ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Gare di appalto - modalità di compilazione della lista prezzi
Autorità Vigilanza LL.PP. Deliberazione 29.04.2002 n° 114 , G.U. 18.05.2002



AUTORITA' PER LA VIGILANZA SUI LAVORI PUBBLICI

DELIBERAZIONE 29 aprile 2002


Lista prezzi. (Deliberazione n. 114).


(G.U. n. 115 del 18-5-2002)

Richiedente: comune di Montebelluna e comune di Rosa'.


Riferimento normativo: art. 90, comma 7, D.P.R. n. 554/1999.


IL CONSIGLIO


Vista la relazione dell'Ufficio affari giuridici appresso riportata;

Considerato in fatto


I comuni sopra evidenziati hanno fatto pervenire alcuni quesiti riguardanti problematiche relative al calcolo della media dei ribassi e alla eventualita' di errori nella compilazione della lista prezzi, da parte dei concorrenti alle gare d'appalto.
In particolare viene richiesto:
1) quale numero di cifre decimali deve essere considerato dopo la virgola, per il calcolo della soglia di anomalia, nel caso in cui le offerte dei concorrenti non si presentano in modo univoco;
2) se la verifica dei conteggi esposti nella lista debba essere effettuata sul solo concorrente aggiudicatario e non anche sugli altri concorrenti, nel caso in cui, in sede di apertura e lettura delle offerte, la commissione di gara rilevi errori materiali o di calcolo ancor prima della formulazione della graduatoria di gara;
3) se, nell'offerta prezzi dell'aggiudicatario, debba procedersi alla rideterminazione dei prezzi unitari secondo la percentuale di discordanza rilevata fra prezzo complessivo offerto e corrispondente ribasso percentuale, anche quando detta rideterminazione comporta un aumento dei prezzi contrattuali e comunque uno stravolgimento della effettiva volonta' dell'impresa aggiudicataria, espressa nei prezzi unitari offerti;
4) se debba essere applicata la procedura di cui all'art. 90, comma 7, del decreto del Presidente della Repubblica n. 554/1999, nel caso in cui si rilevi che la discordanza fra prezzo complessivo offerto e corrispondente ribasso percentuale sia dovuta ad un erroneo inserimento, da parte del concorrente, nella somma offerta sulla quale calcolare il corrispondente ribasso, dell'importo degli oneri di sicurezza.

Ritenuto in diritto:


Per quanto attiene al primo quesito, riguardante entrambi i sistemi di aggiudicazione, massimo ribasso e prezzo piu' basso mediante offerta a prezzi unitari, riguardante il numero di cifre decimali da prendere in considerazione per il calcolo della soglia di anomalia, si sottolinea che l'Autorita', nei c.d. "bandi tipo", ha evidenziato la necessita' che i bandi di gara contengano esplicita disciplina in tal senso, prevedendo, nel disciplinare di gara e nella lettera di invito, che "le medie sono calcolate fino alla terza cifra decimale arrotondata all'unita' superiore qualora la quarta cifra decimale sia pari o superiore a cinque ..." e comunque disponendo che siano fissati i decimali e le modalita' di arrotondamento.
Nel caso in cui il bando di gara non preveda esplicita disciplina in tal senso, non sembra possano essere posti limiti alle offerte proposte dai concorrenti con la conseguenza che il calcolo della media dovra' essere effettuato con un numero di cifre decimali pari al maggior numero di cifre proposto dai concorrenti.
Per quanto attiene invece agli altri quesiti, tutti riguardanti il sistema di aggiudicazione mediante offerta a prezzi unitari, si precisa che la disciplina e' contenuta nell'art. 90 del decreto del Presidente della Repubblica n. 554/1999, il quale:
al comma 2 dispone che il concorrente debba indicare nella lista prezzi, compilata secondo le istruzioni nello stesso comma specificate, il prezzo complessivo offerto "unitamente al conseguente ribasso percentuale rispetto al prezzo complessivo posto a base di gara. Il prezzo complessivo ed il ribasso sono indicati in cifre ed in lettere. In caso di discordanza prevale il ribasso percentuale indicato in lettere";
al comma 3 dispone che nel caso di discordanza dei prezzi unitari offerti prevale il prezzo indicato in lettere;
al comma 7 prevede che la verifica dei conteggi esposti nella lista prezzi dall'aggiudicatario sia effettuata dopo l'aggiudicazione definitiva e prima della stipula del contratto, "tenendo per validi ed immutabili i prezzi unitari e correggendo, ove si riscontrino errori di calcolo, i prodotti o la somma di cui al comma 2. In caso di discordanza fra il prezzo complessivo risultante da tale verifica e quello dipendente dal ribasso percentuale offerto, tutti i prezzi unitari sono corretti in modo costante in base alla percentuale di discordanza. I prezzi unitari offerti, eventualmente corretti, costituiscono l'elenco dei prezzi unitari contrattuali.".
Dal quadro normativo sopra delineato emerge pertanto che, contrariamente alla previgente disciplina, contenuta nell'art. 5 della legge n. 14/1973, abrogata dal decreto del Presidente della Repubblica n. 554/1999:
la verifica dei conteggi deve essere effettuata dopo l'aggiudicazione definitiva;
e' consentita la correzione dei prezzi unitari, peraltro nel solo caso in cui venga rilevata una discordanza fra prezzo complessivo e ribasso percentuale.
La procedura dettata dal regolamento, e' evidentemente tesa a lasciare a carico dell'offerente il rischio di errori di calcolo nella compilazione della lista prezzi, ponendo sullo stesso l'onere di indicare, oltre al prezzo complessivo, anche il conseguente ribasso percentuale, sul quale, peraltro, si andra' a basare il calcolo della soglia di anomalia e quindi la formulazione della graduatoria di gara; graduatoria di gara che costituira' la base per l'aggiudicazione provvisoria e definitiva, senza che la commissione di gara proceda ad alcuna verifica ne' di conteggi ne' di calcolo di ribasso corrispondente al prezzo complessivo offerto.
Quanto al quesito relativo all'erroneo inserimento, da parte del concorrente, nella somma da prendere in considerazione per il calcolo del corrispondente ribasso, dell'importo degli oneri di sicurezza, sembra che detta fattispecie debba essere inquadrata nell'ambito della prescrizione di cui all'art. 31, comma 2 della legge n. 109/1994, secondo la quale gli oneri di sicurezza "vanno evidenziati nei bandi di gara e non sono soggetti a ribasso d'asta".
Da quanto sopra ne deriva, pertanto, che l'erroneo inserimento, da parte del concorrente, dell'importo degli oneri di sicurezza nella somma sulla quale calcolare il corrispondente ribasso offerto, costituisce motivo di esclusione dalla gara. Qualora la stazione appaltante riscontri detto errore in fase di verifica, dopo l'aggiudicazione definitiva, dovra' procedere all'esclusione del concorrente dalla gara ed alla rideterminazione della soglia di anomalia.
In base a quanto sopra considerato;

IL CONSIGLIO


Accerta che e' opportuno che la lex specialis contenga esplicita disciplina relativa al numero di cifre decimali che saranno considerate dopo la virgola nel calcolo della soglia di anomalia, prevedendo, nel disciplinare di gara e nella lettera di invito una indicazione del seguente contenuto: "le medie sono calcolate fino alla terza cifra decimale arrotondata all'unita' superiore qualora la quarta cifra decimale sia pari o superiore a cinque ...", o, comunque, fissando il numero di decimali e le modalita' di arrotondamento;
Accerta che, nel caso in cui il bando di gara non preveda esplicita disciplina, non possono essere posti limiti alle offerte proposte dai concorrenti con la conseguenza che il calcolo della media dovra' essere effettuato con un numero di cifre decimali pari al maggior numero di cifre proposto dai concorrenti;
Accerta che il rischio di errori di calcolo nella compilazione della lista prezzi resta a carico del concorrente, in quanto l'art. 90, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica n. 554/1999, pone sul concorrente stesso l'onere di verificare la coerenza fra le quantita' della lista prezzi e quelle ricavabili dal progetto nonche' di indicare, mediante formulazione dell'offerta a prezzi unitari, oltre al prezzo complessivo, anche il conseguente ribasso percentuale;
Accerta che la verifica dei conteggi esposti nella lista prezzi secondo le modalita' di cui all'art. 90 del decreto del Presidente della Repubblica n. 554/1999, va effettuata sul solo concorrente aggiudicatario dopo l'aggiudicazione definitiva;
Accerta che deve procedersi alla rideterminazione dei prezzi unitari secondo la percentuale di discordanza rilevata fra prezzo complessivo offerto e corrispondente ribasso percentuale, anche quando detta rideterminazione dovesse comportare un aumento o una riduzione dei prezzi contrattuali e comunque anche quando detta rideterminazione sembri comportare uno stravolgimento della volonta' dell'impresa aggiudicataria;
L'erroneo inserimento dell'importo degli oneri di sicurezza nella somma sulla quale calcolare il corrispondente ribasso offerto costituisce motivo di esclusione dalla gara; qualora la stazione appaltante riscontri detto errore in fase di verifica dei conteggi esposti nella lista prezzi, dopo l'aggiudicazione definitiva, dovra' procedere all'esclusione del concorrente dalla gara ed alla rideterminazione della soglia di anomalia con la conseguente nuova aggiudicazione;
Manda all'ufficio affari giuridici perche' comunichi la presente deliberazione ai soggetti istanti.

Roma, 29 aprile 2002

Il presidente: Garri


AUTORITA' PER LA VIGILANZA SUI LAVORI PUBBLICI

DELIBERAZIONE 10 luglio 2002

Rettifica della deliberazione n. 114 del 29 aprile 2002.

(G.U. SERIE GENERALE N. 188 DEL 12/8/2002)

IL CONSIGLIO

Vista la deliberazione n. 114 del 29 aprile 2002, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 115 del 18 maggio 2002;
Considerato che si sono riscontrati alcuni errori materiali nei
"Considerato in diritto" nel secondo punto del deliberato;
Delibera

di inserire, nei suddetti punti, dopo le parole "proposto dai
concorrenti" le parole "piu' uno".
Roma, 10 luglio 2002
Il presidente: Garri

STUDIO LEGALE BALESTRA

Lo Studio è specializzato in diritto bancario e finanziario, diritto penale commerciale, recupero crediti stragiudiziale e giudiziale, D.Lgs. 231/2001, D.Lgs 196/2003.


COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE

22 lezioni in aula virtuale e 10 correzioni personalizzate di prove pratiche

I concorsi per le magistrature superiori hanno bisogno di tempo per essere preparati e, generalmente, i corsi intensivi sono utili a coloro che già hanno già affrontato uno studio di base. Per questa ragion ...

Segnalazioni Editoriali
Giurisprudenza Italiana (Sconto 50%) 287,00 € 143,50
UTET — Anno 2014
Giurisprudenza italiana è dal 1849 il mensile giuridico “per eccellenza”.La Rivista copre tutte le principali aree...

Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo Appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto atto giudiziario autovelox avvocato bancarotta fraudolenta bando di concorso carceri cartella esattoriale certificato di agibilità codice della strada Codice Deontologico Forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento depenalizzazione depenalizzazione reati minori difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio diritto civile diritto penale donazione equa riparazione Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale formulario Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria Giudice di Pace giudici ausiliari giudici di pace Giustizia guida in stato di ebbrezza incidente di esecuzione indennizzo diretto induzione indebita Inps insidia stradale interessi legali ipoteca jobs act legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita occupazione abusiva oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone posta elettronica certificata precari precetto prima traccia processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sciopero seconda traccia semplificazione fiscale sentenza Franzese sequestro conservativo servitù sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali tulps usucapione usura