ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Immigrazione, permesso di soggiorno, rinnovo, richiesta, sottoscrizione
Consiglio di Stato , sez. VI, decisione 19.07.2007 n° 4062

Immigrazionepermesso di soggiorno – rinnovo – richiesta – sottoscrizione – necessità

La richiesta di rinnovo di soggiorno deve essere personalmente sottoscritta dall’interessato; diversamente, anche se firmata da avvocato con procura, non può ritenersi valida. (1) (2)

(1) In tema di rinnovo di permesso di soggiorno in attesa dell’occupazione, si veda Consiglio di Stato 2594/2007.
(2) Sul problema del rinnovo del permesso di soggiorno per l’extracomunitario che si prostituisce, si veda Consiglio di Stato 2231/2007.

(Fonte: Altalex Massimario 14/2007. Cfr. nota di Gesuele Bellini)






Immigrazione | Permesso di soggiorno

Consiglio di Stato

Sezione VI

Decisione 19 luglio 2007, n. 4062

N.4062/2007
Reg.Dec.
N. 8561 Reg.Ric.
ANNO 2006

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta)

ha pronunciato la seguente

DECISIONE

sul ricorso in appello n. 8561/06 proposto dalla sig.ra S. B. rappresentata e difesa dall’avv. Salvatore Ronca e dall’avv. Gennaro Ambrosio ed elettivamente domiciliata in Roma, presso la Segreteria del Consiglio di Stato, piazza Capo di Ferro n. 13;

contro

il Ministero dell’Interno e la Questura di Napoli, in persona del Ministro in carica rappresentati e difesi dall’Avvocatura Generale dello Stato e domiciliati presso i suoi uffici in Roma, via dei Portoghesi n. 12;

per l'annullamento

della sentenza n. 8354 in data 28 settembre 2006 del Tribunale Amministrativo per la Campania, Sede di Napoli, Sezione IV, resa inter partes.

Visto il ricorso con i relativi allegati;

Visti gli atti di costituzione in giudizio delle parti appellate;

Viste le memorie prodotte dalle parti a sostegno delle proprie difese;

Visti gli atti tutti della causa;

Designato relatore per la pubblica udienza dell’8 maggio 2007 il Consigliere Manfredo Atzeni ed udito l’avv. dello Stato Cesaroni;

Ritenuto e considerato in fatto e in diritto quanto segue.

FATTO

Con ricorso al Tribunale Amministrativo per la Campania, Sede di Napoli, la sig.ra S. B. impugnava la nota in data 8/4/2006 con la quale il Dirigente dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Napoli comunicava all’avv. Gennaro Ambrosio che la suddetta sig.ra S. B. non risultava avere presentato domanda di rinnovo del permesso di soggiorno e pertanto risultava irregolare sul territorio italiano.

Sosteneva che la domanda era stata presentata dall’avv. Ambrosio in forza di regolare procura, allegata all’istanza, per cui doveva essere presa in considerazione dall’Ufficio; chiedeva quindi l’annullamento dei provvedimenti impugnati.

Con la sentenza n. 8354 in data 28 settembre 2006 i primi giudici hanno dichiarato inammissibile il ricorso.

Avverso la predetta sentenza sig.ra S. B. propone l’appello in epigrafe contestando gli argomenti addotti dal giudice di prime cure e chiedendo il suo annullamento.

Si è costituita in giudizio l’Avvocatura Generale dello Stato, depositando la sola costituzione.

Alla pubblica udienza dell’8 maggio 2007 la causa è stata trattenuta in decisione.

DIRITTO

L’appello è fondato.

L’appellante ha chiesto il rinnovo del permesso di soggiorno, già rilasciato in suo favore.

La domanda non è stata sottoscritta e presentata direttamente dall’interessata che, a tale scopo, ha conferito procura ad un avvocato; la sottoscrizione della procura è stata autenticata dal medesimo avvocato, ai sensi dell’art. 83 c.p.c.

L’Ufficio ha ritenuto la domanda inesistente, presumibilmente in applicazione dell’art. 5, quarto comma, del D. Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, il quale impone che la domanda di rinnovo del permesso di soggiorno sia sottoscritta personalmente dall’istante.

L’Ufficio non ha assunto un provvedimento espresso di inammissibilità o rigetto della domanda.

In risposta ad una nota del predetto avvocato, con la quale egli chiedeva notizie sulla pratica, ha comunicato che l’appellante non risultava avere presentato domanda di rinnovo del permesso di soggiorno, e che quindi, allo stato, la stessa era clandestina nel territorio italiano.

I primi giudici hanno ritenuto tale nota priva di contenuto provvedimentale, in quanto meramente descrittiva della situazione giuridica dell’appellante, ma la tesi non può essere condivisa.

Non è revocabile in dubbio il fatto che all’Ufficio sia pervenuta una domanda di rinnovo di permesso di soggiorno.

Tale domanda è stata predisposta in forma diversa da quella richiesta dall’art. 5, quarto comma, del D. Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, il quale impone che le domande di permesso di soggiorno siano presentate personalmente dall’interessato.

La norma ha un significato sostanziale, essendo palesemente rivolta ad evitare che le sorti del lavoratore extracomunitario siano gestite da soggetti diversi, che la comune conoscenza insegna essere spesso legati alla criminalità.

Giova anche osservare che il richiamato art. 83 c.p.c. legittima l’avvocato ad autenticare la firma del cliente esclusivamente quando questa è apposta su atti della causa riguardo alla quale gli viene conferito il mandato, mentre non gli attribuisce certamente un potere d’autentica generalizzato, esercitabile anche in relazione ad atti estranei al processo.

In conclusione, deve essere affermato che la domanda è stata presentata in termini irregolari.

L’amministrazione, ignorandola, ha peraltro violato l’obbligo di definire il procedimento con provvedimento espresso, ai sensi dell’art. 2 della legge 7 agosto 1990, n. 241.

In tale situazione, l’atto impugnato in primo grado ha un contenuto provvedimentale, in quanto manifesta la volontà di arrestare il procedimento, rimasta fino a quel momento implicita nell’assenza di risposta.

La tesi dei primi giudici non può quindi essere condivisa: nella situazione descritta, le ragioni della ricorrente possono essere tutelate solo con l’impugnazione dell’atto di cui si discute.

Il ricorso di primo grado deve, di conseguenza, essere dichiarato ammissibile.

Nel merito, afferma il collegio che l’obbligo di definire il procedimento deve essere rispettato in termini tali da consentire all’interessato di comprendere le ragioni del rifiuto della sua domanda (art. 10 bis della legge 7 agosto 1990, n. 241).

L’odierna ricorrente, cittadina straniera, già autorizzata a soggiornare in Italia, all’atto del rinnovo del permesso rilasciatole ha ritenuto di affrontare la pratica con il massimo scrupolo, affidandosi all’assistenza di un avvocato.

Nella sua situazione, è legittima l’ignoranza della norma che le impone di sottoscrivere e presentare personalmente la domanda, eventualmente predisposta con l’assistenza dell’avvocato.

Quest’ultimo, dal suo canto, aveva l’obbligo di far presente tale necessità alla sua assistita.

Afferma, in conclusione, il collegio che la domanda presentata dalla ricorrente per il tramite del suo avvocato doveva essere respinta o dichiarata inammissibile.

L’amministrazione, peraltro, prima di adottare il provvedimento negativo aveva l’obbligo di fare presente all’interessata la necessità di sottoscrivere personalmente l’istanza, non essendo consentita alcuna forma di procura.

Il comportamento omissivo tenuto dall’amministrazione, e la stessa risposta fornita alla lettera dell’avvocato della ricorrente, hanno invece creato una situazione di irregolarità, in contrasto con la volontà dell’interessata di assoggettarsi alle determinazioni delle autorità nazionali.

In conclusione, in riforma della sentenza appellata il ricorso di primo grado deve essere accolto, fatti salvi gli ulteriori provvedimenti dell’amministrazione in esito alla ulteriore domanda che la ricorrente presenti, sottoscrivendola personalmente, nel termine che le verrà assegnato dalla stessa Questura di Napoli.

In considerazione della particolarità della controversia le spese possono essere integralmente compensate.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Sesta, accoglie l’appello e, in riforma della sentenza gravata, accoglie il ricorso di primo grado annullando, per l’effetto, il provvedimento impugnato, fatti salvi gli ulteriori provvedimenti dell’amministrazione, nei termini di cui in motivazione.

Compensa integralmente spese ed onorari del giudizio fra le parti costituite.

Ordina che la presente decisione sia eseguita dall'Autorità amministrativa.

Così deciso in Roma, l’8 maggio 2007 dal Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) nella Camera di Consiglio con l'intervento dei Signori:

Giovanni RUOPPOLO Presidente

Giuseppe ROMEO Consigliere

Luciano Barra CARACCIOLO Consigliere

Francesco CARINGELLA Consigliere

Manfredo ATZENI Consigliere, est.

Presidente
GIOVANNI RUOPPOLO

Consigliere Segretario
MANFREDO ATZENI GIOVANNI CECI

DEPOSITATA IN SEGRETERIA il 19/07/2007


STUDIO LEGALE AVV. RE ILENIA

Assistenza e consulenza legale in diritto civile (specializzazione in responsabilità civile e indennizzo inail). Diritto di famiglia. Locazioni. Diritto penale. Disponibile per domiciliazioni


COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Permesso soggiorno, tipicità, richiesta errata, precisazioni (Consiglio di Stato , sez. VI, decisione 18.09.2009 n° 5619 )

Carta di soggiorno, violazione del diritto d'autore, provvedimento di diniego (Consiglio di Stato , sez. VI, decisione 18.09.2009 n° 5624 )

Permesso di soggiorno, rilascio, riconoscimento dello status di rifugiato, provvedimento di rigetto (TAR Marche-Ancona, sez. I, ordinanza 25.06.2009 n° 379 )

Decreto prefettizio, lavoratore extracomunitario, denuncia penale, regolarizzazione (Consiglio di Stato , sez. VI, decisione 17.06.2009 n° 3956 )

Immigrazione, permesso di soggiorno, rinnovo, diniego, nuova occupazione (Consiglio di Stato , sez. VI, decisione 28.08.2008 n° 4088 )

Permesso di soggiorno, documentazione falsa, conseguenze, diniego di rinnovo (TAR Veneto, sez. III, sentenza 09.04.2008 n° 906 )

Immigrazione, permesso di soggiorno, rinnovo, istruttoria ampia, necessità (TAR Trentino Alto Adige–Trento, sentenza 08.02.2008 n° 20 )

Permesso di soggiorno, impedimenti al rinnovo, condanna, patteggiamento (TAR Toscana, sentenza 01.10.2007 n° 2918 )

Permesso di soggiorno: la richiesta di rinnovo va sottoscritta personalmente (Consiglio di Stato , sez. VI, decisione 19.07.2007 n° 4062 (Gesuele Bellini) )

Extracomunitari, rinnovo permesso di soggiorno, attesa occupazione, legittimità (Consiglio di Stato , sez. VI, decisione 22.05.2007 n° 2594 )

Permesso di soggiorno, extracomunitario che si prostituisce, legittimità (Consiglio di Stato , sez. VI, decisione 10.05.2007 n° 2231 )


Seminario online di aggiornamento professionale, accreditato 4 ore CNF

I seminari in materia di processo telematico, mirano a fornire all’Avvocato una preparazione di base in vista dell’imminente entrata a regime del Processo Civile telematico. L'intero percorso formativo &egr ...

Segnalazioni Editoriali
Diritto del lavoro e delle relazioni industriali (Sconto 15%) Rotondi Francesco 50,00 € 42,50
IPSOA — Anno 2014
Il Manuale di diritto del lavoro e delle relazioni industriali analizza in modo approfondito e con taglio operativo...

Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri cartella esattoriale certificato di agibilità codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare Contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudice di pace giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita occupazione abusiva oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sciopero semplificazione fiscale sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame Tribunali tulps usucapione usura