ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Associazione di stampo mafioso, metodo mafioso, indici, precisazioni
Cassazione penale ,sez. VI, sentenza 11.07.2008 n° 28962

Associazione di stampo mafioso – metodo mafioso – indici – precisazioni [art. 416 bis c.p.]

Affinchè possa sussistere il reato di associazione di tipo mafioso è necessario che emergano:

  • la forza di intimidazione;
  • la condizione di assoggettamento e di omertà.

(1) in materia di associazione di tipo mafioso e concezione sostanziale, si veda Cassazione penale 16802/2008.
(2) In materia di concorso esterno e favoreggiamento, si veda Cassazione penale 542/2008.
(3) In materia di concorso esterno nell’associazione di stampo mafioso, si veda Cassazione penale 21648/2007.
(4) Sul tema del concorso esterno in associazione con finalità di terrorismo si veda Cassazione penale, sezione prima, 1072/2007.

(Fonte: Altalex Massimario 29/2008. Cfr. nota su Altalex Mese)






SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE VI PENALE

Sentenza 9 - 11 luglio 2008, n. 28962

(Presidente De Roberto - Relatore Conti)

...omissis...

Fatto

Con la ordinanza in epigrafe, il Tribunale di Reggio Calabria, adito ex art. 309 c.p.p., confermava l'ordinanza in data 14 novembre 2007 del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Reggio Calabria, con la quale era stata applicata la misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di R. A. G., A. G., V. G. e D. G., tutti accusati di avere fatto parte di un'associazione di tipo mafioso, finalizzata, mediante il controllo totale delle elezioni comunali del maggio del 2007 in Seminara, ad acquisire in modo diretto o indiretto la gestione o comunque il controllo di concessioni, autorizzazioni e servizi pubblici comunali.

Le basi indiziarie richiamate dal Tribunale sono costituite essenzialmente da intercettazioni ambientali e da servizi di osservazione e altre indagini della polizia giudiziaria.

La natura mafiosa che caratterizzava l'attività di R. A. G. e dei suoi tre figli A., V. e D., attraverso il potere di intimidazione esercitato nel territorio di Seminara, è stata ricavata in particolare:

- dagli espliciti riferimenti fatti in varie conversazioni dagli indagati sia alla faida che aveva negli anni passati contrapposto la famiglia al gruppo dei Pellegrino, conclusasi con la sconfitta del clan rivale e con il consolidamento del controllo mafioso del territorio da parte dei G., sia a fatti più recenti di dissidi con persone che minavano la supremazia della famiglia, e alle relative reazioni violente perpetrate o preannunciate (episodi del tentato omicidio di tale C. R. e dei propositi di vendetta nei confronti dell'autore di un furto in danno di un loro conoscente e nei confronti del collaboratore di giustizia S. M.) ovvero di interferenze nell'operato dell'amministrazione comunale per motivi di prestigio nell'ambito della comunità e di interessi elettoralistici locali (episodio della ottenuta rimozione della cappella della famiglia G. nel cimitero di Barritteri di Seminara);

- dalla disponibilità di armi da fuoco da parte della famiglia e dai contatti e legami con altre famiglie mafiose quali quelle degli Avignone e dei Sanatiti;

- dall'onere di mantenimento economico assunto da parte della famiglia a favore di numerosi soggetti ad essa devoti, alcuni dei quali in stato di carcerazione;

- dal ruolo di autorevole mediatore esercitato in particolare da R. A. G., con il fattivo apporto dei suoi figli, nell'ambito della cruenta faida di San Luca, che aveva visto contrapposte le famiglie dei P.-V. e dei N.-S., culminata con la strage dei Duisburg nel ferragosto del 2007;

- dal capillare condizionamento del risultato delle elezioni comunali del maggio 2007, attraverso sia la promozione dell'intesa tra i principali candidati della lista di destra, gli uscenti sindaco A. P. M. e vice-sindaco M. B. e il passato sindaco C. B., convocati in appositi e segreti vertici, sia il controllo del voto elettorale, finalizzato alla sconfitta del candidato di sinistra Salvatore P. C., considerato "amico dei carabinieri" e alla conseguente vittoria dei candidati amici nonché della elezione di A. G., nipote di R., inserito nella stessa lista; condizionamento realizzato mediante la sensibilizzazione di appartenenti a cosche in difficoltà economica, come la famiglia Bruzzise di Barritteri, nonché mediante elargizioni di denaro a singoli cittadini e promesse di future assunzioni nell'amministrazione o di conseguimento di impiego in lavori pubblici o ancora mediante particolari accorgimenti, quali il preventivo ritiro delle schede elettorali, consegnate poi solo al momento del voto, o la fornitura di un normografo (c.d. "stampino") agli elettori analfabeti o il presidiamento dei seggi da parte di componenti della famiglia; il tutto nella prospettiva di consistenti favori post-elettorali da parte dell'amministrazione, in particolare costituiti dall'affidamento di appalti pubblici promesso in precedenza negli incontri di vertice pre-elettorali (appalto dei fuochi di artificio per la festa patronale; raccolta dei fondi per la festa della Madonna dei poveri; altri futuri appalti di cui veniva rivenuta documentazione in casa di R. G.), e il cui effettivo conseguimento era garantito anche dall'organigramma della giunta comunale che gli stessi indagati contribuivano a formare.

Ricorre per cassazione, nell'interesse degli indagati, il difensore avv. D. A., che deduce:

1. Inutilizzabilità delle intercettazioni eseguite su decreti di urgenza del pubblico ministero con impianti esterni in quanto non sufficientemente motivate sia quanto alla insufficienza degli impianti della Procura della Repubblica sia quanto alle eccezionali ragioni di urgenza.

2. Insussistenza di elementi atti a delineare il reato di partecipazione ad associazione mafiosa, dato che l'impegno e l'attivismo elettorale degli indagati, mai condannati in precedenza per un simile reato, giustificato anche dal fatto che nella lista capeggiata dal sindaco uscente era inserito anche A. G., non fu caratterizzato da alcuna manifestazione di un metodo mafioso, quali minacce o intimidazioni nei confronti degli elettori, né è stato provato alcun accordo preventivo di assicurazioni di favori da parte del sindaco M. a beneficio del presunto sodalizio.

Per di più le conversazioni intercettate non sono idonee a consentire una sicura individuazione degli interlocutori, e ad esse, in ogni caso, sulla base della stessa ordinanza impugnata, non risulta avere mai preso parte R. A. G..

Infine, ad A. G. non viene attribuita alcuna specifica condotta criminosa.

Nell'imminenza della odierna udienza, l'avv. G. A., altro difensore degli indagati, ha depositato documentazione relativa ai decreti di intercettazione.

Diritto

Il primo motivo appare manifestamente infondato.

Come risulta dalla stessa documentazione difensiva, le operazioni di intercettazione, effettuate sulla base di decreti di urgenza del pubblico ministero, sono state eseguite attraverso gli impianti installati presso la Procura della Repubblica, sicché non si comprende il senso della doglianza, che fa riferimento alla carenza di motivazione circa la necessità del ricorso a impianti esterni.

Se poi si volesse implicitamente censurare il fatto che venne autorizzato l'ascolto remoto dei flussi di conversazioni presso impianti esterni (c.d. tecnica della "remotizzazione"), la doglianza, anche volendo superare le sue lacune, sarebbe comunque infondata, dato che tale tecnica è perfettamente legittima, una volta accertato che, come deve ritenersi nella specie, tutte le operazioni di captazione e di registrazione delle conversazioni, comprese quelle che consistono nel trasferimento dei dati contenuti nell'apparecchio di registrazione in un supporto magnetico, siano eseguite nei locali della Procura della Repubblica; e ciò è stato più volte affermato da questa Corte (v., tra le altre, Sez. VI, 16 gennaio 2008, Sinesi; Sez. III, 20 novembre 2007, Musso; Sez. IV, 27 settembre 2007, Rizza), con avallo, recentissimamente, delle Sezioni unite, stando all'annuncio di decisione reso alla udienza del 26 giugno 2008, ric. Carli.

Il secondo motivo appare invece fondato.

Le basi indiziarie (a prescindere da quelle derivanti dalle intercettazioni, di cui si è sopra detto) non sono discusse dai ricorrenti, i quali però eccepiscono che da esse non sia ricavabile l'esistenza di un "metodo mafioso" in relazione al fatto contestato.

E, in effetti, larga parte dell'ordinanza impugnata fa riferimento a indici di "mafiosità" della famiglia G. che non hanno alcun rapporto con la contestazione formulata dal pubblico ministero e sulla base della quale è stata applicata la misura cautelare.

In particolare, la "forza di intimidazione" e la "condizione di assoggettamento e di omertà" si ricava, secondo l'ordinanza impugnata, in primo luogo dalla "storia" della famiglia G., impegnata in lunghi anni nella lotta con il clan rivale dei Pellegrino, rivendicata con orgoglio dagli appartenenti ad essai e, in tempi recenti, sia dalle azioni violente perpetrate o divisate in relazione a fatti ritenuti suscettibili di mettere in discussione la forza del gruppo nella considerazione della comunità locale, sia dalle interferenze nell'operato dell'amministrazione comunale per la risoluzione di controversie private, sia ancora da ruoli di mediazione tra agguerrite e sanguinarie cosche operanti nel territorio, che non avrebbero potuto avere spiegazione diversa da quella di una espressione di un potere fondato su un prestigio mafioso.

Indice sintomatico della esistenza di un sodalizio perseguente attività illecite, poi, è stato individuato nella pletora di soggetti, in gran parte ristretti in carcere, che dipendevano economicamente dalla famiglia, beneficiando delle sue elargizioni pecuniarie, in assenza di un plausibile motivo, legato a rapporti lavorativi o di leciti affari, che ne potesse rendere giustificazione.

Tuttavia, come anticipato, la contestazione a base del provvedimento cautelare, che è la sola che qui interessa, attiene alla interferenza che avrebbe efficacemente esercitato la famiglia G. sull'andamento delle elezioni comunali del maggio 2007, riconducibile a una ipotesi tipicamente descritta dal comma terzo dell'art. 416-bis c.p..

A tale specifico riguardo, a parte alcuni comportamenti genericamente riconducibili soltanto a una, sia pure singolare, autorevolezza della famiglia nella comunità locale, quali quelli dei summit risultati decisivi per la formazione delle liste e per le candidature dei vertici dell'amministrazione comunale, deve rilevarsi che nell'ordinanza impugnata non sono state indicate concrete e specifiche manifestazioni tipiche di un potere mafioso, non potendosi in particolare ritenersi risolutiva quella del "ritiro" delle schede e della loro riconsegna al momento del voto, che non risulta essere inquadrata nell'ambito di un clima di sopraffazione a carico del corpo elettorale, e che, in mancanza di ulteriori elementi di fatto, anche di natura logica, potrebbe avere spiegazioni diverse, sia pure riconducibili a condotte illecite in quanto idonee al turbamento della libera espressione del voto.

Ancor meno significativi, nel senso di un metodo mafioso, appaiono poi i riferimenti al c.d. "stampino" dato agli elettori analfabeti, al "presidiamento" dei seggi e alle promesse di impieghi o favori fatti agli elettori.

Dati tali gravi carenze e incongruenze motivazionali, l'ordinanza impugnata va annullata con rinvio al Tribunale di Reggio Calabria, per un migliore e più approfondito esame sul tema del metodo mafioso che avrebbe caratterizzato le contestate interferenze poste in essere dagli indagati sulle elezioni comunali

La Cancelleria provvederà agli adempimenti di cui all'art. 94 comma 1-ter disp. att. c.p.p..

P.Q.M.

La Corte annulla l'ordinanza impugnata e rinvia al Tribunale di Reggio Calabria per nuovo esame.

Manda alla Cancelleria per gli adempimenti di cui all'art. 94, comma 1-ter disp. att. c.p.p..



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Indagato, associazione mafiosa, sostegno politico, insufficienza (Cassazione penale , sez. II, sentenza 19.04.2012 n° 15115 )

Pestaggio di gruppo, compartecipe, aggravante del metodo mafioso, sussistenza (Cassazione penale , sez. feriale, sentenza 09.09.2009 n° 35116 )

"Metodo mafioso" nel reato di cui all’articolo 416 bis (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 11.07.2008 n° 28962 (Simone Marani) )

Associazione per delinquere di stampo mafioso, formalità, necessità (Cassazione penale , sez. II, sentenza 23.04.2008 n° 16802 )

Concorso esterno in associazione mafiosa, favoreggiamento, differenze (Cassazione penale , sez. VI, sentenza 08.01.2008 n° 542 )

Associazione di tipo mafioso, concorso esterno, patto scellerato (Cassazione penale , sez. V, sentenza 01.06.2007 n° 21648 )

Concorso di persone nel reato, associazione con finalità di terrorismo (Cassazione penale , sez. I, sentenza 17.01.2007 n° 1072 )


26 ore video sui programmi dei principali compendi

L’obiettivo del corso è quello di fornire uno strumento complementare da utilizzare per l’assimilazione ed il ripasso dei concetti che può rilevarsi prezioso nella fase finale della preparazione ( ...

Avv. Federico Marrucci

Sono specializzato in diritto tributario e svolgo la mia attività nell'area della consulenza fiscale, del contenzioso tributario, nonchè nell'assistenza del contribuente innanzi all’Agenzia delle Entrate, della Dogana e della Guardia di Finanza.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli Equitalia esame esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto Inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura