ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Violenza sessuale, vittima con i jeans, compatibilità, sussistenza
Cassazione penale , sez. III, sentenza 21.07.2008 n° 30403

Violenza sessuale – vittima con i jeans – compatibilità – sussistenza [art. 609 bis c.p.]

La violenza sessuale può sussistere anche nei casi in cui la vittima indossi i jeans: il fatto che la vittima indossasse i jeans non è ostativo al toccamento interno delle parti intime, essendo possibile farlo penetrando con la mano dentro l'indumento, non essendo questo paragonabile o una specie di cintura di castità. (1) (2) (3) (4) (5) (6)

(1) In materia di violenza sessuale e moglie che rifiuta silenziosamente i rapporti sessuali, si veda Cassazione penale 13983/2008.
(2) In materia di violenza sessuale e necessità del consenso continuo, si veda Cassazione penale 4532/2008.
(3) In materia di violenza sessuale e mano sotto la maglietta, si veda Cassazione penale 4538/2008.
(4) In materia di violenza sessuale e vittima con i jeans, si veda Cassazione penale 40542/2007.
(5) In tema di violenza sessuale verso soggetti in condizione di inferiorità psichica, si veda Cassazione penale 33761/2007.
(6) In tema di atti sessuali con minorenni, si veda Cassazione penale 12425/2007. Per il problema della toccatina al seno, si veda Cassazione penale 19718/2007. Per il problema della toccatina al sedere, si veda Cassazione penale 22840/2007.

Tra i contributi più recenti della dottrina, si vedano:
- SAMBUCO, In tema di accertamento della violenza sessuale su minore, in Giurisprudenza italiana, 2008, n. 2, UTET, p. 439;
- CORBETTA, Violenza sessuale in concorso con le lesioni lievi aggravate: quale la procedibilità?, in Diritto penale e processo, 2008, n. 1, IPSOA, p. 45;
- GALDIERI, Anche il tentato bacio sul collo può integrare la violenza sessuale - L'atto assume rilevanza penale se lede la libertà di autodeterminazione, in Guida al diritto, 2006, n. 37, IL SOLE 24 ORE, p. 90;
-VALIGNANI, Violenza sessuale, in Studium Iuris, 2006, n. 7/8, CEDAM, p. 911;
- STILE, Anche la «pacca» sul sedere costituisce violenza sessuale. L'interpretazione della Cassazione sulla nozione di atto sessuale, in Cassazione penale, 2005, n. 4, GIUFFRÈ, p. 1182.

(Fonte: Altalex Massimario 29/2008. Cfr. nota di Cesira Cruciani e nota su Altalex Mese)






SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE III PENALE

Sentenza 10 giugno - 21 luglio 2008, n. 30403

UDIENZA PUBBLICA

DEL 10/06/2008

SENTENZA N. 01457 /2008

REGISTRO GENERALE N. 001498/2008

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

TERZA SEZIONE PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.:

Dott. LUPO ERNESTO

1.Dott.CORDOVA AGOSTINO

2.Dott.ONORATO PIERLUIGI

3.Dott.GENTILE MARIO

4.Dott.MARMO MARGHERITA

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

sul ricorso proposto da

1) T.

avverso SENTENZA del 26/10/2007 CORTE APPELLO di VENEZIA

visti gli atti, la sentenza ed il ricorso

udita in PUBBLICA UDIENZA la relazione fatta dal Consigliere CORDOVA AGOSTINO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del l'11.5.2005 il G.i.p. presso il Tribunale di Padova condannava T. con la concessione delle attenuanti generiche e ritenuta l'ipotesi lieve di cui all'u.c. dell'art. 609 bis C.p., alla pena -sospesa- di una anno di reclusione in ordine al reato di cui agli art. 81 cpv. 609 bis C.p. per avere più volte compiuto con violenza atti di libidine nei confronti di CAIA e, per ultimo, toccandola sul seno, sui fianchi, sul sedere e nelle parti-intime; entrando con le mani sotto i pantaloni della donna.

La condanna si basava sulle dichiarazioni della ritenute lineari, pacate, non contraddittorie e non dovute a rancore, e su quelle del fidanzato cui la prima aveva raccontato fatti, e del padre, informato da detto fidanzato.

Veniva proposto appello per l'imputato, sostenendo che:

a) il giorno dell'episodio più grave era stata la donna a telefonare al perché venisse a casa per pranzare;

b) dopo il suo arrivo si era seduta a guardare la televisione con i pantaloni sbottonati ed il T. si sedeva accanto a lei senza nulla succedesse: poi ella andava in camera a chiudersi i pantaloni;

c) il padre e la madre erano separati, e la seconda aveva iniziato una relazione con il prima di tale separazione, donde l'ipotesi che la non avesse detto la verità avendo mantenuto buoni rapporti con il genitore;

d) ella stessa aveva dichiarato di non essere stata in grado di conoscere la volontarietà degli episodi verificatisi prima dell'1.7.2004;

e) la pena era superiore al minimo edittale nonostante la lieve entità dei fatti, ed ingiustificatamente era stata negata la sospensione di essa.

Chiedeva l'assoluzione per insussistenza del fatto.

La Corte di Venezia rigettava l'impugnazione, motivando come segue:

1) quanto agli intenti calunniosi erano mere ipotesi difensive prive di riscontri, non risultando a causa dell'imputato una limitazione del rapporto affettivo della ragazza con il padre;

2) gli elementi essenziali raccontate da essa, dal fidanzata e dal padre sostanzialmente coincidevano;

3) erano irrilevanti le discordanze sulla successione dei palpeggiamenti, sulle loro modalità, ecc., contenute nelle dichiarazioni del padre e del fidanzato, essendo dovute ad inesattezza di ricordi o all'assenza di specifiche domande sui vari punti;

4) il fatto che solo il fidanzato abbia parlato di una masturbazione prima dei toccamenti non significava che la ragazza ed il padre l'avessero escluso, non avendolo semplicemente riferito;

5) che ella non fosse scappata rientrava nella libertà di comportamento individuale, e non costituiva un fatto provocatorio, o comunque inducente alla perpetrazione dei reati;

6) che indossasse i pantaloni de tipo jeans non escludeva il toccamento delle parti intime, facilmente raggiungibili senza sfilarli, e comunque entrando con le mani dentro di essi;

7) la pena era adeguata per la convivenza con la vittima e la giovane età di questa (inferiore ai 16 anni, ma non erano state contestate le relative aggravanti);

8) Poteva essere concesso il beneficio della non menzione.

Avverso tale sentenza proponeva ricorso il difensore, deducendo che:

a) la Corte aveva valutato con estrema superficialità le dichiarazioni della ragazza, sia in sé che in raffronto con gli altri elementi;

b) aveva ammesso le discrasie, ma le aveva giustificate con mere congetture;

c) il riscontro costituito dalle dichiarazioni del fidanzato e del padre non era tale quanto la fonte era l'autrice delle prime dichiarazioni;

d) era impossibile che, indossando la ragazza dei jeans ed essendo seduta, si infilasse la mano sotto i pantaloni e si toccasse la vagina;

e) quanto alla pena, non si poteva compensare la mancata contestazione delle aggravanti con l'aumento di essa, a parte che la Corte aveva confuso l'art. 609 ter con l'art. 609 septies C.p., solo il secondo dei quali contemplava il fatto commesso dal convivente, per cui procedeva d'ufficio, mentre il primo prevedeva l'aggravante, in caso di vittima infrasedicenne, solo per l'ascendente, il genitore anche adottivo ed il tutore, ma non anche per il convivente.

Chiedeva pertanto l'annullamento dell'impugnata sentenza.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Dalla motivazione della sentenza impugnata, sinteticamente riportata in punto di fatti risulta che la Corte territoriale ha esaurientemente trattato tutti gli aspetti facenti ora oggetto del ricorso, per cui non si ravvisa alcuno dei vizi di cui all'art. 606 c. I del C.p.p., ed, i particolare, quello di cui alla lett. e): infatti, pur essendo astrattamente possibile dare a tutte le considerazioni svolte diverse interpretazioni, quelle di cui trattasi non sono certamente viziate da irragionevolezza, avendo una loro coerenza logica. D'altra parte, i motivi di gravame non si basano su elementi non presi in esame dalla Corte territoriale, bensì su una rilettura difensiva dei medesimi: ma il giudizio di legittimità non può mai risolversi nella rivisitazione dell'iter ricostruttivo del fatto, dovendo limitarsi alla mera constatazione dell'eventuale travisamento della prova, che consiste nell'utilizzarne una inesistente o un risultato di essa inconfutabilmente diverso nella sua oggettività da quello effettivo. Quindi, restano estranei al sindacato di questa Corte i rilievi in merito al significato di detta prova ed alla sua capacità dimostrativa, non potendosi accedere ad una diversa lettura dei dati processuali o ad una diversa loro interpretazione, essendo in questa sede precluso il controllo sulla correttezza della motivazione in rapporto ai dati processuali, e rimanendo suo unico oggetto i vizi di cui al citato art. 606 C.p.p.

Vero è che, basandosi la sentenza impugnata essenzialmente sulle dichiarazioni della CAIA l'attendibilità di questa andava rigorosamente valutata: ma è quel che ha fatto la Corte territoriale, dando compiuta valutazione degli elementi per cui l'ha ritenuta attendibile e motivando sulla irrilevanza delle eccepite diversità su punti non essenziali delle varie dichiarazioni. Ed il fatto che la ragazza indossasse pantaloni del tipo jeans non era ostativo al toccamento interno delle parti intime, essendo possibile farlo penetrando con la mano dentro l'indumento, non essendo questo paragonabile o una specie di cintura di castità.

Quanto alla pena, la Corte territoriale l'aveva irrogata in relazione alla giovane età della infrasedicenne, ed alla convivenza familiare dell'imputato. Contrariamente a quanto sostenuto nel ricorso, non trattavasi di "compensazione" con la mancata contestazione dell'aggravante di cui all'art. 609 ter C.p. Infatti, vero è che tale aggravante non era applicabile nella specie, riguardando solo gli ascendenti, i genitori anche adottivi ed i tutori, mentre l'art. 609 septies C.p. prevede solo la procedibilità d'ufficio in caso di convivenza: ma la Corte territoriale, pur con l'erroneo accenno alla anzidetta mancata contestazione, aveva in realtà tenuto conto dell'età e della convivenza quali elementi connotanti la gravità del fatto in relazione ai limiti di pena del reato contestato.

Ne consegue il rigetto del ricorso, come da dispositivo.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

Così deciso in Roma il 10 Giugno 2008.



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
La violenza sessuale alla luce della casistica giurisprudenziale recente (Focus di Massimario.it agg. al 25.11.2009 (Elena Salemi) )

E’ sempre violenza anche se la vittima indossa i jeans (Cassazione penale , sez. III, sentenza 21.07.2008 n° 30403 (Cesira Cruciani) )

Compatibilità tra violenza sessuale e vittima con i jeans (Cassazione penale , sez. III, sentenza 21.07.2008 n° 30403 (Simone Marani) )

Violenza sessuale, caviglie, toccata, sussistenza (Cassazione penale , sez. III, sentenza 03.07.2008 n° 26766 )

Violenza, datore di lavoro, bacio, sospensione, legittimità (Cassazione penale , sez. III, sentenza 20.06.2008 n° 25209 )

Violenza sessuale, moglie che rifiuta silenziosamente, sufficienza, sussistenza (Cassazione penale , sez. III, sentenza 03.04.2008 n° 13983 )

Violenza sessuale, consenso al rapporto sessuale, continuità (Cassazione penale , sez. III, sentenza 29.01.2008 n° 4532 )

Violenza sessuale, mano sotto la maglietta, ascella, sussistenza (Cassazione penale , sez. III, sentenza 29.01.2008 n° 4538 )

Violenza sessuale, vittima con jeans, rilevanza, insussistenza (Cassazione penale , sez. III, sentenza 06.11.2007 n° 40542 )


Seminario online di aggiornamento professionale, accreditato 4 ore CNF

I seminari in materia di processo telematico, mirano a fornire all’Avvocato una preparazione di base in vista dell’imminente entrata a regime del Processo Civile telematico. L'intero percorso formativo &egr ...

Avv. Andrea Oliva

Studio Legale Opelegis - www.opelegis.com - Via Fontana, 1 Como (Co) Via Mercadante, 3 Varese (Va) Lo studio si occupa di Diritto Civile, Diritto del Lavoro, Diritto Societario e Penale Societario, Diritto di Famiglia.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso amministratore di condominio anatocismo Appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio equitalia esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo telematico procura alle liti provvigione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma forense riforma fornero sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura