ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Se l'immigrato è già espulso non si può regolarizzare il rapporto di lavoro
Consiglio di Stato , sez. VI, sentenza 15.03.2010 n° 1425 (Manuela Rinaldi)

Non può essere regolarizzato l’immigrato già espulso.

Così ha stabilito la sesta sezione del Consiglio di Stato nella decisione del 15 marzo scorso, con cui è stato ribadito il principio secondo cui “l’adozione di un provvedimento di espulsione, mediante accompagnamento coattivo alla frontiera, in quanto tale neppure revocabile, è causa ostativa alla regolarizzazione del rapporto di lavoro dell’immigrato”.

Nella fattispecie si trattava di un ricorso presentato da un cittadino extracomunitario al TAR Lombardia, per far dichiarare l’annullamento del decreto con cui era stata respinta, dal prefetto, l’istanza dello stesso cittadino, volta all’emersione del lavoro irregolare.

Il TAR respingeva l’impugnazione in base al fatto che “il cittadino era stato espulso dal territorio nazionale mediante accompagnamento alla frontiera a mezzo della forza pubblica. Da ciò discendeva che il tipo di espulsione accertato giustificava il rigetto dell’istanza, senza che fosse necessaria alcuna ulteriore motivazione”.

La questione, quindi, si spostava dinanzi l’attenzione del Consiglio di Stato, il quale osservava che “la critica mossa dall’appellante alla decisione collide con il consolidato orientamento giurisprudenziale, secondo cui l’adozione di un provvedimento di espulsione mediante accompagnamento coattivo alla frontiera, in quanto tale neppure revocabile, è causa ostativa alla regolarizzazione del rapporto di lavoro dell’immigrato.

Ciò in quanto, ai sensi del comma 8 dell’art. 1 della legge n. 222/2002, le norme di favore ivi previste non si applicano ai destinatari di un provvedimento di espulsione, salva l’ipotesi di revoca del provvedimento, ma la revoca che non può essere disposta, ai sensi della stessa normativa, quando si sia anche ordinato l’accompagnamento alla frontiera con la forza pubblica, impedendo ciò, ai sensi del comma 2 dell’art. 2 della medesima normativa, il rilascio del permesso di soggiorno con revoca del provvedimento di espulsione”.

Nella decisione in commento il Consiglio precisa il principio secondo cui “la disciplina di cui all’art. 1, della legge n. 222 del 2002, finalizzata all’emersione di tutti i lavoratori extracomunitari già occupati con un rapporto destinato a stabilizzarsi dopo il completamento della procedura di regolarizzazione, richiede che i benefici siano riservati solo agli stranieri in possesso dei requisiti normativamente previsti, tenuto conto dell’esigenza di evitare una disparità di trattamento tra i diversi soggetti interessati”.

(Altalex, 8 aprile 2010. Nota di Manuela Rinaldi)






Consiglio di Stato

Sezione VI

Decisione 16 febbraio - 15 marzo 2010, n. 1475

Massima e Testo Integrale




COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Immigrazione, rapporto di lavoro, regolarizzazione, limiti (Consiglio di Stato , sez. VI, decisione 15.03.2010 n° 1475 )

Conversione del D.L. sulla legalizzazione del lavoro irregolare di extracomunitari (Legge 09.10.2002 n° 222 )


20 lezioni di Diritto penale e procesuale e 7 correzioni

L'obiettivo del corso è quello di fornire una preziosa “bussola” con cui orientarsi  nella complicatissima selezione delle tematiche a più “elevato rischio concorsuale. Il Corso ...

Avv. Alessandra Possis

Lo studio tutto al femminile opera sia in materia civile che penale. Relativamente alla materia civile vengono trattate questioni di diritto immobiliare, di diritto di famiglia e di infortunistica stradale.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri certificato di agibilità Codice della Strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale gazzetta ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione Riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca italia sciopero sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali tulps usucapione usura