ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Danni da circolazione stradale, lettera di messa in mora, certificato di guarigione
Giudice di Pace Cerignola, sentenza 18.05.2009 (Michele Allamprese)

Due i quesiti cui risponde il GdP di Cerignola con la sentenza 18 maggio 2009. Il primo inerente l’improcedibilità per invio della lettera di messa in mora all’agenzia stipulante; il secondo attinente l’improcedibilità per il mancato invio dei dati sul reddito e del certificato di avvenuta guarigione.

Procedibile la domanda di risarcimento del danno se preceduta da lettera di messa in mora inviata alla Agenzia stipulante in luogo della sede legale o dell’Ispettorato sinistri.

Risarcimento danni da sinistro stradale. Il danneggiato, pedone investito, formulava richiesta di risarcimento danni indirizzata all’agenzia che aveva stipulato la polizza del danneggiante.

La Compagnia, nel costituirsi in giudizio, eccepiva l’improcedibilità della domanda sulla scorta dell’invio della raccomandata a/r all’Agenzia in luogo della sede legale o, in subordine, dell’Ispettorato sinistri competente per zona.

Il GdP rigetta l’eccezione, sulla scorta di giurisprudenza della Suprema Corte, addirittura allegata a supporto della tesi dell’improcedibilità dalla difesa della Compagnia, motivando col fatto che per giurisprudenza risalente, Cass. 7584/1995, l’onere della messa in mora è compiutamente adempiuto con l’invio della lettera all’agenzia presso la quale è stato concluso il contratto.

Massima: l’onere di preventiva messa in mora è adempiuto qualora la suddetta lettera sia inviata all’agenzia dell’impresa assicuratrice presso la quale è stato concluso il contratto.

Procedibile la domanda di risarcimento danni da sinistro stradale se preceduta da racc. a/r, anche in mancanza di inoltro della documentazione medica o delle notizie inerenti il reddito, se la Compagnia non formula richiesta di integrazione della documentazione ex. art. 148 V comma Cod. ass. private, o se comunque è provato che ha avuto modo di attivare la procedura di bonaria definizione della lite.

Con la seconda eccezione, invece, la Compagnia eccepiva il mancato invio della documentazione medica e dell’attestato di avvenuta guarigione, nonchè l’incompletezza della messa in mora per mancanza di dati in ordine al reddito della danneggiata.

Anche questa eccezione viene rigettata al mittente.

Il GdP adito rigetta l’eccezione preliminare della Compagnia sulla scorta di due considerazioni. La prima basata sul fatto che la Compagnia non aveva nei termini di cui all’art. 148 V comma del Codice delle assicurazioni private, chiesto l’integrazione della documentazione posta, poi, alla base dell’eccezione preliminare giudiziale; in ragione di tale carenza, argomenta il GdP, và rigetta l’eccezione sul fondamento che laddove la stesa fosse accolta l’onere posto in capo alla Compagnia ci cui all’articolo e al comma sopra richiamati sarebbe privo di contenuto e portata pratica.

Massima: l’assicuratore che non abbia provveduto a richiedere nei termini di legge al danneggiato le necessarie integrazioni di dati e/o documenti, non potrà poi invocare in proprio favore l’eccezione di improcedibilità della domanda motivata da incompletezza dei dati e/o dei documenti forniti dal danneggiato all’atto dell’originaria richiesta di risarcimento.

La seconda sul presupposto che l’improcedibilità è posta a tutela della Compagnia e del suo diritto a definire stragiudizialmente le controversie. Se, tuttavia, la Compagnia ha utilizzato il tempo concesso, attivando la procedura stragiudiziale e mettendosi in condizione di formulare una offerta, l’eccezione di improcedibilità non potrà essere accolta.

Massima: non può sussistere la denunciata improponibilità della domanda quando risulti ex actis che la compagnia ha comunque proceduto ad una valutazione e stima dei danni, attivando la procedura di definizione bonaria della lite e mettendosi così essa stessa, conseguentemente, in condizione di formulare una concreta offerta risarcitoria. In sostanza, quando è palese, poichè provato o non contestato, che la compagnia ha potuto valutare i danni e quantificarli, la domanda sarà sempre e comunque proponibile a prescindere dal contenuto (imperfetto) della raccomandata di messa in mora.

(Altalex, 26 agosto 2009. Nota di Allamprese Michele)






Giudice di Pace

Cerignola

Sentenza 18 maggio 2009

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI CERIGNOLA

Il Giudice di Pace

a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 09.07.2008 nel procedimento civile n. 527/2008 R.G.A.C. tra:

XXXXXXXX Rosa (avv. Michele Allamprese) RICORRENTE

CONTRO

xxxxxxx M.

MILANO Assicurazioni S.p.A. RESISTENTI

RILEVATO

- che la società resistente, nel costituirsi in giudizio, ha sollevato eccezione di improcedibilità della domanda del ricorrente sulla scorta di una ritenuta violazione degli obblighi imposti al danneggiato dall’art. 148, come richiamato dall’art. 145, del D. Lgs. 209/2005, con riferimento all’avere il danneggiato inoltrato la richiesta stragiudiziale di risarcimento danni priva di taluni degli elementi previsti dalla vigente normativa;

- che la medesima società ha altresì eccepito l’improcedibilità della domanda per essere stata la messa in mora indirizzata presso l’agenzia ove è stato stipulato il contratto di assicurazione invece che presso la sede legale ovvero l’ispettorato danni competente per territorio della società resistente.

RITENUTO

- che la prima eccezione ripropone ancora una volta la vexata quaestio se l’incompletezza della richiesta di risarcimento danni formulata ai sensi dell’art. 145 D.Lgs. 209/2005 possa per sé sola determinare l’improponibilità della domanda giudiziale pur se la stessa è stata introdotta nel rispetto dei termini di cui al medesimo art. 145.

Secondo una interpretazione già sostenuta nel motivare altri provvedimenti relativi ad analoghe eccezioni, questo giudice ritiene di dover rispondere negativamente al quesito, per due ordini di ragioni: la prima costituita dal fatto che, in caso contrario, la previsione di cui all’art. 148 comma 5 del D.Lgs. cit., relativa all’onere, gravante sull’assicuratore, di richiedere al danneggiato entro trenta giorni dalla ricezione della richiesta l’integrazione di dati/o documenti eventualmente mancanti, verrebbe ad essere privata di contenuto e di portata pratica. Tale non potendo essere l’interpretazione della citata norma, se ne deve evincere al contrario che quello di richiedere la suddetta integrazione è uno specifico onere gravante sull’assicuratore, tant’è che la legge ricollega all’adempimento di tale onere persino un effetto di estrema portata quale quello della sospensione dei termini di cui ai commi 1 e 2 dell’art. 148. Ulteriore conseguenza di tale impostazione è che l’assicuratore che non abbia provveduto a richiedere nei termini di legge al danneggiato le necessarie integrazioni di dati e/o documenti, non potrà poi invocare in proprio favore l’eccezione di improcedibilità della domanda motivata da incompletezza dei dati e/o dei documenti forniti dal danneggiato all’atto dell’originaria richiesta di risarcimento.

Orbene, poichè il contenuto della messa mora previsto dall’art. 148 è evidentemente legato all’esigenza di facilitare la definizione bonaria della controversia, non può sussistere la denunciata improponibilità della domanda quando risulti ex actis che la compagnia ha comunque proceduto ad una valutazione e stima dei danni, attivando la procedura di definizione bonaria della lite e mettendosi così essa stessa, conseguentemente, in condizione di formulare una concreta offerta risarcitoria. In sostanza, quando è palese, poichè provato o non contestato, che la compagnia ha potuto valutare i danni e quantificarli, la domanda sarà sempre e comunque proponibile a prescindere dal contenuto (imperfetto) della raccomandata di messa in mora.

Così Trib. Nola, IIª Sez. Civ., 04.12.2007.

* * * * * * *

In ordine alla seconda eccezione, la stessa trae smentita dalla stessa motivazione di quella sentenza della S.C. (Cass.Civ., Sez. III, 10.03.2008 n. 6284) che la resistente pone a fondamento del proprio argomento.

Ed invero la S.C., esaminando il caso – che giovi rammentarlo presentava rispetto al presente la differenza che evocata in giudizio era una impresa assicuratrice in qualità di impresa designata per conto della CONSAP-F.G.V.S. – e nello statuire che in quella fattispecie poteva considerarsi valida soltanto la messa in mora indirizzata alla sede legale della società ovvero presso l’ispettorato sinistri competente per territorio, aveva altresì modo di sottolineare, sia pure incidenter tantum, che al contrario, l’onere di cui all’art. 22 L. 990/69 (pacificamente parificabile, sotto tale profilo, all’analogo onere oggi disciplinato dall’art. 145 D.Lgs. 209/2005) “è adempiuto qualora la suddetta lettera sia inviata all’agenzia dell’impresa assicuratrice presso la quale è stato concluso il contratto”, in ciò richiamando Cass., 7584/1995. Ritenuto inoltre dalla lettura degli atti essere state ritualmente e tempestivamente formulate le richieste istruttorie, ritenuti gli stessi di seguito rilevanti ed ammissibili:

-ammette l’interrogatorio formale del resistente sulle circostanze del ricorsi depurate da ogni contraria valutazione ai sensi della normativa tesa alla confessione, autorizzando la notifica dell’interpello fino a giorni 10 prima dell’udienza per l’espletamento;

-ammette la prova per testi richiesta dal ricorrente con i testi indicati e sulle circostanze di cui in ricorso depurate da ogni valutazione;

ammette la c.t.u. medico-legale sulla persona del ricorrente riservando all’esito dell’espletamento delle prove orali la nomina del c.t.u.

P.T.M.

Dichiara procedibile la domanda, rimette la causa sul ruolo, fissa l’udienza del 02/10/2009 per l’espletamento delle prove orali. Manda alla cancelleria per le comunicazioni.

Cerignola, 18/05/2009 Il G.d.P.

Avv. Tiziana Brunetti



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.

Seminario online di aggiornamento professionale, accreditato 4 ore CNF

I seminari in materia di processo telematico, mirano a fornire all’Avvocato una preparazione di base in vista dell’imminente entrata a regime del Processo Civile telematico. L'intero percorso formativo &egr ...

Studio Legale Capalbo & Martucci

L'Avv. Pasqualino Capalbo e l'Avv. Stefania Martucci si occupano sia di diritto penale, sia di diritto civile, amministrativo e tributario.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli equitalia esame esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto Inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura