ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Del processo di esecuzione - Delle opposizioni
Codice di procedura civile , Libro III, Titolo V, agg. al 15.03.2013



(<<Precede)

Libro Terzo: DEL PROCESSO DI ESECUZIONE

Titolo V: DELLE OPPOSIZIONI


Capo I: DELLE OPPOSIZIONI DEL DEBITORE E DEL TERZO ASSOGGETTATO ALL'ESECUZIONE

Sezione I: DELLE OPPOSIZIONI ALL'ESECUZIONE

Art. 615.
(Forma dell'opposizione)

Quando si contesta il diritto della parte istante a procedere ad esecuzione forzata e questa non e' ancora iniziata, si puo' proporre opposizione al precetto con citazione davanti al giudice competente per materia o valore e per territorio a norma dell'articolo 27. Il giudice, concorrendo gravi motivi, sospende su istanza di parte l'efficacia esecutiva del titolo. (1)
Quando e' iniziata l'esecuzione, l'opposizione di cui al comma precedente e quella che riguarda la pignorabilita' dei beni si propongono con ricorso al giudice dell'esecuzione stessa. Questi fissa con decreto l'udienza di comparizione delle parti davanti a se' e il termine perentorio per la notificazione del ricorso e del decreto.

(1) Parole aggiunte dal D.L. n. 35/2005 con decorrenza dal 1 marzo 2006.

Art. 616. (1)
(Provvedimenti sul giudizio di cognizione introdotto dall'opposizione)

Se competente per la causa è l’ufficio giudiziario al quale appartiene il giudice dell’esecuzione questi fissa un termine perentorio per l’introduzione del giudizio di merito secondo le modalità previste in ragione della materia e del rito, previa iscrizione a ruolo, a cura della parte interessata, osservati i termini a comparire di cui all’articolo 163-bis, o altri se previsti, ridotti della metà; altrimenti rimette la causa dinanzi all’ufficio giudiziario competente assegnando un termine perentorio per la riassunzione della causa.

(...)

(1) Il comma che recitava: "La causa è decisa con sentenza non impugnabile." è stato soppresso dalla L. 18 giugno 2009, n. 69.

Sezione II: DELLE OPPOSIZIONI AGLI ATTI ESECUTIVI

Art. 617.
(Forma dell'opposizione)

Le opposizioni relative alla regolarità formale del titolo esecutivo e del precetto si propongono, prima che sia iniziata l'esecuzione, davanti al giudice indicato nell'articolo 480 terzo comma, con atto di citazione da notificarsi nel termine perentorio di venti giorni (1) dalla notificazione del titolo esecutivo o del precetto.
Le opposizioni di cui al comma precedente che sia stato impossibile proporre prima dell'inizio dell'esecuzione e quelle relative alla notificazione del titolo esecutivo e del precetto e ai singoli atti di esecuzione si propongono con ricorso al giudice dell'esecuzione nel termine perentorio di venti giorni (1) dal primo atto di esecuzione, se riguardano il titolo esecutivo o il precetto, oppure dal giorno in cui i singoli atti furono compiuti.

(1) Parole così modificate dal D.L. n. 35/2005 con decorrenza dal 1 marzo 2006.
_______________

Cfr. Cass. Civ., sez. II, sentenza 22 gennaio 2008, n. 1269, Trib. Torino, ordinanza 21 settembre 2007 e Cass. Civ., sez. III, sentenza 27 maggio 2009, n. 12259 in Altalex Massimario.
Cfr. la formula "Opposizione alla regolarità formale del titolo esecutivo e del precetto", tratta da FormularioCivile.it.

Art. 618.
(Provvedimenti del giudice dell'esecuzione)

Il giudice dell'esecuzione fissa con decreto l'udienza di comparizione delle parti davanti a sé e il termine perentorio per la notificazione del ricorso e del decreto, e dà, nei casi urgenti, i provvedimenti opportuni.
All'udienza dà con ordinanza i provvedimenti che ritiene indilazionabili ovvero sospende la procedura. In ogni caso fissa un termine perentorio per l'introduzione del giudizio di merito, previa iscrizione a ruolo a cura della parte interessata, osservati i termini a comparire di cui all'articolo 163-bis, o altri se previsti, ridotti della metà. La causa è decisa con sentenza non impugnabile. (1)
Sono altresi' non impugnabili le sentenze pronunciate a norma dell'articolo precedente primo comma.

(1) Comma così sostituito dalla L. n. 52/2006 con decorrenza dal 1 marzo 2006.

Sezione III: OPPOSIZIONE IN MATERIA DI LAVORO, DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA

Art. 618-bis.
(Procedimento)

Per le materie trattate nei Capi I e II del titolo IV del libro secondo, le opposizioni all'esecuzione e agli atti esecutivi sono disciplinate dalle norme previste per le controversie individuali di lavoro in quanto applicabili.
Resta ferma la competenza del giudice dell'esecuzione nei casi previsti dal secondo comma dell'art. 615 e dal secondo comma dell'art. 617 nei limiti dei provvedimenti assunti con ordinanza. (1)

(1) Parole aggiunte dalla L. n. 52/2006 con decorrenza dal 1 marzo 2006.

Capo II: DELLE OPPOSIZIONI DI TERZI

Art. 619.
(Forma dell'opposizione)

Il terzo che pretende avere la proprietà o altro diritto reale sui beni pignorati può proporre opposizione con ricorso al giudice dell'esecuzione, prima che sia disposta la vendita o l'assegnazione dei beni.
Il giudice fissa con decreto l'udienza di comparizione delle parti davanti a sé e il termine perentorio per la notificazione del ricorso e del decreto.
Se all'udienza le parti raggiungono un accordo il giudice ne dà atto con ordinanza, adottando ogni altra decisione idonea ad assicurare, se del caso, la prosecuzione del processo esecutivo ovvero ad estinguere il processo, statuendo altresi' in questo caso anche sulle spese; altrimenti il giudice provvede ai sensi dell'articolo 616 tenuto conto della competenza per valore. (1)

(1) Comma così sostituito dalla L. n. 52/2006 con decorrenza dal 1 marzo 2006.

Art. 620.
(Opposizione tardiva)

Se in seguito alla opposizione il giudice non sospende la vendita dei beni mobili o se l'opposizione e' proposta dopo la vendita stessa, i diritti del terzo si fanno valere sulla somma ricavata.

Art. 621.
(Limiti della prova testimoniale)

Il terzo opponente non può provare con testimoni il suo diritto sui beni mobili pignorati nella casa o nell'azienda del debitore, tranne che l'esistenza del diritto stesso sia resa verosimile dalla professione o dal commercio esercitati dal terzo o dal debitore.

_______________

Cfr. Corte Cost., ordinanza 2 aprile 2009, n. 95 in Altalex Massimario.

Art. 622. (1)
(Opposizione della moglie del debitore)

L'opposizione non può essere proposta dalla moglie convivente col debitore, relativamente ai beni mobili pignorati nella casa di lui, tranne che per i beni dotali o per i beni che essa provi, con atto di data certa, esserle appartenuti prima del matrimonio o esserle pervenuti per donazione o successione a causa di morte.

(1) La Corte Cost. con sentenza 15 dicembre 1967, n. 143 ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del presente articolo.

(Segue>>)



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Esecuzione forzata, opposizione agli atti esecutivi, accoglimento, efficacia (Cassazione civile , sez. III, sentenza 29.05.2014 n° 12053 )

Cartella esattoriale, esecuzione, notificazione, opposizione, vizi, copia integrale (Cassazione civile , sez. III, sentenza 13.05.2014 n° 10326 )

Obbligazione contributiva, iscrizione ipotecaria, opposizione, rito del lavoro (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 30.04.2014 n° 9553 )

Separazione, titolo esecutivo giudiziale, precetto, opposizione, competenza (Tribunale Reggio Emilia, ordinanza 03.04.2014)

Decreto ingiuntivo, opposizione, inammissibilità, fatti successivi, deducibilità (Cassazione civile , sez. III, sentenza 19.03.2014 n° 6337 )

Precetto, rinnovazione, spese, duplicazione, impugnazione, validità (Cassazione civile , sez. III, sentenza 29.08.2013 n° 19876 )

Processo esecutivo, titolo, accessori, oggetto, indeterminabilità, illegittimità (Cassazione civile , sez. III, sentenza 09.04.2013 n° 8576 )

Fondo patrimoniale, bisogni della famiglia, debiti, esecuzione, estraneità, prova (Cassazione civile , sez. III, sentenza 19.02.2013 n° 4011 )

Esecuzione forzata, sentenza esecutiva, appello, Cassazione, effetti (Cassazione civile , sez. III, sentenza 07.02.2013 n° 2955 )

Espropriazione, titolo, inesistenza, aggiudicazione, terzi, diritti acquisiti, danni (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 28.11.2012 n° 21110 )

Opposizione alla regolarità formale del titolo esecutivo e del precetto (Formula agg. al 27.09.2012 (Laura Biarella) )

Cartelle esattoriali, contributo unificato, opposizione, competenza (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 16.04.2012 n° 5994 )

Società di persone, socio illimitatamente responsabile, opposizione, precetto (Cassazione civile , sez. III, sentenza 14.11.2011 n° 23749 )

Opposizione all'esecuzione, debitore principale, legittimo necessario contraddittore (Cassazione civile , sez. III, sentenza 09.11.2011 n° 23277 )

Fideiussione, cartella esattoriale, opposizione all'esecuzione (Cassazione civile , sez. III, sentenza 04.10.2011 n° 20289 )

Espropriazione, beni mobili, opposizione di terzo, affittuario d’azienda (Cassazione civile , sez. III, sentenza 31.08.2011 n° 17876 )

Riforma delle esecuzioni mobiliari (Legge 24.02.2006 n° 52 , G.U. 28.02.2006 )

Competitività: processo civile, professioni, fallimento, auto, DIA, finanziamenti (Decreto Legge , testo coordinato 14.03.2005 n° 35 , G.U. 14.05.2005 )


16 correzioni personalizzate di pareri e atti + 8 lezioni in "aula virtuale"

Giunto alla XI edizione, il corso on-line diretto per Altalex da Paolo Franceschetti, è mirato all’acquisizione del metodo e delle conoscenze necessarie a superare l'Esame Avvocato e quest'anno si pres ...

Avv. Diego Di Grazia

Lo studio legale opera nel campo del diritto civile. Importo prestabilito e sempre fisso per le domiciliazioni.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri certificato di agibilità Codice della Strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale gazzetta ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione Riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca italia sciopero sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura