ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Mancata iscrizione a ruolo del giudizio di opposizione all’esecuzione
Tribunale Salerno, sez. IV civile, ordinanza 27.03.2007 (Raffaele Cirillo)

L’opposizione all’esecuzione consiste nella contestazione da parte del debitore del diritto della parte istante a procedere ad esecuzione forzata, e si può proporre prima dell’inizio dell’esecuzione oppure nel corso dello svolgimento del processo esecutivo.

Prima dell’inizio dell’esecuzione, l’opposizione si propone come opposizione al precetto, mediante citazione proposta davanti al giudice competente; mentre, l’opposizione successiva all’inizio dell’esecuzione si propone con ricorso al giudice dell’esecuzione, il quale fissa con decreto l’udienza di comparizione delle parti davanti a sé ed il termine perentorio per la notificazione del ricorso e del decreto. Su istanza di parte, il giudice dell’esecuzione, concorrendo gravi motivi, sospende il processo esecutivo. Quando il processo è sospeso nessun atto può essere compiuto, salvo diversa disposizione del giudice.

Se competente, il giudice dell’esecuzione - previa iscrizione a ruolo - provvede anche all’istruzione della causa; altrimenti rimette le parti davanti al giudice competente. Il giudizio di opposizione si conclude con sentenza – assoggettata ai normali mezzi di impugnazione - che può essere di accoglimento o di rigetto.

Normalmente il processo esecutivo si conclude con il raggiungimento del soddisfacimento del diritto del creditore (o del debitore in caso di accoglimento dell’opposizione); anche se, sono previsti dalla legge dei modi anomali di estinzione come: la rinuncia (art. 629 c.p.c), l’inattività delle parti (art. 630 c.p.c.) e la mancata comparizione della parti all’udienza (art. 631 c.p.c.).

In riferimento all’inattività delle parti, merita una lettura l’ordinanza del 27.03.2007 del Tribunale di Salerno, IV sezione civile, con la quale è stata rigettata una richiesta di estinzione della procedura esecutiva. In tale giudizio, con istanza depositata in Cancelleria in data 26.07.2006, il difensore del debitore esecutato, facendo rilevare la mancata iscrizione a ruolo del giudizio di opposizione all’esecuzione da egli introdotto a suo tempo, in sede sommaria, ha chiesto che il processo esecutivo fosse dichiarato estinto ai sensi dell’art. 630 c.p.c. per inattività delle parti. Il creditore opposto facendo leva sullo stesso presupposto ha instato per l’assegnazione delle somme pignorate.

Preliminarmente, il giudice dell’esecuzione ha evidenziato che il processo esecutivo si trovava nello stato della sospensione - disposta ai sensi dell’art. 624 c.p.c. - con ordinanza del 08.04.2005 con la quale era stato fissato alle parti il termine per la iscrizione a ruolo del giudizio di opposizione in 60 giorni.

Malgrado la certificazione di cancelleria prodotta dal debitore istante circa la mancata iscrizione a ruolo del giudizio di opposizione, il giudice non ha ritenuto che il provvedimento di sospensione dell’esecuzione precedentemente disposto sia automaticamente caducato poiché il presupposto essenziale è il rigetto – con il passaggio in giudicato della relativa sentenza – della opposizione ovvero la dichiarazione di estinzione del relativo giudizio.

Ciò posto, conclude il giudice, che a fronte della concomitante inerzia delle parti nella coltivazione della fase di merito del giudizio di opposizione, l’unica via percorribile – per lucrare l’effetto estintivo del giudizio – sia quella di una riassunzione del giudizio di opposizione (previa iscrizione a ruolo) ad opera della parte interessata al solo fine di ottenere, in via di azione, ancor prima che di eccezione, una pronunzia dichiarativa dell’estinzione del relativo giudizio, funzionale alla riattivazione successiva del processo esecutivo, ai sensi dell’art. 627 c.p.c..

(Altalex, 10 ottobre 2007. Nota di Raffaele Cirillo)






Tribunale di Salerno

Sezione IV Civile

Ufficio Esecuzioni Mobiliari

Ordinanza 27 marzo 2007

Massima e Testo Integrale


La società a responsabilità limitata post-riforme
Laurini Giancarlo
45,00
€ 39,00
Nuovi modelli organizzativi e regole di funzionamento
CEDAM 2014. 368pp.

COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Opposizione all’esecuzione, mancata riassunzione, estinzione, pronuncia dichiarativa (Tribunale Salerno, sez. IV civile, ordinanza 27.03.2007)


Seminario online di aggiornamento professionale, accreditato 4 ore CNF

I seminari in materia di processo telematico, mirano a fornire all’Avvocato una preparazione di base in vista dell’imminente entrata a regime del Processo Civile telematico. L'intero percorso formativo &egr ...

Avv. Marta Buffoni

diritto e responsabilità civile: DIRITTO DEL CONSUMO, tutela delle persone e della famiglia, successioni e donazioni, obbligazioni, contratti titpici e atipici, assicurazioni; locazione e condominio; diritto della circolazione stradale etc...


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso amministratore di condominio anatocismo Appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio equitalia esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo telematico procura alle liti provvigione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma forense riforma fornero sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura