ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Avviso d'accertamento - termine di decadenza per l'iscrizione a ruolo
Cassazione civile Sez. tributaria, sentenza 05.07.2001 n° 9116




Un ricorso proposto nei termini avverso l'avviso di accertamento è idoneo ad introdurre un processo tributario e quindi ad impedire, fino alla sua conclusione, che l'accertamento medesimo diventi definitivo.

A tale regola non fa eccezione l'ipotesi in cui il ricorso manchi della sottoscrizione del ricorrente essendo quest'ultima un requisito la cui sussistenza o mancanza, in caso di contenzioso giudiziario, deve essere accertata dal giudice adito.


(Massima a cura della Redazione)


REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Sezione Tributaria

(Presidente G. Olla - Relatore E. Amari)

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

In data 9.2.1994 veniva notificata alla (omissis) la cartella esattoriale n. 4001421 emessa a seguito della consegna in data 10.1.1984 di ruoli in cui risultavano iscritti tributi, oltre sanzioni ed interessi relativi al saldo (pari ai 2/3) dell'IRPEG e dell'ILOR dovute per l'anno 1984 in base ad avviso di accertamento dell'Ufficio delle II.DD. di Latina.

Proponeva ricorso la contribuente dinanzi alla Commissione tributaria di 1° grado di Latina deducendo che l'avviso di accertamento, notificato 1'11. 12.1990, era divenuto definitivo, in mancanza di impugnazione, il 9.2.1991; conseguentemente si era verificata la decadenza per l'iscrizione a ruolo perché le imposte richieste non erano state iscritte in ruoli formati e consegnati all'intendenza di finanza entro il 31 dicembre dell'anno successivo a quello in cui l'accertamento era divenuto definitivo.

La Commissione di 1° grado rigettava l'impugnativa avverso il ruolo deducendo che il ricorso nei confronti dell'avviso di accertamento, benché non sottoscritto, era stato presentato, sicché il termine di decadenza di cui all'art. 17, ultimo comma, d.p.r. 602/1973 per l'iscrizione a ruolo era cominciato a decorrere solo dalla data in cui era stata dichiarata l'inammissibilità del ricorso medesimo.

La Commissione tributaria regionale del Lazio rigettava l'appello della contribuente su rilievo che, ai fini della decorrenza del termine per l'iscrizione a ruolo, l'accertamento doveva ritenersi definitivo solo dalla data in cui era stata pronunziata la sentenza (rectius: in cui era divenuta irrevocabile la sentenza ) che aveva dichiarato inammissibile, per difetto di sottoscrizione, il ricorso proposto nei suoi confronti.

Propone ricorso per cassazione la (omissis) enunciando due motivi.

Con il 1° motivo la ricorrente denuncia la violazione degli artt. 113, 115 e 116 c.p.c. e la contraddittorietà e illogicità della motivazione.

Deduce la contribuente che l'inammissibilità di un ricorso non sottoscritto deriva direttamente dalla legge (art. 15, d.p.r. 636/1972) e non deve essere riconosciuta con una pronunzia del giudice, che, se interviene, ha natura meramente dichiarativa della mancanza di (valida) impugnazione avverso 1'accertamento, divenuto per tale ragione definitivo con il decorso del termine per impugnarlo.

Con altro motivo la (omissis) lamenta la violazione dell'art. 17 del d.p.r. 602/1973 e degli artt. 2964 e 2966 c.c., in relazione all'art. 360 nn. 3 c 5 c.p.c., in quanto, per l'assoluta inidoneità di un ricorso non sottoscritto a promuovere un giudizio, il termine previsto dall'art. 17, comma 3, del d.p.r. 602/1973 per 1'iscrizione a ruolo era cominciato a decorrere sin dall'11.2.1991, e cioè dopo il sessantesimo giorno per proporre (valida) impugnazione dell'avviso di accertamento.

L'Amministrazione finanziaria si è costituita, tramite l'Avvocatura Generale dello Stato, in questa fase del giudizio senza svolgere specifiche controdeduzioni ma al solo fine di essere informata della data dell'udienza.

MOTIVI DELLA DECISIONE

I due motivi del ricorso possono essere esaminati congiuntamente perché tra loro connessi.

Essi devono ritenersi infondati.

Un ricorso proposto nel termini avverso l'avviso di accertamento è idoneo ad introdurre un processo tributario e quindi ad impedire, fino alla sua conclusione, che l'accertamento medesimo diventi definitivo.

A tale regola non fa eccezione l'ipotesi in cui il ricorso manchi della sottoscrizione del ricorrente essendo quest'ultima un requisito la cui sussistenza o mancanza, in caso di contenzioso giudiziario, deve essere accertata dal giudice adito, non dissimilmente da quanto avviene per gli altri requisiti previsti dall'art. 15, primo comma, d.p.r. 636/1972 (come, ad es., l'assoluta incertezza dei motivi del ricorso).

E' inconferente rilevare in contrario che la pronunzia di inammissibilità del ricorso per difetto di sottoscrizione ha natura meramente dichiarativa perché si limiterebbe ad accertare l'esistenza di un vizio originario dell'impugnazione; invero, anche in tal caso il ricorso del contribuente produce l'effetto di dare un impulso processuale alla vertenza idoneo ad impedire la definitività dell'accertamento fino alla conclusione del processo.

Si deve cioè ritenere che, nella pendenza di un processo tributario, l'Amministrazione finanziaria non può procedere all'iscrizione a ruolo dell'imposta a titolo definitivo, neppure nel presupposto della mancanza di un requisito del ricorso, dovendo anche tale vizio essere accertato nella sede giudiziaria.

Conseguentemente, nel caso di specie, il termine di decadenza per l'iscrizione a ruolo è cominciato a decorrere solo dalla data di irrevocabilità della sentenza che ha dichiarato inammissibile, per difetto di sottoscrizione, il ricorso proposto dalla (omissis) nei confronti dell'avviso di accertamento.

Il ricorso va, pertanto, rigettato.

Sussistono giusti motivi per compensare le spese.

PER QUESTI MOTIVI

rigetta il ricorso e compensa le spese.

Studio Legale Basso

Lo Studio si occupa prevalentemente di diritto sportivo, commerciale, tributario, fallimentare e contrattualistica internazionale.Offre la propria collaborazione a Colleghi, sia come consulenza che come attività di domiciliazione


COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.

20 lezioni di Diritto penale e procesuale e 7 correzioni

L'obiettivo del corso è quello di fornire una preziosa “bussola” con cui orientarsi  nella complicatissima selezione delle tematiche a più “elevato rischio concorsuale. Il Corso ...

Segnalazioni Editoriali
Il nuovo diritto processuale amministrativo (Sconto 15%) A cura di Cirillo Gianpiero Paolo 110,00 € 93,50
CEDAM — Anno 2014
Articolata in un commento organico alle norme sul processo amministrativo di primo e secondo grado, l’opera sviscer...

Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri cartella esattoriale certificato di agibilità codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare Contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudice di pace giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita occupazione abusiva oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sciopero semplificazione fiscale sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame Tribunali tulps usucapione usura