ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Decreto penale di condanna, estinzione, riabilitazione, natura sostanziale
Tribunale di sorveglianza di Torino, ordinanza 28.03.2007

Decreto penale di condanna – estinzione – riabilitazione – natura sostanziale – sussistenza [art. 460 c.p.p.]

La previsione che nel caso di condanna inflitta con decreto penale divenuto esecutivo, il reato è estinto qualora, entro i termini stabiliti, il condannato non commetta altri reati trova applicazione, trattandosi di norma da considerare di natura sostanziale, opera anche con riguardo a decreti divenuti esecutivi prima dell'entrata in vigore della novella, ed i termini anzidetti decorrono, anche in tale ipotesi, dalla data dell'esecutività.

(Fonte: Altalex Massimario 4/2008. Si ringrazia per la segnalazione Giuseppe Vignera)






Tribunale di Sorveglianza di Torino

Ordinanza 28 marzo 2007

(Pres. BURZIO, Est. VIGNERA G.)

...omissis...

1. - La riabilitazione nella fattispecie è stata richiesta, anzitutto, in ordine ad un decreto penale di condanna emesso dal Pretore di Tortona il 25 gennaio 1992 e divenuto esecutivo in data 16 maggio 1992.

1.2. - L'art. 460, comma 5, c.p.p. [nel testo novellato dall'art. 37, comma 2, lett. b), della legge 16 dicembre 1999 n. 479], dopo aver previsto che, nel caso di condanna inflitta con decreto penale divenuto esecutivo, il reato è estinto qualora, entro i termini stabiliti, il condannato non commetta altri reati, prevede pure che “in questo caso si estingue ogni effetto penale della condanna”.

1.3. – Secondo Cass. pen., Sez. I, 30/01/2001, n. 15038, Papa (in Cass. Pen., 2002, 1738) “L'art. 460, comma 5, c.p.p., nel testo introdotto dall'art. 37 comma 2 lett. b) l. 16 dicembre 1999 n. 479 - in base al quale, tra l'altro, nel caso di condanna inflitta con decreto penale divenuto esecutivo, il reato è estinto se, entro i termini previsti, l'imputato non commette altri reati - è soggetto, in quanto norma processuale, alla regola del tempus regit actum. Esso non può, quindi, trovare applicazione con riguardo a decreti penali divenuti esecutivi prima dell'entrata in vigore della citata l. n. 479/99”.

1.4. - Codesto insegnamento, tuttavia, non appare condivisibile perché contrasta con il criterio discretivo tra norma sostanziale e norma processuale enucleabile dalla giurisprudenza di legittimità complessivamente considerata.

In base a tale giurisprudenza, invero, la natura processuale o sostanziale di una norma penale non può essere desunta unicamente dalla sedes materiae, dovendosi invece considerare anche (e soprattutto) il suo effettivo contenuto.

Più esattamente, si considera norma penale sostanziale quella, il cui contenuto incida direttamente sul precetto o sulla sanzione e, quindi, sulla sostanza del reato.

In questa prospettiva, in particolare, va assegnata natura sostanziale alla norma “che incide sulla sussistenza stessa del reato, del quale può comportare l’estinzione” (così, tra le più recenti, la parte motiva di Cass. pen., Sez. I, 30/11/2005, n. 47291, De Filippo).

1.5. - Alla stregua di tale criterio va riconosciuta natura sostanziale pure all'art. 460, comma 5, c.p.p. nel testo novellato dall'art. 37, comma 2, lett. b), della legge 16 dicembre 1999 n. 479, la cui incidenza prevalente è stata (per l’appunto) quella di introdurre nel sistema un’ulteriore causa di estinzione del reato.

Trattandosi di norma sostanziale, quindi, rispetto ad essa trova applicazione il principio del favor rei posto dall’art. 2, comma 3, c.p. in materia di successione di leggi penali nel tempo, quale deroga al principio fissato dall’art. 11, comma 1, delle preleggi.

1.6. - Codesta impostazione, del resto, trova riscontro nel più recente orientamento della Suprema Corte, la quale (“bloccando” la via inizialmente tracciata da Cass. pen., Sez. I, 30/01/2001, n. 15038, Papa) ha affermato: “L'art. 460 c.p.p., comma quinto - il quale, nel testo novellato dall'art. 37, comma secondo, lett. b), della legge 16 dicembre 1999 n. 479, prevede che nel caso di condanna inflitta con decreto penale divenuto esecutivo, il reato è estinto qualora, entro i termini stabiliti, il condannato non commetta altri reati trova applicazione, trattandosi di norma da considerare di natura sostanziale, anche con riguardo a decreti divenuti esecutivi prima dell'entrata in vigore della novella, ed i termini anzidetti decorrono, anche in tale ipotesi, dalla data dell'esecutività” (così Cass. pen., Sez. V, 20/05/2004, n. 27988, Makbule, in Arch. Nuova Proc. Pen., 2005, 514 nello stesso senso v. Cass. pen., Sez. III, 24/01/2003, n. 9898, Pacini, ivi, 2004, 236 Cass. pen., Sez. I, 14/01/2005, n. 2907, Di Vincenzo, ivi, 2006, 3, 330).

1.7. - Posta (come testè dimostrato) l’applicabilità nella fattispecie dell’art. 460, comma 5, c.p.p., nel testo novellato dall'art. 37, comma 2, lett. b), della legge 16 dicembre 1999 n. 479, si rileva che il condannato non ha commesso altri reati nel termine stabilito dalla norma suindicata.

Conseguentemente, l’istanza di riabilitazione in parte qua è inammissibile per carenza di interesse, atteso che l'eliminazione di ogni effetto penale, che ad essa conseguirebbe ex art. 178 c.p., è in tutto equivalente a quella già derivante dall'estinzione del reato ex art. 460, comma 5, c.p.p. nel testo oggi vigente (la cui pronuncia ricognitiva è demandata al giudice dell’esecuzione ex art. 676 c.p.p.).

...omissis...



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.

8 moduli con difficoltà crescente - Accreditato 8 ore CNF

Il corso si articolerà in otto units con difficoltà crescente. Le prime tre ore saranno di livello basic, le successive tre ore saranno di livello intermedio, le ultime due di livello avanzato. Le lezioni ...

Avv. Pietro Cerro

Lo studio si occupa del diritto civile, tributario e del lavoro. Recupero crediti, procedure esecutive immobiliari e mobiliari, procedure concorsuali, condominio e locazioni, separazioni e divorzi. Equa Riparazione per irragionevole durata del processo.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli equitalia esame esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura