ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Codice del Turismo
Codice del Turismo, agg. al 06.04.2012

Pubblichiamo il "Codice dellla normativa statale in tema di ordinamento e mercato del turismo", allegato al Decreto legislativo 23.05.2011 n° 79, ed in vigore dal 21 giugno 2011.


Codice del Turismo (All. Dlgs 79/2011)

Titolo I - Disposizioni generali (artt. 1-5)
Titolo II - Professione e formazione nel settore turistico (artt. 6-7)
Titolo III - Mercato del turismo (artt. 8-17)
Titolo IV - Agenzie di viaggio e turismo (artt. 18-21)
Titolo V - Tipologie di prodotti turistici e relativi circuiti nazionali di eccellenza(artt. 22-31)
Titolo VI - Contratti (artt. 32-53)
Titolo VII - Ordinamento (artt. 54-69)

Normativa di settore



Codice del Turismo

Altalex Editore - Collana "Codici Altalex"

Acquista il "Codice del Turismo commentato" a cura di Maria Teresa Rennis


Mappa Codici






CODICE TURISMO
(Allegato al Decreto legislativo 23.05.2011 n° 79, G.U. n. 129 del 06-06-2011. Testo in vigore dal 21 giugno 2011)

TITOLO I
DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I
DEI PRINCIPI GENERALI

ART. 1
(Ambito di applicazione)

1. Il presente codice reca, nei limiti consentiti dalla competenza statale, norme necessarie all'esercizio unitario delle funzioni amministrative in materia di turismo ed altre norme in materia (1) riportabili alle competenze dello Stato, provvedendo al riordino, al coordinamento e all'integrazione delle disposizioni legislative statali vigenti, nel rispetto dell'ordinamento dell'Unione europea e delle attribuzioni delle regioni e degli enti locali.

(1) La Corte Costituzionale, con sentenza 5 aprile 2012, n. 80 ha pronunciato l'incostituzionalità del presente articolo limitatamente alle parole «necessarie all’esercizio unitario delle funzioni amministrative» e «ed altre norme in materia» per eccesso di delega.

ART. 2
(Principi sulla produzione del diritto in materia turistica) (1)

1. L'intervento legislativo dello Stato nella materia del turismo è consentito quando il suo oggetto principale costituisce esercizio di una autonoma competenza legislativa statale esclusiva o concorrente.

2. L'intervento legislativo dello Stato in materia di turismo è, altresì, consentito quando sussistono le seguenti esigenze di carattere unitario:
a) valorizzazione, sviluppo e competitività, a livello interno ed internazionale, del settore turistico quale fondamentale risorsa del Paese;
b) riordino e unitarietà dell'offerta turistica italiana.

3. Le funzioni amministrative, esercitate dallo Stato di cui ai commi 1 e 2, sono attribuite al Presidente del Consiglio dei Ministri o al Ministro delegato.

(1) La Corte Costituzionale, con sentenza 5 aprile 2012, n. 80 ha pronunciato l'incostituzionalità del presente articolo per eccesso di delega.

ART. 3
(Principi in tema di turismo accessibile) (1)

1. In attuazione dell'articolo 30 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, fatta a New York il 13 dicembre 2006, ratificata e resa esecutiva con la legge 3 marzo 2009, n. 18, lo Stato assicura che le persone con disabilità motorie, sensoriali e intellettive possano fruire dell'offerta turistica in modo completo e in autonomia, ricevendo servizi al medesimo livello di qualità degli altri fruitori senza aggravi del prezzo. Tali garanzie sono estese agli ospiti delle strutture ricettive che soffrono di temporanea mobilità ridotta.

2. Ai fini di cui al comma 1, lo Stato promuove la fattiva collaborazione tra le autonomie locali, gli enti pubblici, gli operatori turistici, le associazioni delle persone con disabilità e le organizzazioni del turismo sociale.

3. E' considerato atto discriminatorio impedire alle persone con disabilità motorie, sensoriali e intellettive, di fruire, in modo completo ed in autonomia, dell'offerta turistica, esclusivamente per motivi comunque connessi o riferibili alla loro disabilità.

(1) La Corte Costituzionale, con sentenza 5 aprile 2012, n. 80 ha pronunciato l'incostituzionalità del presente articolo in quanto esso "attiene, con evidenza, ai rapporti tra Stato e Regioni in materia di turismo e realizza un accentramento di funzioni, che, sulla base della natura residuale della competenza legislativa regionale, spettano in via ordinaria alle Regioni, salvo che lo Stato non operi l’avocazione delle stesse".

CAPO II
IMPRESE TURISTICHE

ART. 4
(Imprese turistiche)

1. Ai fini del presente decreto legislativo sono imprese turistiche quelle che esercitano attività economiche, organizzate per la produzione, la commercializzazione, l'intermediazione e la gestione di prodotti, di servizi, tra cui gli stabilimenti balneari, di infrastrutture e di esercizi, compresi quelli di somministrazione facenti parte dei sistemi turistici locali, concorrenti alla formazione dell'offerta turistica.

2. L'iscrizione al registro delle imprese, di cui alla legge 29 dicembre 1993, n. 580, e successive modificazioni, e con le modalita' di cui al decreto del Presidente della Repubblica 7 dicembre 1995, n. 581, e successive modificazioni, ovvero al repertorio delle notizie economiche e amministrative laddove previsto, costituiscono
condizione per usufruire delle agevolazioni, dei contributi, delle sovvenzioni, degli incentivi e dei benefici di qualsiasi genere ed a qualsiasi titolo riservate all'impresa turistica.

3. Fermi restando i limiti previsti dall'Unione europea in materia di aiuti di Stato alle imprese, alle imprese turistiche sono estesi i contributi, le agevolazioni, le sovvenzioni, gli incentivi e i benefici di qualsiasi generi previsti dalle norme vigenti per l'industria, così come definita dall'articolo 17 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, nei limiti delle risorse finanziarie a tal fine disponibili ed in conformità ai criteri definiti dalla normativa vigente.

4. Le imprese turistiche non costituite conformemente alla legislazione di uno Stato membro dell'Unione europea o di uno Stato AELS (EFTA) possono essere autorizzate a stabilirsi e ad esercitare le loro attività in Italia, secondo il principio di reciprocità, previa iscrizione nel registro di cui al comma 2, ed a condizione che
posseggano i requisiti richiesti dalle leggi statali e regionali, nonché dalle linee guida di cui all'articolo 44 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112.

ART. 5
(Imprese turistiche senza scopo di lucro)

1. Le associazioni che operano nel settore del turismo giovanile e per finalità ricreative, culturali, religiose, assistenziali o sociali, sono autorizzate ad esercitare le attività di cui all'articolo 4, nel rispetto delle medesime regole e condizioni, esclusivamente per gli associati, anche se appartenenti ad associazioni straniere aventi finalita' analoghe e legate fra di loro da accordi di collaborazione.

2. Le associazioni di cui al comma 1 assicurano il rispetto dei diritti del turista tutelati dall'ordinamento internazionale e dell'Unione europea.

(Segue>>)


Lo straniero e il giudice civile
Germano Cortese Emanuela, Ratti Gabriella, Vitrò Silvia, Veglio Maurizio
70,00
€ 63,00
Aspetti sostanziali e processuali del diritto dell' immigrazione
UTET 2014

COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Agriturismi: i criteri di classificazione in Gazzetta (Decreto Ministero Politiche agricole 13.02.2013, G.U. 05.03.2013 )

Codice del Turismo (Codice del Turismo, agg. al 06.04.2012)

Codice del turismo - Agenzia di viaggio e turismo (Codice del Turismo, Titolo IV, agg. al 06.04.2012)

Codice del turismo - Ordinamento (Codice del Turismo, Titolo VII, agg. al 06.04.2012)

Codice del Turismo - Tipologie di prodotti turistici e relativi circuiti nazionali di eccellenza (Codice del Turismo, Titolo V, agg. al 06.04.2012)

Codice del turismo - Mercato del turismo (Codice del Turismo, Titolo III, agg. al 06.04.2012)

Regioni, stato, competenze, riparto, turismo, codice (Corte Costituzionale , sentenza 05.04.2012 n° 80 )

Codice del turismo commentato - agg. al D.L. n. 1/2012 (Volume, segnalazione del 22.02.2012)

Ritardo aereo: responsabilità del vettore, danno risarcibile e foro competente (Articolo 05.01.2012 (Marco Pescarollo) )

Codice del turismo: più diritti e maggiore competitività (Articolo 18.06.2011 (Carlo Rombolà) )

Codice del turismo - Contratti (Codice del Turismo, Titolo VI, agg. al 07.06.2011)

Codice del turismo - Professione e formazione nel settore turistico (Codice del Turismo, Titolo II, agg. al 07.06.2011)

Formulario per i contratti relativi a prodotti per le vacanze di lungo termine (Modello aggiornato al 06.06.2011)

Codice del Turismo pubblicato in Gazzetta Ufficiale (Decreto legislativo 23.05.2011 n° 79 , G.U. 06.06.2011 )

La tutela del consumatore-turista ed il fenomeno dell'overbooking (Articolo di Giovanni Battista Gallo 03.03.2003)


10 correzione personalizzate e 6 ore di lezione in aula virtuale

Il corso online di Altalex per la preparazione al concorso in magistratura ordinaria giunge quest’anno all’VIII edizione. Come di consueto il corso si caratterizza per il connubio tra una metodologia didattica ...

Avv. Marta Buffoni

diritto e responsabilità civile: DIRITTO DEL CONSUMO, tutela delle persone e della famiglia, successioni e donazioni, obbligazioni, contratti titpici e atipici, assicurazioni; locazione e condominio; diritto della circolazione stradale etc...


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso amministratore di condominio anatocismo Appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio equitalia esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo telematico procura alle liti provvigione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma forense riforma fornero sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura