ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
R.c.a., messa in mora, domanda riconvenzionale, improponibilità
Cassazione civile , sez. III, sentenza 26.10.2009 n° 22597

La condizione di proponibilità della domanda, costituita dall'assolvimento dell'onere della richiesta con raccomandata nei confronti dell'assicuratore opera sia nel caso di azione diretta, che nella ipotesi di azione di responsabilità aquiliana.

Ne deriva che deve essere dichiarata improponibile anche la domanda riconvenzionale formulata contro il proprietario ed il conducente del veicolo, qualora non sia stata promossa oltre il termine di sessanta giorni dalla richiesta di risarcimento all'assicuratore r.c.a.. (1-4)

(*) Riferimenti normativi: art. 145, Cod. Ass..
(1) In tema di circolazione stradale e prova liberatoria, si veda Cassazione civile, Sez. III, sentenza 22.04.2009 n°9550.
(2) In tema di circolazione stradale, incidente e litisconsorzio, si veda Cassazione civile, sez. III, sentenza 03.11.2008 n° 26421.
(3) In materia di incidenti stradali e controversie presso il Giudice di Pace, si veda Cassazione civile, sez. III, ordinanza 07.08.2008, n. 21418.
(4) In materia di incidenti stradali, si veda il Focus: Incidenti stradali: la giurisprudenza attuale.

(Fonte: Altalex Massimario 43/2009. Cfr. nota di Raffaele Plenteda)






SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE III CIVILE

Sentenza 26 ottobre 2009, n. 22597

Svolgimento del processo

L'Istituto (…) per assicurazioni, società mutua di assicurazioni (…) ha proposto ricorso per cassazione avverso la decisione del Giudice di pace di Napoli del 20-23 gennaio 2004 che ha dichiarato il pari concorso di colpa dei due conducenti R.V. e A.P. in ordine all'incidente stradale del 15 febbraio 2002 ed ha condannato attrice e convenuta (in solido con le rispettive compagnie di assicurazione) al risarcimento della metà dei danni subiti dalle rispettive vetture.

Il ricorso si articola in quattro, distinti motivi.

Le altre parti non hanno svolto difese.

Il Procuratore Generale ha concluso per l'accoglimento del primo motivo di ricorso.

Motivi della decisione

Appare assorbente l'esame del primo motivo di ricorso con il quale la compagnia di assicurazione ha dedotto la violazione e falsa applicazione dell'art. 22 della legge 990 del 1969 rilevando che la convenuta P. non aveva provveduto, a sua volta, ad inviare la richiesta di risarcimento del danno alla compagnia di assicurazione dell'attrice R.V., proponendo direttamente domanda riconvenzionale nei confronti della stessa attrice (la compagnia di assicurazione I. era stata chiamata in estensione della domanda riconvenzionale di danni nei confronti della V., come si desume dalla sua formulazione letterale).

Il motivo è fondato alla luce della consolidata giurisprudenza di questa Corte (successiva a Cass. s.u. 12006 del 1991), secondo la quale nell'ambito della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli e natanti, per i quali vi è l'obbligo di assicurazione a norma della legge 24 dicembre 1969, n. 990, l'art. 22 di tale legge, il quale subordina la proponibilità dell'azione risarcitoria, inclusa quella formulata soltanto contro il responsabile, alla richiesta del danno all'assicuratore, nonché al decorso di sessanta giorni da tale richiesta, trova applicazione - tenendo conto del difetto di espresse limitazioni e della ratio della disposizione medesima (favore per il soddisfacimento stragiudiziale delle istanze di risarcimento) - anche con riguardo alla domanda riconvenzionale, avanzata dal convenuto che assuma - a sua volta - la responsabilità , esclusiva o concorrente, dell'attore (Cass. 1513 del 1993, 4411 del 1993, 10419 del 1994, 12189 del 2006).

A questo riguardo è stato anche di recente ribadito che l'onere imposto al danneggiato dall'art. 22 L. n. 990 del 1969 di richiedere all'assicuratore il risarcimento dei danni almeno sessanta giorni prima di proporre il relativo giudizio, costituisce condizione di proponibilità della domanda risarcitoria la cui mancanza è rilevabile d'ufficio in ogni stato e grado del processo, trattandosi di materia sottratta alla disponibilità delle parti, salva la preclusione del giudicato, anche implicito, restando tuttavia escluso che sia obbligo del giudice acquisire ex officio la relativa documentazione.

Ne consegue che il relativo mancato rilievo integra error in procedendo ed è deducibile con ricorso per cassazione anche contro le pronunzie rese dal giudice di pace secondo equità, attenendo alla tutela del diritto di difesa costituzionalmente protetto ai sensi dell'art. 24, secondo comma, Cost., mentre l'equità di tale giudice si riferisce alle sole norme sostanziali. (Cass. n. 18493 del 2006, 12537 del 2007).

Non vi sono ragioni per discostarsi da tale, consolidato, orientamento.

L'accoglimento di tale motivo, con assorbimento di tutte le altre censure (e tra queste anche di quelle riguardanti la validità della polizza assicurativa) determina la cassazione della sentenza impugnata per la sola parte riguardante la condanna dell'I. al pagamento dei danni subiti dalla convenuta, nei limiti dell'accertato, pari, concorso di colpa, non essendovi necessità di ulteriori accertamenti di merito.

La I. è stata chiamata in giudizio dalla propria assicurata R.V. a seguito della domanda riconvenzionale di danni svolta dalla P., la quale - in sede di conclusioni - ha richiesto la condanna al risarcimento dei danni dell'attrice ed, in via alternativa e solidale, la condanna della I.

Va, infatti, ricordato (anche sotto il profilo dell'art. 363, secondo comma, c.p.c.) che la condizione di proponibilità della domanda, costituita dall'assolvimento dell'onere della richiesta con raccomandata nei confronti dell'assicuratore secondo l'articolo 22 della legge 24 dicembre 1969 n. 990 (applicabile ratione temporis), opera sia nel caso di azione diretta, ai sensi dell'articolo 18 della legge suddetta, che nella ipotesi di azione di responsabilità aquiliana, a norma dell'articolo 2054 cod. civ.. Infatti detta condizione di proponibilità è posta dalla legge senza distinzione fra le persone contro cui l'azione venga proposta, cumulativamente o singolarmente. Deve, in linea di principio, essere dichiarata improponibile anche la domanda formulata ai sensi dell'articolo 2054 cod. civ. contro il proprietario ed il conducente del veicolo, qualora non sia stata promossa oltre il termine di sessanta giorni dalla richiesta di risarcimento all'assicuratore r.c.a..

L'affermazione di tale principio è priva, tuttavia, di qualsiasi concreta conseguenza nel caso di specie, considerato che nessuna censura è stata rivolta dalla attrice, avverso la sua condanna diretta al pagamento della somma disposta dal primo giudice.

La sentenza impugnata deve essere cassata e, decidendo nel merito, la domanda riconvenzionale, svolta nei confronti della I., deve essere dichiarata improponibile.

Quanto al regolamento delle spese, sussistono giusti motivi per disporre la compensazione delle spese tra I. e tutte le altre parti, per l'intero giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo di ricorso (assorbiti gli altri).

Cassa la sentenza impugnata in relazione alle censure accolte e, decidendo nel merito, dichiara improponibile la domanda svolta nei confronti di I., compagnia assicuratrice della attrice, dalla convenuta.

Compensa le spese dell'intero giudizio tra I. e le altre parti.


Avvocato Penalista Giuseppe de Lalla

specializzato in diritto penale, difesa penale minorile, difesa accusato stalking (vittime/sex offendere);


COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Incidenti stradali: la giurisprudenza attuale (Focus di Massimario.it agg. al 28.02.2012 )

Rc auto: anche la riconvenzionale deve essere preceduta dalla raccomandata (Cassazione civile , sez. III, sentenza 26.10.2009 n° 22597 (Raffaele Plenteda) )

Circolazione stradale, prova liberatoria, necessità, precisazioni (Cassazione civile , sez. III, sentenza 22.04.2009 n° 9550 )

Responsabilità civile, auto, incidente stradale, assicurazione, litisconsorzio (Cassazione civile , sez. III, sentenza 03.11.2008 n° 26421 )

Incidenti stradali, lesioni personali, controversie di competenza del giudice di pace (Cassazione civile , sez. III, ordinanza 07.08.2008 n° 21418 )


20 lezioni di Diritto penale e procesuale e 7 correzioni

L'obiettivo del corso è quello di fornire una preziosa “bussola” con cui orientarsi  nella complicatissima selezione delle tematiche a più “elevato rischio concorsuale. Il Corso ...

Segnalazioni Editoriali
Il Testo Unico sicurezza sul lavoro commentato con la giurisprudenza (Sconto 25%) Raffaele Guariniello 70,00 € 56,00
IPSOA INDICITALIA — Anno 2014
L’applicazione del T.U. Sicurezza sul lavoro comporta obblighi e responsabilità per chi - professionista, rspp, as...

Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo Appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto atto giudiziario autovelox avvocato bancarotta fraudolenta bando di concorso carceri cartella esattoriale certificato di agibilità codice della strada Codice Deontologico Forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento depenalizzazione depenalizzazione reati minori difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio diritto civile diritto penale donazione equa riparazione Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale formulario Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria Giudice di Pace giudici ausiliari giudici di pace Giustizia guida in stato di ebbrezza incidente di esecuzione indennizzo diretto induzione indebita Inps insidia stradale interessi legali ipoteca jobs act legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita occupazione abusiva oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone posta elettronica certificata precari precetto prima traccia processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione Riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sciopero seconda traccia semplificazione fiscale sentenza Franzese sequestro conservativo servitù sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali tulps usucapione usura