ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Terreni, occupazione abusiva, contraddittorio, integrazione, attore originario, eredi
Cassazione civile , sez. II, sentenza 21.03.2012 n° 4532



SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE II CIVILE

Sentenza 30 novembre 2011 – 21 marzo 2012, n. 4532

(Presidente Petitti – Relatore D’Ascola)

Svolgimento del processo

La controversia concerne due porzioni di terreni siti in Pescara, che nel 1984 F.V. chiese in restituzione a D.P.G. (avente causa della D.B. e F. snc) e a T.D.G., assumendo che li avevano abusivamente occupati; che egli, acquirente del proprio lotto dall’originario unico proprietario, il B.S.d.T.G., aveva constatato che i confinanti, nel realizzare ciascuno il proprio fabbricato, avevano occupato rispettivamente mq 261 e mq 145.

Al fine di essere manlevati, come riferisce la sentenza impugnata, la D.P. chiamava in causa la D.B. e F. snc e i due soci di essa in proprio; il D.G. evocava in causa il B.S.d.T.G.

La domanda di F.V. veniva accolta nel settembre 2004 dal tribunale di Pescara, ma la Corte d’appello di L’Aquila, con sentenza 1 aprile 2008 accoglieva l’eccezione di usucapione ex art. 1159 c.c. proposta dall’appellante principale D.P e dall’appellante incidentale D.G. e rigettava la domanda.

Nel giudizio interveniva la DiPo srl, acquirente degli immobili di parte attrice.

Dalla sentenza impugnata non risulta la costituzione in grado di appello della D.B. e F. snc e dei due soci D.B.C. e F.M.

Con ricorso del 13 gennaio 2009 la DiPO srl, acquirente dei beni V., ha proposto ricorso per cassazione, al quale hanno resistito congiuntamente i signori D.P. e D.G., che hanno rilevato la incompleta instaurazione del contraddittorio.

Con ordinanza 19 marzo 2011, questa Corte, ai sensi dell’art. 331 cpc, ha disposto notifica del ricorso a F.V., D.B.C., F.M. e alla snc D.B. e F.

Parte ricorrente ha depositato documentazione relativa a questi adempimenti, dando atto dell’avvenuto decesso, nelle more, dell’originario attore, mai estromesso dal giudizio.

Motivi della decisione

L’atto di integrazione del contradditorio così si conclude:

“A tal fine rileva che, a seguito del decesso dei sig F.V. avvenuto in Ft Lauderdale (USA) in data 15/2/2008, non dichiarato nel corso del giudizio, gli eredi e destinatari della notifica del presente atto sono F.S., nata a FT Lauderdale in data 11/9/1931, L.T.F., nata a Ft Lauderdale in data 4/4/1952, M.F., nato a Ft Lauderdale in data 03/8/1960 e V.F., nato a Ft Lauderdale in data 22/11/1954, come risulta da producendo dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà a firma N.D.I.”.

Unico elemento addotto da parte ricorrente per dimostrare di avere correttamente adempiuto all’ordine di integrazione del contraddittorio, notificando agli eredi dell’attore originario, suo dante causa, è costituito da una dichiarazione datata 21 giugno 2011 resa da tal D.I.

La giurisprudenza dominante di questa Corte insegna che alla dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà prevista dall’art. 4 della legge n. 15 del 1968, deve negarsi qualunque rilevanza, sia pure indiziaria, qualora costituisca l’unico elemento esibito in giudizio al fine di provare un elemento costitutivo dell’azione o dell’eccezione, atteso che la parte non può derivare elementi di prova a proprio favore, ai fini del soddisfacimento dell’onere di cui all’art. 2697 cod. civ., da proprie dichiarazioni non asseverate da terzi (Cass. 5321/06).

Inoltre è stato affermato che l’art. 2 del d.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) chiarisce che le dichiarazioni sostitutive di certificazioni relative a stati, qualità personali e fatti, tra cui la residenza, previste dall’art. 46 del medesimo testo normativo, esulano dall’ambito della prova civile, riguardando “la produzione di atti e documenti agli organi della P.A. nonché ai gestori di pubblici servizi nei rapporti tra loro e in quelli con l’utenza, e ai privati che vi consentono” (Cass. 26937/06).

É quindi insegnamento largamente condiviso che la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, così come l’autocertificazione in genere, ha attitudine certificativa e probatoria esclusivamente in alcune procedure amministrative, essendo viceversa priva di efficacia in sede giurisdizionale (Cass. 703/07; 15486/07; 6755/10; 10191/10).

In materia successoria questi principi sono invero stati contraddetti da occasionali enunciati (Cass. 5730/78; 4275/76; 5803/09), ma restano lezione corrente (Cass. 6132/08), poiché si saldano coerentemente alla ferma giurisprudenza, applicata dalla Corte d’appello, secondo la quale incombe alla parte che ricorre per cassazione, nella qualità di erede della persona che partecipò al giudizio di merito, l’onere di dimostrare, il decesso della parte originaria e la propria qualità di erede; in difetto, l’impugnazione dev’essere dichiarata inammissibile per mancanza di prova della legittimazione ad impugnare (Cass. 1943/11; 15352/10; S.U. 4468/09).

Consegue da questi rilievi che parte ricorrente non ha adempiuto, nel termine concesso, all’ordine impartito ex art. 331 cpc.

Discende da quanto esposto, ai sensi della norma citata, la declaratoria di inammissibilità del ricorso e la condanna alla refusione delle spese di lite in favore dei contro ricorrenti costituiti, liquidate in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.
Condanna parte ricorrente alla refusione delle spese di lite liquidate in euro 3.000 per onorari, 200 per esborsi, oltre accessori di legge.



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.

20 lezioni di Diritto penale e procesuale e 7 correzioni

L'obiettivo del corso è quello di fornire una preziosa “bussola” con cui orientarsi  nella complicatissima selezione delle tematiche a più “elevato rischio concorsuale. Il Corso ...

Avv. Marta Buffoni

diritto e responsabilità civile: DIRITTO DEL CONSUMO, tutela delle persone e della famiglia, successioni e donazioni, obbligazioni, contratti titpici e atipici, assicurazioni; locazione e condominio; diritto della circolazione stradale etc...


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli equitalia esame esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura