ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Imponibile a fini IVA distacco di personale se parte di prestazione "complessa"
Agenzia Entrate , risoluzione 05.11.2002 n° 346
L'art. 8, comma 35, della l. n. 67 del 1988 prevede che "non sono da intendere rilevanti ai fini dell'imposta sul valore aggiunto i prestiti o i distacchi di personale a fronte dei quali e' versato solo il rimborso del relativo costo".
La norma citata si applica solo se lo schema negoziale utilizzato per la fornitura della manodopera e' il prestito o il distacco del personale. E' necessario, a tal fine, che venga rimborsato esclusivamente il costo del personale prestato (retribuzione, oneri previdenziali e contrattuali), che il personale utilizzato sia legato da rapporto di lavoro dipendente con l'impresa fornitrice e che l'attivita' lavorativa del dipendente sia organizzata da chi riceve la prestazione, nell'ambito della propria struttura.
Se però non si e' in presenza di un semplice prestito di personale, ma si e' di fronte ad una figura contrattuale complessa ed articolata, come ad esempio un prestito di personale strettamente collegato all'affitto di macchinari e/o software, andando così a configurare una prestazione unica ed inscindibile, la relativa fatturazione e' unica e l'intero corrispettivo pagato per tale prestazione e' da assoggettare ad Iva, ai sensi dell'art. 3, comma 1, del DPR n. 633 del 1972.

(nota a cura della redazione)

Per approfondimenti si rimanda all'approfondimento di Antonio Paladino





Risoluzione del 05/11/2002 n. 346
Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa e Contenzioso
Istanza d'interpello - articolo 8, comma 35, legge 11 marzo 1988, n. 67 -. Esclusione ai fini Iva del prestito di personale.

Oggetto:
Istanza d'interpello - articolo 8, comma 35, legge 11 marzo 1988, n. 67 -.
Esclusione ai fini Iva del prestito di personale.
(Documento in fase di trattamento redazionale.)

Testo:
Con istanza di interpello presentata ai sensi dell'art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, alla Direzione regionale, il Consorzio X ha esposto il seguente quesito, volto a conoscere se un prestito di personale costituisce un'operazione esclusa ai fini Iva.
QUESITO

Il consorzio X svolge attivita' di elaborazione dati per i suoi consorziati, utilizzando, tra l'altro, macchinari, software e personale di altra impresa. Il titolo giuridico che consente la messa a disposizione, in via esclusiva, a favore del consorzio, dei macchinari e del software e' un contratto d'affitto. Il personale della societa' viene prestato e distaccato al consorzio. Detto personale opera esclusivamente per conto dell'istante, sulla base di direttive da questi emanate in ordine agli orari, alle modalita' di esecuzione del lavoro, alle autorizzazione agli straordinari, alle ferie ed ai permessi. A fronte del prestito di personale, il consorzio rimborsa all'impresa fornitrice il costo delle retribuzioni, degli oneri previdenziali e contrattuali. Secondo l'istante il prestito di personale e' da ritenersi non rilevante ai fini dell'Iva a norma dell'art. 8, comma 35, della legge 11 marzo 1988, n. 67. I macchinari e il personale prestati sono localizzati in strutture gestite dal consorzio. Sia i contratti relativi ai macchinari sia quelli relativi al prestito di personale sono a tempo indeterminato, con possibilita' di disdetta per entrambe le parti, dietro preavviso di sei mesi. Si precisa, infine, che il consorzio istante opera in regime di esenzione ai fini Iva per le prestazioni effettuate nei confronti dei propri consorziati, tutti esercitanti attivita' bancaria.

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

Il consorzio ritiene che l'affitto dei macchinari e del software configurerebbe un'autonoma prestazione di servizi da assoggettare ad Iva, ai sensi dell'art. 3, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, mentre il rimborso del costo del personale distaccato o prestato costituirebbe un'operazione non rilevante ai fini Iva, ai sensi dell'art. 8, comma 35, della l. n. 67 del 1988.

PARERE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE

In base alle informazioni contenute nell'istanza di interpello e nella documentazione integrativa presentata, il consorzio istante, per l'esercizio della propria attivita', consistente nell'elaborazione di dati per conto dei consorziati, utilizza macchinari, software e personale di un'altra societa'. L'impresa fornitrice, quindi, effettua, dietro corrispettivo, una prestazione di servizi a favore del consorzio, con la conseguente applicazione dell'Iva, ai sensi dell'art. 3, comma 1, del DPR n. 633 del 1972. Come detto, i servizi forniti dall'impresa includono la messa a disposizione, a beneficio dell'istante, del proprio personale. L'art. 8, comma 35, della l. n. 67 del 1988 prevede che "non sono da intendere rilevanti ai fini dell'imposta sul valore aggiunto i prestiti o i distacchi di personale a fronte dei quali e' versato solo il rimborso del relativo costo".
La norma citata si applica solo se lo schema negoziale utilizzato per la fornitura della manodopera e' il prestito o il distacco del personale. E' necessario, poi, che venga rimborsato esclusivamente il costo del personale prestato (retribuzione, oneri previdenziali e contrattuali). Se, al contrario, le somme rimborsate sono superiori (o anche inferiori) al costo, l'intero importo e' imponibile ai fini Iva (cfr. risoluzione 5 luglio 1973, n. 502712, risoluzione 19 febbraio 1974, n. 500160, risoluzione 20 marzo 1981, n. 411847).
Come specificato nella risoluzione 5 giugno 1995, n. 152/E, per l'applicazione della disposizione di cui all'art. 8, comma 35, della l. n. 67 del 1988, e' necessario che il personale utilizzato sia legato da rapporto di lavoro dipendente con l'impresa fornitrice. L'attivita' lavorativa del dipendente, poi, deve essere organizzata da chi riceve la prestazione, nell'ambito della propria struttura.
Nel caso di specie, tuttavia, sulla base delle informazioni fornite, non si e' in presenza di un semplice prestito di personale, ma si e' di fronte ad una figura contrattuale complessa ed articolata. Il prestito di personale, infatti, e' strettamente collegato all'affitto dei macchinari e del software e l'intera operazione costituisce una prestazione unica ed inscindibile, con la quale il consorzio, sfruttando le competenze ed il know-how della societa' terza, svolge l'attivita' di elaborazione dati per conto dei consorziati. Con la contestuale fornitura di risorse umane, materiali ed immateriali, c'e', pertanto, una prestazione complessa, da considerare unitariamente. La relativa fatturazione, conseguentemente, e' unica e l'intero corrispettivo pagato per tale prestazione e' da assoggettare ad Iva, ai sensi dell'art. 3, comma 1, del DPR n. 633 del 1972.
La risposta di cui alla presente risoluzione, sollecitata con istanza di interpello presentata alla Direzione regionale, viene resa dalla scrivente ai sensi dell'art. 4, comma 1, ultimo periodo, del d.m. 26 aprile 2001, n. 209. Essa spiega effetti limitatamente ai fini fiscali, impregiudicata ogni valutazione sulla liceita' delle prestazioni oggetto del contratto stipulato dalla societa' istante.



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
La rilevanza ai fini IVA del distacco di personale (Articolo di Antonio Paladino 30.11.2002)


26 ore video sui programmi dei principali compendi

L’obiettivo del corso è quello di fornire uno strumento complementare da utilizzare per l’assimilazione ed il ripasso dei concetti che può rilevarsi prezioso nella fase finale della preparazione ( ...

Avv. Giuseppe de Simone

Diritto civile, Diritto di Famiglia, Successioni, Separazioni, Divorzi, Locazioni, Procedure esecutive e Pignoramenti


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso amministratore di condominio anatocismo Appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio Equitalia esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo telematico procura alle liti provvigione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma forense riforma fornero sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura