ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Testo unico sulla droga - ED. APRILE 2014
D.P.R. , testo coordinato 09.10.1990 n° 309 , G.U. 31.10.1990

Pubblichiamo il testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza, aggiornato al D.L. 20 marzo 2014, n. 36, convertito, con modificazioni, dalla L. 16 maggio 2014, n. 79.
.

Testo unico sugli stupefacenti (D.P.R. 309/1990)


Titolo I - Degli organi e delle tabelle (Artt. 1-16)
Titolo II - Delle autorizzazioni (Artt. 17-25-bis)
Titolo III - Disposizioni relative alla coltivazione e produzione, alla fabbricazione, all'impiego ed al commercio all'ingrosso delle sostanze stupefacenti o psicotrope (Artt. 26-37)
Titolo IV - Disposizioni relative alla distribuzione (38-49)
Titolo V - Dell'importazione, dell'esportazione e del transito (Artt. 50-59)
Titolo VI - Della documentazione e custodia (Artt. 60-68)
Titolo VII - Precrizioni particolari relative alle sostanze indicate nella IV, V e nella VI tabella (Artt. 69-71)
Titolo VIII - Della repressione delle attività illecite (Artt. 72-103)
Titolo IX - Interventi informativi ed educativi (Artt. 104-112)
Titolo X - Attribuzioni regionali, provinciali e locali. Servizi per le tossicodipendenze (Artt. 113-119)
Titolo XI - Interventi preventivi, curativi e riabilitativi (Artt. 120-126)
Titolo XII - Disposizioni finali (Artt. 127-136)







Codici | Penale

TESTO UNICO SUGLI STUPEFACENTI

(Decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309)

(Gazzetta Ufficiale 31 ottobre 1990, n. 255 - S.O. n. 67)

** * **

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l'art. 87 della Costituzione;

Visto l'art. 37 della legge 26 giugno 1990, n. 162, recante delega al Governo per l'emanazione di un testo unico in cui devono essere riunite e coordinate tra loro le disposizioni di cui alla legge 22 dicembre 1975, n. 685, del decreto-legge 22 aprile 1985, n. 144, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 1985, n. 297, del decreto-legge 1° aprile 1988, n. 103, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° giugno 1988, n. 176, del codice di procedura penale e della citata legge n. 162 del 1990;

Udito il parere delle competenti commissioni parlamentari espresso dal Senato della Repubblica in data 5 agosto 1990 e dalla Camera dei deputati in data settembre 1990;

Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nell'adunanza generale del 4 ottobre 1990;

Viste le deliberazioni del Consiglio dei Ministri, adottate nelle riunioni del 31 luglio 1990 e del 4 ottobre 1990;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 14 settembre 1990, pubblicato nel a Gazzetta Ufficiale n. 219 del 19 settembre 1990, con il quale il Presidente del Consiglio dei Ministri ha delegato il Ministro per gli affari sociali ad esercitare ogni funzione a lui attribuita dalla legge 26 giugno 1990, n. 162;

Sulla proposta del Ministro per gli affari sociali, di concerto con i Ministri dell'interno, di grazia e giustizia, delle finanze, del tesoro, della difesa, della pubblica istruzione del lavoro e della previdenza sociale e della sanità;


Emana

il seguente decreto:

Art. 1

  1. È approvato l'unito testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza, composto di 136 articoli e vistato da Ministro proponente.

Titolo I

DEGLI ORGANI E DELLE TABELLE

Art. 1.
Comitato nazionale di coordinamento per l'azione antidroga. Assistenza ai Paesi in via di sviluppo produttori di sostanze stupefacenti.

1. E' istituito, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Comitato nazionale di coordinamento per l'azione antidroga.

2. Il Comitato e' composto dal Presidente del Consiglio dei Ministri, che lo presiede, dai Ministri degli affari esteri, dell'interno, di grazia e giustizia, delle finanze, della difesa, della pubblica istruzione, della sanita', del lavoro e della previdenza sociale, dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica e dai Ministri per gli affari sociali, per gli affari regionali ed i problemi istituzionali e per i problemi delle aree urbane, nonche' dal Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

3. Le funzioni di presidente del Comitato possono essere delegate al Ministro per gli affari sociali.

4. Alle riunioni del Comitato possono essere chiamati a partecipare altri Ministri in relazione agli argomenti da trattare.

5. Il Comitato ha responsabilita' di indirizzo e di promozione della politica generale di prevenzione e di intervento contro la illecita produzione e diffusione delle sostanze stupefacenti o psicotrope, a livello interno ed internazionale.

6. Il Comitato formula proposte al Governo per l'esercizio della funzione di indirizzo e di coordinamento delle attivita' amministrative di competenza delle regioni nel settore. (1)

7. Presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento nazionale per le politiche antidroga e' istituito un Osservatorio permanente che verifica l'andamento del fenomeno della tossicodipendenza, secondo le previsioni del comma 8. Il Ministro per la solidarieta' sociale disciplina, con proprio decreto, l'organizzazione e il funzionamento dell'Osservatorio, in modo da assicurare lo svolgimento delle funzioni previste dall'articolo 127, comma 2. Il Comitato si avvale dell'Osservatorio permanente. (2)

8. L'Osservatorio, sulla base delle direttive e dei criteri diramati dal Comitato, acquisisce periodicamente e sistematicamente dati:

a) sulla entita' della popolazione tossicodipendente anche con riferimento alla tipologia delle sostanze assunte e sul rapporto tra le caratteristi che del mercato del lavoro e delle attivita' lavorative e l'assunzione di sostanze stupefacenti e psicotrope; (3)

b) sulla dislocazione e sul funzionamento dei servizi pubblici e privati operanti nel settore della prevenzione, cura e riabilitazione, nonche' sulle iniziative tendenti al recupero sociale ivi compresi i servizi attivati negli istituti di prevenzione e pena e nelle caserme; sul numero di soggetti riabilitati reinseriti in attivita' lavorative e sul tipo di attivita' lavorative eventualmente intraprese, distinguendo se presso strutture pubbliche o private;

c) sui tipi di trattamento praticati e sui risultati conseguiti, in particolare per quanto riguarda la somministrazione di metadone, nei servizi di cui alla lettera b), sulla epidemiologia delle patologie correlate, nonche' sulla produzione e sul consumo delle sostanze stupefacenti o psicotrope; (4)

d) sulle iniziative promosse ai diversi livelli istituzionali in materia di informazione e prevenzione;

e) sulle fonti e sulle correnti del traffico illecito delle sostanze stupefacenti o psicotrope;

f) sull'attivita' svolta dalle forze di polizia nel settore della prevenzione e repressione del traffico illecito delle sostanze stupefacenti o psicotrope;

g) sul numero e sugli esiti dei processi penali per reati previsti dal presente testo unico;

h) sui flussi di spesa per la lotta alle tossicodipendenze e sulla destinazione di tali flussi per funzioni e per territorio.

9. I Ministeri degli affari esteri, di grazia e giustizia, delle finanze, della difesa, della sanita', della pubblica istruzione e del lavoro e della previdenza sociale, nell'ambito delle rispettive competenze, sono tenuti a trasmettere all'osservatorio i dati di cui al comma 8, relativi al primo e al secondo semestre di ogni anno, entro i mesi di giugno e dicembre.

10. L'Osservatorio, avvalendosi anche delle prefetture e delle amministrazioni locali, puo' richiedere ulteriori dati a qualunque amministrazione statale e regionale, che e' tenuta a fornirli, con l'eccezione di quelli che possano violare il diritto all'anonimato.

11. Ciascun Ministero e ciascuna regione possono ottenere informazioni dall'Osservatorio.

12. Il Presidente del Consiglio dei Ministri, d'intesa con i Ministri della sanita', della pubblica istruzione, della difesa e per gli affari sociali, promuove campagne informative sugli effetti negativi sulla salute derivanti dall'uso di sostanze stupefacenti e psicotrope, nonche' sull'ampiezza e sulla gravita' del fenomeno criminale del traffico di tali sostanze.

13. Le campagne informative nazionali sono realizzate attraverso i mezzi di comunicazione radiotelevisivi pubblici e privati, attraverso la stampa quotidiana e periodica nonche' attraverso pubbliche affissioni e servizi telefonici e telematici di informazione e di consulenza e sono finanziate nella misura massima di lire 10 miliardi annue a valere sulla quota del Fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga destinata agli interventi previsti dall'articolo 127. Il Presidente del Consiglio dei Ministri o il Ministro per la solidarieta' sociale da lui delegato determina, con proprio decreto, in deroga alle norme sulla pubblicita' delle amministrazioni pubbliche, la distribuzione delle risorse finanziarie tra stampa quotidiana e periodica, emittenti radiofoniche e televisive nazionali e locali nonche' a favore di iniziative mirate di comunicazione da sviluppare sul territorio nazionale. (5)

14. (...) (6).

15. Ogni tre anni, il Presidente del Consiglio dei Ministri, nella sua qualita' di Presidente del Comitato nazionale di coordinamento per l'azione antidroga, convoca una conferenza nazionale sui problemi connessi con la diffusione delle sostanze stupefacenti e psicotrope alla quale invita soggetti pubblici e privati che esplicano la loro attivita' nel campo della prevenzione e della cura della tossicodipendenza. Le conclusioni di tali conferenze sono comunicate al Parlamento anche al fine di individuare eventuali correzioni alla legislazione antidroga dettate dall'esperienza applicativa.

16. L'Italia concorre, attraverso gli organismi internazionali, all'assistenza ai Paesi in via di sviluppo produttori delle materie di base dalle quali si estraggono le sostanze stupefacenti o psicotrope.

17. L'assistenza prevede anche la creazione di fonti alternative di reddito per liberare le popolazioni locali dall'asservimento alle coltivazioni illecite da cui attualmente traggono il loro sostentamento.

18. A tal fine sono attivati anche gli strumenti previsti dalla legge 26 febbraio 1987, n. 49, sulla cooperazione dell'Italia con i Paesi in via di sviluppo.

(1) Comma così modificato dall'art. 1, co. 1, lett a), L. 18 febbraio 1999, n. 45.
(2) Comma così sostituito dall'art. 1, co. 1, lett b), L. 18 febbraio 1999, n. 45, e successivamente così modificato dall'art. 3, co. 84, L. 24 dicembre 2003, n. 350.
(3) Lettera così modificata dall'art. 1, co. 1, lett c), L. 18 febbraio 1999, n. 45.
(4) Lettera così modificata dall'art. 1, co. 1, lett d), L. 18 febbraio 1999, n. 45.
(5) Comma così sostituito dall'art. 1, co. 1, lett e), L. 18 febbraio 1999, n. 45.
(6) Il comma che recitava; "" è stato abrogato  dall'art. 1, co. 1, lett f), L. 18 febbraio 1999, n. 45.

 Art. 2.
Attribuzioni del Ministro della sanità

1. Il Ministro della sanita', nell'ambito delle proprie competenze:

a) determina, sentito il Consiglio sanitario nazionale, gli indirizzi per le attivita' di prevenzione del consumo e delle dipendenze da sostanze stupefacenti o psicotrope e da alcool e per la cura e il reinserimento sociale dei soggetti dipendenti da sostanze stupefacenti o psicotrope e da alcool;

b) partecipa ai rapporti, sul piano internazionale, con la Commissione degli stupefacenti e con l'Organo di controllo sugli stupefacenti del Coniglio economico e sociale delle Nazioni Unite e con il Fondo delle Nazioni Unite per il controllo dell'abuso delle droghe (UNFDAC), con i competenti organismi della Comunita' economica europea e con ogni altra organizzazione internazionale avente competenza nella materia di cui al presente testo unico; a tal fine cura l'aggiornamento dei dati relativi alle quantita' di sostanze stupefacenti o psicotrope effettivamente importate, esportate, fabbricate, impiegate, nonche' alle quantita' disponibili presso gli enti o le imprese autorizzati;

c) determina, sentito il Consiglio sanitario nazionale, gli indirizzi per il rilevamento epidemiologico da parte delle regioni, delle province autonome di Trento e di Bolzano e delle unita' sanitarie locali, concernente le dipendenze da alcool e da sostanze stupefacenti o psicotrope;

d) concede le autorizzazioni per la coltivazione, la produzione, la fabbricazione, l'impiego, il commercio, l'esportazione, l'importazione, il transito, l'acquisto, la vendita e la detenzione delle sostanze stupefacenti o psicotrope, nonche' quelle per la produzione, il commercio, l'esportazione, l'importazione e il transito delle sostanze suscettibili di impiego per la produzione di sostanze stupefacenti o psicotrope di cui al comma 1 dell'articolo 70;

e) stabilisce con proprio decreto:

1) l'elenco annuale delle imprese autorizzate alla fabbricazione, all'impiego e al commercio all'ingrosso di sostanze stupefacenti o psicotrope, nonche' di quelle di cui al comma 1, dell'articolo 70;

2) il completamento e l'aggiornamento delle tabelle di cui all'articolo 13, sentiti il Consiglio superiore di sanità e l'Istituto superiore di sanità; (1)

3) le indicazioni relative alla confezione dei farmaci contenenti sostanze stupefacenti o psicotrope;

4) (...) (2).

f) verifica, ad un anno, a due anni, a tre anni e a cinque anni dall'entrata in commercio di nuovi farmaci, la loro capacita' di indurre dipendenza nei consumatori;

g) promuove, in collaborazione con i Ministri dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica e di grazia e giustizia, studi e ricerche relativi agli aspetti farmacologici, tossicologici, medici, psicologici, riabilitativi, sociali, educativi, preventivi e giuridici in tema di droghe, alcool e tabacco;

h) promuove, in collaborazione con le regioni, iniziative volte a eliminare il fenomeno dello scambio di siringhe tra tossicodipendenti, favorendo anche l'immissione nel mercato di siringhe monouso autobloccanti.

(1) Numero modificato dall'art. 4-vicies ter, co. 1, lett. a), D.L. 30 dicembre 2005, n. 272, convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49  e, successivamente, così sostituito dall’art. 1, comma 1, lett. a), D.L. 20 marzo 2014, n. 36, convertito, con modificazioni, dalla L. 16 maggio 2014, n. 79.
(2) Il numero che recitava: "4) i limiti e le modalità di impiego dei farmaci sostitutivi" è stato abrogato dal D.P.R. 5 giugno 1993, n. 171. 

 Art. 3.
Istituzione del Servizio centrale per le dipendenze da alcool e sostanze stupefacenti o psicotrope

1. E' istituito presso il Ministero della sanita' il Servizio centrale per le dipendenze da alcool e sostanze stupefacenti o psicotrope.

2. Il Servizio centrale svolge compiti di indirizzo e coordinamento per le politiche e i programmi inerenti il trattamento delle dipendenze indicate nel comma 1 su tutto il territorio nazionale, con parere obbligatorio del Consiglio sanitario nazionale. Inoltre provvede a:

a) raccogliere i dati epidemiologici e le statistiche circa l'andamento dei consumi, delle violazioni delle norme sulla circolazione stradale e degli infortuni in stato di intossicazione da alcool e sostanze stupefacenti o psicotrope;

b) raccogliere ed elaborare i dati trasmessi dalle regioni relativi all'andamento delle dipendenze da sostanze stupefacenti o psicotrope e da alcool, nonche' agli interventi di prevenzione, di cura e di recupero sociale e presentare annualmente un rapporto sulla materia al Ministro della sanita';

c) raccogliere ed elaborare i dati relativi al numero dei servizi pubblici e privati attivi nel settore delle droghe e dell'alcool, ai contributi ad essi singolarmente erogati, nonche' al numero degli utenti assistiti ed ai risultati conseguiti nelle attivita' di recupero e prevenzione messe in atto;

d) esprimere il parere motivato sulle autorizzazioni in materia di sostanze stupefacenti o psicotrope per le quali e' competente il Ministro della sanita';

e) esprimere, sentito l'Istituto superiore di sanita', il parere motivato in ordine alla concessione di licenza di importazione di materie prime per la produzione e l'impiego delle sostanze stupefacenti o psicotrope;

f) procedere all'accertamento qualitativo e quantitativo delle sostanze stupefacenti o psicotrope messe a disposizione del Ministero della sanita' ai sensi dell'articolo 87;

g) elencare gli additivi aversivi non tossici da immettere nelle confezioni commerciali di solventi inalabili;

h) individuare sostanze da taglio contenute nelle sostanze stupefacenti o psicotrope. (1)

3. Il Servizio centrale per gli eventuali controlli analitici, si avvale dei laboratori dell'Istituto superiore di sanita' o di istituti universitari.

(1) Lettera così modificata dal D.L. 30 dicembre 2005, n. 272, convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49.

 Art. 4.
Composizione del servizio centrale per le dipendenze da alcool e sostanze stupefacenti o psicotrope

1. Al servizio centrale per le dipendenze da alcool e sostanze stupefacenti o psicotrope e' preposto un dirigente generale del Ministero della sanita'.

2. Il Ministro provvede alla costituzione del Servizio centrale articolandolo in almeno quattro settori afferenti alla dipendenza da sostanze stupefacenti o psicotrope, alla prevenzione delle infezioni da HIV tra i tossicodipendenti e altre patologie correlate, all'alcoolismo e al tabagismo preponendovi i dirigenti di cui al comma 3.

3. Nella tabella XIX, allegata al decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1972, n. 748 (1), sono apportate le seguenti modifiche:

a) il quadro A, livello di funzione C, e' incrementato di una unita';

b) il quadro C, livello di funzione D, e' incrementato di due unita';

c) il quadro C, livello di funzione E, e' incrementato di quattro unita'.

4. All'onere derivante dalla applicazione del presente articolo, valutato in lire 360 milioni per ciascuno egli esercizi 1990, 1991 e 1992, si provvede con la riduzione di pari importo dello stanziamento di cui all'articolo 39, comma 2, della legge 26 giugno 1990, n. 162.

5. Il Ministro del tesoro e' autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

(1) Parole così modificate dal D.L. 30 dicembre 2005, n. 272, convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49.

 Art. 5.
Controllo e vigilanza

1. Per l'esercizio del controllo e della vigilanza il Ministero della sanita' si avvale normalmente dei nuclei specializzati dell'Amministrazione della pubblica sicurezza, della Guardia di finanza, dell'Arma dei carabinieri e, nei casi urgenti, di qualsiasi ufficiale e agente della forza pubblica. Per quanto riguarda il controllo sulle navi e sugli aeromobili l'azione e' coordinata con le capitanerie di porto o con i comandi di aeroporto.

  Art. 6.
Modalita' della vigilanza

1. La vigilanza presso gli enti e le imprese autorizzati alla coltivazione, alla fabbricazione, all'impiego, al commercio e presso chiunque sia autorizzato alla detenzione di sostanze stupefacenti o psicotrope, e' esercitata dal Ministero della sanita'.

2. La vigilanza predetta si effettua mediante ispezioni ordinarie e straordinarie.

3. Le ispezioni ordinarie devono essere effettuate almeno ogni due anni, salvo quanto stabilito dall'articolo 29.

4. Il Ministero della sanita' puo' disporre in ogni tempo ispezioni straordinarie.

5. Per l'esecuzione delle ispezioni il Ministero della sanita' puo' avvalersi della collaborazione degli organi di polizia, i quali comunque hanno facolta' di accedere in qualunque momento nei locali ove si svolgono le attivita' previste dai titoli III, IV, V, VI e VII del presente testo unico.

6. La Guardia di finanza puo' eseguire ispezioni straordinarie in ogni tempo presso gli enti e le imprese autorizzati alla fabbricazione di sostanze stupefacenti o psicotrope quando sussistano sospetti di attivita' illecite.

 Art. 7.
Obbligo di esibizione di documenti

1. Ai fini della vigilanza e dei controlli previsti dagli articoli 5 e 6 i titolari delle autorizzazioni, nonche' i titolari o i direttori delle farmacie, sono tenuti ad esibire ai funzionari del Ministero della sanita' ed agli appartenenti alle forze di polizia tutti i documenti inerenti all'autorizzazione, alla gestione della coltivazione e vendita dei prodotti, alla fabbricazione, all'impiego, al commercio delle sostanze stupefacenti o psicotrope.

Art. 8.
Opposizione alle ispezioni. Sanzioni

1. Salvo che il fatto costituisca piu' grave reato, e' punito con l'arresto fino ad un anno o con l'ammenda da lire un milione a lire dieci milioni chiunque:

a) indebitamente impedisce od ostacola lo svolgimento delle ispezioni previste dall'articolo 6;

b) rivela o preannuncia l'ispezione qualora questa debba essere improvvisa o comunque non preannunciata;

c) indebitamente impedisce od ostacola i controlli, gli accessi o gli altri atti previsti dall'articolo 29, oppure si sottrae all'obbligo di esibire i documenti di cui all'articolo 7.

 Art. 9.
Attribuzioni del Ministro dell'interno

1. Il Ministro dell'interno, nell'ambito delle proprie competenze:

a) esplica le funzioni di alta direzione dei servizi di polizia per la prevenzione e la repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope e di coordinamento generale in materia dei compiti e delle attivita' delle forze di polizia; promuove altresi', d'intesa con il Ministro degli affari esteri e con il Ministro di grazia e giustizia, accordi internazionali di collaborazione con i competenti organismi esteri;

b) partecipa, sul piano internazionale, salve le attribuzioni dei Ministri degli affari esteri e della sanita', rapporti con il Fondo delle Nazioni Unite per il controllo dell'abuso delle droghe (UNFDAC), con i competenti organismi della Comunita' economica europea e con qualsiasi altra organizzazione avente competenza nella materia di cui al presente testo unico.

 Art. 10.
Servizio centrale antidroga

1. Per l'attuazione dei compiti del Ministro dell'interno in materia di coordinamento e di pianificazione delle forze di polizia e di alta direzione dei servizi di polizia per la prevenzione e la repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope, il capo della polizia - direttore generale della pubblica sicurezza si avvale del Servizio centrale antidroga, gia' istituito nell'ambito del Dipartimento della pubblica sicurezza ai sensi dell'articolo 35 della legge 10 aprile 1981, n. 121.

2. Ai fini della necessaria cooperazione internazionale nella prevenzione e repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope, il Servizio mantiene e sviluppa i rapporti con i corrispondenti servizi delle polizie estere, avvalendosi anche dell'Organizzazione internazionale della polizia criminale (OIPC-Interpol), nonche' con gli organi tecnici dei Governi dei Paesi esteri operanti in Italia.

3. Il Servizio cura, altresi', i rapporti con gli organismi internazionali interessati alla cooperazione nelle attivita' di polizia antidroga.

4. Il servizio prestato dagli ufficiali dell'Arma dei carabinieri e della Guardia di finanza nell'ambito del Servizio centrale antidroga e' equivalente, agli effetti dello sviluppo della carriera, al periodo di comando, nei rispettivi gradi, presso i Corpi di appartenenza.

5. Per le attivita' del Servizio centrale antidroga, nonche' per gli oneri di cui all'articolo 100 e per l'avvio del potenziamento di cui all'articolo 101, comma 2, sono stanziati, per il triennio 1990-1992, 6.800 milioni di lire in ragione d'anno.

 Art. 11.
Uffici antidroga all'estero

1.  Il Dipartimento della pubblica sicurezza può destinare, fuori del territorio nazionale, secondo quanto disposto dall'articolo 168 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, e successive modificazioni, personale appartenente alla Direzione centrale per i servizi antidroga, che opererà presso le rappresentanze diplomatiche e gli uffici consolari in qualità di esperti per la sicurezza, per lo svolgimento di attività di studio, osservazione, consulenza e informazione in vista della promozione della cooperazione contro il traffico della droga. (1)

2.  A tali fini il contingente previsto dall'articolo 168 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, è aumentato di una quota di venti unità, riservata agli esperti per la sicurezza della Direzione centrale per i servizi antidroga. (2)

3.  Per l'assolvimento dei compiti di cooperazione internazionale nella prevenzione e repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope, la Direzione centrale per i servizi antidroga può costituire uffici operanti fuori del territorio nazionale, nel quadro di specifici accordi di cooperazione stipulati con i Governi interessati. Tali accordi stabiliranno la condizione giuridica dei predetti uffici nei confronti delle autorità locali. (3)

4.  Agli uffici di cui al comma 3 è destinato personale della Direzione centrale per i servizi antidroga, nominato con decreto del Ministro dell'interno, di concerto con i Ministri degli affari esteri e del tesoro. (4)

5. L'onere derivante dall'attuazione del presente articolo e' valutato in lire 4 miliardi in ragione d'anno a decorrere dal 1990 per le spese riguardanti il personale e in lire un miliardo per le spese di carattere funzionale relativamente al 1990.

(1) Il comma che recitava: "1. Il Dipartimento della pubblica sicurezza puo' destinare, fuori del territorio nazionale, secondo quanto disposto dall'articolo 168 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, e successive modificazioni, personale appartenente al Servizio centrale antidroga, che operera' presso le rappresentanze diplomatiche e gli uffici consolari in qualita' di esperti, per lo svolgimento di attivita' di studio, osservazione, consulenza e informazione in vista della promozione della cooperazione contro il traffico della droga." è stato così modificato dall'art. 2, comma 6-quinquiesdecies, lett. a), D.L. 29 dicembre 2010, n. 225, convertito, con modificazioni, dalla L. 26 febbraio 2011, n. 10.
(2) Il comma che recitava: "2. A tali fini il contingente previsto dall'articolo 168 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, e' aumentato di una quota di venti unita', riservata agli esperti del Servizio centrale antidroga." è stato così modificato dall'art. 2, comma 6-quinquiesdecies, lett. b), D.L. 29 dicembre 2010, n. 225, convertito, con modificazioni, dalla L. 26 febbraio 2011, n. 10.
(3) Il comma che recitava: "3. Per l'assolvimento dei compiti di cooperazione internazionale nella prevenzione e repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope, il Servizio centrale antidroga puo' costituire uffici operanti fuori del territorio nazionale, nel quadro di specifici accordi di cooperazione stipulati con i Governi interessati. Tali accordi stabiliranno la condizione giuridica dei predetti uffici nei confronti delle autorita' locali." è stato così modificato dall'art. 2, comma 6-quinquiesdecies, lett. c), D.L. 29 dicembre 2010, n. 225, convertito, con modificazioni, dalla L. 26 febbraio 2011, n. 10.
(4) Il comma che recitava: "4. Agli uffici di cui al comma 3 e' destinato personale del Servizio centrale antidroga, nominato con decreto del Ministro dell'interno, di concerto con i Ministri degli affari esteri e del tesoro." è stato così modificato dall'art. 2, comma 6-quinquiesdecies, lett. d), D.L. 29 dicembre 2010, n. 225, convertito, con modificazioni, dalla L. 26 febbraio 2011, n. 10.

 Art. 12.
Consultazione e raccordo tra lo Stato le regioni e le province autonome

1. I compiti di consultazione e raccordo, su tutto il territorio della Repubblica, delle attivita' di prevenzione, di cura e di recupero socio-sanitari delle tossicodipendenze e per la lotta contro l'uso delle sostanze stupefacenti o psicotrope sono svolti dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, secondo le modalita' previste dall'articolo 12 della legge 23 agosto 1988, n. 400. Quando all'ordine del giorno della Conferenza sono in discussione le problematiche attinenti alla materia di cui al presente test unico e' obbligatoria la presenza del Ministro per gli affari sociali.

 Art. 13.
Tabelle delle sostanze soggette a controllo

1.  Le sostanze stupefacenti o psicotrope sottoposte alla vigilanza ed al controllo del Ministero della salute e i medicinali a base di tali sostanze, ivi incluse le sostanze attive ad uso farmaceutico, sono raggruppate, in conformità ai criteri di cui all'articolo 14, in cinque tabelle, allegate al presente testo unico. Il Ministero della salute stabilisce con proprio decreto il completamento e l'aggiornamento delle tabelle con le modalità di cui all'articolo 2, comma 1, lettera e), numero 2) (1)

2. Le tabelle di cui al comma 1 devono contenere l'elenco di tutte le sostanze e dei preparati indicati nelle convenzioni e negli accordi internazionali e sono aggiornate tempestivamente anche in base a quanto previsto dalle convenzioni e accordi medesimi ovvero a nuove acquisizioni scientifiche.

3. (..) (2).

4. Il decreto e' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e inserito nella successiva edizione della Farmacopea ufficiale.

5. Il Ministero della salute, sentiti il Consiglio superiore di sanità e l'Istituto superiore di sanità ed in accordo con le convenzioni internazionali in materia di sostanze stupefacenti o psicotrope, dispone con apposito decreto l'esclusione da una o più misure di controllo di quei medicinali e dispositivi diagnostici che per la loro composizione qualitativa e quantitativa non possono trovare un uso diverso da quello cui sono destinati. (3)

(1) Comma sostituito dall'art. 4-vicies ter, co. 2, lett. a), D.L. 30 dicembre 2005, n. 272, convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49. Successivamente, la Corte costituzionale, con sentenza 12-25 febbraio 2014, n. 32 (Gazz. Uff. 5 marzo 2014, n. 11 – Prima serie speciale), ha dichiarato, tra l’altro, l’illegittimità costituzionale del suddetto art. 4-vicies ter, D.L. 30 dicembre 2005, n. 272. Infine, il presente comma è stato così sostituito dall’art. 1, comma 2, lett. a), D.L. 20 marzo 2014, n. 36, convertito, con modificazioni, dalla L. 16 maggio 2014, n. 79.
(2) Comma abrogato dall'art. 4-vicies ter, co. 2, lett. b), D.L. 30 dicembre 2005, n. 272, convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49. Successivamente, la Corte costituzionale, con sentenza 12-25 febbraio 2014, n. 32 (Gazz. Uff. 5 marzo 2014, n. 11 – Prima serie speciale), ha dichiarato, tra l’altro, l’illegittimità costituzionale del suddetto art. 4-vicies ter, D.L. 30 dicembre 2005, n. 272. Infine, il presente comma è stato nuovamente abrogato dall’art. 1, comma 2, lett. b), D.L. 20 marzo 2014, n. 36, convertito, con modificazioni, dalla L. 16 maggio 2014, n. 79.
(3) Comma sostituito dall'art. 4-vicies ter, co. 2, lett. c), D.L. 30 dicembre 2005, n. 272, convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49. Successivamente, la Corte costituzionale, con sentenza 12-25 febbraio 2014, n. 32 (Gazz. Uff. 5 marzo 2014, n. 11 – Prima serie speciale), ha dichiarato, tra l’altro, l’illegittimità costituzionale del suddetto art. 4-vicies ter, D.L. 30 dicembre 2005, n. 272. Infine, il presente comma è stato così sostituito dall’art. 1, comma 2, lett. c), D.L. 20 marzo 2014, n. 36, convertito, con modificazioni, dalla L. 16 maggio 2014, n. 79.

 Art. 14. (1)
Criteri per la formazione delle tabelle


1. La inclusione delle sostanze stupefacenti o psicotrope nelle tabelle di cui all'articolo 13 è effettuata in base ai seguenti criteri:
a) nella tabella I devono essere indicati:
1) l'oppio e i materiali da cui possono essere ottenute le sostanze oppiacee naturali, estraibili dal papavero sonnifero; gli alcaloidi ad azione narcotico-analgesica da esso estraibili; le sostanze ottenute per trasformazione chimica di quelle prima indicate; le sostanze ottenibili per sintesi che siano riconducibili, per struttura chimica o per effetti, a quelle oppiacee precedentemente indicate; eventuali intermedi per la loro sintesi;
2) le foglie di coca e gli alcaloidi ad azione eccitante sul sistema nervoso centrale da queste estraibili; le sostanze ad azione analoga ottenute per trasformazione chimica degli alcaloidi sopra indicati oppure per sintesi;
3) le sostanze di tipo amfetaminico ad azione eccitante sul sistema nervoso centrale;
4) ogni altra sostanza che produca effetti sul sistema nervoso centrale ed abbia capacità di determinare dipendenza fisica o psichica dello stesso ordine o di ordine superiore a quelle precedentemente indicate;
5) gli indolici, siano essi derivati triptaminici che lisergici, e i derivati feniletilamminici, che abbiano effetti allucinogeni o che possano provocare distorsioni sensoriali;
6) le sostanze ottenute per sintesi o semisintesi che siano riconducibili per struttura chimica o per effetto farmaco-tossicologico al tetraidrocannabinolo;
7) ogni altra pianta o sostanza naturale o sintetica che possa provocare allucinazioni o gravi distorsioni sensoriali e tutte le sostanze ottenute per estrazione o per sintesi chimica che provocano la stessa tipologia di effetti a carico del sistema nervoso centrale;
8) le preparazioni contenenti le sostanze di cui alla presente lettera, in conformità alle modalità indicate nella tabella dei medicinali di cui alla lettera e);
b) nella tabella II devono essere indicati:
1) la cannabis e i prodotti da essa ottenuti;
2) le preparazioni contenenti le sostanze di cui alla presente lettera, in conformità alle modalità indicate nella tabella dei medicinali di cui alla lettera e);
c) nella tabella III devono essere indicati:
1) i barbiturici che hanno notevole capacità di indurre dipendenza fisica o psichica o entrambe, nonché altre sostanze ad effetto ipnotico-sedativo ad essi assimilabili. Sono pertanto esclusi i barbiturici a lunga durata e di accertato effetto antiepilettico e i barbiturici a breve durata di impiego quali anestetici generali, sempre che tutte le dette sostanze non comportino i pericoli di dipendenza innanzi indicati;
2) le preparazioni contenenti le sostanze di cui alla presente lettera, in conformità alle modalità indicate nella tabella dei medicinali di cui alla lettera e);
d) nella tabella IV devono essere indicate:
1) le sostanze per le quali sono stati accertati concreti pericoli di induzione di dipendenza fisica o psichica di intensità e gravità minori di quelli prodotti dalle sostanze elencate nelle tabelle I e III;
2) le preparazioni contenenti le sostanze di cui alla presente lettera, in conformità alle modalità indicate nella tabella dei medicinali di cui alla lettera e);
e) nella tabella denominata “tabella dei medicinali” e suddivisa in cinque sezioni, sono indicati i medicinali a base di sostanze attive stupefacenti o psicotrope, ivi incluse le sostanze attive ad uso farmaceutico, di corrente impiego terapeutico ad uso umano o veterinario. Nella sezione A della tabella dei medicinali sono indicati:
1) i medicinali contenenti le sostanze analgesiche oppiacee naturali, di semisintesi e di sintesi;
2) i medicinali di cui all'allegato III -bis al presente testo unico;
3) i medicinali contenenti sostanze di corrente impiego terapeutico per le quali sono stati accertati concreti pericoli di induzione di grave dipendenza fisica o psichica;
4) i medicinali contenenti barbiturici che hanno notevole capacità di indurre dipendenza fisica o psichica o entrambe, nonché altre sostanze ad effetto ipnotico-sedativo ad essi assimilabili;
f) nella sezione B della tabella dei medicinali sono indicati:
1) i medicinali che contengono sostanze di corrente impiego terapeutico per le quali sono stati accertati concreti pericoli di induzione di dipendenza fisica o psichica di intensità e gravità minori di quelli prodotti dai medicinali elencati nella sezione A;
2) i medicinali contenenti barbiturici ad azione antiepilettica e quelli contenenti barbiturici con breve durata d'azione;
3) i medicinali contenenti le benzodiazepine, i derivati pirazolopirimidinici ed i loro analoghi ad azione ansiolitica o psicostimolante che possono dar luogo al pericolo di abuso e generare farmacodipendenza;
g) nella sezione C della tabella dei medicinali sono indicati:
1) i medicinali contenenti le sostanze elencate nella tabella dei medicinali, sezione B, da sole o in associazione con altre sostanze attive ad uso farmaceutico, per i quali sono stati accertati concreti pericoli di induzione di dipendenza fisica o psichica;
h) nella sezione D della tabella dei medicinali sono indicati:
1) i medicinali contenenti le sostanze elencate nella tabella dei medicinali, sezioni A o B, da sole o in associazione con altre sostanze attive ad uso farmaceutico quando per la loro composizione qualitativa e quantitativa e per le modalità del loro uso, presentano rischi di abuso o farmacodipendenza di grado inferiore a quello dei medicinali compresi nella tabella dei medicinali, sezioni A e C, e pertanto non sono assoggettate alla disciplina delle sostanze che entrano a far parte della loro composizione;
2) i medicinali ad uso parenterale a base di benzodiazepine;
3) i medicinali per uso diverso da quello iniettabile, i quali, in associazione con altre sostanze attive ad uso farmaceutico non stupefacenti contengono alcaloidi totali dell'oppio con equivalente ponderale in morfina non superiore allo 0,05 per cento in peso espresso come base anidra; i suddetti medicinali devono essere tali da impedire praticamente il recupero dello stupefacente con facili ed estemporanei procedimenti estrattivi;
3-bis) in considerazione delle prioritarie esigenze terapeutiche nei confronti del dolore severo, composti medicinali utilizzati in terapia del dolore elencati nell'allegato III-bis, limitatamente alle forme farmaceutiche diverse da quella parenterale;
i) nella sezione E della tabella dei medicinali sono indicati:
1) i medicinali contenenti le sostanze elencate nella tabella dei medicinali, sezioni A o B, da sole o in associazione con altre sostanze attive ad uso farmaceutico, quando per la loro composizione qualitativa e quantitativa o per le modalità del loro uso, possono dar luogo a pericolo di abuso o generare farmacodipendenza di grado inferiore a quello dei medicinali elencati nella tabella dei medicinali, sezioni A, B, C o D.
2. Nelle tabelle di cui al comma 1 sono compresi, ai fini della applicazione del presente testo unico, tutti gli isomeri, gli esteri, gli eteri, ed i sali anche relativi agli isomeri, esteri ed eteri, nonché gli stereoisomeri nei casi in cui possono essere prodotti, relativi alle sostanze incluse nelle tabelle I, II, III e IV, e ai medicinali inclusi nella tabella dei medicinali, salvo sia fatta espressa eccezione.
3. Le sostanze incluse nelle tabelle sono indicate con la denominazione comune internazionale, il nome chimico, la denominazione comune italiana o l'acronimo, se esiste. E', tuttavia, ritenuto sufficiente, ai fini della applicazione del presente testo unico, che nelle tabelle la sostanza sia indicata con almeno una delle denominazioni sopra indicate, purché idonea ad identificarla.
4. Le sostanze e le piante di cui al comma 1, lettere a) e b), sono soggette alla disciplina del presente testo unico anche ove si presentino sotto ogni forma di prodotto, miscuglio o miscela.
5. (.......)
6. La tabella dei medicinali indica la classificazione ai fini della fornitura. Sono comunque fatte salve le condizioni stabilite dall'Agenzia italiana del farmaco all'atto del rilascio dell'autorizzazione all'immissione in commercio, nonché le limitazioni e i divieti stabiliti dal Ministero della salute per esigenze di salute pubblica.

(1) Articolo sostituito dall'art. 4-vicies er, co. 3,  dal D.L. 30 dicembre 2005, n. 272, convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49 e modificato dall'art. 10, co. 1, lett. a), L. 15 marzo 2010, n. 38.  Successivamente, la Corte costituzionale, con sentenza 12-25 febbraio 2014, n. 32 (Gazz. Uff. 5 marzo 2014, n. 11 – Prima serie speciale), ha dichiarato, tra l’altro, l’illegittimità costituzionale del suddetto art. 4-vicies ter, D.L. 30 dicembre 2005, n. 272. Infine, il presente articolo è stato così sostituito dall’art. 1, comma 3, D.L. 20 marzo 2014, n. 36, convertito, con modificazioni, dalla L. 16 maggio 2014, n. 79.

 Art. 15.
Adempimenti del Ministero della sanita' e delle regioni

1. Il Ministero della sanita' provvede alla pubblicazione periodica ed alla diffusione mediante trasmissione alle regioni ed alle autorita' sanitarie locali dei dati aggiornati concernenti le sostanze indicate nelle tabelle di cui all'articolo 14, i loro effetti, i metodi di cura delle tossicodipendenze, l'elenco dei presidi sanitari specializzati e dei centri sociali abilitati alla prevenzione ed alla cura delle tossicomanie.

2. Gli uffici regionali competenti provvedono a comunicare le notizie di cui al comma 1 ai singoli medici esercenti la professione sanitaria.

 Art. 16.
Elenco delle imprese autorizzate

1. L'elenco aggiornato degli enti e delle imprese autorizzati alla coltivazione e produzione, alla fabbricazione, all'impiego e al commercio all'ingrosso di sostanze stupefacenti o psicotrope, con gli estremi di ciascuna autorizzazione e con la specificazione delle attivita' autorizzate, e' pubblicato annualmente, a cura del Ministero della sanita', nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

 (Successivo>>)



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Un altro decreto per alleviare la tensione carceraria e allentare la custodia cautelare (Articolo 24.07.2014)

Stupefacenti: le conseguenze pratiche della sentenza costituzionale n. 32/2014 (Articolo 11.07.2014 (Carlo Alberto Zaina) )

Spaccio di stupefacenti: se di lieve entità consegue pena più lieve (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 25.06.2014 n° 27619 (Simone Marani) )

Stupefacenti, Cassazione: pene vanno rideterminate (Suprema Corte interviene dopo la sentenza della Consulta (Simone Marani) )

Coltivazione di cannabis: l'offensività va verificata in concreto (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 27.05.2014 n° 21609 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti: un primo commento alle nuove disposizioni della L. n. 79/14 (Articolo 22.05.2014 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti: la Legge di conversione in Gazzetta. Tutte le modifiche (Legge 16.05.2014 n° 79 , G.U. 20.05.2014 )

La lieve entità nella detenzione di sostanze stupefacenti (Cassazione penale , sez. III, sentenza 14.05.2014 n° 19870 (Simone Marani) )

Diverso trattamento sanzionatorio per diversi tipi di stupefacente (Cassazione penale , sez. III, sentenza 13.05.2014 (Barbara Marzoli) )

Coltivazione di cannabis e uso terapeutico: assolto malato grave (Tribunale Trento, GUP, sentenza 12.05.2014 n° 336 (Carlo Alberto Zaina) )

Camera, dl stupefacenti: al via esame emendamenti (News 15.04.2014)

Stupefacenti: facciamo il punto sulle modifiche legislative... (Altalex Update, 14.04.2014 (Simone Marani) )

Recenti interventi legislativi e giurisprudenziali in tema di stupefacenti (Articolo 14.04.2014 (Simone Marani) )

Coltivazione di canapa indiana e modesto quantitativo di stupefacente (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 10.04.2014 n° 16019 (Barbara Marzoli) )

Condotta di intermediazione nella cessione di stupefacente (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 08.04.2014 n° 15781 (Barbara Marzoli) )

Stupefacenti, coltivazione, marijuana, quantità esigua, offensività, valutazione (Cassazione penale , sez. II, sentenza 03.04.2014 n° 15191 )

Stupefacenti, nuove tabelle e cure mediche: il decreto coordinato in Gazzetta (Decreto Legge 20.03.2014 n° 36 , G.U. 20.05.2014 )

Consiglio dei ministri: elezioni europee, stupefacenti, Ilva (Consiglio dei Ministri, comunicato 14.03.2014 n° 7 )

Stupefacenti: Consulta boccia legge Fini-Giovanardi (Corte Costituzionale , sentenza 25.02.2014 n° 32 (Simone Marani) )

Droghe, uso e spaccio di lieve entità: prime riflessioni sulle nuove norme (Articolo 24.01.2014 (Placido Panarello) )

Spaccio di lieve entità e recidiva reiterata (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 20.01.2014 n° 2295 (Barbara Marzoli) )

Misure di sicurezza: occorre valutare tutti elementi sintomatici di pericolosità (Tribunale Alessandria, ufficio di sorveglianza, ordinanza 30.11.2013 (Simone Marani) )

Attenuante del fatto di lieve entità e spaccio non occasionale (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 29.11.2013 n° 47523 (Barbara Marzoli) )

Del reato (Codice penale , Libro I, Titolo III, agg. al 28.10.2013)

Sovraffollamento carceri: tra condanne dell’Europa e interventi normativi (Articolo 15.10.2013 (Vincenza Esposito) )

Marijuana, giudice ribadisce: coltivazione ad uso personale non è reato (Tribunale Cremona, sentenza 10.10.2013 n° 482/7/13 (Simone Marani) )

Stupefacenti: spetta al PM provare la destinazione allo spaccio (Tribunale Tivoli, sentenza 23.09.2013 n° 1022 (Antonio Todero) )

Stupefacenti: la condotta di detenzione assorbe quella di trasporto (Cassazione penale , sez. III, sentenza 08.07.2013 n° 28919 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti, ingente quantità e superamento del valore-soglia: interpretazioni (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 05.07.2013 n° 28828 (Carlo Alberto Zaina) )

Detenzione di stupefacenti ad uso personale: i confini della non punibilità (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 21.06.2013 n° 27346 (Carlo Alberto Zaina) )

No all'affidamento in prova terapeutico se richiesto solo per evitare il carcere (Tribunale di sorveglianza di Torino, ordinanza 19.06.2013 n° 2376 (Simone Marani) )

Sulla presunzione di destinazione allo spaccio della sostanza detenuta (Cassazione penale , sez. III, sentenza 12.06.2013 n° 25806 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti, droghe leggere, droghe pesanti, parificazione, illegittimità (Cassazione penale , sez. III, ordinanza 11.06.2013 n° 25554 )

Equiparazione droghe leggere-pesanti: la Cassazione rimette alla Consulta (Cassazione penale , sez. III, sentenza 11.06.2013 n° 25554 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti: acquisto di gruppo non suscettibile di rilevanza penale (Cassazione penale , SS.UU., sentenza 10.06.2013 n° 25401 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti, spaccio, principio attivo, accertamento, quantità irrilevante (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 29.05.2013 n° 23319 )

Stupefacenti, detenzione, concorso, disponibilità di fatto (Cassazione penale , sez. III, sentenza 28.05.2013 n° 22948 )

Detenzione illecita sostanze stupefacenti: condotta e caratteristiche sostanza (Cassazione penale , sez. III, sentenza 28.05.2013 n° 22941 (Vincenzo Galatro) )

Coltivazione di cannabis e principio di offensività penale (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 24.05.2013 n° 22459 (Nicola Virdis) )

Stupefacenti, piante, coltivazione, tipo botanico, reato, configurabilità (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 24.05.2013 n° 22459 )

Questione ''cannabis'': profili di conformità costituzionale ed europea (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 29.04.2013 n° 18804 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti, spaccio, quantità, consumo personale, scorta, esclusione (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 17.04.2013 n° 17590 )

Reati, condanna, prove, massima di esperienza, luogo del reato, fuga (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 02.04.2013 n° 14983 )

Affidamento in prova, fini terapeutici, tossicodipendenza, attualità, valutazione (Tribunale di Sorveglianza, Torino, ordinanza 27.03.2013 n° 1150 )

Marijuana, coltivazione domestica, uso personale, reato, esclusione (Tribunale Ferrara, sentenza 20.03.2013 n° 536 )

Coltivazione di cannabis: l'offensività della condotta va accertata in concreto (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 18.03.2013 n° 12612 (Carlo Alberto Zaina) )

Lieve entità: non è esclusa anche se il pusher ha 200 dosi di ''fumo'' (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 28.02.2013 n° 9723 (Carlo Alberto Zaina) )

Droga, spaccio, lieve entità, attenuante, quantità considerevole, insufficienza (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 25.02.2013 n° 9070 )

Sostanza stupefacente, quantità rilevante, attenuante, esclusione, spaccio (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 17.12.2012 n° 49033 )

Stupefacenti, detenzione, vendita, connivenza, contributo concorsuale, differenze (Cassazione penale sez. IV, sentenza 13.12.2012 n° 48243 )

Distinzione tra connivenza non punibile e concorso di persone nel reato (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 13.12.2012 n° 48243 (Anna Larussa) )

Vende semi di piante idonee a produrre sostanza stupefacente: rilevanza penale (Cassazione penale , SS.UU., sentenza 07.12.2012 n° 47604 (Anna Larussa) )

Semi di cannabis, commercio, siti web, istigazione all'uso, esclusione (Cassazione penale , SS.UU., sentenza 07.12.2012 n° 47604 )

Stupefacenti, lieve entità, attenuante, consumatore abituale, valutazione (Cassazione penale , sez. III, sentenza 28.11.2012 n° 46299 )

Stupefacenti, consumo di gruppo, uso personale, esclusione (Cassazione penale , sez. III, sentenza 26.11.2012 n° 45912 )

Spaccio, limiti tabellari, superamento, presunzione, parametri, valutazione (Cassazione penale , sez. III, sentenza 22.11.2012 n° 45704 )

Stupefacenti, uso di gruppo, esclusivamente personale, acquisto, esimente (Cassazione penale , sez. IV, ordinanza 08.11.2012 n° 43464 )

Recidiva facoltativa, reiterazione, piccolo spacciatore, attenuanti, illegittimità (Corte Costituzionale , sentenza 05.11.2012 n° 251 )

L’attenuante del ravvedimento: il requisito della collaborazione (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 26.09.2012 n° 37100 (Barbara Marzoli) )

Stupefacenti, reati, circostanze attenuanti, collaborazione, caratteri (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 26.09.2012 n° 37100 )

Stupefacenti, eroina, ingente quantità, valore-soglia, consumatori, agevolazione (Cassazione penale , SS.UU., sentenza 20.09.2012 n° 36258 )

Hashish, uso personale, giudice, valutazione, circostanze (Cassazione penale , sez. V, sentenza 11.09.2012 n° 34758 )

Coltivazione piantine, sostanze stupefacenti, reato, uso personale, irrilevanza (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 31.05.2012 n° 21196 )

Permesso di soggiorno, rinnovo, diniego, spaccio, condanna, pericolosità sociale (Consiglio di Stato , sez. III, sentenza 21.05.2012 n° 2930 )

Stupefacenti, uso di gruppo, mandato all'acquisto, reato, esclusione (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 09.05.2012 n° 17396 )

Stupefacenti, uso, istigazione, internet, vendita, informazioni, coltivazione (Tribunale Caltanissetta, sez. penale, sentenza 14.03.2012 )

Stupefacenti, offerta, perfezionamento, condotta, accordo, formazione (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 28.02.2012 n° 7772 )

Vendita dei semi di cannabis, di per sé, non costituisce reato (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 22.02.2012 n° 6972 (Carlo Alberto Zaina) )

Vendita online, semi di cannabis, istigazione, uso di droghe, esclusione (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 22.02.2012 n° 6972 )

Associazione mafiosa, comunanza di intenti, filosofia mafiosa, prova (Cassazione penale , sez. I, sentenza 26.01.2012 n° 3324 )

Stupefacenti: quando si verifica la condotta di ''intermediazione''? (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 20.01.2012 n° 2394 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti, intermediario, destinatario, fornitore, conoscenza diretta (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 20.01.2012 n° 2394 )

500 grammi di droga? Non si può presumere la finalità di spaccio (Cassazione penale , sez. III, sentenza 13.01.2012 n° 919 (Carlo Alberto Zaina) )

Butilone e AM-694: aggiornamento tabelle sostanze stupefacenti e psicotrope (Decreto Ministero Salute 29.12.2011, G.U. 04.01.2012 )

Infrazione amministrativa, verbale di contestazione, elementi inderogabili (Cassazione civile , sez. II, sentenza 21.12.2011 n° 28046 )

Pantani, stupefacenti, cessione, pusher, morte, contributo causale (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 22.11.2011 n° 43106 )

Misura di prevenzione, diritto all’intervento, diritto all’assistenza difensiva (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 27.10.2011 n° 38891 )

Stupefacenti, attività illecite, lieve entità, fatto, giudizio, carattere oggettivo (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 24.10.2011 n° 38167 )

Droga, lieve entità: incensuratezza e comportamento processuale non rilevano (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 24.10.2011 n° 38167 (Carlo Alberto Zaina) )

Produzione e traffico illecito di sostanze stupefacenti, ipotesi attenuata (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 09.09.2011 n° 33465 )

Traffico di droga: illegittima la presunzione di adeguatezza di custodia cautelare (Corte Costituzionale , sentenza 22.07.2011 n° 231 (Alessandro Ferretti) )

21.000 dosi commerciali di hashish non integrano l'ingente quantità (Cassazione penale 12.07.2011 n° 27128 (Carlo Alberto Zaina) )

Articolo 99 del codice penale: in claris non fit interpretatio (Articolo 12.07.2011 (Paolo Diglio) )

Sul concetto di ingente quantità (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 12.07.2011 n° 27128 (Domenico Prosciutto) )

Stupefacenti, uso di gruppo: nuovo duello interpretativo (Cassazione penale , sez. III, sentenza 07.07.2011 n° 26697 (Carlo Alberto Zaina) )

Detenzione di sostanze stupefacenti: 600 g. di hashish non è ingente quantità (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 27.06.2011 n° 25669 (Simone Marani) )

Sostanze stupefacenti, reato, collaborazione, precisazioni (Cassazione penale , sez. II, sentenza 08.06.2011 n° 22772 )

Droga: Commissione Internazionale, proibizionismo fallito (News 03.06.2011)

Sostanze stupefacenti, detenzione, onere probatorio, presunzione (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 01.06.2011 n° 21870 )

Detenzione di stupefacenti: spaccio o uso personale? L'onere della prova (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 01.06.2011 n° 21870 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti ed ingente quantità: nuovo contrasto giurisprudenziale (Articolo 19.04.2011 (Carlo Alberto Zaina) )

Sostanza stupefacente derivata e nozione legale (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 11.04.2011 n° 14431 (Carlo Alberto Zaina) )

Precursori di droghe: in vigore le nuove disposizioni (Decreto legislativo 24.03.2011 n° 50 , G.U. 26.04.2011 (Carlo Alberto Zaina) )

Vendita di semi di cannabis: per rilievo penale occorre propaganda pubblicitaria (Tribunale Firenze, Ufficio GIP, ordinanza 18.03.2011 n° 266 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti, uso di gruppo: disattesa la tesi colpevolista (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 02.03.2011 n° 8366 (Carlo Alberto Zaina) )

Spetta al PM provare l'uso della droga diverso da quello del consumo personale (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 28.02.2011 n° 7578 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti: la sostituzione della pena detentiva non è un diritto (Sussiste la discrezionalità del giudice sulla scelta del trattamento sanzionatorio (Maria Elena Bagnato) )

Provvedimento del Questore, diritto di difesa, sussistenza (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 03.02.2011 n° 4147 )

Ottiche diverse e nuove prospettive difensive sul delitto di minaccia semplice o lieve (Articolo 24.11.2010 (Massimiliano Molinari) )

Stupefacenti: compatibilità dell’aggravante della cessione a minore, con attenuante del fatto di lieve entità (Cassazione penale , SS.UU., sentenza 05.10.2010 n° 35737 (Barbara Marzoli) )

Sì al sequestro dei semi di canapa se venduti con gli opuscoli per la coltivazione (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 06.07.2010 n° 25798 (Carlo Alberto Zaina) )

Espulsione, art. 86 d.P.R. n. 309/1990, cittadino extracomunitario, coniuge italiano (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 02.07.2010 n° 25150 )

Detenzione di stupefacenti ed aggravante dell’ingente quantità (Cassazione penale , sez. III, sentenza 22.06.2010 n° 23915 (Simone Marani) )

Benefici penitenziari, riconoscimenti, precisazioni (Cassazione penale , sez. I, sentenza 04.06.2010 n° 21081 )

Stupefacenti ed ingente quantità: sui parametri per l'applicazione dell'aggravante (Cassazione penale , sez. V, sentenza 26.05.2010 n° 20119 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti: sul criterio della destinazione ad uso non esclusivamente personale (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 04.05.2010 n° 16834 (Carlo Alberto Zaina) )

Sull'illegittimità costituzionale dell'art. 76, comma 4-bis, d.P.R. 115/2002 (Corte Costituzionale , sentenza 14.04.2010 n° 139 (Simone Marani) )

Sostanze stupefacenti, traffico, accordo, sufficienza (Cassazione penale , sez. I, sentenza 14.04.2010 n° 14183 )

Momento consumativo nel traffico di sostanze stupefacenti (Cassazione penale , sez. I, sentenza 14.04.2010 n° 14183 (Simone Marani) )

Procedimento di prevenzione e intercettazioni inutilizzabili (CIPE , SS.UU., sentenza 09.04.2010 n° 13426 (Solange Manfredi) )

Sostanze stupefacenti, morte dell’acquirente, attenuante, compatibilità (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 11.03.2010 n° 10022 )

Semi di cannabis: la detenzione per la vendita al pubblico non costituisce reato (Tribunale Bolzano, sez. penale, ordinanza 16.02.2010 (Carlo Alberto Zaina) )

Reato commesso da chi si trovi illegalmente in Italia (Cassazione penale , sez. III, sentenza 02.02.2010 n° 4406 (Giacomina Dingeo) )

I commercianti venditori di semi di cannabis: problematiche giuridiche (Articolo 28.01.2010 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti, concorso nel reato, elemento psicologico, prova (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 29.12.2009 n° 49769 )

Sostanze stupefacenti, possesso, gravi indizio di reato, sussistenza (Cassazione penale , sez. III, sentenza 28.12.2009 n° 49612 )

Sostanze stupefacenti, spaccio, distinzioni, precisazioni (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 01.12.2009 n° 45916 )

Superamento dei limiti tabellari e destinazione della sostanza ad uso non esclusivamente personale (Cassazione penale , sez. III, sentenza 24.11.2009 n° 45027 (Simone Marani) )

Stupefacenti, quantità, sufficienza, insussistenza (Cassazione penale , sez. III, sentenza 24.11.2009 n° 45027 )

Cannabis, coltivazione di piante, reato, sussistenza attenuante, sussistenza (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 19.11.2009 n° 44493 )

Sostanze stupefacenti, tipo diverso, continuazione, esclusione (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 05.11.2009 n° 42485 )

La coltivazione domestica di stupefacenti non va assimilata a quella industriale (Tribunale Milano, ufficio Gip, sentenza 13.10.2009 (Carlo Alberto Zaina) )

Oppioidi: da oggi il medico può presciverli con ricetta semplice (Ministero del Lavoro, ordinanza 16.06.2009)

Istigazione all’uso di sostanze stupefacenti mediante pubblicità on line (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 10.06.2009 n° 23903 (Simone Marani) )

Responsabilità dello spacciatore per morte a seguito di cessione di stupefacenti (Cassazione penale , SS.UU., sentenza 29.05.2009 n° 22676 (Angela Porfidia) )

Sostanze stupefacenti, pastore, transumanza, sopra soglia, legittimità (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 19.03.2009 n° 12146 )

Legittima la scorta di stupefacenti per uso personale del pastore in transumansa (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 19.03.2009 n° 12146 (Carlo Alberto Zaina) )

Sul consumo di gruppo di sostanze stupefacenti (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 17.03.2009 n° 11558 (Carlo Alberto Zaina) )

Perché e (sopratutto) come è possibile modificare la legislazione sugli stupefacenti (Articolo 17.03.2009 (Carlo Alberto Zaina) )

Sostanze stupefacenti, consumo di gruppo, droga, intromissione in carcere (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 17.03.2009 n° 11558 )

Detenzione simultanea di droghe leggere e pesanti e trattamento sanzionatorio (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 04.03.2009 n° 9874 (Carlo Alberto Zaina) )

Sostanze stupefacenti, droghe leggere e droghe pesanti, differenze, insussistenza (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 04.03.2009 n° 9874 )

Coltivazione di stupefacenti e valutazione dell’offensività concreta della condotta (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 14.01.2009 n° 1222 (Carlo Alberto Zaina) )

Offensività, sostanze stupefacenti, necessaria, sussistenza, conseguenze (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 14.01.2009 n° 1222 )

Inutilizzabilità parziale per le dichiarazioni tardive dei pentiti (Cassazione penale , SS.UU., sentenza 13.01.2009 n° 1149 (Anna Larussa) )

Sul commercio di semi di cannabis e di strumenti per la coltivazione degli stessi (Tribunale Ferrara, sez. penale, ordinanza 03.12.2008 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti, spaccio, ordine di espulsione dello straniero, patteggiamento allargato (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 17.11.2008 n° 42841 )

Stupefacenti, responsabilità dello spacciatore, morte da overdose del tossicodipente (Cassazione penale , sez. IV, ordinanza 03.11.2008 n° 41026 )

Convivere con un detentore di sostanze stupefacenti rileva penalmente? (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 27.10.2008 n° 39989 (Carlo Alberto Zaina) )

Detenzione non punibile di sostanze stupefacenti (Tribunale Modena, sentenza 22.10.2008 n° 747 (Carlo Alberto Zaina) )

Sostanze stupefacenti, detenzione, onere prova, applicabilità regole generali (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 16.10.2008 n° 39017 )

Tossicodipendente, giudizio indennitario e sequenza ricostruttiva dei fatti di causa (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 29.09.2008 n° 37026 (Carlo Alberto Zaina) )

Sull'uso di gruppo di sostanze stupefacenti e configurabilità del reato di spaccio (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 26.09.2008 n° 36876 (Carlo Alberto Zaina) )

Sostanze stupefacenti, consumo di gruppo, acquisto, cessione (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 26.09.2008 n° 36876 )

Detenzione e cessione di supefacenti, lieve entità, reato circostanziato, sussistenza (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 08.09.2008 n° 34778 )

Tossicodipendente, lavoro pubblica utilità, consenso interessato, espressa richiesta (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 04.09.2008 n° 34620 )

Applicabilità delle attenuanti generiche in caso di fatto di rilevante gravità (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 28.07.2008 n° 31440 (Simone Marani) )

Attenuanti generiche, applicazione, casi di rilevante gravità, motivazione, necessità (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 28.07.2008 n° 31440 )

Caso Giacomelli: sì alla costituzione di parte civile in ipotesi di reato associativo (Tribunale Rimini, GUP, ordinanza 15.07.2008 (Carlo Alberto Zaina) )

Detenzione, sostanze stupefacenti, marijuana, pratica religiosa, legittimità (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 10.07.2008 n° 28720 )

Sostanze stupefacenti: sulla punibilità della condotta coltivativa (Cassazione penale , SS.UU., sentenza 10.07.2008 n° 28605 (Carlo Alberto Zaina) )

Sull'uso di stupefacenti da parte dei Rasta (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 10.07.2008 n° 28720 (Carlo Alberto Zaina) )

Coltivazione di sostanze stupefacenti, pericolo del pericolo, salute collettiva (Cassazione penale , SS.UU., sentenza 10.07.2008 n° 28605 )

Sostanze stupefacenti: uso personale e sua esclusione (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 10.07.2008 n° 28720 (Angela Porfidia) )

Stupefacenti, circostanza attenuate, fatto di lieve entità, notevole quantità (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 05.06.2008 n° 22649 )

Le detenute madri: riflessioni a margine della sentenza di Cogne (Articolo 30.05.2008 (Mario Pavone) )

Spaccio di stupefacenti quale corrispettivo di favori sessuali (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 19.05.2008 n° 20023 (Carlo Alberto Zaina) )

Sostanze stupefacenti, criteri, uso personale, precisazioni (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 05.05.2008 n° 17899 )

Quantità di stupefacente eccedente i limiti tabellari e presunzione di spaccio (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 05.05.2008 n° 17899 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti, detenzione, sopra soglia, sufficienza, illegittimità (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 21.04.2008 n° 16373 )

Traffico di stupefacenti, agente provocatore, attività di controllo, attività di impulso (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 17.04.2008 n° 16163 )

Stupefacenti, detenzione e trasporto al fine di spaccio, determinazione della pena (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 17.04.2008 n° 16176 )

Responsabilità da reato degli enti: incompatibilità tra ente e legale rappresentante (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 16.04.2008 n° 15689 (Nicola Virdis) )

Consigli per la preparazione al concorso in Magistratura (Articolo 08.04.2008 (Paolo Franceschetti) )

Cannabis, sostanze stupefacenti, contrasti interpretativi, rinvio alle SS.UU., necessità (Cassazione penale , sez. IV, ordinanza 07.03.2008 n° 10495 )

Istigazione al consumo di droga, vendita on line di semi di cannabis, insussistenza (Tribunale Benevento, sentenza 07.02.2008 n° 74 )

Stupefacenti: sulla vendita on line di semi di cannabis (Tribunale Benevento, sentenza 07.02.2008 n° 74 (Carlo Alberto Zaina) )

Misure alternative alla detenzione, affidamento in prova, tossicodipendenza (Tribunale di sorveglianza di Torino, sentenza 29.01.2008 )

Stupefacenti: detenzione di quantitativo eccedente l’uso personale e punibilità (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 15.01.2008 n° 2217 (Carlo Alberto Zaina) )

Sostanze stupefacenti differenti ed unicità del reato (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 14.01.2008 n° 1735 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti, spaccio di hashish e cocaina, reato unico, continuazione (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 14.01.2008 n° 1735 )

Sostanze stupefacenti, coltivazione, numero di piantine, irrilevanza, reato di pericolo (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 10.01.2008 n° 871 )

Cessione di modestissima quantità di sostanze stupefacenti (Cassazione penale , SS.UU., sentenza 20.12.2007 n° 47472 (Simone Marani) )

Stupefacenti, soglia drogante, decreto ministeriale, legittimità (Cassazione penale , SS.UU., sentenza 20.12.2007 n° 47472 )

Stupefacenti, marijuana, sito internet che ne fa menzione, responsabilità (Tribunale Rovereto, sentenza 29.11.2007 n° 300 )

Mariuana: responsabilità del titolare di alcuni siti internet per la vendita di semi (Tribunale Rovereto, sentenza 29.11.2007 n° 300 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti: l’attenuante dell’ipotesi lieve, minimo edittale e favor rei (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 21.11.2007 n° 1692 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti, produzione e traffico, lieve entità del fatto, attenuante, esclusione (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 21.11.2007 n° 1692 )

Problematiche in executivis a seguito di annullamento parziale con rinvio (Cassazione penale , sez. V, sentenza 20.11.2007 n° 47092 )

Sulle modifiche al regime del patrocinio dei non abbienti a spese dello Stato (Articolo 02.11.2007 (Carlo Alberto Zaina) )

Sostanza stupefacente, coltivazione domestica, legittimità, sussistenza (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 31.10.2007 n° 40362 )

Coltivazione domestica di canapa indiana per motivi ornamentali (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 31.10.2007 n° 40362 (Simone Marani) )

Indulto e reati concernenti gli stupefacenti (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 28.09.2007 n° 35703 (Carlo Alberto Zaina) )

Spaccio di sostanze stupefacenti, aggravante della ingente quantità (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 26.07.2007 n° 30534 )

Sull'aggravante della ingente quantità nel reato di spaccio di stupefacenti (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 26.07.2007 n° 30534 (Carlo Alberto Zaina) )

Istigazione all’uso di stupefacenti, vendita on-line di semi di cannabis (Tribunale Firenze, Gip, sentenza 23.07.2007)

Commercio di semi di cannabis e attività di proselitismo (Tribunale Firenze, Gip, sentenza 23.07.2007 (Carlo Alberto Zaina) )

Spaccio di stupefacenti e principio attivo inferiore alla cd. soglia drogante (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 18.07.2007 n° 28661 (Carlo Alberto Zaina) )

Tossicodipendente: misure alternative ed eccezionali esigenze cautelari (Cassazione penale , sez. II, sentenza 27.06.2007 n° 24960 (Carlo Alberto Zaina) )

La traditio dello stupefacente (Articolo 21.06.2007 (Carlo Alberto Zaina) )

La ex Cirielli in materia di recidiva supera l'esame della Corte Costituzionale (Corte Costituzionale , sentenza 14.06.2007 n° 192 (Carlo Alberto Zaina) )

Straniero, condanna, espulsione, cittadino comunitario, legittimità (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 08.06.2007 n° 22511 )

Droga: l'acquirente di piccole quantità va sentito quale persona informata sui fatti (Cassazione penale , SS.UU., sentenza 05.06.2007 n° 21832 (Clorinda Di Franco) )

Stupefacenti: il sequestro probatorio e la chiusura del pubblico esercizio (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 24.05.2007 n° 20204 (Carlo Alberto Zaina) )

Spaccio di sostanze stupefacenti, bar, misure cautelari, sequestro preventivo (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 24.05.2007 n° 20204 )

Spaccio di stupefacenti, sequestro probatorio e chiusura del pubblico esercizio (Cassazione penale , sez. IV, sentenza 24.05.2007 n° 20204 (Simone Marani) )

Spaccio di sostanze stupefacenti, sostanza non compresa nella lista (Cassazione penale , sez. I, sentenza 17.05.2007 n° 19056 )

Nozione legale di stupefacente e tassatività dell'inserimento nelle tabelle (Cassazione penale , sez. I, sentenza 17.05.2007 n° 19056 (Carlo Alberto Zaina) )

Spaccio di sostanze stupefacenti e vendita di “rosa hawaiana” (Cassazione penale , sez. I, sentenza 17.05.2007 n° 19056 (Simone Marani) )

Coltivazione domestica di marijuana e detenzione per uso personale (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 10.05.2007 n° 17983 (Carlo Alberto Zaina) )

Testo unico sugli stupefacenti, coltivazione di marijuana, nozione, poche piantine (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 10.05.2007 n° 17983 )

Spacciatore recidivo, bilanciamento tra aggravanti ed attenuanti, necessità (Cassazione penale , sez. V, sentenza 05.04.2007 n° 14152 )

Indulto e reati concernenti gli stupefacenti (Cassazione penale , sez. I penale, sentenza 05.04.2007 n° 14432 (Carlo Alberto Zaina) )

Annullato il decreto Turco sui quantitavi massimi di cannabis per uso personale (TAR Lazio, sez. III quater, sentenza 21.03.2007 n° 2487 (Carlo Alberto Zaina) )

Cannabis: bocciato il decreto Turco sui quantitativi massimi per uso personale (TAR Lazio, sez. III quater, ordinanza 15.03.2007 n° 1155 )

Coltivazione domestica di sostanze stupefacenti (Corte d'Appello Trento, sentenza 02.03.2007)

Coltivazione domestica di cannabis indica non è punibile (Corte d'Appello Trento, sentenza 02.03.2007 (Nicola Canestrini) )

Stupefacenti: rapporto fra le circostanze dell'ipotesi lieve e della recidiva reiterata (Corte d'Appello Brescia, sentenza 23.02.2007 (Carlo Alberto Zaina) )

Tossicodipendente: sostituzione della misura cautelare con gli arresti domiciliari (Tribunale Rimini, Ufficio Gip, ordinanza 19.01.2007 (Carlo Alberto Zaina) )

Cocainomane - misura cautelare - sostituzione in favore degli arresti domiciliari (Tribunale Rimini, Ufficio Gip, ordinanza 19.01.2007)

Teste tossicodipendente-acquirente: esimente ex 384 c.p. e favoreggiamento (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 22.12.2006 n° 42249 (Carlo Alberto Zaina) )

Affidamento in prova: l'esame della pericolosità sociale del tossicodipendente (Cassazione penale , sez. I, sentenza 14.11.2006 n° 38055 (Carlo Alberto Zaina) )

Perché e come è possibile modificare la legislazione sugli stupefacenti (Articolo 09.10.2006 (Carlo Alberto Zaina) )

Detenzione di hashish: prima archiviazione dopo le modifiche della Legge Fini (Tribunale Tempio Pausania, Ufficio Gip, decreto 27.09.2006 (Carlo Alberto Zaina) )

Favoreggiamento del genitore e non punibilità (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 06.09.2006 n° 29769 (Carlo Alberto Zaina) )

Cannabis: elevati i quantitativi massimi per uso personale (Decreto Ministero Salute 04.08.2006, G.U. 17.11.2006 )

Stupefacenti: parametro quantitativo ha valenza meramente indiziaria (Tribunale Verona, sentenza 24.07.2006 (Nicola Canestrini) )

Sulla prova della finalità illecita della detenzione della sostanza stupefacente (Tribunale Rimini, sentenza 01.06.2006 (Carlo Alberto Zaina) )

Nuove norme in materia di stupefacenti, recidiva reiterata e divieto di prevalenza (Tribunale Grosseto, sentenza 08.05.2006 (Carlo Alberto Zaina) )

Arresti domiciliari in comunità per il tossicodipendente condannato per evasione (Cassazione penale , sez. II, sentenza 26.04.2006 n° 19348 (Carlo Alberto Zaina) )

Stupefacenti: la tabella dei limiti quantitavi massimi previsti dalla nuova legge (Decreto Ministero Sanità 11.04.2006)

Le nuove tabelle relative alle sostanze stupefacenti: una ulteriore fonte di dubbio (Articolo 07.04.2006 (Carlo Alberto Zaina) )

Ricorso per cassazione: inammissibilità originaria e normativa più favorevole (Cassazione penale , sez. VI,, sentenza 05.04.2006 n° 14057 (Carlo Alberto Zaina) )

Continuazione in materia di reati commessi dal tossicodipendente (Cassazione penale , sez. I, sentenza 28.03.2006 n° 12638 (Carlo Alberto Zaina) )

Recupero tossicodipendenti recidivi (Legge 21.02.2006 n° 49 , G.U. 27.02.2006 )

Stupefacenti: il fatto di lieve entità e la prescrizione prevista dalla ex Cirielli (Tribunale Rimini, sentenza GUP 17.02.2006 (Carlo Alberto Zaina) )

Misure contro la droga. Norme in materia di recidiva, olimpiadi invernali e polizia (Decreto Legge , testo coordinato 30.12.2005 n° 272 , G.U. 27.02.2006 )

Legge ex Cirielli: attenuanti generiche, recidiva, usura e prescrizione (Legge 05.12.2005 n° 251 , G.U. 07.12.2005 )

Legge finanziaria 2004 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale (Legge 24.12.2003 n° 350 , G.U. 27.12.2003 )

Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione (Legge 16.01.2003 n° 3 )

Stupefacenti: il riconoscimento dell'attenuante del fatto di lieve entità (Cassazione penale sez.VI, sentenza 28.11.2001 n° 42771 )


16 correzioni personalizzate di pareri e atti + 8 lezioni in "aula virtuale"

Giunto alla XI edizione, il corso on-line diretto per Altalex da Paolo Franceschetti, è mirato all’acquisizione del metodo e delle conoscenze necessarie a superare l'Esame Avvocato e quest'anno si pres ...

Avv. Barbara Mazzanti

L'Avv. Barbara Mazzanti si occupa di diritto commerciale e fallimentare, recupero crediti ed esecuzioni, infortunistica stradale, diritto di famiglia, separazioni e divorzi. Disponibile per domiciliazioni presso il Tribunale di Biella.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli Equitalia esame esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto Inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura