ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Dichiarazione giudiziale di paternità naturale: i legittimari passivi in caso di morte
Cassazione civile , SS.UU., sentenza 03.11.2005 n° 21287

Nell'azione per la dichiarazione giudiziale di paternità naturale contraddittori necessari, passivamente legittimati, sono, in caso di morte del genitore, esclusivamente i suoi eredi, e non anche gli eredi degli eredi di lui od altri soggetti, comunque portatori di un interesse contrario all’accoglimento della domanda, cui è invece riconosciuta la sola facoltà di intervenire in giudizio a tutela dei rispettivi interessi.

Lo hanno stabilito le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con la sentenza n.. 21287 del 3 novembre 2005, risolvendo il contrasto relativo all'esegesi dell’articolo 276 del codice civile, per il profilo individuativo dei soggetti nel caso di morte del preteso genitore.

(Altalex, 16 novembre 2005)






SUPREM CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

SENTENZA 3 novembre 2005, n. 21287

(Presidente Carbone – Relatore Morelli)

Svolgimento del processo

I germani Luigi, Angela, Rosario e Marco S. hanno proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza in data 21 febbraio 2001 della Corte di appello di Catanzaro, confermativa della statuizione di primo grado, con la quale era stata accolta nei confronti di essi ricorrenti, figli del fratello di Pietro S. la domanda di accertamento di paternità naturale nei confronti di quest’ultimo proposta con ricorso del settembre 1973 da Giuseppe Antonio Barbiere (nato nell’aprile 1915) è coltivata, dopo il suo decesso (avvenuto nel marzo 1919) dai di lui discendenti, che ora resistono con controricorso.

In relazione al primo dei sei motivi della odierna impugnazione con il quale i S. denunciano violazione dell’articolo 276 Cc, sull’assunto che i giudici del merito abbiano errato nel ritenere che la legittimazione passiva, rispetto all’azione di accertamento della paternità naturale, da detta norma disciplinata, sia riferibile anche agli «eredi degli eredi» del preteso padre, come essi ricorrenti, (nipoti ex fratre) la Sezione prima, con ordinanza del 21 novembre 2003, ha rimesso gli atti al Primo Presidente, che ha quindi assegnato la causa a Su, in relazione al ravvisato contrasto di giurisprudenza relativo, appunto, alla interpretazione del citato articolo 276, per il profilo qui ancora in discussione.

Motivi della decisione

1. Il problema di contrasto, che queste Su sono chiamate a risolvere, attiene come detto alla retta esegesi dell’articolo 276 del codice civile, per il profilo individuativo dei soggetti nei cui confronti va proposta la domanda per la dichiarazione giudiziale della paternità (e della maternità) naturale, di cui al precedente art, 269, nel caso di morte del preteso genitore.

2. Preliminarmente all’esame di detta questione va, per altro, delibata l’eccezione, sul punto pregiudiziale, formulata dai resistenti sull’assunto che in relazione al non impugnato precedente decreto della Corte d’Appello di Catanzaro, confermativo della ammissibilità, ex articolo 274 Cc, dell’azione di riconoscimento di paternità proposta dal Barbiere nei confronti dei germani S. si sarebbe formato un giudicato esterno in ordine alla legittimazione passiva, appunto, di questi ultimi. La quale non potrebbe, per ciò, essere più rimessa in discussione.

L’eccezione è infondata.

E, ben vero, il decreto su menzionato, lungi dall’avere - come preteso dai resistenti pronunciato implicitamente sulla legittimazione passiva dei S., ha viceversa esplicitamente escluso di averlo fatto, chiarendo che rimaneva “impregiudicata”, perché “preclusa” in quella sede, «ogni altra indagine circa la proponibilità o l’ammissibilità dell’azioni, limitandosi quel decreto ad una sommaria verifica del “fumus boni iuris” dell’azione instauranda nella successiva fase ex articolo 269 Cc».

Può quindi passarsi all’esame della questione oggetto di contrasto.

3. L’articolo 276 che (come emerge dalla Relazione del Guardasigilli al Progetto definitivo del codice civile) è stato introdotto proprio «per risolvere, con la determinazione dei contraddittori necessari, i dubbi sorti [nella vigenza del vecchio codice] per il caso in cui l’azione venga promossa dopo la morte del presunto genitore testualmente dispone, appunto, nel suo comma primo, che «In mancanza del genitore la domanda deve essere proposta nel confronti dei suoi eredi». Ed aggiunge, al suo comma secondo, che “alla domanda può contraddire chiunque vi abbia interesse”.

4. In relazione alla suddetta norma si è però poi posto in sede interpretativa l’ulteriore quesito, che qui viene propriamente in rilievo, se, in caso di già intervenuta morte anche degli eredi del presunto genitore, la dichiarazione giudiziale di paternità (o maternità) naturale possa, o non, essere ancora richiesta nei confronti degli «eredi degli eredi» o ad altri parenti o aventi causa del preteso padre (o dalla pretesa madre).

5. In linea con la dottrina dominante, questa Corte di cassazione, con la sentenza 1693/87, ha optato per la soluzione negativa del quesito, ritenendo estensibile la legittimazione passiva, in ordine all’azione in esame, unicamente agli eredi, diretti ed immediati, del preteso genitore; e riconoscibile agli aventi causa da questi ed agli altri soggetti comunque portatori di un interesse contrario all’accoglimento della domanda soltanto la facoltà di intervenire in giudizio a tutela del detto interesse.

Ciò in ragione:

della chiarezza del termine tecnico “i suoi eredi”) usato dal legislatore;

della omessa indicazione, fra i legittimati, degli “aventi causa”, espressione adottata sovente dal legislatore,accanto alla parola “eredi” ) ogni volta che sia inteso estendere a detti soggetti determinati effetti (v. articoli 2908 e 2909 Cc);

della espressa previsione, appunto, fra i legittimati a contraddire, di «chiunque vi abbia interesse»;

Sulla base, altresì, della considerazione che non sia sostenibile una finalità esclusivamente successoria nella dichiarazione giudiziale richiesta in caso di morte del presunto genitore, dalla quale passa derivare un ampliamento della categoria dei legittimati passivi in funzione della loro qualità di soggetti aventi interessi patrimoniali contrari all’accertamento della filiazione, atteso che la legittimazione attiva all’azione è riconosciuta, oltre che al figlio, in caso di sua morte, anche ai discendenti legittimi, legittimati o naturali riconosciuti dallo stesso, indipendentemente dalla loro qualità di eredi, con la conseguenza che detta azione prescinda da qualunque contenuto successorio quando sia proposta da discendenti non eredi.

Ed alla luce, infine, anche della ratio della disposizione in esame, ricondotta alla intenzione del legislatore di consentire all’attore una agevole individuazione dei soggetti contro i quali proporre l’azione, evitando nel contempo il pericolo di un litisconsorzio difficilmente integro, quale si sarebbe viceversa prospettato in ipotesi dì estensione della legittimazione passiva ai parenti, anche non eredi, del defunto, spesso indifferenti all’accoglimento o alla reiezione della domanda.

6. Nello stesso anno, a distanza di pochi mesi, con la sentenza 3920/87, la medesima Sezione prima sembrava andare in contrario avviso, affermando che l’accertamento giudiziale della paternità naturale «Integra una questione attinente ad uno status (con le conseguenti implicazioni di carattere personale e patrimoniale), rispetto alla quale il coinvolgimento sostanziale di tutti i soggetti, la cui sfera giuridica risulta sensibile alla formazioni di uno status diverso dall’originario o alla conservazione di quest’ultimo, non consente la valida pronuncia di una sentenza, che tale status riguardi, se non con rilievo e nel confronti di tutte le posizioni soggettive interessate».

Ma il principio, cosi in astratto enunciato, conduceva, in concreto, a cassare, nella fattispecie, la sentenza d’appello (favorevole all’istante) per rilevato difetto di integrità del contraddittorio nei confronti di altro erede del preteso genitore, e non già di eredi degli eredi od altri aventi causa dal medesimo.

7. Nel decennio successivo con le sentenze 9829/90; 8915/93; 10171/93; 3143/94 e 12187/97 la giurisprudenza di legittimità, si attestava poi, con continuità sulla linea interpretativa, limitativa della legittimazione passiva ai soli eredi del preteso genitore, facendo proprie le argomentazioni della su menzionata sentenza 1693/87. E pervenendo cosi, nei vari casi, a respingere le impugnazioni per denunciato difetto del contraddittorio (nei confronti di ulteriori parenti del presunto genitore) formulate avverso sentenze di merito dichiarative della reclamata paternità.

8. Rispetto a tale indirizzo erroneamente viene tralaticiamente richiamata come contraria la sentenza 3111/96.

Atteso che, in realtà, detta sentenza nell’accertare, nella fattispecie, la mancata integrazione del contraddittorio ciò ha fatto sul presupposto di un litisconsorzio necessario riferito non già a tutti i parenti, anche non diretti eredi, del preteso genitore ma (in coerenza proprio all’indirizzo dominante) a “tutti gli eredi del genitore naturale”. E solo questi ultimi ha considerato «portatori di un interesse, immediato e diretto, a non veder pregiudicate le rispettive posizioni successorie», giuridicamente rilevante agli effetti della integrità del contraddittorio rispetto all’azione in esame.

9. Con l’orientamento interpretativo come sopra prevalso effettivamente si è però poi posta in contraddizione la successiva pronunzia n. 9033 del 12 settembre 1997.

Nel criticare quel l’orientamento che a distanza di pochi mesi sarebbe stato, invece, ribadito, dalla già citata Cassazione 12187/93 la sentenza 9033 ha osservato che l’equiparazione dell’erede dell’”erede” agli “interessati” di cui al capoverso dell’articolo 276, risalente a Cassazione 1693/87, «svilisce la posizione di chi ha, o potrebbe avere, rilevantissime ragioni per essere reso edotto dell’azione esercitata per ottenere la dichiarazione giudiziale di paternità o maternità».

Ha escluso poi che possano rilevare in contrario le asserite difficoltà d’individuare i legittimati passivi «e per la dubbia consistenza giuridica di siffatta difficoltà e considerando che il sistema processuale appresta gli strumenti idonei superare effettivi ostacoli determinati dalla mancata conoscenza della residenza o del domicilio dei legittimati passivi».

Ed ha ritenuto, infine, comunque decisiva ed assorbente la considerazione che «la domanda di dichiarazione di paternità naturale, implicando questioni attinenti allo stato delle persone, rende indispensabile la partecipazione di tutti i soggetti la cui sfera giuridica, tanto per l’aspetto personale che patrimoniale, è

suscettibile di effetti in seguito alla formazione di uno status diverso da quello originario».

10. Da qui appunto, il contrasto che viene in rilievo ai fini della decisione dell’odierno ricorso.

E che, in corretta applicazione dei canoni di ermeneutica della legge letterale, sistematico, teleologico va risolto con la riaffermazione della interpretazione (consapevolmente, come si è vista, contraddetta dalla sola sentenza 9033/97) che identifica unicamente negli eredi del preteso genitore i soggetti passivamente legittimati rispetto alla domanda di riconoscimento di cui all’articolo 269 Cc, in caso di morte del genitore medesimo.

10.1. Insuperabili in tal senso sono, infatti, innanzitutto le indicazioni fornite dal dato testuale («la domanda deve essere proposta nei confronti del presunto genitore o, in mancanza di lui, nei confronti dei suoi eredi») nel contesto del quale il verbo “deve”, riferito all’azione in esame, sottolinea l’obbligatorietà di indirizzarla esclusivamente nei confronti dei soggetti all’uopo indicati (con l’implicita impossibilità di proporla nei confronti di soggetti da questi diversi), e l’aggettivo “suoi”, riferito agli eredi, identifica, senza alcun margine di dubbio, nei soli eredi, diretti ed immediati, del preteso genitore (appunto i “suoi eredi”) i legittimati passivi all’azione stessa, nel caso di “mancanza di lui”.

10.2. La lettura sistematica dell’articolo 276 conferma ulteriormente l’impossibilità di ampliamento dell’area della legittimazione passiva nell’azione in questione, atteso che la facoltà di «contraddire», riconosciuta dal capoverso della stessa norma a «chiunque abbia interesse» all’esito della lite, inevitabilmente comporta che detti altri soggetti eredi degli eredi, aventi causa dal presunto genitore titolari di posizioni personali o patrimoniali comunque suscettibili di essere incise dal diverso “status” reclamato dall’attore possono bensì intervenire nel giudizio ex articoli. 269 ss.. Cc, ma non assumono, appunto, in questo la veste di legittimati passivi: Nel duplice senso che, nei loro confronti, l’azione diversamente da quanto presupposto dalle citata sentenza 9033/97 né può essere proposta, né deve esserlo ai fini della integrità del contraddittorio.

10.3. Ciò anche alla luce della ratio della norma in esame correttamente individuata dalla sentenza capofila 1693/87 e dalle successive conformi quale già esplicitata nei lavori preparatori (v. Relazione Guardasigilli al progetto definitivo n. 287) e tuttora attuale volta ad evitare al presunto figlio naturale problemi di esatta identificazione dei destinatari dell’azione (soprattutto nel caso di sua proposizione e distanza di tempo dalla morte del presunto genitore) e conseguenti immanenti pericoli di irritualità del contraddittorio (stante la verificabilità dell’eventuale suo difetto di integrità in ogni stato e grado di giudizio), quali invece deriverebbero da un indiscriminato ampliamento della platea dei contraddittori necessari, che renderebbe ben più ardua la tutela del diritto del figlio naturale all’accertamento del proprio status; risolvendosi, specularmene, in un vulnus anche al diritto di difesa di quei soggetti che potendo, in tesi, essere convenuti in giudizio in ragione di una loro anche lontana parentela con il preteso genitore (eventualmente da loro neppure conosciuto in vita) non si troverebbero in condizione di contraddire alle pretese dell’attore.

11. La rilevata funzionalità della disposizione in esame rispetto all’obiettivo, perseguito dal legislatore, di agevolare l’individuazione dei soggetti nei cui confronti proporre l’azione di status, in caso di morte del presunto genitore già di per sé dimostra l’arbitrarietà anche della tesi interpretativa intermedia, o più riduttivamente estensiva, prospettata dai resistenti e secondo la quale contraddittori necessari, rispetto all’azione del figlio, in caso di morte del presunto genitore, non sarebbero gli aventi causa a titolo particolare mortis causa e quelli inter vivos del medesimo (cui sarebbe riservata la mera facoltà di intervento in causa, ai sensi del capoverso dell’articolo 276 Cc) , ma lo sarebbero comunque tutti i successori a titolo universale, secondo la “catena generazionale”.

Anche in tale prospettiva, infatti, residuerebbe pur sempre per l’istante, la difficoltà di avere tranquillante cognizione, in tempo utile, di tutti gli anelli di quella catena.

E ciò a prescindere dalla considerazione che la figura dell’ “erede dell’erede”, a tal fine evocata, ha valenza puramente descrittiva e non esiste come subcategoria che individui un nesso di relazione, giuridicamente rilevante, tra un soggetto e gli eredi degli eredi di lui e che, possa, come si pretende, ritenersi, per tale, implicitamente richiamata dal citato articolo 276 attraverso il generico riferimento alla categoria degli “eredi” (del presunto genitore).

Diretta o indiretta può essere, ben vero la vocazione ereditaria la quale però appunto definirsi “indiretta” quando, come nei casi di cui agli articoli 467, 677 Cc, il destinatario o i destinatari siano chiamati alla successione subordinatamente al fatto che altro chiamato prima di loro non possa o non voglia accettare l’eredità ma la successione nella universalità o in quota dei beni del de cuius, dalla quale dipende l’acquisto della qualità di “erede” del medesimo (articolo 588 Cc), è sempre e soltanto diretta, da parte del soggetto che, per accettazione di quella (diretta o indiretta) vocatio, subentri nel patrimonio del suo dante causa (e non nel patrimonio di altri aventi causa dal quel medesimo soggetto).

12. L’individuazione dei contraddittori necessari nei soli eredi del presunto genitore, in caso di proposizione dell’azione dopo la morte di lui quale operata dall’articolo 276 Cc per le finalità che si è detto e che, comunque, si inquadra nel contesto delle “norme e limiti alla ricerca della paternità” e dei “modi e limiti alla successione legittima” che al legislatore ordinario è demandato di stabilire dagli articoli, rispettivamente, 30, comma 4, e 42, comma 40, della Costituzione neppure si pone poi in contraddizione con la imprescrittibilità dell’azione per la dichiarazione giudiziale di paternità (o maternità) naturale sancita dal novellato articolo 270 Cc.

E ciò perché diversi, evidentemente, sono i piani di operatività ed i profili effettuali della imprescrittibilità e quelli della legittimazione passiva in ordine ad una data azione.

Per cui dal coordinamento delle su richiamate disposizioni deriva che l’azione di cui all’articolo 269 è imprescrittibile, ex articolo 270, salvi gli effetti della sua improponibilità per l’inesistenza in vita di tutti i soggetti legittimati, ex articolo 276 Cc, a contraddirvi; cosi come l’azione di petizione di eredità è, a sua volta, “imprescrittibile salvi gli effetti della usucapione dei singoli beni, ai sensi dell’articolo 530, comma 2, Cc”.

13. Il fatto, per altro, che l’azione in esame si consumi, in concreto, nel caso di intervenuta morte del preteso genitore e di tutti i suoi eredi evidenzia, comunque, un punto di debolezza e di perfettibilità dell’attuale disciplina rispetto alle sempre più avvertite esigenze di tutela dell’interesse del figlio naturale all’accertamento della genitorialità, anche per il profilo del suo diritto alla identità personale.

In tale prospettiva potrebbe auspicarsi che quella disciplina sia integrata stabilendosi che, nel. caso appunto di morte del presunto genitore e in mancanza dei suoi eredi, l’azione possa proporsi, come anche suggerito in dottrina, nei confronti di un curatore nominato dal giudice, analogamente a quanto già previsto dall’ultimo comma dell’articolo 247 Cc, ai fini della proponibilità dell’azione di disconoscimento della paternità, nella parallela ipotesi di già intervenuta morte del presunto padre e di mancanza dei litisconsorti necessari indicati nel comma 1 della norma stessa.

Una integrazione siffatta, oltre che di un intervento legislativo, potrebbe formare eventualmente oggetto di una pronunzia additiva (in questi termini “a rima obbligata”) della Corte costituzionale.

Ma, come correttamente osservato anche dalla difesa dei ricorrenti nella odierna udienza dibattimentale, la prospettazione di un quesito di costituzionalità, in tal senso, è in questa sede preclusa per difetto dell’ineludibile requisito della rilevanza della questione stessa, una volta che l’eventuale pronunzia additiva sarebbe nell’odierno giudizio “inutiliter data”, non essendo in esso parte in causa il curatore cui andrebbe in tesi estesa la legittimazione passiva.

14. Il contrasto esegetico che ne occupa va quindi risolto con la riaffermazione del principio per cui contraddittori necessari, passivamente legittimati, in ordine alla azione per dichiarazione giudiziale di paternità naturale sono, ex articolo 276 Cc, in caso di morte del genitore, esclusivamente i “suoi credi”, e non anche gli credi degli credi di lui od altri soggetti, comunque portatori di un interesse contrario all’accoglimento della domanda, cui è invece riconosciuta la sola facoltà di intervenire in giudizio a tutela dei rispettivi interessi.

15. Il ricorso va quindi accolto in relazione all’esaminato suo primo motivo, nel quale resta assorbita ogni altra, subordinata, sua censura; con la conseguente cassazione senza rinvio della sentenza impugnata, ai sensi dell’articolo 382, comma 3 Cpc, perché la causa non poteva essere proposta per difetto di legittimazione passiva dei convenuti.

16. Si ritiene opportuno disporre la compensazione delle spese dell’intero giudizio.


P.Q.M.


La Corte, a Sezioni Unite, accoglie il primo motivo del ricorso, assorbita ogni altra sua censura; cassa senza rinvio la sentenza impugnata e compensa le spese dell’intero giudizio.


Roma, 13 ottobre 2005.


DEPOSITATA IN CANCELLERIA IL 3 NOV. 2005.



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Paternità naturale, accertamento, prove, test DNA, genitore, rifiuto, valutazione (Cassazione civile , sez, I, sentenza 17.07.2012 n° 12198 )

Figlio naturale, riconoscimento, mantenimento, genitori (Cassazione civile , sez. I, sentenza 10.04.2012 n° 5652 )

Disconoscimento, paternità, padre naturale, legittimazione passiva, esclusione (Cassazione civile , sez. I, sentenza 16.01.2012 n° 430 )

Giudizio sulla paternità: gli eredi degli eredi non sono legittimati passivi (Corte d'Appello Milano, sentenza 02.05.2011 (Laura Biarella) )

La forza del perdono (Soluzione della traccia n° 1 in materia di diritto civile 27.10.2007 (Dario Colasanti) )


22 lezioni in aula virtuale e 10 correzioni personalizzate di prove pratiche

I concorsi per le magistrature superiori hanno bisogno di tempo per essere preparati e, generalmente, i corsi intensivi sono utili a coloro che già hanno già affrontato uno studio di base. Per questa ragion ...

Avv. Alessandra Possis

Lo studio tutto al femminile opera sia in materia civile che penale. Relativamente alla materia civile vengono trattate questioni di diritto immobiliare, di diritto di famiglia e di infortunistica stradale.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto Inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura