ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Stipendi non pagati? Azione esecutiva sulla retribuzione lorda
Cassazione civile , sez. III, sentenza 28.09.2011 n° 19790 (Laura Biarella)

In ipotesi di ritardo nel pagamento della retribuzione, il datore non può trattenere le ritenute contributive che sarebbero state a carico del lavoratore, pertanto l’azione esecutiva intrapresa da quest’ultimo ha per oggetto la retribuzione lorda, che includa ritenute previdenziali e fiscali.

Lo hanno stabilito i giudici di Piazza Cavour con la sentenza 28 settembre 2011, n. 19790 in accoglimento del ricorso proposto da una lavoratrice avverso il proprio datore. La Corte riconosce i motivi esposti dalla prestatrice di lavoro manifestamente fondati, “dovendo l’accertamento e la liquidazione dei crediti pecuniari del lavoratore per differenze retributive essere effettuati al lordo delle ritenute sia contributive che fiscali”.

Il principio espresso dalla Cassazione travolge le sentenze di merito dove si era statuito che gli importi sui quali intraprendere l’azione esecutiva dovessero essere “netti”, non comprensivi pertanto delle ritenute. La difesa della prestatrice di lavoro incentra la tesi difensiva sulla circostanza che gli importi da percepire a titolo di differenze retributive per gli anni precedenti rappresentano retribuzioni arretrate, rispetto alle quali l’onere della corresponsione dei contributi agli enti grava esclusivamente al datore di lavoro. Da ciò consegue che l’importo di cui all’esecuzione esecutiva è al lordo delle ritenute previdenziali, assistenziali e fiscali, in quanto il prestatore non può essere gravato di ciò che grava per legge sul datore. Al contrario, il datore di lavoro trattiene le somme sulla retribuzione lorda soltanto se il pagamento dello stipendio è tempestivo. Il datore può quindi trattenere gli importi relativi alle ritenute contributive e fiscali, decurtandole dalla retribuzione lorda del prestatore, solo in ipotesi di pagamento tempestivo della retribuzione: se invece i contributi vengono pagati parzialmente, oppure in ritardo, l’eventuale fase esecutiva intrapresa dal prestatore per la liquidazione dei crediti pecuniari derivanti da differenze retributive, va operata al lordo delle ritenute.

In definitiva, quando il datore abbia omesso l’obbligo di versare le ritenute, il datore non può rivalersi verso il lavoratore per le ritenute previdenziali. Le ritenute fiscali gravano invece sul lavoratore, il quale a seguito della dichiarazione sui contributi percepiti, sarà obbligato a versare le relative imposte, sulla base del criterio di cassa e non di competenza.

(Altalex, 3 novembre 2011. Nota di Laura Biarella)






SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE III CIVILE

Sentenza 8 luglio – 28 settembre 2011, n. 19790

(Presidente Petti – Relatore De Stefano)

Massima e Testo Integrale 



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Datore di lavoro, versamento contributi, obbligo, inadempimento (Cassazione civile , sez. III, sentenza 28.09.2011 n° 19790 )


Seminario online di aggiornamento professionale, accreditato 4 ore CNF

I seminari in materia di processo telematico, mirano a fornire all’Avvocato una preparazione di base in vista dell’imminente entrata a regime del Processo Civile telematico. L'intero percorso formativo &egr ...

Marta Luchini

Si offre assistenza, consulenza e contenzioso principalmente in ambito di diritto civile e amministrativo.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli equitalia esame esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura