ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
La sola disoccupazione non giustifica l’assegno di mantenimento
Cassazione civile , sez. I, sentenza 27.12.2011 n° 28870 (Alessandro Ferretti)

Con una sentenza che lascerà spazio a qualche perplessità, la Cassazione stabilisce che in tema di assegno di mantenimento da parte dell’altro coniuge, non è sufficiente allegare meramente uno stato di disoccupazione, dovendosi verificare, avuto riguardo a tutte le circostanze concrete del caso, la possibilità del coniuge richiedente di collocarsi o meno utilmente, ed in relazione alle proprie attitudini, nel mercato del lavoro.

Si tratta della sentenza 9-27 dicembre 2011, n. 28870 rilasciata nello stesso giorno in cui la stessa Cassazione ha stabilito che l’ex moglie ha diritto all’assegno di divorzio anche se lavora e percepisce un reddito proprio. In realtà, i due casi sono basati su presupposti diversi anche se riconducibili alla situazione di disagio lavorativo in cui versano i singoli.

Nel caso di specie il ricorrente contesta la decisione della Corte di appello di Lecce che, nel dicembre 2007, dopo aver rilevato che l’uomo aveva trovato un’occupazione a tempo determinato, lo aveva condannato al mantenimento dei figli, affidati all’ex moglie, con 300 euro mensili. La decisione andava a modificare il precedente decreto depositato in data 8 marzo 2006 con cui il Tribunale di Brindisi omologava la separazione personale consensuale dei due coniugi, affidando alla moglie i figli minori, senza che fosse previsto alcun obbligo contributivo a carico del padre disoccupato. Da qui il ricorso per cassazione, nel tentativo per il padre di far rivivere la decisione di primo grado, in base alla permanenza dello stato di disoccupazione.

Il ricorrente formula anche il quesito da proporre alla Corte: se si possa disporre l'aumento dell'assegno in favore dei figli minori senza tener conto dei redditi delle parti, non esplicitando il ragionamento logico giuridico seguito per giungere alla decisione dell'aumento, non tenendo in alcuna considerazione le informative dalle quali emergeva che nel periodo considerato l'obbligato era disoccupato.

Tuttavia, gli Ermellini dichiarano l’inammissibilità del motivo di doglianza, a causa della formulazione del quesito di diritto in maniera non conforme alla disposizione contenuta nell'art. 366 bis c.p.c. Infatti, proseguono i giudici, nel motivo in esame sono prospettate doglianze che, intrecciandosi fra loro, ineriscono tanto a violazioni di legge, quanto a vizi motivazionali. In ogni caso, il giudice di merito aveva precisato che nel caso in cui dovesse nuovamente prospettarsi un mutamento, peggiorativo, delle condizioni economiche e reddituali del medesimo, il ricorrente potrebbe ben richiedere, a sua volta, il mutamento delle condizioni della separazione.

D’altra parte, concludono i giudici di Piazza Cavour, la mera allegazione dello stato di disoccupazione non è sufficiente per stabilire il mutamento peggiorativo del le condizioni del soggetto, dovendo necessariamente verificarsi, con attenzione alle circostanze concrete del caso, la possibilità per lo stesso di collocarsi o meno utilmente ed in relazione alle proprie attitudini nel mercato di lavoro.

Da qui la dichiarazione di inammissibilità del ricorso e la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali.

(Altalex, 16 gennaio 2012. Nota di Alessandro Ferretti)






SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE I CIVILE

Sentenza 9 – 27 dicembre 2011, n. 28870

(Presidente Luccioli – Relatore Campanile)

Massima e Testo Integrale



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Codice della famiglia e dei minori (Libro , segnalazione del 12.06.2012)

eBook ''L'assegno di mantenimento in giurisprudenza'' (eBook , segnalazione del 16.05.2012 (Filippo Di Camillo) )

Separazione, coniuge disoccupato, assegno di mantenimento, ricollocamento (Cassazione civile , sez. I, sentenza 27.12.2011 n° 28870 )


20 lezioni di Diritto penale e procesuale e 7 correzioni

L'obiettivo del corso è quello di fornire una preziosa “bussola” con cui orientarsi  nella complicatissima selezione delle tematiche a più “elevato rischio concorsuale. Il Corso ...

GIUSEPPE TIZZONI

diritto del lavoro e della previdenza sociale - contrattualistica di impresa


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli equitalia esame esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura