ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Contributo unificato per le spese degli atti giudiziari - modalità versamento
Agenzia Entrate Risoluzione 27.02.2002 n° 60




Per approfondimenti si rimanda alla scheda sul contributo unificato.


Risoluzione del 27/02/2002 n. 60


Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Gestione Tributi


Contributo unificato per le spese degli atti giudiziari di cui all'articolo 9 della legge 21 dicembre 1999, n. 488. Modalita' di versamento disciplinate con decreto del Presidente della Repubblica 1 marzo 2001, n. 126




Premessa
L'articolo 1 del decreto del Presidente della Repubblica 1 marzo 2001, n. 126, recante la disciplina delle modalita' di pagamento del Contributo Unificato per le spese degli atti giudiziari, prevede la possibilita' di corrispondere gli importi dovuti mediante:
a. utilizzo del modello F23, di cui al decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 237;
b. versamento in conto corrente postale;
c. versamento presso le rivendite di generi di monopolio e di valori bollati.
Con riferimento alle predette modalita', si forniscono le istruzioni per la compilazione dei relativi modelli di versamento.

1. Modalita' di pagamento tramite modello F23.

L'articolo 3 del citato decreto del Presidente della Repubblica dispone che la ricevuta del versamento rechi, in ogni caso, l'indicazione dell'ufficio giudiziario adito, delle generalita' e del codice fiscale dell'attore (o ricorrente), nonche' delle generalita' del convenuto (o resistente); inoltre, in caso di pluralita' di convenuti (o resistenti), prevede che sia indicato per esteso il primo nominativo di essi riportato nell'atto introduttivo del procedimento giudiziale, ed il numero in cifra dei restanti.
Cio' premesso, ai fini del versamento del suddetto Contributo Unificato tramite il modello F23, si forniscono le opportune istruzioni per la compilazione del modello stesso, ad integrazione di quelle gia' contenute nelle "Avvertenze".
In particolare, nella sezione del modello contenente i dati anagrafici occorre indicare:
Nel "campo 4", le generalita' ed il codice fiscale dell'attore (o ricorrente);
Nel "campo 5", le generalita' del convenuto (o resistente). Qualora dall'atto introduttivo del procedimento risulti piu' di un convenuto, e' necessario indicare per esteso il primo nominativo di essi ed il numero in cifra dei restanti nel campo 10, come di seguito specificato.
Nella sezione contenente i dati del versamento occorre indicare:
Nel "campo 6", il codice dell'ufficio giudiziario adito, secondo l'elenco di cui alla tabella "B" dell'allegato n. 6, al D.M. 17 dicembre 1998, pubblicata nel supplemento ordinario n. 209 alla G.U., Serie Generale n. 301 del 28 dicembre 1998, e disponibile presso i concessionari, le banche, gli uffici postali e sui siti internet: www.finanze.it e www.agenziaentrate.it
, avendo cura di compilare, ove richiesto, anche lo spazio "sub codice" e il codice identificativo del comune di ubicazione dell'ente al campo 7.
Al fine di rendere piu' agevole l'individuazione del codice-ufficio, ad integrazione della predetta tabella si fornisce in allegato alla presente risoluzione l'elenco degli Organi di giustizia amministrativa opportunamente codificati.
Nel caso di pluralita' di convenuti (o parti resistenti), all'interno del "campo 10", nello spazio denominato "numero", il numero di essi in cifra, ad eccezione del primo, le cui generalita' sono indicate nel campo 5.
Nel "campo 11", va indicato il codice-tributo "941T", denominato Contributo unificato spese atti giudiziari. D.P.R. n. 126/2001.
Con l'occasione, si precisa che il predetto codice-tributo 941T va imputato al capitolo 3321 del bilancio dello Stato.

2. Modalita' di pagamento in conto corrente postale.

Per il versamento del Contributo unificato mediante accreditamento in conto corrente postale, e' stato predisposto un apposito bollettino approvato con provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 19 febbraio 2002 e pubblicato nella G.U., Serie Generale, n. 45 del 22 febbraio 2002, che deve essere compilato secondo le istruzioni di seguito riportate:
- lo spazio superiore, contenente l'indicazione del numero di conto corrente postale n. 57152043, intestato alla "Sezione di tesoreria provinciale di Viterbo", e' precompilato e non deve contenere nessuna altra indicazione;
- nell'intestazione vanno indicate le generalita' dell'attore o ricorrente e di seguito, nelle caselle sottostanti, il numero delle restanti parti nel caso in cui dall'atto introduttivo del procedimento risulti piu' di un ricorrente; in tal caso, va indicato per esteso solo il primo nominativo di essi ed esprimendo in cifra il numero dei restanti nelle tre caselle poste appena sotto il riquadro compilato;
- nel riquadro sottostante vanno indicate le generalita' del convenuto o resistente e, nel caso in cui dall'atto introduttivo del procedimento risulti piu' di un convenuto, occorre indicare per esteso solo il primo nominativo di essi ed in cifra il numero dei restanti nelle tre caselle poste appena sopra il riquadro compilato.
Inoltre, nel retro del bollettino, nello spazio riservato alla precompilata "causale del pagamento del Contributo unificato spese atti giudiziari D.P.R. n. 126/2001" - vanno riportati i seguenti dati:
d. il codice fiscale dell'attore o ricorrente;
e. l'ufficio giudiziario adito.


3. Modalita' di pagamento presso le rivendite di generi di monopolio e di valori bollati.

L'articolo 3, comma 1 bis del citato D.P.R. n. 126 del 2001, prevede che la ricevuta del contributo unificato per le spese degli atti giudiziari, per i versamenti effettuati presso le rivendite di generi di monopolio e di valori bollati, e' costituita dal contrassegno rilasciato dalla rivendita comprovante l'avvenuto pagamento.
Per avvalersi di tale modalita' di pagamento, il cittadino deve recarsi presso una delle tabaccherie convenzionate, specificando come causale del versamento il contributo unificato per le spese degli atti giudiziari e l'importo da versare. Completata l'operazione di versamento, gli verra' consegnata una ricevuta ed anche un'apposita pellicola adesiva.
Ogni ricevuta si compone di due parti separabili: quella superiore deve essere trattenuta dal versante e quella inferiore deve essere applicata sull'atto utilizzando il citato adesivo di sicurezza.
La prova dell'avvenuto versamento deve essere applicata o allegata al modello approvato con provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 12 febbraio 2002 e pubblicato nella G.U., Serie Generale, n. 40 del 16 febbraio 2002; tale modello e' disponibile sui siti internet: www.finanze.it e www.agenziaentrate.it

Si ricorda, infine, che con la Circolare n. 1/2002, del 26 febbraio 2002, il Ministero della giustizia - Dipartimento per gli affari di Giustizia, ha chiarito che anche le ricevute di pagamento, diverse dal contrassegno, devono essere apposte sul modello di comunicazione di versamento, al fine di avere tutti i dati richiesti; questo, sia nei procedimenti in cui le parti devono depositare la nota di iscrizione a ruolo, sia nei casi in cui le parti non devono depositare la predetta nota di iscrizione a ruolo o altro atto equipollente..










ALLEGATO (*):
La tabella B, all.6, al D.M. 17 dicembre 1998, pubblicata nel supplemento ordinario n. 209 alla G.U., Serie Generale n. 301 del 28 dicembre 1998, e' integrata come segue con i codici degli organi di giustizia amministrativa:

------------------------------------------------------------------------------
|Descrizione |Codice |Note |
| |ufficio | |
------------------------------------------------------------------------------
|Consiglio di giustizia amministrativa per la |9R9 | |
|Regione Siciliana | | |
------------------------------------------------------------------------------
|Consiglio di Stato |9S9 | |
------------------------------------------------------------------------------
|Tribunale amministrativo regionale |9T9 | 5|
------------------------------------------------------------------------------

5) indicare il codice della Regione/Provincia autonoma, desunto dalla tabella D riportata nelle avvertenze del modello F23.

(*) L'elenco, tra l'altro, degli uffici giudiziari e i relativi codici (tab.B, all.6, D.M. 17 dicembre 1998, pubblicata nel
supplemento ordinario alla G.U., Serie Generale, n. 300 del
28 dicembre 1998) e' disponibile presso i concessionari, le
banche, gli uffici postali nonche' sui siti: www.finanze.it
e www.agenziaentrate.it


Lavoro - Formulario commentato
M. Arturo, R. Pierluigi, F. Luca, R. Roberto, B. Massimo
130,00
€ 117,00
Società di persone - Società di capitali - Cooperative - Consorzi - Start Up
IPSOA 2014

COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.

Seminario online di aggiornamento professionale, accreditato 4 ore CNF

I seminari in materia di processo telematico, mirano a fornire all’Avvocato una preparazione di base in vista dell’imminente entrata a regime del Processo Civile telematico. L'intero percorso formativo &egr ...

Avv. Barbara Navari

Diritto commerciale, Diritto di famiglia, Risarcimento danni, Infortunistica Stradale, Recupero del credito, Diritto del lavoro, Esecuzioni, Diritto penale (limitatamente alla costituzione di parte civile). Domiciliazioni.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri certificato di agibilità Codice della Strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale gazzetta ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione Riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca italia sciopero sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali tulps usucapione usura