ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Misure cautelari e perentorietà del termine per la decisione sul riesame
Cassazione penale , sez. II, sentenza 15.12.2006 n° 41239 (Carlo Alberto Zaina)

La Suprema Corte, con la recente sentenza che si commenta ribadisce la perentorietà del termine di cui all'art. 309 co. 9° c.p.p. e toglie eventuali dubbi (se mai ve ne fossero stati) sugli automatici effetti di caducazione della misura cautelare personale o reale (di cui al successivo comma 10°)1, in ipotesi di mancato rispetto dello stesso.

Nella fattispecie il Tribunale di Rimini, in funzione di giudice del riesame reale aveva pronunziato l'ordinanza reiettiva la richiesta ex art. 309 c.p.p., confermando il provvedimento di sequestro reso dal GIP, entro i termini di cui all'art. 309, ma, sempre entro tali termini non aveva provveduto al deposito neppure del dispositivo.

E', infatti, ormai costante e categorico l'orientamento della Suprema Corte, appalesatosi con la decisione della Sez. VI, [sent. n. 3265 del 16 Novembre 1999 (ud. Del 18 Ottobre 1999), C. (rv 214952)]2 che pone come condizione di rispetto del termine di cui all'art. 309 co. 9° c.p.p. che il deposito quantomeno del dispositivo della pronuncia del Tribunale del Riesame avvenga entro 10 giorni, rimandando la motivazione all'ordinatorio termine di 5 giorni di cui all'art. 128 c.p.p. .

Tale impostazione, in progresso di tempo ha avuto la funzione di ridimensionare quella visione di maggior favore nei confronti dell'indagato che era propugnata dalla Sez. III, del 13 Dicembre 1996, n. 4296, Bella3.

Nell'occasione, la Corte di legittimità ebbe, infatti, ad affermare che “Il termine perentorio di dieci giorni per il deposito dell'ordinanza del Tribunale del riesame relativa ad un provvedimento di sequestro, previsto dall'art. 309 comma 10, cui fa rinvio l'art. 324 comma 7, c.p.p. deve ritenersi osservato solo a condizione che entro tale termine sia depositata l'ordinanza nella sua interezza e non il solo dispositivo. Ritenere sufficiente il deposito del solo dispositivo subordinerebbe il diritto dell'interessato a conoscere la motivazione del provvedimento al rispetto del termine semplicemente ordinatorio di cinque giorni previsto in linea generale per tutti i provvedimenti con la sostanziale disapplicazione della norma che sanziona con l'inefficacia il provvedimento tardivo”.

Appare, pertanto, evidente come l'atto di deposito materiale in Cancelleria dell'ordinanza, resa all'esito del giudizio cautelare instaurato ex art. 309 c.p.p., segni il discrimine temporale per determinare la decorrenza del termine di cui al citato comma 9° e gli effetti del correlato comma 10°.

In progresso di tempo il momento del deposito dell'ordinanza da parte del Tribunale del Riesame, inteso come fulcro attorno al quale ruotano tutti i meccanismi di conferma o revoca della misura contestata con il ricorso ex art. 309 c.p.p. È stato valorizzato da Cass. pen. Sez. VI, 11 Luglio 2005, n. 33985, Pischetola, in Guida al Diritto, 2005, 45, 59 che ha sostenuto come “La disposizione di cui all'articolo 309, comma 10, del c.p.p., secondo cui l'ordinanza che dispone la misura coercitiva perde immediatamente efficacia se la decisione sulla richiesta di riesame non interviene entro il termine prescritto, deve essere intesa nel senso che è necessario e sufficiente, perché non si produca l'automatico effetto caducatorio, che entro il decimo giorno dalla ricezione degli atti il tribunale abbia deliberato in merito alla richiesta medesima e abbia, inoltre, provveduto al deposito del dispositivo”.

Sul piano strettamente didattico appare importante sottolineare che l'annullamento, da parte del Supremo Collegio, per i citati motivi processuali, dell'ordinanza emessa dal Tribunale del Riesame non è fine a sé stesso.

Esso, infatti, comporta – a cascata od a ritroso che dir si voglia – la conseguenza della caducazione dell'originaria ordinanza cautelare, con cessazione immediata degli effetti coercitivi della stessa e ripristino dello status quo anteriore all'emissione del provvedimento reale.

Nel caso di specie, trattandosi di sequestro di autoveicoli, i beni sono stati, pertanto, immediatamente restituiti agli indagati.

(Altalex, 30 marzo 2007. Nota di Carlo Alberto Zaina)

_____________

1 Recitano i commi 9 e 10 dell'art. 309 c.p.p.:

9. Entro dieci giorni dalla ricezione degli atti il tribunale, se non deve dichiarare l'inammissibilita' della richiesta, annulla, riforma o conferma l'ordinanza oggetto del riesame decidendo anche sulla base degli elementi addotti dalle parti nel corso dell'udienza. Il tribunale puo' annullare il provvedimento impugnato o riformarlo in senso favorevole all'imputato anche per motivi diversi da quelli enunciati ovvero puo' confermarlo per ragioni diverse da quelle indicate nella motivazione del provvedimento stesso.

10. Se la decisione sulla richiesta di riesame non interviene entro il termine prescritto, l'ordinanza che dispone la misura coercitiva perde immediatamente efficacia.

2 Il testo della massima è il seguente “In tema di sequestro preventivo ex art. 321 cod. proc. pen. e art. 12-sexies del D.L. 8 giugno 1992 n. 306, convertito dalla legge 7 agosto 1992 n. 356, il richiamo all'art. 309 cod. proc. pen., commi nono e decimo, comporta che anche per tale misura cautelare reale, così come previsto per le misure cautelari personali, nel termine di dieci giorni deve essere depositato il dispositivo della pronuncia del tribunale del riesame e non già la motivazione che deve essere, invece, depositata nel termine ordinatorio di cinque giorni previsto dall'art. 128 cod. proc. Pen.”.

3 CED Cassazione, 1997.






SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE II PENALE

Sentenza 15 dicembre 2006, n. 41239

Sui ricorsi proposti da M. G., S. M., S. G. avverso l'ordinanza, in data 16.6.2006, del Tribunale del riesame di Rimini;

Visti gli atti, il provvedimento impugnato e i ricorsi;

Udita la relazione svolta dal consigliere, dott. Fausto Cardella;

Udita la requisitoria del pubblico ministero, sost. proc. gen., dott. Francesco Salzano, che ha chiesto il rigetto del ricorso; osserva:

MOTIVI DELLA DECISIONE

M.G., S.M., S.G. ricorrono avverso l'ordinanza, in data 16.6.2006, del Tribunale del riesame di Rimini, confermativa del decreto di sequestro di alcune autovetture, in relazione al reato di truffa aggravata loro ascritto, e deducono:

1) violazione di cui all'art 606, comma 1, lett. c) cod. proc. pen., perché l'ordinanza impugnata, ancorché risulti pronunciata in data 16.6.2006, non fu depositata, nemmeno il solo dispositivo, entro il 17 giugno, ossia entro il termine di giorni 10 dalla trasmissione degli atti, avvenuta in data 7 giugno, come sancito dagli artt, 324, comma 5 e 7, 309, comma 9 e 10 cod. proc. pen.;

2) violazione di cui all'art 606, comma 1, lett. c) cod. proc. pen., per carenza e illogicità della motivazione in ordine al fumus commissi delieti, affermato solo in modo apodittico.

Il primo motivo è fondato ed è assorbente.

Questa Corte ha stabilito che: "La disposizione di cui al decimo comma dell'art. 309 cod. proc. pen., secondo la quale l'ordinanza che dispone la misura coercitiva perde immediatamente efficacia se la decisione sulla richiesta di riesame non interviene entro il termine prescritto, deve essere intesa nel senso che è necessario e sufficiente, perché non si produca l'automatico effetto caducatorio, che entro il decimo giorno dalla ricezione degli atti il tribunale abbia deliberato in merito alla richiesta e abbia, inoltre, provveduto al deposito del dispositivo, mentre la motivazione può essere depositata, senza alcuna influenza sull'efficacia della misura, nel termine ordinatorio di cinque giorni successivi alla deliberazione, in applicazione della norma generale sul procedimento camerale di cui all'art. 128 cod. proc. pen.". (Cass., sez. 1, 14.10.99, Pupillo, 214702).

Allineandosi a tale condivisibile giurisprudenza, rileva il Collegio che l'ordinanza, comprensiva della motivazione, fu depositata dal tribunale in data 19 giugno e che non risulta depositato il dispositivo entro il 17 giugno, ossia, entro il termine prescritto dal citato art. 309.

Ne consegue l'annullamento del provvedimento impugnato, con dichiarazione di inefficacia del decreto di sequestro del GIP di Rimini, in data 4.4.2006.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio l'ordinanza impugnata. Dichiara l'inefficacia del decreto di sequestro emesso dal GIP di Rimini il 4.4.2006.

Roma, 21.11.2006.

Depositata in cancelleria, 15 dicembre 2006.



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.

20 lezioni di Diritto penale e procesuale e 7 correzioni

L'obiettivo del corso è quello di fornire una preziosa “bussola” con cui orientarsi  nella complicatissima selezione delle tematiche a più “elevato rischio concorsuale. Il Corso ...

Nicola La Femina

iscritto al foro di nola, esperto in questioni condominiali, giuslavoristiche e previdenziali


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso amministratore di condominio anatocismo Appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio equitalia esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo telematico procura alle liti provvigione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma forense riforma fornero sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura