ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Tribunale delle imprese
AltalexPedia, voce agg. al 24.04.2013 (Leonardo Serra)

Categoria: Procedura Civile

Tribunale delle imprese

di Leonardo Serra


Il Tribunale delle imprese è una sezione specializzata in materia di impresa istituita presso i tribunali e le corti d'appello aventi sede nel capoluogo di ogni regione, con eccezione di Lombardia e Sicilia (in cui sono presenti due sedi) e della Valle D'Aosta (in cui non sono presenti sedi, poiché la competenza spetta a Torino).


Indice

1. Premessa

2. Organizzazione territoriale e strutturale

3. Competenza per materia

4. Competenza per territorio

5. Contributo unificato

6. Entrata in vigore

1. Premessa

Con la definitiva emanazione dell'art. 2 del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, recante “Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività”, il nostro legislatore ha apportato novità significative al D.Lgs. 27 giugno 2003, n. 168, introducendo il Tribunale delle Imprese, con l'obiettivo di ampliare la competenza delle sezioni specializzate in materia di proprietà industriale.

L'art. 2 del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1 si propone infatti di istituire delle vere e proprie sezioni specializzate in materia di impresa cui affidare la trattazione di controversie in cui risulta particolarmente sentita la necessità di assicurare un'elevata specializzazione del Giudice in ragione dello specifico tasso tecnico richiesto dallo studio della materia.

Il nostro legislatore ha dunque ritenuto opportuno valorizzare l'esperienza delle sezioni specializzate in materia di proprietà industriale, conferendo a queste ultime anche la cognizione delle controversie in materia societaria, nonché di quelle aventi ad oggetto contratti pubblici di appalto di lavori, servizi o forniture di rilevanza comunitaria.

2. Organizzazione territoriale e strutturale

Secondo quanto previsto dall'art. 1 del D.Lgs. 27 giugno 2003, n. 168, così come novellato dall'art. 2, co. 1, lett. a), del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, le sezioni specializzate in materia di impresa sono istituite presso i Tribunali e le Corti di Appello di Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Trieste e Venezia.

Nel caso non fossero esistenti nelle città elencate al novellato art. 1, co. 1, del D.Lgs. 27 giugno 2003, n. 168, le sezioni specializzate in materia di impresa dovranno comunque essere istituite presso i Tribunali e le Corti di Appello aventi sede nel capoluogo di ogni regione.

Sono pertanto state istituite apposite sezioni specializzate in materia d’impresa anche a L'Aquila, Ancona, Catanzaro, Campobasso, Cagliari, Perugia, Potenza e Trento.

Il nuovo comma 1 bis all'art. 1 del D.Lgs. 27 giugno 2003, n. 168 prevede inoltre l'istituzione di una sezione specializzata in materia di impresa anche presso il Tribunale e la Corte di Appello di Brescia, mentre per il territorio compreso nella regione Valle d'Aosta sono competenti le sezioni specializzate presso il Tribunale e la Corte di Appello di Torino.

Con riferimento alla composizione delle sezioni e degli organi giudicanti, l'art. 2 del D.Lgs. 27 giugno 2003, n. 168, così come sostituito dall'art. 2, comma 1, lett. b), del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, stabilisce che i Giudici che compongono le sezioni specializzate debbano essere scelti tra i magistrati dotati di specifiche competenze, con conseguente affermazione di un alto livello di specializzazione.

Il Presidente del Tribunale o della Corte di Appello potranno assegnare ai Giudici delle sezioni specializzate anche la trattazione di processi differenti, a condizione che tale attribuzione non comporti ritardo nella trattazione e decisione dei giudizi in materia di impresa.

E' dunque chiaro il duplice obiettivo perseguito dal nostro legislatore attraverso la costituzione di un giudice specializzato in materia di impresa.

L'istituzione del Tribunale delle Imprese consentirà, da un lato, la concentrazione della trattazione delle controversie presso un numero ridotto di uffici giudiziari, dall'altro, si assisterà ad una presumibile riduzione dei tempi di definizione delle cause in cui sono parti processuali le società di medio e/o grandi dimensioni, così da assicurare loro un incremento della competitività di tali imprese sul mercato garantita dalla maggiore celerità nella conclusione dei procedimenti.

3. Competenza per materia

Secondo quanto previsto dall'art. 3 del D.Lgs. 27 giugno 2003, n. 168, così come sostituito dall'art. 2, co. 1, lett. d), del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, le sezioni specializzate in materia di impresa hanno innanzituto competenza a decidere sulle seguenti materie:

(1) controversie di cui all'articolo 134 del D.Lgs. 10 febbraio 2005, n. 30, e successive modificazioni, quali:

(a) i procedimenti giudiziari in materia di proprietà industriale e di concorrenza sleale, con esclusione delle sole fattispecie che non interferiscono, neppure indirettamente, con l’esercizio dei diritti di proprietà industriale, nonché in materia di illeciti afferenti all’esercizio dei diritti di proprietà industriale ai sensi della L. 10 ottobre 1990, n. 287, e degli artt. 81 e 82 del Trattato che istituisce la Comunità europea, la cui cognizione è del giudice ordinario, e in generale in materie che presentano ragioni di connessione, anche impropria, con quelle di competenza delle sezioni specializzate,

(b) le controversie nelle materie disciplinate dagli artt. 64, 65, 98 e 99 del D.Lgs. 10 febbraio 2005, n. 30;

(c) le controversie in materia di indennità di espropriazione dei diritti di proprietà industriale, di cui conosce il Giudice ordinario;

(d) le controversie che abbiano ad oggetto i provvedimenti del Consiglio dell’ordine di cui al capo VI del D.Lgs. 10 febbraio 2005, n. 30, di cui conosce il Giudice ordinario;

(2) controversie in materia di diritto d'autore;

(3) controversie di cui all'art. 33, co. 2, della  L. 10 ottobre 1990, n. 287 (controversie in materia di intese, abuso di posizione dominante ed operazioni di concentrazione);

(4) controversie relative alla violazione della normativa antitrust dell'Unione europea.

Le sezioni specializzate in materia di impresa sono altresì competenti, relativamente alle cause riguardanti le società per azioni, le società in accomandita per azioni, e le società a responsabilità limitata, le imprese cooperative e mutue assicuratrici le società europee di cui al Regolamento CE n. 2157/2001, le società cooperative europee di cui al Regolamento (CE) n. 1435/2003, nonché le stabili organizzazioni nel territorio dello Stato delle società costituite all'estero, ovvero le società che rispetto alle stesse esercitano o sono sottoposte a direzione e coordinamento.

Con riferimento a tali tipologie societarie, la competenza sostanziale delle sezioni specializzate in materia di impresa si estende alle cause ed ai procedimenti aventi ad oggetto:

(a) i rapporti societari ivi compresi quelli concernenti l'accertamento, la costituzione, la modificazione o l'estinzione di un rapporto societario, le azioni di responsabilità da chiunque promosse contro i componenti degli organi amministrativi o di controllo, il liquidatore, il direttore generale ovvero il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, nonché contro il soggetto incaricato della revisione contabile per i danni derivanti da propri inadempimenti o da fatti illeciti commessi nei confronti della società che ha conferito l'incarico e nei confronti dei terzi danneggiati, le opposizioni di cui all'art. 2445, co. 3, c.c. ed art. 2482, co. 2, c.c. (opposizione dei creditori sociali alla deliberazione assembleare di riduzione del capitale sociale rispettivamente nella s.p.a. e nella s.r.l.), art. 2447 quater, co. 2, c.c., (opposizione dei creditori sociali alla deliberazione di costituzione di un patrimonio destinato nella s.p.a.), art. 2487 ter, co. 2, c.c. (opposizione dei creditori sociali alla deliberazione di revoca dello stato di liquidazione), art. 2503, co. 2, c.c., art. 2503 bis, co. 1, c.c. ed art. 2506 ter c.c. (opposizione rispettivamente dei creditori sociali e dei possessori di obbligazioni sociali alle operazioni di fusione o scissione della società);

(b) il trasferimento delle partecipazioni sociali o ad ogni altro negozio avente ad oggetto le partecipazioni sociali o i diritti inerenti;

(c) i patti parasociali, anche diversi da quelli regolati dall'art. 2341 bis c.c.;

(d) le azioni di responsabilità promosse dai creditori delle società controllate contro le società che le controllano;

(e) i rapporti riguardanti le società controllate di cui all'art. 2359, co. 1, n. 3), c.c., le società esercitante l'attività di direzione e coordinamento di cui all'art. 2497 septies c.c. e le società cooperative di cui all'art. 2545 septies c.c.;

E' altresì opportuno precisare che la competenza per materia delle sezioni specializzate in materia di impresa è stata estesa dal nostro legislatore anche ai rapporti aventi ad oggetto i contratti pubblici di appalto di lavori, servizi o forniture di rilevanza comunitaria dei quali sia parte una delle società di cui al novellato art. 3 del D.Lgs. 27 giugno 2003, n. 168, ovvero quando una di queste partecipa al consorzio o al raggruppamento temporaneo cui i contratti siano stati affidati, fatto salvo che sussista comunque la giurisdizione del giudice ordinario.

Alla luce della nuova formulazione dell'art. 3 del D.Lgs. 27 giugno 2003, n. 168, si può dunque affermare che il nostro legislatore ha principalmente ritenuto opportuno limitare la cognizione delle sezioni specializzate in materia di impresa alle controversie aventi ad oggetto le società per azioni, le società in accomandita per azioni, nonché le altre società - anche se costituite in forma diversa - del gruppo di cui queste fanno parte.

Nell'ambito di competenza attribuita alle sezioni specializzate in materia di impresa sono state fatte rientrare le controversie fra soci e tra soci e società, le cause relative al trasferimento delle partecipazioni sociali o ad ogni ulteriore fattispecie negoziale inerente le partecipazioni sociali, le impugnazioni delle delibere e delle decisioni degli organi sociali, ele impugnazioni delle delibere e decisioni in materia di patti parasociali.

Le sezioni specializzate in materia di impresa estendono la loro competenza anche alle cause da radicarsi contro i componenti degli organi amministrativi o di controllo, il liquidatore, il direttore generale ovvero il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, nonché per le controversie concernenti le azioni di responsabilità azionate dai creditori delle società controllate contro quelle che le controllano.

4. Competenza per territorio

Secondo quanto previsto dalla nuova formulazione dell'art. 4 del D.Lgs. 27 giugno 2003, n. 168, così come modificato dall'art. 1, co. 1, lett. e), del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, la trattazione delle controversie di cui sono competenti a conoscere le sezioni specializzate in materia di impresa deve essere assegnata attraverso l'ausilio degli ordinari criteri di ripartizione della competenza territoriale e nel rispetto delle normative speciali che le disciplinano.

Le controversie che devono essere trattate dagli uffici giudiziari compresi nel territorio della regione andranno innanzitutto assegnate alla sezione specializzata avente sede nel capoluogo di regione individuato ai sensi dell'art. 1 del D.Lgs. 27 giugno 2003, n. 168.

Le sezioni specializzate in materia di impresa sono in totale 21 su tutto il territorio nazionale cui si è aggiunta  quella istituita presso il Tribunale e la Corte di Appello di Brescia così come previsto dall'art. 1, co. 1 bis, del D.Lgs. 27 giugno 2003, n. 168.

Dunque le controversie di competenza delle sezioni specializzate in materia di impresa di primo e secondo grado andranno al momento assegnate secondo il criterio di attribuzione territoriale indicato nella tabella riepilogativa sottostante.

Regione

Distretti di Corte d’Appello

Sezioni specializzate in materia di impresa

Abruzzo

L’Aquila

L’Aquila

Basilicata

Potenza

Potenza

Calabria

Catanzaro e Reggio Calabria

Catanzaro

Campania

Napoli e Salerno

Napoli

Emilia Romagna

Bologna

Bologna

Friuli Venezia Giulia

Trieste

Trieste

Lazio

Roma

Roma

Liguria

Genova

Genova

Lombardia

Milano

Milano

Lombardia

Brescia

Brescia

Marche

Ancona

Ancona

Molise

Campobasso

Campobasso

Piemonte

Torino

Torino

Puglia

Bari, Lecce e Taranto

Bari

Sardegna

Cagliari e Sassari

Cagliari

Sicilia

Palermo

Palermo

Sicilia

Catania

Catania

Toscana

Firenze

Firenze

Trentino Alto Adige

Trento e Bolzano

Trento

Umbria

Perugia

Perugia

Valle d’Aosta

Aosta

Torino

Veneto

Venezia

Venezia

Alla luce del quadro dei criteri di distribuzione della competenza per territorio, così come tratteggiate dal combinato disposto ex art. 1 ed art. 4 del D.Lgs. 27 giugno 2003, n. 168, le domande giudiziali promosse, in prima od in seconda istanza, dai soggetti interessati dovranno pertanto essere formulate avanti al Tribunale od alla Corte di Appello presso cui sono istituite le sezioni specializzate in materia di impresa territorialmente competenti.

5. Contributo unificato

L'art. 2, comma 3, del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1 ha inoltre introdotto il co. 1 bis all'art. 13 del d.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 e successive modificazioni (c.d. Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia), apportando un signifcativo e consistente incremento degli importi dovuti a titolo di contributo unificato per coloro che intendano promuove un'azione nelle materie di competenza delle sezioni specializzate in materia di impresa.

L'art. 13, co. 1 bis, del d.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 prevede difatti che per i processi di compentenza delle sezioni specializzate in materia di impresa, l'importo dovuto a titolo di contributo unificato è raddoppiato, così come previsto dalla seguente tabella riepilogativa:

Valore della controversia

Contributo unificato

Tribunale Ordinario

Contributo unificato

Tribunale delle Imprese

Fino a € 1.100,00

€ 37,00

€ 74,00

Superiore a € 1.100,00 fino a € 5.200,00

€ 85,00

€ 170,00

Superiore a € 5.200,00 fino a € 26.000,00

€ 206,00

€ 412,00

Superiore a € 26.000,00 fino a € 52.000,00

€ 450,00

€ 900,00

Superiore a € 52.000,00 fino a € 260.000,00

€ 660,00

€ 1.320,00

Superiore a € 260.000,00 fino a € 520.000,00

€ 1.056,00

€ 2.212,00

Superiore a € 520.000,00

€ 1.466,00

€ 2.932,00

La costituzione di un Giudice specializzato in materia di impresa è pertanto accompagnata dall’aumento del contributo unificato dovuto per le cause devolute alla cognizione di tale nuovo organo giurisdizionale.

E' presumibile ritenere che attraverso tale previsione, il nostro legislatore si proponga di frenare il livello di litigiosità avanti agli organi della giurisdizione ordinaria con l'obbiettivo di indirizzare le parti interessate a radicare il contenzioso verso forme alternative di definizione delle controversie quali sono ad esempio gli strumenti della conciliazione o dell'arbitrato.

6. Entrata in vigore

Secondo quanto previsto dall'art. 2, co. 6, del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 19 del 24 gennaio 2012) e convertito, con modificazioni, dalla L. 24 marzo 2012, n. 27 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 71 del 24 marzo 2012), le disposizioni per l'istituzione delle sezioni specializzate in materia di impresa trovano applicazione ai giudizi instaurati dopo il centottantesimo giorno dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto, cioè a partire dal 20 settembre 2012.


Approfondimenti








COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Accertamento incidentale delibera Srl non compete al Tribunale delle imprese (Tribunale Verona, sez. III civile, sentenza 16.12.2013 (Leonardo Serra) )

Concorrenza sleale configurabile all’interno di sistema di distribuzione selettiva (Tribunale Palermo, sez. Imprese, ordinanza 01.03.2013 (Leonardo Serra) )

Sindaco: cessazione mandato comporta revoca di membri del collegio sindacale? (Tribunale Palermo, sez. Imprese, decreto 13.02.2013 (Leonardo Serra) )

Volume "Il Tribunale delle imprese" (Libro , segnalazione del 09.10.2012 (Leonardo Serra) )

Tribunali delle imprese al via (News 20.09.2012)

Sezioni specializzate e tribunali delle imprese: inopportunità di un accorpamento (Articolo di Cesare Galli 29.02.2012)

Tribunale delle imprese: i dubbi sull'ennesima riforma a costo zero (Articolo di Michele Marchesiello 31.01.2012)

Procedura civile (Mappa agg. al 24.02.2010)

Tutela giurisdizionale dei diritti di proprietà industriale (Decreto legislativo 10.02.2005 n° 30 , G.U. 04.03.2005 )

Istituite le sezioni specializzate in materia di proprietà industriale e intellettuale (Decreto legislativo 27.06.2003 n° 168 , G.U. 11.07.2003 )

Testo unico in materia di spese di giustizia (D.P.R. , testo coordinato 30.05.2002 n° 115 )

Statuto della Società Europea (SE) (Regolamento CE 08.10.2001 n° 2157 )

Norme a tutela della concorrenza e del mercato (Legge 10.10.1990 n° 287 )

ALTALEXPEDIA, L'ENCICLOPEDIA GIURIDICA DI ALTALEX (AltalexPedia )


Accesso a 40 corsi di 1 ora accreditati CNF, di cui 10 in Deontologia

40 seminari di 1 ora (equivalenti a 40 crediti formativi) di cui 10 ore di deontologia forense Con un semplice PC connesso alla rete, puoi assolvere i tuoi obblighi formativi seguendo i corsi online accreditati dal Consi ...

Avvocato Nicola Annunziata

Civile, Penale, Comunitario. Esperto in risarcimento danni alla persona soprattutto con riferimento alla materia della infortunistica stradale. Consulenza in materia di riconoscimento in Italia di titoli abilitativi conseguiti in Spagna.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto Inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura