ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Revoca del decreto ingiuntivo e pagamento delle spese processuali
Cassazione civile , sez. III, sentenza 13.07.2007 n° 15725

Ingiunzione - giudizio di opposizione - revoca del decreto ingiuntivo spese processuali - esito finale del giudizio [artt. 645 e 91 c.p.c.]

Nel procedimento per ingiunzione, la fase monitoria e quella di cognizione fanno parte di un unico processo, nel quale l'onere delle spese è regolato in base all'esito finale del giudizio.

Ne deriva che l'accoglimento parziale dell'opposizione avverso il decreto ingiuntivo, sebbene implichi la revoca dello stesso, non comporta necessariamente il venir meno della condanna dell'ingiunto, poi opponente, al pagamento delle spese della fase monitoria e di quelle attinenti all'esecuzione provvisoria del decreto, le une e le altre potendo essere legittimamente poste a carico del debitore, con riferimento ai limiti della somma definitivamente attribuita al creditore.

(Fonte: Altalex Massimario 16/2007)






SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE III CIVILE

Sentenza 13 luglio 2007 n. 15725

(Presidente Vittoria – Relatore Segreto)

Svolgimento del processo

La Corte di appello di Milano, con sentenza n. 163/04, in parziale riforma della sentenza del tribunale di Vigevano impugnata dalla opponente a decreto ingiuntivo, X. S.r.l., ed, in via incidentale, dall'opposta Y. s.p.a., in relazione alla regolamentazione delle spese del primo grado, compensava per un terzo le stesse e condannava lo Scatolifício al pagamento dei restanti due terzi delle spese processuali del giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo in primo e secondo grado.

Riteneva il giudice di appello che le spese del procedimento monitorio, essendo stato revocato il decreto ingiuntivo rimanevano a carico della richiedente il d.i., e cioè la s.p.a. Y., mentre, essendo stata accolta nel merito la domanda della stessa, ed essendo lo X. soccombente, questi era tenuto al pagamento dei due terzi delle spese di entrambi i gradi.

Avverso questa sentenza ha proposto ricorso per cassazione la S.r.l. X. X., che ha anche presentato memoria.

Resiste con controricorso la Y. s.p.a..

Motivi del ricorso

l. Preliminarmente va rigettata l'eccezione di inammissibilità del ricorso per mancanza di specialità della procura.

Infatti, risultando la procura posta in calce al ricorso, risulta rispettato il requisito della specialità essendo il mandato conferito inequivocabilmente per il mezzo di impugnazione che precede la stessa procura.

2. Con il primo motivo del ricorso la ricorrente lamenta l’omessa o insufficiente motivazione circa un punto decisivo della controversia, non avendo essa mai contestato l'esistenza del suo debito nei confronti dell'opposta, ma solo l'insussistenza dei presupposti per l'emissione del decreto ingiuntivo e per la concessione della provvisoria esecuzione ed avendo il giudice di primo grado ritenuto esatto ciò e ribadito la sola esistenza del debito ingiunto nel merito, respingendo la domanda di maggior danno.

3. Con il secondo motivo di ricorso la ricorrente lamenta la violazione e falsa applicazione dell'art. 91 c.p.c., avendo affermato che la parte che propone opposizione al decreto ingiuntivo per meri motivi formali non può ritenersi vittoriosa; che, invece, essendo stato revocato il decreto ingiuntivo, essa era la parte vittoriosa, con conseguente condanna della controparte al ristoro delle sue spese.

3.1. I due motivi, essendo strettamente connessi, vanno esaminati congiuntamente. Essi sono manifestamente infondati e vanno rigettati.

Va, anzitutto, osservato che la corte di merito ha ritenuto che, poiché era stato revocato il decreto ingiuntivo mentre era stata accolta nel merito la domanda, le spese del procedimento monitorio, sostenute dalla richiedente Y., rimanevano a carico della stessa, mentre andavano compensate per un terzo le spese del giudizio di merito.

Nel procedimento per ingiunzione, la fase monitoria e quella di cognizione, che si apre con l'opposizione, fanno parte di un unico processo, nel quale l'onere delle spese è regolato in base all'esito finale del giudizio; di conseguenza, l'accoglimento parziale dell'opposizione avverso il decreto ingiuntivo, sebbene implichi la revoca dello stesso, non comporta necessariamente il venir meno della condanna dell'ingiunto, poi opponente, al pagamento delle spese della fase monitoria e di quelle attinenti all'esecuzione provvisoria del decreto, le une e le altre potendo essere legittimamente poste a carico del debitore, con riferimento ai limiti della somma definitivamente attribuita al creditore (Cass. 9/02/1993, n. 2019; Cass. 9.4.1983, n. 2521).

3.2. Fissato questo principio in relazione alla peculiarità del procedimento monitorio seguito dal giudizio di opposizione, per il resto vale il principio generale secondo cui in tema di regolamento delle spese processuali, il sindacato della Corte di cassazione è limitato ad accertare che non risulti violato il principio secondo il quale le spese non possono essere poste a carico della parte vittoriosa. Pertanto esula da tale sindacato e rientra nel potere discrezionale del giudice di merito la valutazione dell'opportunità di compensare in tutto o in parte le spese di lite, e ciò sia nell'ipotesi di soccombenza reciproca, sia nell'ipotesi di concorso con altri giusti motivi (Cass. 14.11.2002, n. 16012; Cass. 1.10.2002, n. 14095; Cass. 11.11.1996, 9840).

3.3. Nella specie, quindi, risultano manifestamente infondati i due motivi di ricorso, in quanto la corte di appello, visto l'esito del giudizio di merito, che ha comportato la revoca del decreto ingiuntivo, ma non della condanna dell'opponente al pagamento della somma di £ 77.439.641, in corretta applicazione dei suddetti principi ha condannato l'opponente al pagamento dei due terzi delle spese dei due gradi.

In tale contesto va anche considerato che la ricorrente non solo non aveva impugnato la statuizione di condanna nel merito emessa dal giudice di primo grado, ma anche che nel presente ricorso (p. 5) assume di non aver mai contestato il suo debito, pur lasciando insoddisfatta la pretesa creditoria di controparte.

4. Il ricorso va pertanto rigettato e la ricorrente va condannata al pagamento delle spese del giudizio di Cassazione sostenute dalla resistente.

P.Q.M.

Visto l'art. 375, c. 2, c.p.c..

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di Cassazione sostenute dalla resistente, liquidate in € 1600,00, di cui € 100,00 per spese, oltre spese generali ed accessori di legge.



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Procedimento di ingiunzione (decreto ingiuntivo) (AltalexPedia, voce agg. al 18.01.2014 (Riccardo Bianchini) )

Pacchetto promo volumi "Decreto ingiuntivo" (Segnalazione del 01.08.2012)

Il decreto ingiuntivo: la casistica giurisprudenziale recente (Focus di Massimario.it agg. al 27.03.2012 )

Pubblico impiego, procedura di mobilità volontaria, giurisdizione (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 20.07.2011 n° 4402 )

Decreto ingiuntivo europeo. Sistema e pratica del recupero crediti (Libro , segnalazione del 18.04.2011)

Procura ad litem, decreto ingiuntivo, giudizio di opposizione, efficacia (Cassazione civile , sez. III, sentenza 25.03.2008 n° 7821 )

Processo civile, opposizione e decreto ingiuntivo, termini brevi, incostituzionalità (Corte Costituzionale , ordinanza 08.02.2008 n° 18 )


Seminario online di aggiornamento professionale, accreditato 4 ore CNF

I seminari in materia di processo telematico, mirano a fornire all’Avvocato una preparazione di base in vista dell’imminente entrata a regime del Processo Civile telematico. L'intero percorso formativo &egr ...

Avv. Riccardo Guidi

diritto dei consumatori, diritto del lavoro, diritto civile, diritto bancario e finanziario


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli equitalia esame esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto Inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura