ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Violenza sessuale, minorenne, perseguibilità d'ufficio, minore gravità, estensione
Cassazione penale , sez. III, sentenza 02.03.2012 n° 8145

In tema di violenza sessuale, la perseguibilità di ufficio prevista dall'art. 609 septies, comma quarto, n. 1) per l'ipotesi in cui il fatto è commesso nei confronti di minori degli anni diciotto, trova applicazione anche nei casi di minore gravità previsti dall'ultimo comma dell'art. 609 bis cod. pen.

(*) Fonte: CED Cassazione. Riferimenti normativi: artt. 609 bis e 609 septies, co. 4, n. 1 c.p.

(Fonte: Massimario.it - 31/2012. Cfr. nota su Altalex Mese - Schede di Giurisprudenza)






SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE III PENALE

Sentenza 25 gennaio – 2 marzo 2012, n. 8145

(Presidente Mannino –Relatore Lombardi)

Considerato in fatto e diritto

Con la impugnata sentenza il G.I.P. del Tribunale di Treviso ha applicato nei confronti di K.R. , ai sensi dell'art. 444 c.p.p., la pena stabilita dall'accordo delle parti, quale imputato del reato di cui agli art. 81 cpv., 609 bis, comma 3, 609 ter, comma 1 n. 1), c.p., a lui ascritto per avere costretto con violenza e minacce la nipote minorenne H.J. a subire atti sessuali, consistiti nello stringerla da dietro, nel toccarla anche nelle parti intime, nel tentare di sfilarle i pantaloni con la forza, nel denudarsi davanti a lei.

Avverso la sentenza ha proposto ricorso il K. che la denuncia per omessa applicazione dell'art. 129 c.p.p., stante la improcedibilità dell'azione penale per mancanza di querela.

Si deduce, in sintesi, che la perseguibilità di ufficio prevista dall'art. 609 septies, comma 4 n. 1), c.p. per l'ipotesi in cui il fatto di cui all’art. 609 bis è commesso nei confronti di minore degli anni diciotto non trova applicazione nel caso di minore gravità di cui all'ultimo comma del predetto articolo. Si sostiene sul punto che la perseguibilità di ufficio, quale eccezione alla regola generale della perseguibilità a querela, trova la propria giustificazione nella particolare gravità del fatto commesso in danno di minore, sicché la stessa deve essere esclusa, in via interpretativa, quando il fatto sia caratterizzato da minore gravità.

Il ricorso non è fondato.

L'interpretazione prospettata dal ricorrente non trova riscontro nel sistema normativo.

L'ipotesi di cui all'art. 609 bis, ultimo comma, c.p. costituisce un'attenuante ad effetto speciale e non una fattispecie autonoma di reato, sicché la stessa, in assenza di un'espressa previsione normativa, non esplica alcun effetto sul regime della perseguibilità di ufficio del reato.

L'interpretazione prospettata dal ricorrente, in ogni caso, non trova neppure rispondenza nella ratio dell'istituto.

È noto che per i reati contro la libertà sessuale la perseguibilità a querela è stabilita in via generate per evitare che la persona offesa subisca, a causa del procedimento penale e della notorietà che da esso deriva, un ulteriore danno rispetto a quello derivante dal reato stesso.

In tale ottica è prevista la perseguibilità di ufficio della fattispecie di abuso sessuale nell'ipotesi di connessione con altro reati) perseguibile di ufficio, dovendosi procedere in ogni caso per il fatto commesso (art. 609 septies, comma 4 n. 4), c.p.).

Anche negli altri casi previsti dall'art. 609 septies, comma 4, c.p. la perseguibilità di ufficio non risulta affatto connessa alla vantazione legislativa della particolare gravità che il fatto di per sé assume, ad esempio se commesso in danno di un minore, quanto dettata dall'esigenza di impedire che la perseguibilità del reato non sia conseguenza della libera determinazione della persona offesa, ma risulti, invece, ostacolata da fattori esterni, come dimostrano le varie ipotesi di cui ai n. 1), 2), 3) e 5) di tale comma.

Trattandosi di persona offesa minore (n. 1), 2), e 5), tali ostacoli vanno ravvisati nei condizionamenti che la stessa può subire più facilmente ad opera dello stesso autore del reato o di ambienti familiari, oppure a causa di una comprensione non corretta della natura dell'azione subita, mentre nell'ipotesi di fatto commesso da pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio (n. 3) si palesa evidente che l'esercizio del diritto di querela può trovare un ostacolo nel metus reale o presunto inculcato nella persona offesa dalla posizione di potere pubblico dell'autore del reato.

In tutte tali ipotesi, pertanto, la perseguibilità di ufficio appare finalizzata proprio ad elidere il pericolo che la punibilità del reato sia condizionata da fattori diversi dalla libera scelta della persona offesa e non genericamente legata ad una valutazione della maggiore gravità del fatto, sicché a nulla rileva ai fini di tale vantazione la possibilità di inquadrare il fatto nell'ipotesi di minore gravità.

Il ricorso, pertanto, deve essere rigettato con le conseguenze di legge.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Dei delitti contro la persona (Codice penale , Libro II, Titolo XII, agg. al 28.10.2013)

Violenza sessuale su minore e perseguibilità d’ufficio (Cassazione penale , sez. III, sentenza 02.03.2012 n° 8145 (Simone Marani) )


Seminario online di aggiornamento professionale, accreditato 4 ore CNF

I seminari in materia di processo telematico, mirano a fornire all’Avvocato una preparazione di base in vista dell’imminente entrata a regime del Processo Civile telematico. L'intero percorso formativo &egr ...

Avv. Alessandra Possis

Lo studio tutto al femminile opera sia in materia civile che penale. Relativamente alla materia civile vengono trattate questioni di diritto immobiliare, di diritto di famiglia e di infortunistica stradale.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto Inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura