ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Revoca della procura alle liti anche con una semplice telefonata
Cassazione civile , SS.UU., sentenza 02.12.2011 n° 25763 (Alessandro Ferretti)

La revoca della procura generale alle liti può avvenire anche per telefono da parte del coniuge in luogo dell’assistito.

Con questo principio la Cassazione ha confermato l’impostazione del Consiglio Nazionale Forense in ordine al comportamento dei propri iscritti, vincolati ai principi deontologici di lealtà e correttezza nei confronti del cliente. Al riguardo, le sezioni unite civili si sono espresse con fermezza nella sentenza 2 dicembre 2011, n. 25763, ricordando l’importanza del comportamento dell’avvocato che necessariamente deve essere improntato alla correttezza ed al rispetto dei criteri deontologici della professione.

Nel caso di specie, un avvocato si vede infliggere dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati la sanzione disciplinare della sospensione dell’attività professionale per la durata di quattro mesi, in quanto ritenuto colpevole di aver agito, sebbene gli fosse stata revocata la procura generale già conferitagli dal cliente e trattenendo, inoltre, parte della somma riscossa nell’esecuzione del mandato revocato.

Il Consiglio Nazionale Forense aveva poi ridotto della metà la sospensione, confermando tuttavia l’illegittimità del comportamento dell’avvocato. In particolare, viene contestata l’illecita prosecuzione dell’attività dello stesso avvocato nonostante la volontà del cliente di ottenere la restituzione dei documenti e di revocargli la procura generale, per la cui manifestazione non occorre atto scritto.

Infatti, a prescindere dalla forma – avvenuta con una semplice telefonata – e dalla legittimazione – effettuata dal coniuge – alla revoca , l’avvocato finiva per violare i principi di lealtà e correttezza fissati dagli artt. 41 e 44 del Codice deontologico. Poco efficace risulta in proposito l’argomentazione svolta dall’avvocato, in sede di ricorso per cassazione, fondata sulla negazione che la telefonata effettuata dal coniuge del cliente riguardasse anche la richiesta per conto del marito di restituzione della documentazione e, quindi, della revoca dell’incarico.

Secondo gli Ermellini ciò che conta non è tanto la forma, quanto la sostanza della questione che si focalizza sul modus operandi dell’avvocato, a conoscenza della volontà del cliente di revocargli il mandato. Il punto nodale, infatti, non è il dato contrattuale, ma il comportamento del professionista, ritenuto non improntato alla lealtà e correttezza pretesi dal Codice deontologico.

Da qui il rigetto del ricorso.

(Altalex, 22 dicembre 2011. Nota di Alessandro Ferretti)






SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Sentenza 15 novembre – 2 dicembre 2011, n. 25763

 Massima e Testo Integrale


Le nuove parcelle per gli avvocati - Volume + Software
Leonardo Carbone
€ 55,00
€ 49,50
Sconto 10%
Wolters Kluwer Italia

COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Codice deontologico forense (IL TESTO PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE)

Avvocato, procura, revoca, telefono (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 02.12.2011 n° 25763 )

Revoca telefonica della procura alle liti (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 02.12.2011 n° 25763 (Paolo Pandimiglio) )


40 ore di lezioni registrate ed in aula virtuale

Il corso mira a fornire la preparazione necessaria a superare le prove di diritto dei concorsi per personale amministrativo (istruttori amministrativi, istruttori tecnici, ecc..).  E' progettato secondo tre di ...

Avv. Susanna Magrini

Attività giudiziale e stragiudiziale in diritto civile, esecuzioni mobiliari e immobiliari, infortunistica. Disponibile per domiciliazioni in Lodi, Codogno (Tribunale e Giudice di Pace).


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri certificato di agibilità Codice della Strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale gazzetta ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione Riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca italia sciopero sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali tulps usucapione usura