afferma colpito l'imputato.

Lo hanno stabilito le Sezioni Unite della Cassazione, con la sentenza 27 settembre 2005, annullando nella specie l'ordinanza della Corte di Appello che aveva dichiarato la contumacia dell'imputato poichè il certificato prodotto atteneva al giorno precedente all'udienza e nello stesso non era indicato il domicilio presso il quale l'imputato era stato sottoposto a visita, impendendo così un'efficace e tempestiva verifica.

(Altalex, 18 novembre 2005)






SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE PENALI

Sentenza 27-09-2005 / 11-10-2005, n. 36635

Motivi della decisione

1. Con la sentenza impugnata la Corte d'appello di Napoli ha confermato la dichiarazione di colpevolezza di Raffaele G. in ordine ai delitti di ricettazione e di detenzione per la vendita di seicento cinquantadue videocassette contraffatte e prive del contrassegno SIAE. Ricorre per cassazione l'imputato, che propone tre motivi d'impugnazione. Con il primo motivo il ricorrente eccepisce la nullità del giudizio d'appello, celebrato nella sua contumacia nonostante l'assoluto impedimento tempestivamente dedotto (stato febbrile con temperatura superiore ai 39 gradi).

Con il secondo motivo il ricorrente deduce violazione della leggepenale, lamentando di essere stato condannato per un fatto, la detenzione per la vendita, non previsto come reato dall'art. 171 ter legge n. 633 del 1941 che punisce solo la vendita, e senza accertare l'effettivo contenuto delle registrazioni. Aggiunge che è stato illegittimamente ritenuto il concorso con il delitto di ricettazione, rispetto al quale è speciale la fattispecie di tutela del diritto d'autore; e senza comunque accertare se le videocassette provenissero effettivamente da terzi contraffattori o non fossero state da lui stesso contraffatte.

Con il terzo motivo il ricorrente deduce vizio di motivazione sull'effettiva destinazione alla vendita delle videocassette sequestrate.

2. Il primo motivo del ricorso è fondato e assorbente, essendo deltutto priva di plausibilità l'affermazione che non costituisca impedimento assoluto a comparire uno stato febbrile con temperatura superiore ai 39 gradi.

La corte d'appello ha fondato la sua decisione su due argomenti: "il certificato attiene al giorno precedente all'udienza per cui con i normali presidi terapeutici il grado febbrile può essere efficacemente ridotto, soprattutto in relazione a una generica diagnosi di influenza"; non è indicato nel certificato "il domicilio presso il quale l'imputato è stato sottoposto a visita, il che impedisce un'efficace e tempestiva verifica". Ma si tratta di argomenti palesemente pretestuosi: perchè certamente i normali presidi terapeutici possono ridurre, ma non sempre effettivamente riducono la temperatura corporea in ventiquattro ore; perchè in mancanza di indicazioni contrarie la visita di controllo andava disposta al domicilio dell'imputato.

In realtà, secondo la giurisprudenza di questa Corte, "nel disattendere un certificato medico ai fini della dichiarazione di contumacia, il giudice deve attenersi alla natura dell'infermità e valutarne il carattere impeditivo. Ne consegue che egli può pervenire ad un giudizio negativo circa l'assoluta impossibilità a comparire solo disattendendo, con adeguata valutazione del referto, la rilevanza del male da cui si afferma colpito l'imputato (Cass., sez. 2^, 5 marzo 2004, Valentini, m. 228637, che ha annullato l'ordinanza dichiarativa della contumacia pur risultando l'imputato affetto da sindrome influenzale con temperatura di 39,1, in quanto la Corte d'appello aveva escluso l'assoluto impedimento a comparire sul rilievo che non sarebbe stato possibile effettuare una visita fiscale per mancata indicazione del luogo della visita, non sarebbe stata attestata l'impossibilità di deambulazione e lo stato febbrile avrebbe potuto essere risolto con antipiretici); analogamente Cass.,sez. 6^, 17 marzo 2004, Marfurt, m. 228475, con riferimento a un caso in cui il certificato medico attestava uno stato di "iperpiressia", ossia la condizione in cui la temperatura corporea è molto elevata, ed indicava un giudizio prognostico sulla durata dell'impedimento)".

La sentenza impugnata va quindi annullata con rinvio.

P.Q.M.

La Corte annulla la sentenza impugnata con rinvio ad altra sezione della Corte d'appello di Napoli per il giudizio.

Così deciso in Roma, il 27 settembre 2005.

Depositato in Cancelleria il 11 ottobre 2005.



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Comportamento inqualificabile, avvocati, corrispondenza, ingiuria, raffreddore (Cassazione penale , sez. V, sentenza 07.11.2012 n° 42954 )

Sistema informatico, accesso abusivo, soggetto abilitato (Cassazione penale , SS.UU., sentenza 07.02.2012 n° 4694 )


Seminario online di aggiornamento professionale, accreditato 4 ore CNF

I seminari in materia di processo telematico, mirano a fornire all’Avvocato una preparazione di base in vista dell’imminente entrata a regime del Processo Civile telematico. L'intero percorso formativo &egr ...

Avv. Chiara PAGNI

recupero credito; diritto di famiglia e successioni, diritto lavoro; diritto sportivo


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli equitalia esame esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura