ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Disposizioni generali - Degli atti processuali
Codice di procedura civile , Libro I, Titolo VI, agg. al 11.03.2013



(<<Precede)

Libro primo: DISPOSIZIONI GENERALI

Titolo VI: DEGLI ATTI PROCESSUALI

Capo I: DELLE FORME DEGLI ATTI E DEI PROVVEDIMENTI

Sezione I: DEGLI ATTI IN GENERALE

Art. 121.
(Libertà di forme)

Gli atti del processo, per i quali la legge non richiede forme determinate, possono essere compiuti nella forma più idonea al raggiungimento del loro scopo.

Art. 122.
(Uso della lingua italiana - Nomina dell'interprete)

In tutto il processo è prescritto l'uso della lingua italiana. (1)
Quando deve essere sentito chi non conosce la lingua italiana, il giudice può nominare un interprete.
Questi, prima di esercitare le sue funzioni, presta giuramento davanti al giudice di adempiere fedelmente il suo ufficio.

(1) La Corte Costituzionale con sentenza 24 febbraio 1992, n. 62 ha dichiarato l'illegittimità costituzionale degli artt. 22 e 23 della legge 24 novembre 1981, n. 689 (Modifiche al sistema penale) in combinato disposto con il presente articolo nella parte in cui non consente ai cittadini italiani appartenenti alla minoranza linguistica slovena nel processodi opposizione ad ordinanze-ingiunzioni applicative di sanzioni amministrative davanti al pretore avente competenza su un territorio dove sia insediata la predetta minoranza, di usare, su loro richiesta, la lingua materna nei propri atti, usufruendo per questi della traduzione nella lingua italiana, nonchè di ricevere tradotti nella propria lingua gli atti dell'autorità giudiziaria e le risposte della controparte.

Art. 123.
(Nomina del traduttore)

Quando occorre procedere all'esame di documenti che non sono scritti in lingua italiana, il giudice puo' nominare un traduttore, il quale presta giuramento a norma dell'articolo precedente.

Art. 124.
(Interrogazione del sordo e del muto)

Se nel procedimento deve essere sentito un sordo, un muto o un sordomuto (1), le interrogazioni e le risposte possono essere fatte per iscritto.
Quando occorre, il giudice nomina un interprete, il quale presta giuramento a norma dell'art. 122 ultimo comma.

(1) A norma dell’art. 1 della L. 20 febbraio 2006, n. 95, in tutte le disposizioni legislative vigenti, il termine “sordomuto” è sostituito con l’espressione “sordo”

Art. 125.
(Contenuto e sottoscrizione degli atti di parte)

Salvo che la legge disponga altrimenti, la citazione, il ricorso, la comparsa, il controricorso, il precetto debbono indicare l'ufficio giudiziario, le parti, l'oggetto, le ragioni della domanda e le conclusioni o la istanza, e, tanto nell'originale quanto nelle copie da notificare, debbono essere sottoscritti dalla parte, se essa sta in giudizio personalmente, oppure dal difensore che indica il proprio codice fiscale. Il difensore deve, altresì, indicare l’indirizzo di posta elettronica certificata comunicato al proprio ordine e il proprio numero di fax. (1)
La procura al difensore dell'attore può essere rilasciata in data posteriore alla notificazione dell'atto, purché anteriormente alla costituzione della parte rappresentata.
La disposizione del comma precedente non si applica quando la legge richiede che la citazione sia sottoscritta dal difensore munito di mandato speciale.

(1) Comma modificato dal D.L. 29 dicembre 2009, n. 193, convertito nella L. 22 febbraio 2010, n. 24, dal D.L. 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla L. 14 settembre 2011, n. 148 e dalla L. 12 novembre 2011, n. 183.

Art. 126.
(Contenuto del processo verbale)

Il processo verbale deve contenere l'indicazione delle persone intervenute e delle circostanze di luogo e di tempo nelle quali gli atti che documenta sono compiuti; deve inoltre contenere la descrizione delle attività svolte e delle rilevazioni fatte, nonché le dichiarazioni ricevute.
Il processo verbale è sottoscritto dal cancelliere. Se vi sono altri intervenuti, il cancelliere, quando la legge non dispone altrimenti, dà loro lettura del processo verbale e li invita a sottoscriverlo. Se alcuno di essi non puo' o non vuole sottoscrivere, ne è fatta espressa menzione.

Sezione II: DELLE UDIENZE

Art. 127.
(Direzione dell'udienza)

L'udienza è diretta dal giudice singolo o dal presidente del collegio.
Il giudice che la dirige può fare o prescrivere quanto occorre affinché la trattazione delle cause avvenga in modo ordinato e proficuo, regola la discussione, determina i punti sui quali essa deve svolgersi e la dichiara chiusa quando la ritiene sufficiente.

Art. 128.
(Udienza pubblica)

L'udienza in cui si discute la causa è pubblica a pena di nullità, ma il giudice che la dirige può disporre che si svolga a porte chiuse, se ricorrono ragioni di sicurezza dello Stato, di ordine pubblico o di buon costume.
Il giudice esercita i poteri di polizia per il mantenimento dell'ordine e del decoro e può allontanare chi contravviene alle sue prescrizioni.

Art. 129.
(Doveri di chi interviene o assiste all'udienza)

Chi interviene o assiste all'udienza non può portare armi o bastoni e deve stare a capo scoperto e in silenzio.
E' vietato fare segni di approvazione o di disapprovazione o cagionare in qualsiasi modo disturbo.

Art. 130.
(Redazione del processo verbale)

Il cancelliere redige il processo verbale di udienza sotto la direzione del giudice.
Il processo verbale è sottoscritto da chi presiede l'udienza e dal cancelliere; di esso non si da' lettura, salvo espressa istanza di parte.

Sezione III: DEI PROVVEDIMENTI

Art. 131.
(Forma dei provvedimenti in generale)

La legge prescrive in quali casi il giudice pronuncia sentenza, ordinanza o decreto.
In mancanza di tali prescrizioni, i provvedimenti sono dati in qualsiasi forma idonea al raggiungimento del loro scopo.
Dei provvedimenti collegiali è compilato sommario processo verbale, il quale deve contenere la menzione della unanimita' della decisione o del dissenso, succintamente motivato, che qualcuno dei componenti del collegio, da indicarsi nominativamente, abbia eventualmente espresso su ciascuna delle questioni decise. Il verbale, redatto dal meno anziano dei componenti togati del collegio e sottoscritto da tutti i componenti del collegio stesso, e' conservato a cura del presidente in plico sigillato presso la cancelleria dell'ufficio. (1)

(1) Comma aggiunto dall'art. 16, L. 13 aprile 1988, n. 117.
La Corte costituzionale, con sentenza 19 gennaio 1989, n. 18, ha dichiarato l'illegittimità del predetto art. 16 nella parte cui dispone che "è compilato sommario processo verbale" anziché "può, se uno dei componenti l'organo collegiale lo richieda, essere compilato sommario processo verbale".

Art. 132. (1)
(Contenuto della sentenza)

La sentenza è pronunciata in nome del popolo italiano e reca l’intestazione: Repubblica Italiana.
Essa deve contenere:
1) l’indicazione del giudice che l’ha pronunciata;
2) l’indicazione delle parti e dei loro difensori;
3) le conclusioni del pubblico ministero e quelle delle parti;
4) la concisa esposizione delle ragioni di fatto e di diritto della decisione; (2)
5) il dispositivo, la data della deliberazione e la sottoscrizione del giudice.
La sentenza emessa dal giudice collegiale è sottoscritta soltanto dal presidente e dal giudice estensore. Se il presidente non può sottoscrivere per morte o per altro impedimento, la sentenza viene sottoscritta dal componente più anziano del collegio, purché prima della sottoscrizione sia menzionato l’impedimento; se l’estensore non può sottoscrivere la sentenza per morte o altro impedimento è sufficiente la sottoscrizione del solo presidente, purché prima della sottoscrizione sia menzionato l’impedimento.

(1) Si veda l’art. 58, comma 2, della L. 18 giugno 2009, n. 69 che dispone: “2. Ai giudizi pendenti in primo grado alla data di entrata in vigore della presente legge si applicano gli articoli 132, 345 e 616 de codice di procedura civile e l’articolo 118 delle disposizioni per l’attuazione del codice di procedura civile, come modificati dalla presente legge.”
(2) Questo numero è stato così sostituito dall’art. 45, comma 17, della L. 18 giugno 2009, n. 69. Il testo precedente disponeva: “4) la concisa esposizione dello svolgimento del processo e dei motivi in fatto e in diritto della decisione.”

_______________________

Cfr. Cass. Civ., sez. tributaria, sentenza 15 novembre 2007, n. 23673 in Altalex Massimario.

Art. 133.
(Pubblicazione e comunicazione della sentenza)

La sentenza è resa pubblica mediante deposito nella cancelleria del giudice che l'ha pronunciata.
Il cancelliere dà atto del deposito in calce alla sentenza e vi appone la data e la firma, ed entro cinque giorni, mediante biglietto contenente il dispositivo, ne dà notizia alle parti che si sono costituite.

(...) (1)

(1) Il comma: "L'avviso di cui al secondo comma può essere effettuato a mezzo telefax o a mezzo di posta elettronica nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici e teletrasmessi. A tal fine il difensore indica nel primo scritto difensivo utile il numero di fax o l'indirizzo di posta elettronica presso cui dichiara di voler ricevere l'avviso." è stato aggiunto dall’art. 2, comma 3, lett. a), del D.L. 35/2005 e successivamente abrogato dalla L. 12 novembre 2011, n. 183.

Art. 134.
(Forma, contenuto e comunicazione dell'ordinanza)

L'ordinanza è succintamente motivata. Se è pronunciata in udienza, è inserita nel processo verbale; se è pronunciata fuori dell'udienza, è scritta in calce al processo verbale oppure in foglio separato, munito della data e della sottoscrizione del giudice o, quando questo è collegiale, del presidente.
Il cancelliere comunica alle parti l'ordinanza pronunciata fuori dell'udienza, salvo che la legge ne prescriva la notificazione.
(...) (1)

(1) Il comma: "L'avviso di cui al secondo comma può essere effettuato a mezzo telefax o a mezzo di posta elettronica nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici e teletrasmessi. A tal fine il difensore indica nel primo scritto difensivo utile il numero di fax o l'indirizzo di posta elettronica presso cui dichiara di voler ricevere l'avviso." è stato aggiunto dal D.L. n. 35/2005, con decorrenza dal 1 marzo 2006 e successivamente abrogato dalla L. 12 novembre 2011, n. 183.

Art. 135.
(Forma e contenuto del decreto)

Il decreto è pronunciato d'ufficio o su istanza anche verbale della parte.
Se e' pronunciato su ricorso, è scritto in calce al medesimo.
Quando l'istanza è proposta verbalmente, se ne redige processo verbale e il decreto è inserito nello stesso.
Il decreto non è motivato, salvo che la motivazione sia prescritta espressamente dalla legge; è datato ed è sottoscritto dal giudice o, quando questo è collegiale, dal presidente.

Sezione IV: DELLE COMUNICAZIONI E DELLE NOTIFICAZIONI

Art. 136.
(Comunicazioni)

Il cancelliere, con biglietto di cancelleria (1) fa le comunicazioni che sono prescritte dalla legge o dal giudice al pubblico ministero, alle parti, al consulente, agli altri ausiliari del giudice e ai testimoni, e dà notizia di quei provvedimenti per i quali è disposta dalla legge tale forma abbreviata di comunicazione.
Il biglietto è consegnato dal cancelliere al destinatario, che ne rilascia ricevuta, ovvero trasmesso a mezzo posta elettronica certificata, nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici. (2)
Salvo che la legge disponga diversamente, se non è possibile procedere ai sensi del comma che precede, il biglietto viene trasmesso a mezzo telefax, o è rimesso all’ufficiale giudiziario per la notifica. (3)
(...) (4)

(1) Le parole: "in carta non bollata" sono state soppresse dall'art. 16, D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 (G.U. 19 ottobre 2012, n. 245), convertito, con L. 17 dicembre 2012, n. 221.
(2) Comma modificato dalla L. n. 263/2005, con decorrenza dal 1 marzo 2006, e successivamente così sostituito dalla L. 12 novembre 2011, n. 183.
(3) Comma aggiunto dalla L. n. 263/2005, con decorrenza dal 1 marzo 2006, e successivamente così sostituito dalla L. 12 novembre 2011, n. 183.
(4) Il comma: "Tutte le comunicazioni alle parti devono essere effettuate con le modalità di cui al terzo comma." è stato aggiunto dal D.L. 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla L. 14 settembre 2011, n. 148 e successivamente abrogato dalla L. 12 novembre 2011, n. 183.
_______________

Vedi Michele Iaselli, Ordinanza fuori udienza: comunicazione via email non valida senza riscontro, Cassazione Civile, sez. VI-1, ordinanza 20 maggio 2013, n. 12205.

Cfr. Cass. Civ., sez. I, sentenza 18 aprile 2008, n. 10200 in Altalex Massimario.

Art. 137.
(Notificazioni)

Le notificazioni, quando non è disposto altrimenti sono eseguite dall’ufficiale giudiziario, su istanza di parte o su richiesta del pubblico ministero o del cancelliere.
L’ufficiale giudiziario esegue la notificazione mediante consegna al destinatario di copia conforme all’originale dell’atto da notificarsi.
Se l’atto da notificare o comunicare è costituito da un documento informatico e il destinatario non possiede indirizzo di posta elettronica certificata, l’ufficiale giudiziario esegue la notificazione mediante consegna di una copia dell’atto su supporto cartaceo, da lui dichiarata conforme all’originale, e conserva il documento informatico per i due anni successivi. Se richiesto, l’ufficiale giudiziario invia l’atto notificato anche attraverso strumenti telematici all’indirizzo di posta elettronica dichiarato dal destinatario della notifica o dal suo procuratore, ovvero consegna ai medesimi, previa esazione dei relativi diritti, copia dell’atto notificato, su supporto informatico non riscrivibile. (1)
Se la notificazione non può essere eseguita in mani proprie del destinatario, tranne che nel caso previsto dal secondo comma dell’articolo 143, l’ufficiale giudiziario consegna o deposita la copia dell’atto da notificare in busta che provvede a sigillare e su cui trascrive il numero cronologico della notificazione, dandone atto nella relazione in calce all’originale e alla copia dell’atto stesso. Sulla busta non sono apposti segni o indicazioni dai quali possa desumersi il contenuto dell’atto. (2)
Le disposizioni di cui al quarto (3) comma si applicano anche alle comunicazioni effettuate con biglietto di cancelleria ai sensi degli articoli 133 e 136. (2)

(1) Comma inserito dall’art. 45, comma 18, lett. a), della L. 18 giugno 2009, n. 69
(2) Comma inserito dall’art. 174, comma 1, del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196
(3) L’originaria parola: “terzo” è stata così sostituita dall’art. 45, comma 18, lett. b) della L. 18 giugno 2009, n. 69

Art. 138. (1)
(Notificazione in mani proprie)

L'ufficiale giudiziario esegue la notificazione di regola mediante consegna della copia nelle mani proprie del destinatario, presso la csa di abitazione oppure, se ciò non è possibile, ovunque lo trovi nell'ambito della circoscrizione dell'ufficio giudiziario al quale è addetto.
Se il destinatario rifiuta di ricevere la copia, l'ufficiale giudiziario ne dà atto nella relazione, e la notificazione si considera fatta in mani proprie.

(1) Articolo così modificato dal Dlgs. 30 giugno 2003, n. 196.

Art. 139.
(Notificazione nella residenza, nella dimora o nel domicilio)

Se non avviene nel modo previsto nell'articolo precedente, la notificazione deve essere fatta nel comune di residenza del destinatario, ricercandolo nella casa di abitazione o dove ha l'ufficio o esercita l'industria o il commercio.
Se il destinatario non viene trovato in uno di tali luoghi, l'ufficiale giudiziario consegna copia dell'atto a una persona di famiglia o addetta alla casa, all'ufficio o all'azienda, purché non minore di quattordici anni o non palesemente incapace.
In mancanza delle persone indicate nel comma precedente, la copia è consegnata al portiere dello stabile dove è l'abitazione, l'ufficio o l'azienda, e, quando anche il portiere manca, a un vicino di casa che accetti di riceverla.
Il portiere o il vicino deve sottoscrivere una ricevuta, e l'ufficiale giudiziario dà notizia al destinatario dell'avvenuta notificazione dell'atto, a mezzo di lettera raccomandata. (1)
Se il destinatario vive abitualmente a bordo di una nave mercantile, l'atto può essere consegnato al capitano o a chi ne fa le veci.
Quando non è noto il comune di residenza, la notificazione si fa nel comune di dimora, e, se anche questa è ignota, nel comune di domicilio, osservate in quanto è possibile le disposizioni precedenti.

(1) Comma così modificato dal D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196.
_______________

Cfr. Cass. Civ., sez. III, sentenza 13 febbraio 2007, n. 3064, e Cass. Civ., sez. III, sentenza 14 settembre 2007, n. 19218 e Cass. Civ., sez. I, sentenza 25 settembre 2008, n. 24082 in Altalex Massimario.

Art. 140. (1)
(Irreperibilità o rifiuto di ricevere la copia)

Se non è possibile eseguire la consegna per irreperibilità o per incapacità o rifiuto delle persone indicate nell'articolo precedente, l'ufficiale giudiziario deposita la copia nella casa del comune dove la notificazione deve eseguirsi, affigge avviso del deposito in busta chiusa e sigillata (2) alla porta dell'abitazione o dell'ufficio o dell'azienda del destinatario, e gliene dà notizia per raccomandata con avviso di ricevimento.

(1) La Corte costituzionale, con sentenza n. 3 del 14 gennaio 2010, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale di questo articolo nella parte in cui prevede che la notifica si perfezioni, per il destinatario, con a spedizione della raccomandata informativa, anziché con il ricevimento della stessa o, comunque decorsi dieci giorni dalla relativa spedizione.
(2) Le parole: “in busta chiusa e sigillata” sono state inserite dall’art. 174, comma 4, del Dlgs. 30 giugno 2003, n. 196

__________________________

Cfr. Cass. Civ., sez. tributaria, sentenza 4 maggio 2009, n. 10177, Trib. Pesaro, sentenza 8 ottobre 2009, n. 783, Cass. Civ., sez. tributaria, sentenza 14 ottobre 2009, n. 21760 e Corte Cost., sentenza 14 gennaio 2010, n. 3 in Altalex Massimario.

Art. 141.
(Notificazione presso il domiciliatario)

La notificazione degli atti a chi ha eletto domicilio presso una persona o un ufficio può essere fatta mediante consegna di copia alla persona o al capo dell'ufficio in qualità di domiciliatario, nel luogo indicato nell'elezione.
Quando l'elezione di domicilio è stata inserita in un contratto, la notificazione presso il domiciliatario è obbligatoria, se così è stato espressamente dichiarato.
La consegna, a norma dell'art. 138, della copia nelle mani della persona o del capo dell'ufficio presso i quali si è eletto domicilio, equivale a consegna nelle mani del destinatario.
La notificazione non può essere fatta nel domicilio eletto se è chiesta dal domiciliatario o questi è morto o si è trasferito fuori della sede indicata nell'elezione di domicilio o è cessato l'ufficio.

Art. 142. (1)
(Notificazione a persona non residente, né dimorante, né domiciliata nella Repubblica)

Salvo quanto disposto nel secondo comma, se il destinatario non ha residenza, dimora o domicilio nello Stato e non vi ha eletto domicilio o costituito un procuratore a norma dell'art. 77, l'atto è notificato mediante spedizione al destinatario per mezzo della posta con raccomandata e mediante consegna di altra copia al Ministero degli affari esteri per la consegna alla persona alla quale è diretta.
Le disposizioni di cui al primo comma si applicano soltanto nei casi in cui risulta impossibile eseguire la notificazione in uno dei modi consentiti dalle Convenzioni internazionali e dagli artt. 30 e 75 del D.P.R. 5 gennaio 1967, n. 200. (2)

(1) I precedenti primo e secondo comma sono stati così sostituiti dall’attuale primo comma dall’art. 174, comma 5, lett. a) del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196.
(2) Le parole: “ai commi precedenti” sono state così sostituite dall’art. 174, comma 5, lett. b) del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196.

_________________________

(2) La Corte costituzionale con sentenza 3 marzo 1994, n. 69 ha dichiarato l'illegittimità costituzionale degli artt. 142, terzo comma, 143, terzo comma, e 680, primo comma, del codice di procedura civile nella parte in cui non prevedono che la notificazione all'estero del sequestro si perfezioni, ai fini dell'osservanza del prescritto termine, con il tempestivo compimento delle formalità imposte al notificante dalle Convenzioni internazionali e dagli articoli 30 e 75 del D.P.R. 5 gennaio 1967, n. 200.

Art. 143.
(Notificazione a persona di residenza, dimora e domicilio sconosciuti)

Se non sono conosciuti la residenza, la dimora e il domicilio del destinatario e non vi e' il procuratore previsto nell'art. 77, l'ufficiale giudiziario esegue la notificazione mediante deposito di copia dell'atto nella casa comunale dell'ultima residenza o, se questa è ignota, in quella del luogo di nascita del destinatario [, e mediante affissione di altra copia nell'albo dell'ufficio giudiziario davanti al quale si procede] (1).
Se non sono noti né il luogo dell'ultima residenza né quello di nascita, l'ufficiale giudiziario consegna una copia dell'atto al pubblico ministero.
Nei casi previsti nel presente articolo e nei primi due commi dell'articolo precedente, la notificazione si ha per eseguita nel ventesimo giorno successivo a quello in cui sono compiute le formalità prescritte. (2)

(1) Parole soppresse dal D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196.
(2) La Corte costituzionale con sentenza 3 marzo 1994, n. 69 ha dichiarato l'illegittimità costituzionale degli artt. 142, terzo comma, 143, terzo comma, e 680, primo comma, del codice di procedura civile nella parte in cui non prevedono che la notificazione all'estero del sequestro si perfezioni, ai fini dell'osservanza del prescritto termine, con il tempestivo compimento delle formalità imposte al notificante dalle Convenzioni internazionali e dagli articoli 30 e 75 del D.P.R. 5 gennaio 1967, n. 200.
_______________

Cfr. Cass. Civ., sez. I, sentenza 27 marzo 2008, n. 7964 e Cass. Civ., sez. I, sentenza 23 maggio 2008, n. 13431 in Altalex Massimario.

Art. 144.
(Notificazione alle amministrazioni dello Stato)

Per le amministrazioni dello Stato si osservano le disposizioni delle leggi speciali che prescrivono la notificazione presso uffici dell'Avvocatura dello Stato.
Fuori dei casi previsti nel comma precedente, le notificazioni si fanno direttamente, presso l'amministrazione destinataria, a chi la rappresenta nel luogo in cui risiede il giudice davanti al quale si procede. Esse si eseguono mediante consegna di copia nella sede dell'ufficio al titolare o alle persone indicate nell'articolo seguente.

_______________

Cfr. Cons. Stato, sez. VI, decisione 22 aprile 2008, n. 4094 in Altalex Massimario.

Art. 145.
(Notificazione alle persone giuridiche)

La notificazione alle persone giuridiche si esegue nella loro sede, mediante consegna di copia dell'atto al rappresentante o alla persona incaricata di ricevere le notificazioni o, in mancanza, ad altra persona addetta alla sede stessa ovvero al portiere dello stabile in cui è la sede. La notificazione può anche essere eseguita, a norma degli articoli 138, 139 e 141, alla persona fisica che rappresenta l'ente qualora nell'atto da notificare ne sia indicata la qualità e risultino specificati residenza, domicilio e dimora abituale.
La notificazione alle società non aventi personalità giuridica, alle associazioni non riconosciute e ai comitati di cui agli artt. 36 ss. c.c. si fa a norma del comma precedente, nella sede indicata nell'art. 19, secondo comma, ovvero alla persona fisica che rappresenta l'ente qualora nell'atto da notificare ne sia indicata la qualità e risultino specificati residenza, domicilio e dimora abituale.
Se la notificazione non può essere eseguita a norma dei commi precedenti, la notificazione alla persona fisica indicata nell'atto, che rappresenta l'ente, può essere eseguita anche a norma degli articoli 140 o 143.

(1) Articolo così modificato dall’art. 2, comma 1, lett. c), nn. 1, 2 e 3, della L. n. 263/2005. L’articolo precedente recitava: “La notificazione alle persone giuridiche si esegue nella loro sede, mediante consegna di copia dell’atto al rappresentante o alla persona incaricata di ricevere le notificazioni o, in mancanza, ad altra persona addetta alla sede stessa. La notificazione alle società non aventi personalità giuridica, alle associazioni non riconosciute e ai comitati di cui agli artt. 36 ss. c.c. si fa a norma del comma precedente, nella sede indicata nell’at. 19, secondo comma.Se la notificazione non può essere eseguita a norma dei commi precedenti e nell’atto è indicata la persona fisica che rappresenta l’ente, si osservano le disposizioni degli artt. 138, 139 e 141.”

_____________________________

Cfr. Cass. Civ., sez. tributaria, sentenza 29 luglio 2009, n. 17590 in Altalex Massimario.

Art. 146.
(Notificazione a militari in attività di servizio)

Se il destinatario è militare in attività di servizio e la notificazione non è eseguita in mani proprie, osservate le disposizioni di cui agli artt. 139 ss., si consegna una copia al pubblico ministero, che ne cura l'invio al comandante del corpo al quale il militare appartiene.

_______________

Cfr. Cons. Stato, sez. IV, sentenza 17 settembre 2007, n. 4850 in Altalex Massimario.

Art. 147. (1)
(Tempo delle notificazioni)

Le notificazioni non possono farsi prima delle ore 7 e dopo le ore 21.

(1) Articolo così modificato dalla L. n. 263/2005, con decorrenza dal 1 marzo 2006.
Il testo precedente recitava:
"Art. 147. (Tempo delle notificazioni)
Le notificazioni non possono farsi dal 1 ottobre al 31 marzo prima delle ore 7 e dopo le ore 19; dal 1 aprile al 30 settembre prima delle ore 6 e dopo le ore 20."

Art. 148.
(Relazione di notificazione)

L'ufficiale giudiziario certifica l'eseguita notificazione mediante relazione da lui datata e sottoscritta, apposta in calce all'originale e alla copia dell'atto.
La relazione indica la persona alla quale è consegnata la copia e le sue qualità, nonché il luogo della consegna, oppure le ricerche, anche anagrafiche, fatte dall'ufficiale giudiziario, i motivi della mancata consegna e le notizie raccolte sulla reperibilità del destinatario.

Art. 149. (1)
(Notificazione a mezzo del servizio postale)

Se non ne è fatto espresso divieto dalla legge, la notificazione può eseguirsi anche a mezzo del servizio postale.
In tal caso l'ufficiale giudiziario scrive la relazione di notificazione sull'originale e sulla copia dell'atto, facendovi menzione dell'Ufficio postale per mezzo del quale spedisce la copia al destinatario in piego raccomandato con avviso di ricevimento. Quest'ultimo è allegato all'originale.
La notifica si perfeziona, per il soggetto notificante, al momento della consegna del plico all'ufficiale giudiziario e, per il destinatario, dal momento in cui lo stesso ha la legale conoscenza dell'atto. (2)

(1) La Corte Costituzionale con sentenza 26 novebre 2002, n. 477 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del combinato disposto del presente articolo e dell’art. 4, comma terzo, della legge 20 novembre 1982, n. 890 (Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari) nella parte in cui prevede che la notificazione si perfeziona, per il notificante, alla data di ricezione dell’atto da parte del destinatario anziché a quella, antecedente, di consegna dell’atto all’ufficiale giudiziario.
(2) Comma aggiunto dalla L. n. 263/2005, con decorrenza dal 1 marzo 2006.

Art. 149-bis. (1)
(Notificazione a mezzo posta elettronica)

Se non è fatto espresso divieto dalla legge, la notificazione può eseguirsi a mezzo posta elettronica certificata, anche previa estrazione di copia informatica del documento cartaceo.
Se procede ai sensi del primo comma, l'ufficiale giudiziario trasmette copia informatica dell'atto sottoscritta con firma digitale all'indirizzo di posta elettronica certificata del destinatario risultante da pubblici elenchi o comunque accessibili alle pubbliche amministrazioni. (2)
La notifica si intende perfezionata nel momento in cui il gestore rende disponibile il documento informatico nella casella di posta elettronica certificata del destinatario.
L'ufficiale giudiziario redige la relazione di cui all'articolo 148, primo comma, su documento informatico separato, sottoscritto con firma digitale e congiunto all'atto cui si riferisce mediante strumenti informatici, individuati con apposito decreto del Ministero della giustizia. La relazione contiene le informazioni di cui all'articolo 148, secondo comma, sostituito il luogo della consegna con l'indirizzo di posta elettronica presso il quale l'atto è stato inviato.
Al documento informatico originale o alla copia informatica del documento cartaceo sono allegate, con le modalità previste dal quarto comma, le ricevute di invio e di consegna previste dalla normativa, anche regolamentare, concernente la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici trasmessi in via telematica.
Eseguita la notificazione, l'ufficiale giudiziario restituisce all'istante o al richiedente, anche per via telematica, l'atto notificato, unitamente alla relazione di notificazione e agli allegati previsti dal quinto comma.

(1) Articolo inserito dal D.L. 29 dicembre 2009, n. 193, convertito nella L. 22 febbraio 2010, n. 24.
(2) Le parole: "o comunque accessibili alle pubbliche amministrazioni" sono state inserite dall'art. 16, D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 (G.U. 19 ottobre 2012, n. 245), convertito, con L. 17 dicembre 2012, n. 221.

Art. 150.
(Notificazione per pubblici proclami)

Quando la notificazione nei modi ordinari è sommamente difficile per il rilevante numero dei destinatari o per la difficoltà di identificarli tutti, il capo dell'ufficio giudiziario davanti al quale si procede (1) può autorizzare, su istanza della parte interessata e sentito il pubblico ministero, la notificazione per pubblici proclami.
L'autorizzazione è data con decreto steso in calce all'atto da notificarsi; in esso sono designati, quando occorre, i destinatari ai quali la notificazione deve farsi nelle forme ordinarie e sono indicati i modi che appaiono più opportuni per portare l'atto a conoscenza degli altri interessati.
In ogni caso, copia dell'atto è depositata nella casa comunale del luogo in cui ha sede l'ufficio giudiziario davanti al quale si promuove o si svolge il processo, e un estratto di esso è inserito nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica e nel Foglio degli annunzi legali delle province (2) dove risiedono i destinatari o si presume che risieda la maggior parte di essi.
La notificazione si ha per avvenuta quando, eseguito ciò che è prescritto nel presente articolo, l'ufficiale giudiziario deposita una copia dell'atto, con la relazione e i documenti giustificativi dell'attivita' svolta, nella cancelleria del giudice davanti al quale si procede.
Questa forma di notificazione non è ammessa nei procedimenti davanti al conciliatore.

(1) Le parole: "e, in caso di procedimento davanti al pretore, il presidente del tribunale, nella cui circoscrizione è posta la pretura," sono state soppresse dal D.Lgs. 19 febbraio 1998, n. 51.
(2) I fogli degli annunzi legali delle province sono stati aboliti dalla L. 24 novembre 2000, n. 240.

Art. 151. (1)
(Forme di notificazione ordinate dal giudice)

Il giudice può prescrivere, anche d'ufficio, con decreto steso in calce all'atto, che la notificazione sia eseguita in modo diverso da quello stabilito dalla legge, e anche per mezzo di telegramma collazionato con avviso di ricevimento quando lo consigliano circostanze particolari o esigenze di maggiore celerità, di
riservatezza o di tutela della dignità.

(1) Articolo così modificato dal D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196.

Capo II: DEI TERMINI

Art. 152.
(Termini legali e termini giudiziari)

I termini per il compimento degli atti del processo sono stabiliti dalla legge; possono essere stabiliti dal giudice anche a pena di decadenza, soltanto se la legge lo permette espressamente.
I termini stabiliti dalla legge sono ordinatori, tranne che la legge stessa li dichiari espressamente perentori.

Art. 153. (1)
(Improrogabilità dei termini perentori)

I termini perentori non possono essere abbreviati o prorogati, nemmeno sull’accordo delle parti.

La parte che dimostra di essere incorsa in decadenze per causa ad essa non imputabile può chiedere al giudice di essere rimessa in termini. Il giudice provvede a norma dell’articolo 294, secondo e terzo comma.

(1) Articolo aggiornato con le modifiche introdotte dalla L. 18 giugno 2009, n. 69.
_______________

Cfr. Trib. Mondovì, ordinanza 19 febbraio 2010 in Altalex Massimario.

Art. 154.
(Prorogabilità del termine ordinatorio)

Il giudice, prima della scadenza, può abbreviare, o prorogare anche d'ufficio, il termine che non sia stabilito a pena di decadenza. La proroga non può avere una durata superiore al termine originario. Non può essere consentita proroga ulteriore, se non per motivi particolarmente gravi e con provvedimento motivato.

Vedi Giulio Spina, Reclamo cautelare improcedibile se scade termine per la notifica, Tribunale Taranto, sez. II, ordinanza 6 maggio 2013.

Art. 155.
(Computo dei termini)

Nel computo dei termini a giorni o ad ore, si escludono il giorno o l'ora iniziali.
Per il computo dei termini a mesi o ad anni, si osserva il calendario comune.
I giorni festivi si computano nel termine.
Se il giorno di scadenza è festivo la scadenza è prorogata di diritto al primo giorno seguente non festivo.
La proroga prevista dal quarto comma si applica altresì ai termini per il compimento degli atti processuali svolti fuori dell'udienza che scadono nella giornata del sabato.
Resta fermo il regolare svolgimento delle udienze e di ogni altra attività giudiziaria, anche svolta da ausiliari, nella giornata del sabato, che ad ogni effetto è considerata lavorativa. (1)

(1) Commi aggiunti dalla legge 263/2005, con decorrenza dal 1 marzo 2006 (Altalex).

Capo III: DELLA NULLITA' DEGLI ATTI

Art. 156.
(Rilevanza della nullità)

Non puo' essere pronunciata la nullità per inosservanza di forme di alcun atto del processo, se la nullità non è comminata dalla legge.
Puo' tuttavia essere pronunciata quando l'atto manca dei requisiti formali indispensabili per il raggiungimento dello scopo.
La nullità non puo' mai essere pronunciata, se l'atto ha raggiunto lo scopo a cui è destinato.

_______________

Cfr. Art. 156 c.p.c. annotato con la giurisprudenza, Cassazione civile, sez. tributaria, sentenza 2 luglio 2009, n. 17567, Cassazione penale, sez. II, sentenza 8 ottobre 2009, n. 39039, Cassazione civile, sez. I, sentenza 24 maggio 2010, n. 12647 e Cassazione civile, sez. II, sentenza 24 aprile 2010, n. 12663 in Altalex Massimario.

Art. 157.
(Rilevabilità e sanatoria della nullità)

Non può pronunciarsi la nullità senza istanza di parte, se la legge non dispone che sia pronunciata d'ufficio.
Soltanto la parte nel cui interesse è stabilito un requisito puo' opporre la nullità dell'atto per la mancanza del requisito stesso, ma deve farlo nella prima istanza o difesa successiva all'atto o alla notizia di esso.
La nullità non può essere opposta dalla parte che vi ha dato causa, né da quella che vi ha rinunciato anche tacitamente.

Art. 158.
(Nullità derivante dalla costituzione del giudice)

La nullità derivante da vizi relativi alla costituzione del giudice o all'intervento del pubblico ministero è insanabile e deve essere rilevata d'ufficio, salva la disposizione dell'art. 161.

_______________

Cfr. Cass. Civ., sez. I, sentenza 15 maggio 2009, n. 11295 in Altalex Massimario.

Art. 159.
(Estensione della nullità)

La nullità di un atto non importa quella degli atti precedenti, né di quelli successivi che ne sono indipendenti.
La nullità di una parte dell'atto non colpisce le altre parti che ne sono indipendenti.
Se il vizio impedisce un determinato effetto, l'atto può tuttavia produrre gli altri effetti ai quali è idoneo.

Art. 160.
(Nullità della notificazione)

La notificazione è nulla se non sono osservate le disposizioni circa la persona alla quale deve essere consegnata la copia, o se vi è incertezza assoluta sulla persona a cui è fatta o sulla data, salva l'applicazione degli artt. 156 e 157.

Art. 161.
(Nullità della sentenza)

La nullità delle sentenze soggette ad appello o a ricorso per cassazione può essere fatta valere soltanto nei limiti e secondo le regole proprie di questi mezzi di impugnazione.
Questa disposizione non si applica quando la sentenza manca della sottoscrizione del giudice.

Art. 162.
(Pronuncia sulla nullità)

Il giudice che pronuncia la nullita' deve disporre, quando sia possibile, la rinnovazione degli atti ai quali la nullità si estende.
Se la nullita' degli atti del processo è imputabile al cancelliere, all'ufficiale giudiziario o al difensore, il giudice, col provvedimento col quale la pronuncia, pone le spese della rinnovazione a carico del responsabile e, su istanza di parte, con la sentenza che decide la causa può condannare quest'ultimo al risarcimento dei danni causati dalla nullita' a norma dell'art. 60, n. 2.

(Segue>>)


Lo straniero e il giudice civile
Germano Cortese Emanuela, Ratti Gabriella, Vitrò Silvia, Veglio Maurizio
70,00
€ 63,00
Aspetti sostanziali e processuali del diritto dell' immigrazione
UTET 2014

COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Giusto processo, ragionevole durata, ricorso, notificazione, nuovo termine (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 12.03.2014 n° 5700 )

Processo del lavoro, prova, mancata ammissione, appello, reclamo (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 26.02.2014 n° 4586 )

Società, cartella esattoriale, sede legale, notificazione, irreperibiità, validità (Cassazione civile , sez. tributaria, sentenza 11.12.2013 n° 27677 )

Accertamento tributario, notificazione, contribuente, residenza, estero, AIRE (Cassazione civile , sez. tributaria, sentenza 04.12.2013 n° 27154 )

Guardia di Finanza, accertamento fiscale, ispezione, durata prolungata, validità (Cassazione civile , sez. tributaria, sentenza 29.11.2013 n° 26732 )

Accertamento fiscale, notificazione, errore, spese di giudizio, compensazione (Cassazione civile , sez. VI-T, sentenza 26.11.2013 n° 26483 )

Avviso di accertamento, notificazione, familiare non convivente, presunzione (Cassazione civile , sez. VI-T, ordinanza 21.11.2013 n° 26189 )

Processo amministrativo, ricorso, notificazione, PEC, ammissibilità, presupposti (TAR Lazio-Roma, sez. IIIbis, decreto 12.11.2013 n° 23921 )

Ricorso, pubblica amministrazione, pubblicazione per pubblici proclami, sito (TAR Lazio-Roma, sez. IIIbis, ordinanza 07.11.2013 n° 9506 )

Notificazione, procuratore, domicilio, praticante, addetto allo studio, validità (Cassazione civile , sez. VI-3, ordinanza 30.10.2013 n° 24502 )

Appello, difensore, procura alle liti, parte, decesso, poteri, permanenza, spese (Cassazione civile , sez. I, ordinanza 22.10.2013 n° 23890 )

Processo civile, estinzione, reclamo, rito camerale, appello, termine, citazione (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 08.10.2013 n° 22848 )

Fallimento, procedura, imprenditore, audizione, avviso, notificazione, sede (Cassazione civile , sez. I, sentenza 25.09.2013 n° 21896 )

Processo tributario, documenti, deposito, termine perentorio, sanatoria (Cassazione civile , sez. tributaria, sentenza 06.09.2013 n° 20523 )

Notificazione, destinatario, indicazione, errore, identificazione, nullità, esclusione (Cassazione civile , sez. II, sentenza 01.08.2013 n° 18427 )

Notificazione, moglie, dichiarazione, fede privilegiata, falsità, validità (Cassazione civile , sez. VI-T, ordinanza 01.08.2013 n° 18492 )

Contribuente, irreperibilità, notificazione, raccomandata, omissione, invalidità (Cassazione civile , sez. VI-T, ordinanza 30.07.2013 n° 18251 )

Contraddittorio, litisconsorzio, integrazione, notifica, destinatario, decesso (Cassazione civile , sez. I, sentenza 17.07.2013 n° 17473 )

Istanza di rimessione in termini per la notifica del decreto ingiuntivo (Formula agg. al 22.05.2013 (Laura Biarella) )

Appello, notificazione, avvocato domiciliatorio, cancellazione dall'albo, nullità (Cassazione civile , sez. II, sentenza 21.05.2013 n° 12478 )

Ordinanza fuori udienza, difensore, comunicazione, email, ricevuta, ricevimento (Cassazione civile , sez. VI-1, ordinanza 20.05.2013 n° 12205 )

Notificazione, risultanze anagrafiche, dimora effettiva, prova, detective privato (Cassazione civile , sez. III, sentenza 14.05.2013 n° 11550 )

Fallimento, giudice delegato, autorizzazione, giudizio, estensione, ricusazione (Cassazione civile , sez. I, sentenza 08.05.2013 n° 10732 )

Avvocato, compensi, azione giudiziaria, ordinanza di liquidazione, Cassazione (Cassazione civile , sez. II, sentenza 17.04.2013 n° 9366 )

Posta elettronica certificata, difensore, cancelleria, comunicazione, nullità (Tribunale Milano, sez. X civile, ordinanza 10.04.2013 n° 683 )

Processo amministrativo, ricorso, notifica a mezzo PEC, relazione, irritualità (TAR Campania-Napoli, sez. VI, sentenza 03.04.2013 n° 1756 )

Cartella esattoriale, notificazione, portiere, familiare, ricerca preventiva (Cassazione civile , sez. VI-2, ordinanza 28.03.2013 n° 7811 )

Avviso di accertamento, notificazione, matrigna, persona di famiglia, validità (Cassazione civile , sez. tributaria, sentenza 27.03.2013 n° 7714 )

Atti processuali, lingua italiana, obbligatorietà, documenti, CTP, lingua inglese (Cassazione civile , sez. III, sentenza 12.03.2013 n° 6093 )

Processo tributario, impugnazione, termine lungo, sentenza, conoscenza effettiva (Cassazione civile , sez. VI-T, sentenza 11.03.2013 n° 6048 )

Genitori, potestà, procedimento, minori, audizione, necessità, violazione, nullità (Cassazione civile , sez. I, sentenza 08.03.2013 n° 5847 )

DIA, diniego, diffida alla non esecuzione, notificazione, irritualità, annullamento (TAR Campania-Napoli, sez. II, sentenza 27.02.2013 n° 1165 )

Convenuto, costituzione in giudizio, termine, giorno festivo, sabato, proroga (Tribunale Rovigo, sez. Adria, ordinanza 14.02.2013 )

Udienza, verbale, assenza, sentenza, rito del lavoro, dispositivo, irregolarità (Tribunale Piacenza, sentenza 12.02.2013)

Sentenza, contenuto, merito, motivazione per relationem, estremi, ammissibilità (Cassazione civile , sez. tributaria, sentenza 12.02.2013 n° 3340 )

Ricorso, notifica, perfezionamento, raccomandata, ricevuta ricevimento (Cassazione civile , sez. tributaria, sentenza 10.01.2013 n° 425 )

Notificazione, portiere, persone abilitate, ricerca, omissione, nullità (Cassazione civile , sez. VI-3, ordinanza 09.01.2013 n° 371 )

DECRETO CRESCITA 2.0: la legge di conversione (Legge 17.12.2012 n° 221 , G.U. 18.12.2012 )

Notificazione, cartella di pagamento, contribuente, irreperibilità parziale (Corte Costituzionale , sentenza 22.11.2012 n° 258 )

Raccomandata, ricevuta, zio, contribuente, prescrizione, termine, prova, validitià (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 17.11.2012 n° 20145 )

DECRETO CRESCITA 2.0: il testo coordinato in Gazzetta Ufficiale (Decreto Legge , testo coordinato 18.10.2012 n° 179 , G.U. 18.12.2012 )

Posta elettronica certificata, notifica, avvocati, domiciliazione, cancelleria (Tribunale Reggio Emilia, sentenza 13.10.2012 )

Notifica, portiere, ritiro, legittimità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 11.10.2012 n° 17336 )

Gazzetta Ufficiale Ottobre 2012 (Mappa 02.10.2012)

Contratto, risoluzione, nullità, rilevabilità d'ufficio, ammissibilità (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 04.09.2012 n° 14828 )

Citazione, notifica, procuratore, sottoscrizione, mancanza, provenienza, validità (Tribunale Reggio Emilia, ordinanza 06.08.2012 )

Accertamento fiscale, notificazione, raccomandata, avviso ricevimento, invalidità (Cassazione civile , sez. VI-T, sentenza 26.06.2012 n° 10689 )

Differenze retributive, dipendente, interessi, rivalutazione, calcolo, somme nette (Consiglio di Stato , adunanza plenaria, sentenza 05.06.2012 n° 18 )

Atti tributari, notificazione, società commerciale, domicilio fiscale, onere (Cassazione civile , sez. tributaria, sentenza 30.05.2012 n° 8637 )

Processo tributario, impugnazioni, notifiche, servizio postale, termini (Cassazione civile , sez. tributaria, sentenza 13.04.2012 n° 5871 )

Notificazione, familiare, convivenza, prova (Cassazione civile , sez. tributaria, ordinanza 11.04.2012 n° 5729 )

Testimonianza, incapacità, eccezione, deduzioni, mancanza, conseguenze (Cassazione civile , sez. III, sentenza 10.04.2012 n° 5643 )

Notifiche, persona giuridica, legale rappresentante, residenza sconosciuta, limiti (Cassazione civile , sez. I, sentenza 19.03.2012 n° 4305 )

Procura, società, firma illeggibile, irrilevanza, autore, identificabilità (Cassazione civile , sez. II, sentenza 15.03.2012 n° 4143 )

Esecuzione forzata, pignoramento, sottoscrizione, procura, precetto, sufficienza (Cassazione civile , sez. III, sentenza 07.02.2012 n° 1687 )

Notificazione, società incorporata, nullità, incorporante, sanatoria (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 02.02.2012 n° 1467 )

Fallimento, natura dilatoria, termine di notifica (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 01.02.2012 n° 1418 )

Sentenza, distrazione, spese processuali, appello, litisconsorzio necessario (Cassazione civile , sez. III, sentenza 31.01.2012 n° 1371 )

Notificazioni, società, sede effettiva, validità (Cassazione civile , sez. VI, ordinanza 24.11.2011 n° 24842 )

Minore, maggiore età, notificazione, genitori, sanabilità (Cassazione civile , sez. III, sentenza 21.11.2011 n° 24450 )

Consulente tecnico d’ufficio, questione unica, più risposte, remunerazione (Cassazione civile , sez. II, sentenza 17.11.2011 n° 24096 )

Legge di stabilità 2012 pubblicata in Gazzetta ufficiale (Legge 12.11.2011 n° 183 , G.U. 14.11.2011 )

Notificazione, irreperibilità, compiuta giacenza, nullità (Corte d'Appello Potenza, sez. lavoro, sentenza 10.11.2011 )

Società senza personalità giuridica, notificazione, rappresentante legale (Tribunale Prato, sez. unica civile, sentenza 08.11.2011 n° 1248 )

Ruolo Generale, data udienza, errore, contraddittorio, violazione, nullità (Cassazione civile , sez. I, sentenza 24.10.2011 n° 21960 )

Impugnazione tardiva, notificazione, inesistenza, nullità, onere prova (Cassazione civile , sez. I, sentenza 06.10.2011 n° 20520 )

Spese processuali, tariffa forense, valore della lite, motivazione (Cassazione civile , sez. II, ordinanza 03.10.2011 n° 20256 )

Notifica, procuratore domiciliatario, cancellazione albo, nullità sanabile (Cassazione civile , sez. tributaria, sentenza 22.09.2011 n° 19325 )

Manovra bis: il decreto di conversione in Gazzetta (Legge 14.09.2011 n° 148 , G.U. 16.09.2011 )

Procedura prefallimentare, sentenza, nullità, estensione atti successivi (Cassazione civile , sez. VI, ordinanza 13.09.2011 n° 18762 )

MANOVRA BIS: il testo coordinato in Gazzetta Ufficiale (Decreto Legge , testo coordinato, 13.08.2011 n° 138 , G.U. 13.08.2011 )

Intervento, oggetto sostanziale, connessione, nuove domande (Cassazione civile , sez. II, sentenza 11.07.2011 n° 15208 )

Accertamento tributario, avviso, società, amministratore, notifica, nullità (Cassazione civile , sez. tributaria, sentenza 06.07.2011 n° 14925 )

Ricorso, citazione, raggiungimento scopo, notifica, termine (Cassazione civile , sez. II, ordinanza 04.07.2011 n° 14560 )

Domiciliatario, morte, cassazione, notificazione in cancelleria (Cassazione civile , SS.UU, sentenza 24.06.2011 n° 13908 )

Giudice, collegio, assenza, effetti (Cassazione civile , sez. III, sentenza 14.06.2011 n° 12957 )

Procuratore, morte, notifica, forma esecutiva, decorrenza termini (Cassazione civile , sez. II, sentenza 06.06.2011 n° 12236 )

Accertamento tributario, notificazione, istituti di diritto civile, applicazione (Cassazione civile , sez. tributaria, sentenza 31.05.2011 n° 12007 )

Nullità, rilevabilità, termini, limiti (Tribunale di Piacenza, sentenza 26.05.2011 n° 457 )

Sentenza, nullità, dispositivo, contraddittorietà (Cassazione civile , sez. III, sentenza 23.05.2011 n° 11299 )

Notificazione, inesistenza, differenze, effetti (Cassazione civile , sez. tributaria, ordinanza 13.05.2011 n° 10637 )

Processo, ragionevole durata, ragione più liquida (Tribunale Catanzaro, sez. II, sentenza 05.05.2011 )

Notificazione, avvocato deceduto, sanabilità (Cassazione civile , sez. II, ordinanza 04.05.2011 n° 9797 )

Processo tributario, notificazione, raccomandata, ufficiale giudiziario, effetti (Cassazione civile , sez. Tributaria, sentenza 21.04.2011 n° 9173 )

Interventi urgenti in materia di funzionalità del sistema giudiziario (Legge 22.02.2010 n° 24 , G.U. 26.02.2010 )

Decreto procure, digitalizzazione, proroga della magistratura onoraria (Decreto Legge , testo coordinato 29.12.2009 n° 193 , G.U. 26.02.2010 )

Processo civile: interventi correttivi, notificazioni e pensione di reversibilità (Legge 28.12.2005 n° 263 , G.U. 28.12.2005 )

Competitività: processo civile, professioni, fallimento, auto, DIA, finanziamenti (Decreto Legge , testo coordinato 14.03.2005 n° 35 , G.U. 14.05.2005 )

Codice della Privacy (Decreto legislativo , testo coordinato, 30.06.2003 n° 196 , G.U. 29.07.2003 )

Notifica si perfeziona per il notificante alla consegna dell'atto all’ufficiale giudiziario (Corte Costituzionale , sentenza 26.11.2002 n° 477 )

Legge di semplificazione 1999: delegificazione e sburocratizzazione (Legge 24.11.2000 n° 340 , G.U. 24.11.2000 )

La riforma del Giudice Unico (Decreto legislativo 19.02.1998 n° 51 )

Recupero del credito Iva: illegittimo il controllo automatico (Commissione Tributaria Regionale Bari, sez. Lecce, sentenza n° 359/23/14 (Alessandra Rizzelli, Maurizio Villani) )


16 correzioni personalizzate di pareri e atti + 8 lezioni in "aula virtuale"

Giunto alla XI edizione, il corso on-line diretto per Altalex da Paolo Franceschetti, è mirato all’acquisizione del metodo e delle conoscenze necessarie a superare l'Esame Avvocato e quest'anno si pres ...

Avv. Laura Valentini

Avvocato del Foro di Trento. Offro assistenza legale, giudiziale e stragiudiziale, in tutti i settori del diritto civile e penale. Disponibile per domiciliazioni e sostituzioni processuali.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso amministratore di condominio anatocismo Appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio Equitalia esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo telematico procura alle liti provvigione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma forense riforma fornero sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura