ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Fallimento: il termine di notifica va calcolato secondo i criteri processuali
Cassazione civile , SS.UU., sentenza 01.02.2012 n° 1418 (Maria Elena Bagnato)

La notifica degli atti giudiziari in materia fallimentare, deve essere eseguita entro il termine stabilito dalla legge in misura non inferiore a 15 giorni prima dell’udienza stessa, da computarsi secondo le regole ordinarie previste dal codice di rito.

Così hanno disposto le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, che hanno esaminato “una questione di massima di particolare importanza”, con la sentenza 1° febbraio 2012, n. 1418.

Il caso riguardava un creditore che, presentata l’istanza di fallimento, aveva notificato la stessa unitamente al decreto di fissazione udienza prefallimentare a mezzo posta, nel termine di 15 giorni prima dell’udienza fissata. L’atto non è stato consegnato per assenza del destinatario, per cui è stato depositato presso l’ufficio postale. All’udienza, il difensore della società debitrice ha reso noto che non era stato rispettato il termine dilatorio di quindici giorni tra la data della notificazione del ricorso e del decreto di convocazione e quella dell'udienza. Accolto il reclamo, la Corte d’Appello ha revocato la sentenza dichiarativa di fallimento, in quanto affetta da nullità. Avverso tale sentenza il creditore ha proposto ricorso per Cassazione, e trattandosi di “una questione di massima di particolare importanza”, la controversia è stata rimessa alle Sezioni Unite.

Nell’esaminare la disciplina relativa alla notifica, i Giudici di Piazza Cavour hanno puntualizzato che il perfezionamento della notifica a mezzo del servizio postale, non sempre coincide con il materiale recapito o ritiro del piego raccomandato da parte del notificato, potendo invece coincidere, come nel caso in oggetto, con lo spirare del termine di "compiuta giacenza".

Pertanto è essenziale calcolare il momento in cui si può considerare notificato un atto per compiuta giacenza. A tal riguardo, la legge stabilisce espressamente che: "la notificazione si ha per eseguita decorsi dieci giorni dalla data di spedizione della lettera raccomandata di cui al secondo comma ovvero dalla data del ritiro del piego, se anteriore".

Tale disposizione tutela l’interesse sia del notificante, per il quale "la notificazione si ha per eseguita" anche in mancanza di ritiro del piego depositato da parte del destinatario, che quello del notificato, che dispone di un termine congruo per il ritiro dello stesso, presso l'ufficio postale.

A tal riguardo, assume rilievo anche l’art. 155 cod. proc. civ., che sul computo dei termini, stabilisce, al comma 4, che, "se il giorno di scadenza è festivo, la scadenza è prorogata di diritto al primo giorno seguente non festivo", e, ai commi quinto e sesto che: "La proroga prevista dal comma 4, si applica altresì ai termini per il compimento degli atti processuali svolti fuori dell'udienza che scadono nella giornata del sabato (comma 5). Resta fermo il regolare svolgimento delle udienze e di ogni altra attività giudiziaria, anche svolta da ausiliari, nella giornata del sabato, che ad ogni effetto è considerata lavorativa (comma 6)".

Nel caso in esame, la lettera raccomandata con avviso di ricevimento, di cui alla L. n. 890 del 1982, art. 8, comma 2, è stata spedita alla debitrice in data 16 dicembre 2008, cioè nello stesso giorno del deposito del piego raccomandato presso l'ufficio postale preposto alla consegna. Calcolando i dieci giorni necessari per il perfezionamento della notificazione, dal 17 dicembre 2008, il dies ad quem di tale termine scadeva il 26 dicembre 2008, giorno festivo, per cui lo stesso deve intendersi prorogato di diritto, in forza del combinato disposto dell'art. 155 c.p.c., commi 4 e 5, al giorno 29 dicembre 2008 (lunedì), con l'ulteriore conseguenza che in questa data, realizzatasi la cosiddetta "compiuta giacenza", si è perfezionata la notificazione del ricorso introduttivo per la dichiarazione di fallimento della società in liquidazione e del decreto di convocazione della debitrice, in ragione della "legale conoscenza” di tale atto da parte di quest'ultima (art. 149 c.p.c., comma 3).

Altra questione sollevata dalla fattispecie in oggetto, riguarda la qualifica del termine, non inferiore a quindici giorni, che deve intercorrere tra la data della notificazione del ricorso introduttivo e del decreto di convocazione del debitore e quella dell'udienza.

La Suprema Corte ha rilevato che tale termine di quindici giorni è stabilito nell'interesse del debitore, essendo finalizzato a consentire allo stesso, il pieno esercizio del proprio diritto di difesa in contraddittorio con i creditori istanti per il fallimento. Si può dunque riconoscere la natura "dilatoria" del termine de quo, come del resto affermato dalla dottrina e dalla giurisprudenza di legittimità (sentenze nn. 1098 e 16757 del 2010).

Pertanto, il termine di quindici giorni cui alla L. Fall., art. 15, comma 3, essendo di natura "dilatoria" e "a decorrenza successiva", deve essere computato secondo i normali criteri, escludendo il giorno iniziale e conteggiando quello finale (art. 155 c.p.c., comma 1).

In conclusione, le Sezioni Unite hanno enunciato il principio di diritto, secondo cui il termine di quindici giorni è applicabile, "ai procedimenti per la dichiarazione di fallimento pendenti alla data della sua entrata in vigore, nonchè alle procedure concorsuali e di concordato fallimentare aperte successivamente alla sua entrata in vigore" - deve essere qualificato come termine di natura "dilatoria" e "a decorrenza successiva" e computato, secondo il criterio di cui all'art. 155 c.p.c., comma 1, escludendo il giorno iniziale (data della notificazione del ricorso introduttivo e del decreto di convocazione) e conteggiando quello finale (data dell'udienza di comparizione)”.

Alla luce di quanto sopra, è stato rigettato il ricorso proposto dal creditore, e revocata la sentenza dichiarativa del fallimento.

(Altalex, 9 febbraio 2012. Nota di Maria Elena Bagnato)






SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Sentenza 1 febbraio 2012, n. 1418

Massima e testo integrale


Avv. Lara Fioravanti

Avvocato in Cesena e Forlì. Diritto Civile, Penale, e Amministrativo e loro specifiche discipline di settore. Pratiche giudiziali e stragiudiziali. Collaborazioni in tutta Italia e Domiciliazioni


COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Fallimento, natura dilatoria, termine di notifica (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 01.02.2012 n° 1418 )


8 moduli con difficoltà crescente - Accreditato 8 ore CNF

Il corso si articolerà in otto units con difficoltà crescente. Le prime tre ore saranno di livello basic, le successive tre ore saranno di livello intermedio, le ultime due di livello avanzato. Le lezioni ...

Segnalazioni Editoriali
Formulario Commentato dei Contratti (Sconto 15%) A cura di F. Macario, A. Addante 150,00 € 127,50
IPSOA — Anno 2014
Il Formulario Commentato dei Contratti risponde all’esigenza di presentare un quadro tecnico-giuridico di semplice ...

Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri cartella esattoriale certificato di agibilità codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace Giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sciopero sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali tulps usucapione usura