ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Tradimento, ostentazione, moglie, danno morale, risarcimento, maltrattamenti
Cassazione penale , sez. VI, sentenza 18.04.2012 n° 15057



SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE VI PENALE

Sentenza 29 febbraio – 18 aprile 2012, n. 15057

(Presidente Di Virginio – Relatore Carcano)

Ritenuto in fatto

1. A.V. impugna la sentenza in epigrafe indicata che, in riforma della sentenza di assoluzione pronunciata in primo grado e su impugnazione della sola parte civile, lo ha dichiarato civilmente responsabile di maltrattamenti in danno della moglie F.C., “offendendone il decoro e la dignità e ponendola in uno stato di sofferenza morale e psichica tale da “renderle la vita impossibile.

La Corte d’appello ha ricostruito la vicenda in termini giuridicamente - dopo proceduto all’esame della persona offesa e del maresciallo dei carabinieri A.B. in sede rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale - in base alle circostanziate dichiarazioni rese dalla persona offesa che ha specificamente confermato fatti descritti nell’imputazione.

La Corte di merito pone in rilevo che la vicenda, ricostruita in primo grado sulla scorta delle sole dichiarazioni rese dall’imputato, ha assunto una dimensione diversa - dopo le specifiche dichiarazioni di F.C. e quelle del teste B., il quale ha confermato che “vi erano rapporti tesi”, tra i due coniugi - rispetto a quella emersa posta a base della decisione del Tribunale.

Ad avviso del giudice d’appello, la giuridica configurabilità del reato è provata dalla continuità e dalla gravità delle ingiurie e offese che A.V. profferiva nei confronti della moglie costituite dall’ostentare “rapporti extra coniugali, confrontando le doti dell’altra con quelle della moglie e denigrando quest’ultima sia sul piano fisico che morale e intellettuale”. Condotta alla quale si aggiungeva l’ostentazione “... anche dei regali fatti all’altra donna e i momenti felici con la stessa trascorsi’’, in tal modo rendendo evidente, a giudizio della corte di merito, la gravità e il “meccanismo” dei maltrattamenti psicologici “innescato nei confronti della moglie”.

In conclusione, la Corte d’appello ha affermato la responsabilità civile di A.V. e, in mancanza dell’appello del pubblico ministero, ha condannato lo stesso al risarcimento dei danni, da liquidarsi in sede civile, da determinare non solo sotto il profilo morale, ma anche biologico.

2. Il difensore di A.V., propone ricorso e deduce:

- Il vizio di motivazione, sotto il profilo della mancanza, manifesta illogicità e contraddittorietà, poiché la Corte d’appello non ha considerato adeguatamente le risultanze probatorie in atti e riportare nella sentenza di primo grado.

Il ricorrente rileva che il teste B., dopo le suggestive domande del presidente del Collegio, ha riferito di non conoscere quali fossero i rapporti tra i due coniugi e se la C. avesse o meno presentato altre querele nei confronti del marito e si fosse lamentata del suo comportamento.

Sul punto, la sentenza impugnata ha riportato espressioni che hanno dato, immotivatamente e illogicamente, per esistenti circostanze non acquisite agli atti.

Per il ricorrente, la sentenza impugnata contiene affermazioni del tutto indimostrate circa la riservatezza della signora C., la quale ha ritenuto opportuno non rendere note le vicende coniugali fino al matrimonio dei figli.

La Cori d’appello non ha affatto verificato l’attendibilità del teste e ha acriticamente posto a base della propria decisione quanto dalla stessa riferito, senza esaminare la documentazione prodotta dalla difesa.

A differenza di quanto affermato dal giudice d’appello, la sentenza di primo grado ha tenuto conto delle dichiarazioni della persona offesa rese in sede di sommarie informazioni ai Carabinieri il 9 agosto 2005 e le ha adeguatamente considerate. Mentre, le dichiarazioni rese all’udienza innanzi alla Corte d’appello non sarebbero state veridiche e frutto di “sufficienti istruzioni” a riconsiderare la vita coniugale a partire dagli anni 1993-1996, cui sono stati fatti risalire i maltrattamenti.

Il giudice d’appello non ha affatto considerato, invece, le contraddizioni della teste e le diversità rispetto alle precedenti affermazioni, fondando il proprio convincimento in termini illogici e privi di adeguato esame degli atti. In particolare, non è stato tenuto conto di quanto in precedenza genericamente dichiarato ai Carabinieri sul comportamento del marito. L’unica circostanza cui la signora C., ad avviso della difesa, avrebbe fatto riferimento è quella delle presunte aggressioni verbali dopo la presentazione del ricorso per la separazione.

Per il ricorrente, vi è stata un’errata interpretazione e lettura delle motivazioni della sentenza di primo grado, in quanto non vi è in essa alcuna riferimento a comportamenti di violenza verbale e psicologica. Il giudice di primo grado ha espresso, come si legge in motivazione, tutti gli elementi per i quali è giunto a escludere la sussistenza del reato, escludendo anche episodi isolati di violenza e in ogni caso ritenendo non provati fatti narrati dalla querelante.

La sentenza impugnata, con assertiva e non condivisibili affermazioni, è pervenuta all’affermazione di responsabilità.

Considerato in diritto

1. Il ricorso è in realtà non è volto a rilevare mancanze argomentative e illogicità ictu oculi percepibili, bensì a ottenere un non consentito sindacato su scelte valutative compiutamente giustificate dal giudice di appello, che ha adeguatamente ricostruito la vicenda coniugale dopo la rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale per l’esame della persona offesa F.C.

Il giudice d’appello, come si è esposto in narrativa, ha dialogato con le conclusioni raggiunte dal Tribunale e ha, dopo a diretta percezione delle dichiarazioni dei testi, non ha condiviso il significato complessivo del quadro probatorio tratto dal Tribunale soltanto da un verifica cartolare delle circostanze riferite in querela da F.C.

La Corte di merito ha posto in rilievo - si è già detto in narrativa - che il racconto della persona offesa ha trovato specifico riscontro nelle dichiarazioni del Maresciallo dei Carabinieri. Si è esclusa dunque, la sussistenza di un’asserita “montatura’’.

La conclusione cui è pervenuta la sentenza impugnata ha fondamento, dunque, in un quadro probatorio giudicato completo e univoco, e tanto da far ritenere la sussistenza di una precisa determinazione di V. di sottoporre la moglie F.C. a vessazioni morali di notevole gravità.

Non è da revocare in dubbio che integra il reato di maltrattamenti in famiglia la condotta reiteratamente prevaricatrice, caratterizzata da una continua serie di insulti e infedeltà ostentate, tali da determinare sofferenze morali.

In conclusione, a fronte di una plausibile ricostruzione della vicenda, come ampiamente descritta in narrativa, sui precisi riferimenti probatori operati dal giudice d’appello, in questa sede non è ammessa alcuna incursione nelle risultanze processuali per giungere a diverse ipotesi ricostruttive dei fatti, dovendosi la Corte di legittimità limitare a ripercorrere l’iter argomentativo svolto dal giudice di merito per verificarne la completezza e la insussistenza di vizi logici ictu oculi percepibili, senza possibilità di verifica della rispondenza della motivazione alle acquisizioni processuali.

La Corte territoriale ha compiutamente esposto le ragioni per le quali ha ritenuto la sussistenza degli elementi richiesti per la configurazione del delitto de quo e le condotte alle quali ha riconosciuto tale illecita connotazione.

3. Il ricorso è, dunque, inammissibile e, a norma dell’art. 616 c.p.p., il ricorrente va condannato oltre che al pagamento delle spese del procedimento, anche a versare una somma, che si ritiene equo determinare in euro 1.000,00 in favore della cassa delle ammende, non ricorrendo le condizioni richieste dalla sentenza della Corte costituzionale 13 giugno 2000, n. 186.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali e a quello della somma di euro 1000,00 in favore della Cassa delle ammende. Condanna il ricorrente alla rifusione delle spese, che liquida nella somma di € 1.500, oltre accessori, in favore della parte civile C.F.


avv. Tavani Elisa

L'avv. Elisa Tavani si occupa prevalentemente di diritto civile. Competente e puntuale anche per le domiciliazioni su Modena.


COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.

20 lezioni di Diritto penale e procesuale e 7 correzioni

L'obiettivo del corso è quello di fornire una preziosa “bussola” con cui orientarsi  nella complicatissima selezione delle tematiche a più “elevato rischio concorsuale. Il Corso ...

Segnalazioni Editoriali
Trattato di diritto civile (4 volumi) (Sconto 11%) Opera diretta dal Prof. F. Galgano 360,00 € 320,00
CEDAM — Anno 2014
Il Trattato, giunto con grande successo alla III edizione, è un'aggiornata sistemazione delle materie regolate dal ...

Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo Appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto atto giudiziario autovelox avvocato bando di concorso carceri cartella esattoriale certificato di agibilità codice della strada codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento depenalizzazione reati minori difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio diritto civile diritto penale donazione equa riparazione Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale formulario Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria Giudice di Pace giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza incidente di esecuzione indennizzo diretto Inps insidia stradale interessi legali ipoteca jobs act legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita occupazione abusiva oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone posta elettronica certificata precari precetto prima traccia processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sciopero seconda traccia semplificazione fiscale sentenza Franzese sequestro conservativo servitù sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali tulps usucapione Usura