ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Licenziamento illegittimo, reintegra del lavoratore nel posto di lavoro, ritardo
Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 17.12.2007 n° 26561

Licenziamento illegittimo – reintegra del lavoratore nel posto di lavoro – ritardo – risarcimento danni ulteriori – prova – necessità – riparto dell’onere probatorio

E’ possibile ottenere il risarcimento di danni ulteriori, laddove il datore di lavoro ritardi a reintegrare il lavoratore illegittimamente licenziato. In questo caso, tuttavia, la prova di tali ulteriori danni grava sul lavoratore. (1) (2)

(1) In materia di cenestesi lavorativa e danno biologico, si veda Cassazione civile 14840/2007.
(2) In materia di danno esistenziale nel rapporto di lavoro ed onere probatorio, si veda Cassazione civile 5221/2007.

(Fonte: Altalex Massimario 1/2008. Cfr. nota di Gesuele Bellini)






SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Sentenza 6 novembre – 17 dicembre 2007, n. 26561

Svolgimento del processo

Con ricorso del luglio 1996 P. M. chiedeva al Pretore di Messina la condanna della Banca Nazionale del Lavoro al risarcimento del danno per il ritardo con il quale era stato reintegrato nel suo posto di lavoro a seguito della sentenza di primo grado, confermata in appello.

La Banca si costituiva ed opponeva il giudicato di cui alla sentenza di appello n. 573/94: il lavoratore non aveva fatto valere alcun diritto ad un danno ulteriore rispetto alle retribuzioni erogate.

Il Tribunale, succeduto al Pretore a seguito della istituzione del giudice unico di primo grado, con sentenza del 6 maggio 2002 rigettava la domanda.

L'appello del signor M., cui resisteva la Banca, veniva parzialmente accolto dalla Corte di Appello di Messina con sentenza del 25 novembre 2003/13 gennaio 2004.

I giudici di secondo grado osservavano che la lesione alla libertà e alla dignità professionale, lamentata dal lavoratore, si era concretizzata dopo la sentenza di appello che aveva confermato la illegittimità del licenziamento e l'ordine di reintegrazione. Affermavano che, se nelle more del primo e del secondo grado la Banca aveva il diritto di attendere l'esito del giudizio per decidere la reintegrazione del licenziato, dopo il passaggio in giudicato della sentenza di appello la condotta dell'istituto di credito non era più giustificata.

Ravvisavano nel ritardo con il quale era stata disposta la reintegrazione la causa di un danno esistenziale, risarcibile ai sensi dell'art. 2043 c.c.. Richiamato il periodo di tempo decorso, l'attività professionale svolta, la ricaduta ed i disagi provocati nell'ambiente di lavoro e familiari, liquidavano il danno in euro 25.000,00.

Per la cassazione di tale decisione ricorre, formulando un unico complesso motivo di censura, la Banca Nazionale del Lavoro.

P. M. resiste con controricorso.

La ricorrente ha depositato memoria.

Motivi della decisione

1. La difesa della Banca ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione degli artt. 324 c.p.c; 1223 e ss., 2043, 2697 e ss., 2909 c.c.; 18 della legge 20 maggio 1970, n. 300; nonché vizio di motivazione su punti decisivi.

Espone che il lavoratore era stato licenziato l’1 agosto 1991; che il licenziamento era stato annullato con sentenza del Pretore 14 aprile/22 giugno 1992, contenente l'ordine di reintegrazione e la condanna alle retribuzioni maturate e maturande fino alla reintegrazione; che la decisione era stata confermata in appello con sentenza dell'8 luglio/14 settembre 1994, non impugnata e perciò passata in giudicato il 14 settembre 1995; che dopo il passaggio in giudicato erano intercorsi reiterati contatti con il legale dell'attore per un esodo "agevolato", ma le richieste del lavoratore (non meno di lire 300.000.000) erano state ritenute eccessive; che quindi il signor M. era stato reintegrato in servizio il 3 ottobre 1996, con le precedenti mansioni di operatore unico, ed era stato affiancato per tre settimane da un collega che gli aveva illustrato gli snellimenti e le automazioni delle procedure intervenuti; che il periodo di assenza dal servizio era stato considerato utile ai fini degli avanzamenti di carriera.

Tanto premesso sostiene che nessun risarcimento, ulteriore a quello percepito ex art. 18, quarto comma, l. 300/70, è dovuto al lavoratore.

Richiama la sentenza n. 10203/02 di questa Corte e rileva che l'art. 18 citato non distingue, nel disciplinare gli effetti della sentenza di reintegrazione, fra periodo precedente e periodo successivo alla pronuncia ed allo stesso passaggio in giudicato della sentenza, peraltro provvisoriamente esecutiva fin dall'emanazione.

Deduce che l'art. 2043 c.c. è stato applicato a sproposito, trattandosi non di responsabilità extra contrattuale ma se mai di responsabilità contrattuale, per inattuazione del rapporto di lavoro ricostituito dalla sentenza.

Aggiunge che, anche a voler ammettere la risarcibilità di un ulteriore danno alla professionalità o all'immagine, tale danno abbisogna della necessaria prova, non potendo reputarsi come un effetto intrinseco di ogni interruzione lavorativa.

Deduce poi che non può neppure postularsi, senza prove, un danno esistenziale.

Lamenta infine che il giudice di appello, pur avendo affermato che si deve tener conto "della personalità del soggetto leso, del tipo di attività svolta, delle alterazioni familiari, sociali, lavorative provocate dal fatto illecito, del periodo di tempo in cui si è protratta l'attività illecita", poi del tutto tautologicamente ha ritenuto equo un risarcimento di 25.000 euro "avuto riguardo al periodo decorso, all'attività professionale svolta, alla ricaduta e ai disagi provocati nell'ambiente di lavoro e familiari."

2. H ricorso è fondato nei termini di seguito precisati.

Con le modificazioni apportate con l'art. 1 della legge 11 maggio 1990, n. 108, il quarto comma dell'art. 18 della legge n. 300/70 dispone: "Il giudice con la sentenza di cui al primo comma condanna il datore di lavoro al risarcimento del danno subito dal lavoratore per il licenziamento di cui sia stata accertata l'inefficacia o l'invalidità stabilendo un'indennità commisurata alla retribuzione globale di fatto dal giorno del licenziamento sino a quello dell'effettiva reintegrazione e al versamento dei contributi assistenziali e previdenziali dal momento del licenziamento al momento dell'effettiva reintegrazione; in ogni caso la misura del licenziamento non potrà essere inferiore a cinque mensilità di retribuzione globale di fatto."

È opinione corrente, tanto in dottrina che in giurisprudenza, che il legislatore abbia inteso regolare, con il nuovo testo dell'art. 18, la misura del danno subito dal lavoratore per effetto della sua incolpevole inattività lavorativa, tanto per il periodo precedente la sentenza che per quello successivo; sicché, come persuasivamente rilevato da autorevole dottrina, da un lato non vi è la possibilità di detrarre per il periodo successivo l’aliunde perceptum, trattandosi di condanna in futuro, dall'altro il lavoratore non può pretendere eventuali danni patrimoniali superiori alla misura della retribuzione.

Quanto alla inattività del lavoratore per il periodo successivo alla sentenza che abbia ordinato la reintegrazione, questa Corte ha escluso che la fattispecie possa essere regolata dall'art. 2103 del codice civile. Con sentenza n. 10203 del 16 aprile/12 luglio 2002 si è osservato che la fattispecie regolata dall'art. 2103 c.c. presuppone l'attualità in fatto ed in diritto del rapporto lavorativo ed una dequalificazione intervenuta nel corso dello stesso; sicché presenta una propria specificità e marcati caratteri differenziali rispetto alla ipotesi della inottemperanza all'ordine giudiziale di reintegra, che è invece regolata dal disposto dell'art. 18 della legge n. 300 del 1970.

Con il risarcimento commisurato alla retribuzione il legislatore ha inteso coprire tutti i pregiudizi economici che si configurano come immancabili ed ineliminabili conseguenze della inattività lavorativa da licenziamento illegittimo.

Resta peraltro la possibilità di ottenere il ristoro di danni distinti ed ulteriori rispetto ai ricordati pregiudizi economici contemplati dal comma 4 del citato art. 18. La prova di questi ulteriori danni incombe peraltro al lavoratore ai sensi dell'art. 2697 c.c.; correttamente i giudici di appello hanno rilevato che la inottemperanza alla sentenza che abbia disposto la reintegrazione è suscettibile di cagionare al lavoratore un danno esistenziale, ma poi, limitato il periodo oggetto di possibile risarcimento al tempo successivo al passaggio in giudicato della sentenza di appello (pag. 2 della sentenza), ne hanno presunto la esistenza senza considerare se il lavoratore si fosse offerto o meno di fornire la relativa prova e, nel primo caso, ammetterla; salvo a pervenire, una volta ritenuta raggiunta la prova del danno, ad una valutazione equitativa legata agli elementi concreti della fattispecie.

Dall'esame del ricorso introduttivo, consentito alla Corte per accertare se siano o meno necessari ulteriori accertamenti di fatto in relazione ad istanze istruttorie tempestivamente proposte, risulta che il ricorrente si era limitato a chiedere che il comportamento dell'istituto fosse riconosciuto come grave offesa alla dignità ed alla libertà del lavoratore, e che la banca fosse quindi condannata al pagamento di lire 200.000.000.

Ne consegue che la sentenza impugnata va cassata e che la domanda di P. M. va rigettata, non essendo possibili ulteriori accertamenti di fatto, alla stregua del seguente principio di diritto: "Il quarto comma dell'art 18 della legge n. 300 del 1970, come modificato dall'art. 1 della legge n. 108 del 1990, regolamenta il risarcimento del danno subito dal lavoratore licenziato dal giorno del licenziamento sino a quello della reintegrazione, e quindi anche per il tempo successivo alla sentenza che abbia accertato l'inefficacia o l'invalidità del recesso; la inottemperanza all'ordine di reintegrazione contenuto nella sentenza comporta l'obbligo per il datore di lavoro di corrispondere la retribuzione e, trattandosi per tale periodo di una condanna in futuro, l'ammontare del risarcimento fissato per legge copre tutti i pregiudizi economici normalmente conseguenti alla inattività lavorativa. Resta comunque la possibilità per il lavoratore di chiedere il risarcimento di danni ulteriori, della prova dei quali è onerato, con le modalità di cui all'art. 414 c.p.c; una volta fornita tale prova, la liquidazione degli stessi può anche essere effettuata con valutazione equitativa nella ipotesi prevista dall'art. 1226 c.c."

La relativa novità della questione e l'alterno esito dei due gradi di merito, dimostrativo di una obiettiva difficoltà della materia, consigliano la compensazione delle spese dell'intero processo.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta la domanda. Compensa le spese dell’intero processo.


Luongo Piergiorgio

Lo Studio Legale Luongo ha sede a Milano e Saronno (Va) e si occupa di diritto civile, e in particolare di separazioni e divorzi, recupero crediti, responsabilità medica, risarcimento danni per incidenti stradali, locazioni, condominio e domiciliazioni.


COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Dipendente, falsa timbratura, collega, assenza, licenziamento, illegittimità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 04.03.2014 n° 4983 )

Licenziamento illegittimo, professionista, età, reintegra, omissione, danni (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 15.04.2013 n° 9073 )

Procedimento disciplinare, licenziamento, direttore generale, nullità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 30.09.2009 n° 20981 )

Licenziamento, illegittimità, testimonianza de relato, inammissibilità (Cassazione civile , sez. lavoro, ordinanza 23.09.2009 n° 20519 )

Concorrenza sleale, obbligo di fedeltà, violazione, lavoratore, licenziamento (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 10.08.2009 n° 18169 )

Preposto al controllo, omissione, causa di licenziamento, sussistenza (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 22.07.2009 n° 17108 )

Demansionamento, ragioni dell’azienda, limiti del sindacato del giudice (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 28.04.2009 n° 9921 )

Licenziamento, sottrazione merce, legittimità, sussistenza (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 30.03.2009 n° 7705 )

Licenziamento, legittimità, impossibilità di reimpiego, legittimità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 30.03.2009 n° 7706 )

Licenziamento, inidoneità fisica sopravvenuta, legittimità, sussistenza (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 30.03.2009 n° 7701 )

Licenziamento antisindacale, prova, disapprovazione da parte del datore (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 20.03.2009 n° 6912 )

Licenziamento, mobbing, condotta vessatoria, sussistenza (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 20.03.2009 n° 6907 )

Licenziamento, giustificato motivo, necessità, impossibilità di reimpiego, necessità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 18.03.2009 n° 6552 )

Licenziamento, libretto, comunicazione, sussistenza (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 18.03.2009 n° 6553 )

Licenziamento, illegittimità, indennità sostitutiva, quantificazione (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 16.03.2009 n° 6342 )

Licenziamento, lavoro notturno, rifiuto, illegittimità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 23.02.2009 n° 4369 )

Dipendente, errato scontrino, licenziamento, illegittimità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 23.02.2009 n° 4368 )

Dequalificazione, riduzione carico di lavoro, depressione, legittimità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 16.02.2009 n° 3710 )

Lavoro a termine, licenziamento, ragioni organizzative, illegittimità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 10.02.2009 n° 3276 )

Licenziamento, legittimità, singole inadempienze, valutazione complessiva (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 27.01.2009 n° 1890 )

Licenziamento collettivo, precisazione personale eccedente, necessità, insussistenza (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 13.01.2009 n° 505 )

Demansionamento e dequalificazione, risarcimento del danno non patrimoniale (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 19.12.2008 n° 29832 )

Licenziamento, giustificato motivo, produzione ridotta, illegittimità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 15.12.2008 n° 29320 )

Licenziamento, falso invalido, legittimità, affidamento del lavoratore (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 24.11.2008 n° 27877 )

Licenziamento individuale, dimissioni, suggerimento, legittimità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 02.10.2008 n° 24405 )

Licenziamento, giusificato motivo oggettivo, scelte aziendali (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 17.09.2008 n° 25045 )

Licenziamento disciplinare, medesima condotta commessa da più dipendenti (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 09.09.2008 n° 23107 )

Licenziamento individuale, organizzazione, lavoro, necessità, legittimità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 05.09.2008 n° 22535 )

Licenziamento individuale, decadenza dell’impugnazione, termine, mancato recapito (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 04.09.2008 n° 22287 )

Licenziamento, dipendente che ha patteggiato, reato di corruzione, legittimità (Consiglio di Stato , sez. IV, sentenza 18.06.2008 n° 3034 )

Licenziamento illegittimo, reintegrazione, ripresa servizio, invito datore di lavoro (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 06.06.2008 n° 15075 )

Licenziamento, lavoratore che si dichiara malato ma svolge un secondo lavoro (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 24.04.2008 n° 10706 )

Appalto, invito del datore ai dipendenti a non andare a lavoro, licenziamento (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 22.04.2008 n° 10335 )

Licenziamento, giornalista, associazione sindacalista, limiti, precisazioni (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 22.04.2008 n° 10337 )

Lavoro, licenziamento, nuovo lavoro, conseguenze, rinuncia all’impugnazione (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 16.04.2008 n° 9990 )

Licenziamento, crisi aziendale, prova, necessità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 14.04.2008 n° 9799 )

Licenziamento disciplinare, dipendente, pregressa tolleranza da parte del dipendente (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 10.04.2008 n° 9425 )

Licenziamento disciplinare, revoca, ricostituzione del rapporto, accordo, necessità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 01.04.2008 n° 8428 )

Licenziamento, furto in azienda, legittimità, sussistenza (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 21.03.2008 n° 7650 )

Licenziamento, preavviso, necessità, licenziamento senza preavviso, legittimità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 20.03.2008 n° 7600 )

Licenziamento, ritardo sul luogo di lavoro, legittimità, precisazioni (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 25.02.2008 n° 4773 )

Licenziamento, danni, limitazione, rifiuto a lavorare (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 25.02.2008 n° 4769 )

Licenziamento, visita fiscale, dipendente che non è presente, conseguenze (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 11.02.2008 n° 3226 )

Licenziamento, vendita di azione di società, datore di lavoro, perdita di fiducia (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 01.02.2008 n° 2474 )

Licenziamento, accertamento, giudice del lavoro, autonomia, giudice penale (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 25.01.2008 n° 1661 )

Licenziamento, superamento del periodo di comporto, legittimità, insussistenza (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 23.01.2008 n° 1438 )

Licenziamento, esami clinici, gratuità, legittimità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 18.01.2008 n° 1077 )

Licenziamento, utilizzo abusivo di carta millemiglia, perdita della fiducia (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 11.01.2008 n° 516 )

Licenziamento, richiesta di anticipo del TFR, acquisto di auto, falsità (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 19.12.2007 n° 26803 )

Licenziamento illegittimo: ritardo della reintegra e risarcimento di danni ulteriori (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 17.12.2007 n° 26561 (Gesuele Bellini) )

Licenziamento, perdita di fiducia, assenza di danno per il datore di lavoro (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 10.12.2007 n° 25743 )

Licenziamento, giusta causa, contestazione immediata fatto, necessità, sussistenza (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 22.10.2007 n° 22066 )

Danni alla salute, cenestesi lavorativa, autonoma risarcibilità, insussistenza, danno biologico (Cassazione civile , sez. III, sentenza 27.06.2007 n° 14840 )

Danno esistenziale, fatto ascrivibile al datore di lavoro, onere della prova, poteri (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 07.03.2007 n° 5221 )


Seminario online di aggiornamento professionale, accreditato 4 ore CNF

I seminari in materia di processo telematico, mirano a fornire all’Avvocato una preparazione di base in vista dell’imminente entrata a regime del Processo Civile telematico. L'intero percorso formativo &egr ...

Segnalazioni Editoriali
Il nuovo diritto processuale amministrativo (Sconto 15%) A cura di Cirillo Gianpiero Paolo 110,00 € 93,50
CEDAM — Anno 2014
Articolata in un commento organico alle norme sul processo amministrativo di primo e secondo grado, l’opera sviscer...

Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri cartella esattoriale certificato di agibilità codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace Giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sciopero sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali tulps usucapione usura