ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Edilizia, ristrutturazione, nozione
TAR Sicilia-Palermo, sez. III, sentenza 29.09.2010 n° 11114

In base alla interpretazione dell’articolo 3 del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 (Testo Unico in materia edilizia), nel concetto di “ristrutturazione edilizia” rientrano anche quegli interventi consistenti nella demolizione e ricostruzione di un immobile con la stessa volumetria e sagoma di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica. (1)

In senso conforme: Cons. Stato, V, 16/03/2005, n. 1062; Cons. Stato, IV, 28/07/2005, n. 4011; Cons. Stato, 7/09/2004, n. 5791.

(Fonte: Massimario.it - 34/2010. Cfr. nota su Altalex Mese - Schede di Giurisprudenza)






T.A.R.

Sicilia - Palermo

Sezione III

Sentenza 29 settembre 2010, n. 11114

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 11114/2010 REG.SEN.

N. 00284/2005 REG.RIC.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia

(Sezione Terza)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso con il numero di registro generale 284 del 2005, proposto da *** Salvatore, con domicilio eletto in Palermo, via Sammartino 4, presso lo studio dell’Avv. Baldassare Agugliaro, rappresentato e difeso dall'Avv. Francesco Lauricella;

contro

il Comune di San Cataldo, in persona del Sindaco pro tempore, rappresentato e difeso dall'Avv. Mario Sardo, domiciliato per legge in Palermo, via Butera 6, presso la Segreteria del T.A.R. Sicilia, Palermo;

per l'annullamento

previa sospensione dell'efficacia,

del provvedimento n. 126 del 12 novembre 2004, notificata il 18 novembre seguente, con il quale è stata negata la concessione edilizia in variante e ordinata la demolizione dell’immobile ivi descritto.

Visto il ricorso con i relativi allegati;

Visto l'atto di costituzione in giudizio, con i relativi allegati, del Comune di San Cataldo;

Vista l’ordinanza collegiale istruttoria n. 50/2005;

Visto il decreto presidenziale n. 82/05;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore il Referendario Anna Pignataro;

Udito, nell'udienza pubblica del giorno 21 settembre 2010, il difensore di parte ricorrente, così come specificato nel verbale d’udienza;

Considerato in fatto e ritenuto in diritto quanto segue.

FATTO

Con ricorso notificato il 12 gennaio 2005 e depositato il successivo giorno 1° febbraio, il sig. Salvatore *** ha impugnato il provvedimento in epigrafe, chiedendone l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia, esponendo:

- di avere ottenuto, in data 1 giugno 2004, la concessione edilizia n. 04346/2004, per la ristrutturazione del fabbricato di cui è comproprietario, sito nel territorio del Comune di San Cataldo, c.da Raffa-Decano, in catasto al foglio n. 158, p.lla n. 735, ricadente nella zona E/1 verde agricolo del P.R.G. vigente, con destinazione d’uso artigianale;

- che, in corso d’opera, a causa di non previste e abbondanti infiltrazioni di acque sotterranee, si verificava un crollo delle vecchie strutture che costringeva la direzione lavori alla realizzazione delle fondazioni ad una profondità superiore di circa 0,89 cm rispetto a quella permessa;

- che altre due difformità, rispetto al progetto di ristrutturazione autorizzato venivano poste in essere, ossia, una maggiore lunghezza del portico di cm 13 (ml 5,60 in luogo di ml 5,47) e la realizzazione della copertura del medesimo portico, a falda orizzontale piuttosto che a falda inclinata;

- che il Comune intimato, con l’impugnata ordinanza di demolizione n.126 del 12 novembre 2004, avrebbe erroneamente supposto la volontà del ricorrente di realizzare un manufatto di altezza superiore rispetto a quella concessa.

Deduce il ricorrente i seguenti vizi:

1) “Eccesso di potere per travisamento di fatti, eccesso di potere per difetto di motivazione e violazione di legge”.

Le variazioni rispetto al progetto di ristrutturazione autorizzato sarebbero minime e non integrerebbero, secondo l‘ordinamento vigente (art. 15 della l. n. 47/85), alcun abuso.

Peraltro, nel concetto di ristrutturazione edilizia sarebbe ricompresa anche la fattispecie della totale demolizione del fabbricato preesistente e la sua ricostruzione nei limiti di quanto autorizzato, così come sarebbe avvenuto in concreto, donde anche la contraddittorietà della motivazione del provvedimento impugnato laddove qualifica le opere edilizie di che trattasi al pari di una “nuova edificazione e non come intervento di ristrutturazione”;

2) “Eccesso di potere per erronea attivazione del procedimento amministrativo e violazione di legge”.

Anche a volere qualificare “abusiva” la ristrutturazione così realizzata, si verserebbe sempre in fattispecie diversa da quella dell’edificazione abusiva di un “nuovo edificio” e, pertanto, la sanzione irrogabile non potrebbe essere quella della demolizione ex art. 7 della l. n. 47/85, ma solo quella pecuniaria in applicazione del successivo art. 9 della medesima legge.

Per resistere si è costituita l’Amministrazione comunale depositando memoria con la quale, dopo avere descritto i fatti procedimentali con maggiore dettaglio, ha dedotto l’infondatezza del gravame, poiché, in buona sostanza, la concessione edilizia avrebbe riguardato soltanto la ristrutturazione del fabbricato già esistente, mentre il ricorrente ne avrebbe, difformemente, prima operato la demolizione e, poi, realizzato al suo posto una nuova costruzione, fattispecie non assimilabile a quella autorizzata della sola ristrutturazione.

Con ordinanza istruttoria n. 50 del 22 febbraio 2005, è stata disposta la nomina di C.T.U. al fine di accertare la corrispondenza o meno dell’edificio realizzato dal ricorrente al progetto approvato con la concessione edilizia n. 04346 del 1° giugno 2004, la cui relazione finale è stata depositata il 20 maggio 2005.

Con decreto presidenziale n. 82 del 15 settembre 2005 è stata liquidata la parcella presentata dal C.T.U. incaricato.

In vista dell’udienza pubblica, il ricorrente ha depositato memoria al fine di precisare le proprie conclusione alla stregua delle risultanze della C.T.U.

Alla pubblica udienza del 21 settembre 2010 la causa su richiesta di parte ricorrente è stata posta in decisione.

DIRITTO

1. Ritiene il Collegio che il ricorso sia fondato alla stregua del primo motivo di ricorso, avente carattere assorbente.

1.1. La questione di diritto da risolvere concerne la riconducibilità alla nozione di “ristrutturazione edilizia” della fattispecie della demolizione di un fabbricato preesistente e della sua ricostruzione mediante una nuovo manufatto e, se ritenuta ammissibile tale assimilazione, entro quali limiti.

1.2. Al fine di rispondere al predetto quesito, è opportuno, in primo luogo, dare cognizione delle circostanze che caratterizzano la vicenda de qua, alla luce delle risultanze probatorie acquisite.

Sia la relazione tecnica depositata dal ricorrente a supporto delle proprie difese, sia la relazione predisposta dal consulente tecnico nominato d’ufficio, hanno, chiaramente, concluso nel senso che, in base alla documentazione tecnica e amministrativa esaminata ed ai sopralluoghi effettuati, il ricorrente ha proceduto alla totale demolizione del fabbricato preesistente ed alla sua ricostruzione mantenendo inalterata la sagoma planimetrica e la volumetria indicata nel progetto approvato con la concessione edilizia n. 04346 del 1 giugno 2004 (cfr. pag. 6 della relazione tecnica di parte ricorrente, allegato 5 al ricorso) atteso che le differenze metriche tra l’edificio realizzato e il progetto approvato con la predetta concessione edilizia risultano “irrisorie”, certamente inferiori alla normale tolleranza di cantiere pari al 3% e che la variante consistente nella diversa tipologia di copertura – da “a falda” a “piana”, di pari altezza del fabbricato -, essendo relativa ad un volume tecnico non computabile, non inficia il valore degli indici edilizi significativi della costruzione, ossia superficie e volume (cfr. relazione tecnica d’ufficio, pag. 6).

Pertanto, è inequivocabilmente affermata la conformità dell’edificio al progetto approvato con la concessione edilizia n. 04346 del 1° giugno 2004, rilasciata al ricorrente.

Tali conclusioni paiono al Collegio condivisibili, in assenza, agli atti di causa, di elementi probatori di senso contrario.

1.2. Ora, ciò posto, va ricordato che il concetto di “ristrutturazione edilizia” trova la sua base normativa nell’art. 3 del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, T.U., in materia edilizia, nel quale è stato trasfuso l’art. 31 della legge 5 agosto 1978, n. 457.

Secondo l’articolo 3 citato (come modificato dall’art. 1 del D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 301) si intendono “interventi di ristrutturazione edilizia”, “gli interventi rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente.

Tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell’edificio, l’eliminazione, la modifica e l’inserimento di nuovi elementi ed impianti.

Nell’ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono ricompresi anche quelli consistenti nella demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria e sagoma di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica”.

Così come chiarito dalla giurisprudenza, pacifica in merito, il concetto di ristrutturazione edilizia comprende anche la demolizione seguita dalla ricostruzione del manufatto, purché la riedificazione assicuri la piena conformità di sagoma e volume tra il vecchio e il nuovo manufatto (cfr., ex multis, Cons. Stato, V, 16 marzo 2005, n. 1062 e riferimenti ivi contenuti; IV, 28 luglio 2005, n. 4011; 7 settembre 2004, n. 5791).

Ciò che contraddistingue la ristrutturazione dalla nuova edificazione è la già avvenuta trasformazione del territorio, attraverso una edificazione di cui si conservi la struttura fisica (sia pure con la sovrapposizione di un “insieme sistematico di opere, che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente”), ovvero la cui stessa struttura fisica venga del tutto sostituita, ma - in quest’ultimo caso – con ricostruzione, se non “fedele” - termine espunto dall’attuale disciplina -, comunque, rispettosa della volumetria e della sagoma della costruzione preesistente (cfr. Cons. Stato, VI, 16 dicembre 2008, n. 6214; IV, 16 giugno 2008, n. 2981; V, 4 marzo 2008, n. 918; IV, 26 febbraio 2008, n. 681).

1.3. Alla luce della consolidata interpretazione giurisprudenziale sopra accennata, non pare possa dubitarsi che, nel caso in esame, contrariamente a quanto affermato dal Comune resistente nel provvedimento impugnato, le opere edificate dal ricorrente rientrino nella nozione della “ristrutturazione edilizia” assentita con la concessione edilizia n. 04346 del 1° giugno 2004 e che le medesime, così come provato in corso di causa, siano conformi al progetto ivi approvato.

1.4. Concludendo, assorbiti gli ulteriori motivi, la domanda di annullamento dell’atto impugnato è fondata e va accolta.

2. Le spese di giudizio seguono, come di regola, la soccombenza, e si liquidano in dispositivo.

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, sede di Palermo, Sezione terza, definitivamente pronunciando, accoglie il ricorso in epigrafe e, per l’effetto, annulla il provvedimento impugnato.

Condanna il Comune di San Cataldo, in persona del Sindaco pro tempore, al pagamento delle spese e degli onorari di causa a favore del ricorrente, che si liquidano in complessivi € 1.500,00 (euro millecinquecento/00), oltre IVA e CPA come per legge e oltre quelle della C.T.U. nella misura liquidata nel decreto presidenziale n. 82 del 15 settembre 2005, e alla rifusione dell’importo del contributo unificato.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

Così deciso in Palermo nella camera di consiglio del giorno 21 settembre 2010 con l'intervento dei Magistrati:

Calogero Adamo, Presidente

Federica Cabrini, Consigliere

Anna Pignataro, Referendario, Estensore

L'ESTENSORE

IL PRESIDENTE

DEPOSITATA IN SEGRETERIA IL 29/09/2010.



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Demolire e ricostruzione un immobile con la stessa volumetria e sagoma rientra nella ristrutturazione edilizia (TAR Sicilia-Palermo, sez. III, sentenza 20.09.2010 n° 11114 (Clorinda Di Franco) )

Testo unico in materia edilizia (D.P.R. , testo coordinato 06.06.2001 n° 380 , G.U. 20.10.2001 )


26 ore video sui programmi dei principali compendi

L’obiettivo del corso è quello di fornire uno strumento complementare da utilizzare per l’assimilazione ed il ripasso dei concetti che può rilevarsi prezioso nella fase finale della preparazione ( ...

avv. Ettore Vannini

Studio che opera nel settore del diritto civaile e con ai settori di responsabilità contrattuale extracontrattuale, familglia e successioni, esecuzioni immobiliari mobilari, res infortunistica strad., disponibile domiciliazione su RN FC RA


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri certificato di agibilità Codice della Strada codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura