ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Danno da mancata interruzione della gravidanza
Cassazione civile , sez. III, sentenza 14.07.2006 n° 16123 (Ciro Pacilio)

La sorellina minore e il padre, di un bambino nato menomato, possono chiedere il danno per mancata interruzione della gravidanza, non avendo il medico comunicato ai genitori la malformazione?






Danno da mancata interruzione della gravidanza

(Cass., sez. III, 16123/2006)

di Ciro Pacilio


Il quesito:

  • La sorellina minore e il padre, di un bambino nato menomato, possono chiedere il danno per mancata interruzione della gravidanza, non avendo il medico comunicato ai genitori la malformazione?

Normativa.

Articolo 2043 cc.: Qualunque fatto doloso o colposo che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno

Articolo 4 L. 194/1978: Per l'interruzione volontaria della gravidanza entro i primi novanta giorni, la donna che accusi circostanze per le quali la prosecuzione della gravidanza, il parto o la maternità comporterebbero un serio pericolo per la sua salute fisica o psichica, in relazione o al suo stato di salute, o alle sue condizioni economiche, o sociali o familiari, o alle circostanze in cui è avvenuto il concepimento, o a previsioni di anomalie o malformazioni del concepito, si rivolge ad un consultorio pubblico istituito ai sensi dell'articolo 2, lettera a), della legge 29 luglio 1975 numero 405, o a una struttura socio-sanitaria a ciò abilitata dalla regione, o a un medico di sua fiducia.
Riportata al n. VII.

Articolo 6 L. 194/1978: L'interruzione volontaria della gravidanza, dopo i primi novanta giorni, può essere praticata:
a) quando la gravidanza o il parto comportino un grave pericolo per la vita della donna;
b) quando siano accertati processi patologici, tra cui quelli relativi a rilevanti anomalie o malformazioni del nascituro, che determinino un grave pericolo per la salute fisica o psichica della donna.

Il caso.

Il medico Tizio, dopo aver effettuato un esame ecografico, non comunica ai genitori, per negligenza, che il feto ha una malformazione e si dimentica di annotare il risultato sulla cartella clinica. Al momento della nascita i genitori, in proprio e quali legali rappresentati della figlia minore (sorella del bimbo appena nato), intentano azione nei confronti della USL e del medico chiedendo il risarcimento dei danni.

I ricorrenti sostengono che la mancata informazione avrebbe impedito loro sia di ricorrere alla interruzione della gravidanza, sia di recarsi in un paese estero avente un regime giuridico meno rigoroso di quello italiano.

Sintesi della questione.

Il caso deciso dalla Cassazione risolve diversi quesiti:

  1. in caso di omessa informazione, qualora i genitori sostengano che avrebbero preferito abortire piuttosto che far nascere il figlio malforme, è possibile configurare un danno consistente nella nascita indesiderata? In altre parole: è configurabile un “diritto a non nascere se non sano”?

  2. Quali soggetti, oltre alla madre, sono eventualmente titolari del diritto al risarcimento del danno?

La sentenza.

Cominciando dal primo quesito:

  • Qualora il medico ometta di informare la donna che il feto ha delle malformazioni, è responsabile nei confronti dei genitori, in solido con la USL.

  • Non è ammissibile il risarcimento del danno, quando si pretenda di far valere il diritto a “non nascere”. In altre parole, non si può chiedere il risarcimento del danno per la nascita indesiderata, assumendo che, nell’ipotesi in cui l’informazione fosse stata corretta, la coppia avrebbe preferito abortire.

  • Il nostro ordinamento tutela infatti il diritto alla vita, ma non il diritto a “non nascere”, ovverosia a sopprimere una vita, sia pure in embrione.

  • Per giungere alla predetta conclusione occorre tenere a mente che l’articolo 2043, mediante l’istituto dell’ingiustizia del danno, pur introducendo un sistema di illecito potenzialmente aperto, deve comunque sempre essere interpretato alla luce del sistema giuridico nel suo complesso.

  • Ora, se è vero che la legge sull’aborto permette, in determinate condizioni, di sopprimere il feto, ciò non significa che possa ricavarsi da esso un generale “diritto a non nascere”. In realtà la legge dispone determinate e precise condizioni che devono sussistere per l’interruzione di gravidanza; il bene tutelato però non è quello alla “non vita”, ma il diritto alla salute della donna. Si può infatti interrompere la gravidanza per le malformazioni del feto, ai sensi degli articoli 4 e 6 della legge citata, ma solo se tali malformazioni abbiano gravi ripercussioni sulla salute della madre.

  • Di conseguenza, nel momento in cui il bambino viene alla luce, anche qualora i genitori ritengano di essere stati lesi, non possono chiedere il risarcimento del danno per la nascita indesiderata, perché trattasi di una lesione non risarcibile, secondo i principi del nostro ordinamento.

  • In caso di omessa informazione si può chiedere il risarcimento del danno per mancata interruzione della gravidanza, ma solo nell’ipotesi in cui il ricorrente (cosa che nel caso di specie non è avvenuta) riesca a provare la sussistenza delle condizioni previste dagli articoli 4 e 6 della L. 194/1978. Il risarcimento, cioè, non può conseguire automaticamente alla mancata informazione, ma deve essere specificatamente provato che tale omessa informazione ha avuto ripercussioni negative sulla salute della donna.

  • In conclusione: in caso di mancata informazione i ricorrenti possono chiedere il risarcimento dei soli danni, dimostrati, connessi alla mancata informazione, e non anche il danno che si ritiene connesso alla nascita indesiderata.

Quanto ai legittimati attivi:

  • senz’altro vi rientra il padre che, come ha avuto modo di stabilire altre volte la Cassazione, è titolare di un’obbligazione nascente da rapporto contrattuale di fatto.

  • Non vi rientra invece la sorella del minore, per vari motivi; quanto al danno da nascita indesiderata, perlomeno nella fattispecie in esame, perché il danno di cui questa ha risentito non è individuato, né tantomeno provato; per quanto riguarda il danno da omessa informazione, invece, perché ella non è titolare del diritto all’informazione.

  • Non vi rientra neanche il figlio nato malforme, perché al momento del verificarsi dell’evento non era ancora titolare del diritto all’informazione.

  • Infine, scrivono i giudice della Cassazione, “la Corte si rende conto che la decisione comporta un vulnus ai diritti dei due minori, ma ritiene che la soluzione positiva di casi come quello di specie non possa essere cercata nell’elaborazione giurisprudenziale ove manchi il supporto indispensabile di una normativa che la consenta.


Avv. Cristiana Bonaduce

Attività giudiziale e stragiudiziale in diritto civile, commerciale, diritto dell'immigrazione, internazionale privato e comunitario. Esecuzioni mobiliari ed immobiliari. Disponibile per domiciliazioni


COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.

26 ore video sui programmi dei principali compendi

L’obiettivo del corso è quello di fornire uno strumento complementare da utilizzare per l’assimilazione ed il ripasso dei concetti che può rilevarsi prezioso nella fase finale della preparazione ( ...

Segnalazioni Editoriali
Reati contro la donna. Excursus normativo (Sconto 10%) Avv. Simone Marani € 32,00 € 28,80
La violenza sulle donne è un fenomeno idoneo ad integrare differenti ipotesi delittuose, tutte accomunate dal fatto di avere quale soggetto destinatar...

Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri cartella esattoriale certificato di agibilità Codice della Strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione Riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sciopero sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali tulps usucapione usura