ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Avvocato, decreto ingiuntivo, pagamento diritti, onorari e spese
Tribunale Roma, sez. XI civile, sentenza 08.04.2008 n° 7436

Avvocatodecreto ingiuntivo – pagamento diritti, onorari e spese - foro esclusivo del consumatore – insussistenza – foro del C.d.O. di appartenenza – sussistenza [art. 637, c.p.c.; art. 33, Codice del consumo]

L’ingiunzione di pagamento, per diritti ed onorari collegati all’esercizio dell’attività forense da parte degli avvocati, va proposta presso il foro dove ha sede il consiglio dell’ordine di appartenenza, non presso il foro esclusivo del consumatore. (1)

(1) In senso contrario, si veda Trib. Monza, 19.7.2007.

(Fonte: Altalex Massimario 35/2008. Cfr. nota su Altalex Mese - Schede di Giurisprudenza. Si ringrazia per la segnalazione Giampiero Amorelli)






Tribunale di Roma

Sezione XI Civile

Sentenza 8 aprile 2008, n. 7436

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA

SEZIONE XI CIVILE

IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA

ha pronunciato la seguente

SENTENZA NON DEFINITIVA

Nella causa civile di primo grado iscritta al r.g.a.c. 9269 dell’ anno 2007 e vertente

TRA

A. G.

opponente

residente in Itri (LT) elett.te dom.to in Roma, via Alessandria, 119 e rappresentata e difesa dall’ avv. Antonio Macera del foro di Latina giusta procura speciale a margine dell’ atto di citazione in opposizione

E

A. G., C. D.

opposti

elett.te dom.ti presso il loro studio in Roma via dei Mille 41/A rappresentati e difesi in proprio ex art. 86 c.p.c.

OGGETTO: opposizione decreto ingiuntivo, pagamento compensi professionali.

CONCLUSIONI

Come in atti

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione ritualmente notificato il 2.2.2007, A. G. ha interposto tempestiva opposizione avverso il decreto emesso dal Tribunale di Roma con il n. 22872/2006, in data 2.1.2007, con cui veniva ingiunto alla medesima opponente il pagamento in favore degli avvocati A. G. e C. D. della somma di € 14.534,44 oltre interessi legali e spese di procedura, quale corrispettivo delle prestazioni professionali dai legali svolte nel giudizio civile di usucapione avente r.g. n. 8425/1994 introdotto presso il tribunale di Latina dalla defunta madre, L. M..

Ha eccepito in via pregiudiziale l’opponente l’incompetenza del giudice adito ex art. 33 d.lgs. 206/2005, cd. codice del consumo, che sancisce la competenza territoriale inderogabile del giudice del luogo di residenza del consumatore, e la competenza del tribunale di Latina.

Nel merito, ha dedotto la parte la propria carenza di legittimazione passiva essendo la stessa, in ragione della scheda testamentaria olografa formata dalla “de cuius”, mera legataria e quindi non assoggettata all’avversa pretesa creditoria, non rientrando peraltro tra i lasciti in suo favore quello relativo al terrene per cui era stato introdotto il giudizio di usucapione in cui i legali avevano prestato opera professionale.

Ha contestato quindi l’opponente la misura degli onorari, eccessiva perché non proporzionata ai vantaggi conseguiti ed all’espletamento dell’attività e, ancora, in particolare: la voce “ricerca documenti", la necessità di introdurre nuovo giudizio tra le stesse parti e lo stesso giudice per errore in cui sarebbe incorsa la “de cuius" nel determinare l’oggetto della propria azione; l’importo della voce "assistenza a n. 10 prove per testi" (udienze dal 30.4.2000 al 30.4.2002) e "assistenza a n. 9 prove per testi” (udienza del 22.6.2004). Dedotta ancora la sproporzione delle quote ricevuta dalla stessa e dal germano Cosmo dalla "de cuius”, ragione per cui ex art. 752 c.c. l’opponente non poteva ritenersi tenuta a corrispondere, secondo premessa dei legali istanti, il 50% del corrispettivo maturato dagli ingiungenti, tanto esposto, la parte ha concluso per la declaratoria di incompetenza del giudice adito per essere sulla controversia competente il tribunale di Latina nel cui circondario ricadeva il comune di Itri, luogo di residenza dell’ opponente; la nullità del decreto ingiuntivo rivestendo l’opponente la qualità di mera legataria; in via subordinata la revoca del decreto per infondatezza del credito azionato; in via ulteriormente subordinata e in ipotesi di rigetto, la riduzione ad equità del “quantum” dovuto sia in ragione dell’attività professionale svolta che del differente riparto di oneri tra opponente e germano A. Cosmo.

Ha chiesto quindi l’opponente 1’autorizzazione a chiamare in giudizio il terzo A. Cosmo per sentirlo dichiarare unico erede o destinatario, in subordine, di una quota di patrimonio ereditario superiore alla metà.

Si sono costituiti gli opposti che hanno dedotto: come imponenti fossero state le attività professionali svolte nei giudizi “a quibus”, attività per le quali le parti avevano comunque applicato i minimi di tariffa; la qualità di erede dell’opponente ed il sostanziale equilibrio di valore dei beni ereditari lasciati dalla defunta ai rispettivi figli; l’infondatezza dell’avversa eccezione di incompetenza territoriale.

Concessa la clausola. di provvisoria esecuzione con provvedimento successivamente dichiarato nullo (ordinanze 5.7.07 e 1.10.07), la causa è stata quindi rinviata per conclusioni all’udienza in epigrafe indicata sulla pregiudiziale di incompetenza.

MOTIVI DELLA DECISIONE

L’eccezione di incompetenza per ragioni di territorio del giudice adito, eccezione formulata dall’opponente ai sensi del1’art. 33 lett. u) d.lgs. 206/ 2005, cd. Codice del consumo, e, prima ancora, dall’art. 1469 bis terzo comma n. 19 c.c., disposizioni che affermano la vessatorietà della clausola contrattuale che stabilisca come sede del foro competente una località diversa dal luogo in cui il consumatore ha la residenza o il domicilio, é infondata e con essa la competenza in tal modo individuata nel tribunale di Latina, nel cui circondario si trova il comune di ltri, luogo di residenza dell’opponente.

Assume parte opponente come per le richiamate disposizioni il foro del consumatore, in via interpretativa, si porrebbe esso stesso come foro territoriale esclusivo (tra le altre, nel senso di una siffatta affermazione di principio: Cass. sez. II ord. 8.2.2005 n. 2543; Id., sez. III ord. 29.4.2005 n. 898).

Ma anche ad aderire all’orientamento che vuole per le richiamate disposizioni l’affermazione da parte del legislatore di un foro esclusivo destinato, come tale, a prevalere rispetto agli altri concorrenti fori generali (artt. 18, 19 e 20 c.p.c.), lo stesso argomentare non può valere a far ritenere la prevalenza del foro del consumatore rispetto a fori di carattere speciale segnati, come tali, da specifiche previsioni legislative.

Cosi, in particolare, nei rapporti tra foro del consumatore, per le sopra richiamate disposizioni, e foro di cui a1l’art. 637 terzo comma c.p.c. laddove é previsto gli avvocati possano “proporre domanda d’ingiunzione contro i propri clienti al giudice competente per valore del luogo ove ha sede il consiglio dell’ordine al cui albo sono iscritti”, occorre aver riguardo alla natura delle norme di riferimento per risolvere il relativo conflitto.

Ai sensi del1’art. 15 delle Disposizioni sulla legge generale, l’abrogazione delle norme di legge consegue, infatti, in ragione di disposizioni posteriori per espressa dichiarazione del legislatore o per incompatibilità tra precedenti e nuove disposizioni.

Premesso come l’abrogazione predicata dalla giurisprudenza di legittimità non trovi comunque un’ espressa previsione in disposizione di legge, è comunque vero che il richiamato principio individuato dallo stesso orientamento interpretativo sia destinato comunque a valere nei rapporti tra leggi aventi la medesima natura e ciò secondo il brocardo che, nel disciplinare la successione delle leggi nel tempo, in applicazione del principio di incompatibilità, prevede che lex generalis non derogat lex specialis.

Sono così in rapporto di incompatibilità la disposizione sul foro del consumatore, ora art. 33 lett. u) cod. consumo, e le previsioni codicistiche che contemplano i fori generali delle persone fisiche e giuridiche nonché il foro facoltativo per i diritti di obbligazione (art. 20 c.p.c.).

Tra dette disposizioni può quindi ben valere l’abrogazione per incompatibilità ex art. 15 cit.

Non sembra però che il legislature nazionale abbia inteso attribuire al foro del consumatore prevalenza su ogni altra concorrente competenza fosse anche, questa, di carattere speciale.

Manca infatti in tal senso un' espressa volontà di abrogazione da parte del legislatore e l’opera dell’interprete non sembra potersi spingere fino ad attribuire a quella competenza una prevalenza, per l’appunto, finanche su competenze speciali previste dal nostro ordinamento.

Ciò valga nei rapporti tra foro del consumatore e l’art. 637 cit. di cui deve farsi applicazione nella specie o, ancora, ad esempio, sempre in materia di onorari di avvocato, nei rapporti tra il primo e l’ipotesi di cui all’art. 28 e ss. l. 794/1942.

Il favor per il consumatore non si è spinto nel nostro ordinamento al punto tale da dare sempre e comunque prevalenza al foro dello stesso, ma, piuttosto, in difetto di una norma che espressamente sancisca in modo assoluto detta prevalenza.

In via interpretativa poi si e giunti ad affermare una abrogazione implicita per incompatibilità successiva nell’ambito di norme aventi la medesima natura.

Va dunque affermata la competenza territoriale del giudice romano adito ai sensi dell’art. 637 terzo comma c.p.c., risultando, il dato è pacifico in atti, i legali istanti in monitorio iscritti presso il relativo albo del consiglio dell’ordine di Roma.

La causa prosegue come da separata ordinanza in data odierna.

P.q.m.

non definitivamente pronunciando, ogni contraria istanza ed eccezione disattesa:

dichiara

la competenza per ragioni di territorio del giudice adito sul giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo promosso da A. G. nei confronti di A. G. e C. D.

dispone

per il prosieguo del giudizio come da separata ordinanza in data odierna.

Roma, 2.04.2008

Il giudice
Laura Scalia

Depositato in cancelleria

Roma, lì 8 apr. 2008


Avv. Nicola Cavallaro

Diritto Internazionale e Diritto Comparato dello Sport


COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Pacchetto promo volumi "Decreto ingiuntivo" (Segnalazione del 01.08.2012)

Pubblico impiego, procedura di mobilità volontaria, giurisdizione (Consiglio di Stato , sez. V, sentenza 20.07.2011 n° 4402 )

Decreto ingiuntivo europeo. Sistema e pratica del recupero crediti (Libro , segnalazione del 18.04.2011)

Avvocato versus Consumatore: a quale giudice la competenza territoriale? (Tribunale Roma, sez. XI civile, sentenza 08.04.2008 n° 7436 (Susanna Moro) )

Crediti professionali, decreto ingiuntivo, foro del consumatore, esclusività (Tribunale Monza, sentenza 19.07.2007 n° 2365 )

Codice del consumo (Decreto legislativo 06.09.2005 n° 206 , G.U. 08.10.2005 )


Seminario online di aggiornamento professionale, accreditato 4 ore CNF

I seminari in materia di processo telematico, mirano a fornire all’Avvocato una preparazione di base in vista dell’imminente entrata a regime del Processo Civile telematico. L'intero percorso formativo &egr ...

Segnalazioni Editoriali
Reati contro la donna. Excursus normativo (Sconto 10%) Avv. Simone Marani € 32,00 € 28,80
La violenza sulle donne è un fenomeno idoneo ad integrare differenti ipotesi delittuose, tutte accomunate dal fatto di avere quale soggetto destinatar...

Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri cartella esattoriale certificato di agibilità Codice della Strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione Riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sciopero sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali tulps usucapione usura