ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Danno biologico
AltalexPedia, voce agg. al 17.06.2013 (Michele Iaselli)

Categoria: Diritto Civile

Danno biologico

di Michele Iaselli


Quando una persona fisica subisce una lesione nel fisico o nella psiche si realizza il danno biologico, che deve essere risarcito in quanto l’integrità fisica è un bene costituzionalmente garantito.

1. Nozione

2. Risarcimento

3. Liquidazione del danno biologico

1. Nozione

Al fine di comprendere il concetto di danno biologico bisogna partire dalla premessa che l’integrità della persona è bene primario, che deve essere tutelato giuridicamente non solo quando la menomazione abbia compromesso, totalmente o parzialmente, definitivamente o temporaneamente, le capacità del soggetto di attendere alle sue ordinarie occupazioni produttive, ma in tutte le ipotesi in cui la menomazione abbia determinato un depauperamento del valore biologico dell’individuo.

Per impostare correttamente la problematica connessa al danno biologico è necessario dunque enunciare il postulato secondo il quale alla persona deve essere riconosciuto un valore patrimoniale, indipendentemente dallo svolgimento di un’attività lavorativa o produttiva.

L’uomo in quanto persona deve essere sempre tutelato dall’ordinamento giuridico a prescindere dal reddito o dal lucro che possa trarre dall’impiego delle sue energie fisiche o intellettive. La lesione di natura biologica è di per sé un quid che intacca l’integrità fisica o psichica dell’uomo e costituisce quindi un danno che deve essere giuridicamente riparato, allorquando sia la conseguenza di un comportamento doloso o colposo imputabile ad altri. Il diritto di ogni persona alla salute, intesa in senso ampio come integrità fisiopsichica, è riconosciuto e protetto in tutti gli ordinamenti giuridici.

Nel nostro ordinamento vanno ricordate le seguenti principali disposizioni: art. 32 della Costistuzione; artt. 2043 e 2059 del codice civile; artt. 581, 582, 590 del codice penale; le norme sulla tutela del lavoratore contenute nella L. 300/70; la L. 833/78, istitutiva del servizio sanitario nazionale e le successive modifiche.

Va ricordato che anche la Corte costituzionale nella sentenza n. 88 del 1979 ha affermato che il bene della salute risulta direttamente tutelato dall’art. 32 della Costituzione non solo nell’interesse della collettività, ma anche e soprattutto come diritto fondamentale dell’individuo, sicché si configura come un diritto primario ed assoluto, pienamente operante anche nei rapporti tra privati. Tuttavia la stessa sentenza sembra ricondurre il danno alla salute nell’ambito dei danni non patrimoniali, risarcibili solo ai sensi dell’art. 2059

La dottrina e la giurisprudenza tradizionali sostengono questa tesi adombrata dalla Corte.

In particolare, secondo la Corte di Cassazione "Il danno biologico consiste nelle ripercussioni negative, di carattere non patrimoniale e diverse dalla mera sofferenza psichica, della lesione psicofisica. In particolare, la liquidazione del danno biologico può essere effettuata dal giudice, con ricorso al metodo equitativo, anche attraverso l'applicazione di criteri predeterminati e standardizzati, quali le cosiddette "tabelle" (elaborate da alcuni uffici giudiziari), ancorché non rientrino nelle nozioni di fatto di comune esperienza, né risultano recepite in norme di diritto, come tali appartenenti alla scienza ufficiale del giudice." (Sentenza 12/05/2006, n. 11039).

Parte della dottrina, invece, premettendo una diversa nozione di danno patrimoniale, ritiene che la salute è un bene valore che fa parte del patrimonio del soggetto e la sua violazione, qualora sia imputabile ad altri a titolo di dolo o di colpa, deve dar luogo al risarcimento del danno il quale, considerato in se stesso, prescindendo dalle sue eventuali ripercussioni psichiche, non può non avere che natura patrimoniale (ALPA).

2. Risarcimento

Storicamente al fine del risarcimento del danno biologico si sono succedute diverse posizioni dottrinarie e giurisprudenziali.

Secondo una prima impostazione, allorquando si debba accertare l’entità del danno patrimoniale subito da una persona che svolga attività lavorativa retribuita, deve essere applicato il criterio fondato sul reddito del danneggiato. Non si ritiene che tale criterio sia in contrasto con l’art. 3 della Costituzione perché, se è vero che ai sensi dell’art. 36 della medesima Carta Costituzionale, la retribuzione è commisurata alla quantità e alla qualità del lavoro svolto, non può dubitarsi che il danno, il quale incida su attività lavorative diverse e su redditi diversi, deve essere risarcito in modo diverso.

D’altra parte è stato osservato che il criterio di valutazione basato sul guadagno non è da solo sufficiente ai fini della liquidazione del danno dovendosi valutare anche la percentuale di invalidità provocata.

Nell’ipotesi in cui il danneggiato non goda di reddito lavorativo si parla di reddito figurato che per la casalinga si calcola in base alla sua collaborazione nella famiglia, per il disoccupato in base alla prospettive di lavoro, per il bambino in base al costo della sua educazione e del suo allevamento. In questa ipotesi, però, è stato proposto di applicare per analogia l’art. 4 legge 27 febbraio 1977 n. 39, secondo il quale i criteri di liquidazione del danno alla persona sono due: il primo è fondato sulla capitalizzazione del reddito di lavoro; il secondo, valevole quando il soggetto non ha reddito, impone di porre a base del calcolo un reddito comunque non inferiore a tre volte l’ammontare annuo della pensione sociale.

Questa impostazione è stata criticata perché, se il diritto alla salute deve essere considerato come voce autonoma, al di là delle conseguenze che la violazione ha prodotto sull’attitudine a esprimere reddito, non si può ammettere che una medesima lesione porti a somme risarcitorie assai distanti tra loro proprio per effetto dell’eccessivo (se non unico) rilievo del reddito percepito. Si tratta, in effetti, di un criterio destinato a riprodurre in sede di risarcimento quelle disuguaglianze economico-sociali che è disegno costituzionale rimuovere (art. 3 Costituzione).

Avverso la soluzione differenziata per reddito effettivo o presumibile del danneggiato, si è formata la giurisprudenza genovese (sentenze degli anni 74-75) che, nell’attuare un criterio egualitario per età e per sesso, ha utilizzato la nozione di reddito nazionale pro capite. Si è affermato che il danno alla salute in sé considerato deve essere valutato e quindi liquidato in termini esattamente uguali per tutte le persone, salvo a tener conto delle rispettive età, e a tal fine si è indicata la possibilità di far riferimento al reddito medio nazionale, l’ultimo ufficialmente noto al momento in cui si deve operare la liquidazione.

Sotto la spinta di recenti proposte dottrinarie, diversa è stata la strada intrapresa dalla giurisprudenza toscana che, ribadendo ora la necessità di risarcire la menomazione in quanto tale ora l’autonomia concettuale del danno alla salute, sottolinea l’opportunità di una liquidazione equitativa. Questa indubbiamente ha il vantaggio della flessibilità e del maggior adeguamento alle esigenze e circostanze della fattispecie concreta, ma ha bisogno di essere precisata. Invero non può consistere in un’operazione arbitraria, ma in una valutazione discrezionale, che tenga conto delle particolarità esistenziali della persona, cioè di quelle esigenze connaturate alla sua personalità ed attinenti quindi al suo libero sviluppo (particolare sarà il danno alle orecchie per un musicista). In tal modo la liquidazione del danno viene fortemente individualizzata, personalizzata, senza però far riferimento, almeno in via principale, al reddito di lavoro.

Tuttavia il tema del risarcimento del danno è in continua evoluzione e particolare attenzione deve essere prestata ai più recenti orientamenti giurisprudenziali tesi ad assicurare una tutela che sia al tempo stesso adeguata al caso concreto ed uguale per tutti.

Si può dire ormai raggiunto il convincimento in base al quale in caso di lesione alla persona il risarcimento del danno va liquidato prendendo in considerazione innanzitutto il danno biologico in senso stretto, inteso come menomazione della integrità psicofisica, in sé considerata, prescindendo dagli ulteriori riflessi economici, da valutare nel rispetto del principio di uguaglianza, in quanto il bene salute è riconosciuto dalla Costituzione a tutti gli individui in misura eguale (artt. 2 e 3).

Come già rilevato, un importante orientamento giurisprudenziale accoglie il criterio della liquidazione secondo equità, conforme alle disposizioni normative del codice qualora manchino criteri obiettivi per la esatta quantificazione del pregiudizio considerato (Cassazione 4 settembre 1990, n. 9118).

Tuttavia il ricorso all’equità determina ingiustificate disparità di trattamento, a seconda dei principi adottati da ciascun singolo giudice che possono condurre a risultati diversi anche in relazione a casi analoghi (RODOTA’).

Per ovviare a tale inconveniente la giurisprudenza di merito milanese ha elaborato e diffuso delle tabelle di calcolo, frutto di un’operazione di ricerca compiuta da presidenti e giudici di varie sezioni interessate. Queste tabelle nascono dal confronto tra i vari criteri elaborati dai giudici di tribunale che si sono occupati della materia del danno alla persona e tendono alla affermazione di criteri uniformi che superino le diversità dei parametri usati presso vari uffici ed eliminino le conseguenti incertezze tra gli operatori e le possibili disparità di trattamento.

3. Liquidazione del danno biologico

Nel concreto il danno biologico viene liquidato con riferimento a due voci:

1. La invalidità temporanea che consiste nel numero di giorni necessari per la guarigione e per il ritorno alla normale attività. Si ricorda che la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 15385/2010, confermando un precedente orientamento, si è pronunciata per l'esclusione della liquidazione della invalidità temporanea a seguito di un sinistro, se nel frattempo il danneggiato ha regolarmente percepito le retribuzioni. «..questa Corte Suprema ha affermato, nulla compete a titolo di risarcimento del danno da invalidità totale temporanea al lavoratore che - rimasto infortunato per fatto illecito del terzo - abbia continuato a percepire durante il periodo di invalidità l’intera retribuzione dal proprio datore di lavoro, dato che, sotto questo specifico profilo, nessuna diminuzione si è prodotta nella sfera patrimoniale dell’infortunato, salva restando la prova, a carico del lavoratore, di avere subito altri pregiudizi economici (Cass. Civ., sentenze 11 ottobre 1995, n. 10597, 15 aprile 1993, n. 4475, 10 ottobre 1988, n. 5465 ed altre)».

2. La invalidità permanente che viene, ormai, liquidata con riferimento, appunto, al "danno biologico", uguale per ogni cittadino, da determinarsi con riferimento a requisiti consistenti nella età della danneggiata e nel grado di invalidità permanente (cd. punti). La confluenza in un ipotetico diagramma dei detti requisiti determina l'importo dovuto. Il danno biologico si riferisce non solo ai danni fisici, ma anche ai danni psichici. Tali danni psichici, ad esempio, sono valutati nella ipotesi di decesso di una persona e della influenza che tale decesso abbia avuto nella psiche dei familiari.

In merito alla liquidazione del danno biologico, si ricorda che la Corte di Cassazione con diverse sentenze (31 maggio 2003, n. 8827; 20 novembre 2012, n. 20292) ha affermato e più volte ribadito un concetto importante e cioè che nell'ottica della concezione unitaria della persona, la valutazione equitativa di tutti i danni non patrimoniali possa anche essere unica, senza una distinzione - bensì opportuna, ma non sempre indispensabile - tra quanto va riconosciuto a titolo di danno morale soggettivo e quanto a titolo di ristoro dei pregiudizi ulteriori e diversi dalla mera sofferenza psichica, ovvero quanto deve essere liquidato a titolo di risarcimento del danno biologico in senso stretto (se una lesione dell'integrità psico-fisica venga riscontrata). Di conseguenza, quindi, non è illegittimo sostenere "che la liquidazione del danno biologico, di quello morale soggettivo e degli ulteriori pregiudizi risarcibili sia espressa da un'unica somma di denaro, per la cui determinazione si sia tuttavia tenuto conto di tutte le proiezioni dannose del fatto lesivo".

La stessa Corte di Cassazione con diverse pronunce (Cass. Civ., sentenze 31 maggio 2003, n. 8827 e n. 8828), ha chiarito le complesse problematiche attinenti alla tutela risarcitoria del danno alla persona, prospettando, nel quadro di un sistema bipolare del danno patrimoniale e di quello non patrimoniale, un'interpretazione costituzionalmente orientata dell'art. 2059 c.c., tesa a ricomprendere nell'astratta previsione della norma ogni danno di natura non patrimoniale derivante da lesione di valori, inerenti alla persona: e dunque sia il danno morale soggettivo, inteso come transeunte turbamento dello stato d'animo della vittima; sia il danno biologico in senso stretto, inteso come lesione dell'interesse, costituzionalmente garantito, all'integrità psichica e fisica della persona, conseguente ad un accertamento medico (art. 32 Cost.); sia infine il danno (spesso definito in dottrina ed in giurisprudenza come esistenziale) derivante dalla lesione di (altri) interessi di rango costituzionale inerenti alla persona.

Inoltre, va rilevato come a seguito dei diversi interventi giurisprudenziali della Suprema Corte (v. le sentenze del 2008) e principalmente a seguito della emanazione di due successivi provvedimenti normativi: il d.P.R. n. 37 del 2009 e il d.P.R. n. 191 del 2009, è diventata palese la volontà del legislatore di distinguere, morfologicamente prima ancora che funzionalmente, tra la "voce" di danno c.d. biologico da un canto, e la "voce" di danno morale dall'altro.


Per approfondimenti vedi il Seminario di Altalex: Il nuovo danno alla persona - Aggiornato ai nuovi criteri di valutazione delle micropermanenti.







Avv. Marinella Salmini

Diritto Civile - Diritto di famiglia - Diritto Fallimentare-Esecuzioni mobiliari e immobiliari - Attività di collaborazione e domiciliazione avanti ai Tribunale di Busto Arsizio- Gallarate- Varese- Legnano


COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Tabella del danno biologico di lieve entità con gli importi aggiornati (Tabella ex art. 139 del Codice delle Assicurazioni, agg. al 08.07.2014)

Calcolo online del danno biologico di lieve entità (Servizio 08.07.2014)

Danno biologico di lieve entità: gli importi per l'anno 2014 (Decreto Ministero Sviluppo Economico, 20.06.2014, G.U. 04.07.2014 )

Danno non patrimoniale: la Cassazione detta i criteri per la personalizzazione (Cassazione civile , sez. III, sentenza 06.03.2014 n° 5243 (Michele Iaselli) )

Danno alla vita: Cassazione detta i criteri per individuazione e liquidazione (Cassazione civile , sez. III, sentenza 23.01.2014 n° 1361 (Roberto Riverso) )

Sinistro: configurabile disagio emotivo o danno esistenziale del familiare? (Corte d'Appello Firenze, sentenza 17.01.2014 n° 1611 (Michele Iaselli) )

Dei delitti contro la persona (Codice penale , Libro II, Titolo XII, agg. al 28.10.2013)

Danno biologico di lieve entità: aggiornamento degli importi per l'anno 2013 (Decreto Ministero Sviluppo economico 06.06.2013, G.U. 14.06.2013 )

Danno non patrimoniale: Cassazione ribadisce il concetto di unitarietà (Cassazione civile , sez. III, sentenza 16.05.2013 n° 11950 (Michele Iaselli) )

Danno biologico: le tabelle del Tribunale di Milano 2013 (Osservatorio Giustizia civile di Milano, nota 20.03.2013)

Trasporto negato al disabile: è danno esistenziale (TAR Marche-Ancona, sez. I, sentenza 11.01.2013 n° 23 (Michele Iaselli) )

No al danno esistenziale anche nel caso di illecito con risvolti penali (Cassazione civile , sez. III, sentenza 08.01.2013 n° 194 (Simone Marani) )

Danno biologico, la Cassazione ribadisce: vanno applicate le tabelle milanesi (Cassazione civile , sez. VI, ordinanza 04.01.2013 n° 134 (Simone Marani) )

Costituzione italiana (Costituzione agg. al 18.12.2012)

Il nuovo danno alla persona ** Aggiornato ai nuovi criteri di valutazione delle micropermanenti ** (Seminario accred. 7h CNF, Cons. D. Chindemi (Corte di Cassazione), in Milano e Mestre dal 15.12.2012)

Diritto Civile (Mappa agg. al 28.11.2012)

Ancora sulla risarcibilità del danno non patrimoniale ex art. 2059 c.c. (Cassazione civile , sez. III, sentenza 20.11.2012 n° 20292 (Rosita Ponticiello) )

Danno morale, danno relazionale, danno biologico, configurabilità (Cassazione civile , sez. III, sentenza 20.11.2012 n° 20292 )

Danno esistenziale, configurabilità e liquidazione: la Cassazione fa il punto (Cassazione civile , sez. III, sentenza 20.11.2012 n° 20292 (Michele Iaselli) )

L’applicazione del principio di equità nella liquidazione del danno biologico (Cassazione civile , sez. VI, ordinanza 08.11.2012 n° 19376 (Michele Iaselli) )

Danno biologico di lieve entità: le nuove norme contro le truffe assicurative (Articolo 18.10.2012 (Giuseppe Sileci) )

Amianto: il risarcimento per la morte del lavoratore va personalizzato (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 08.10.2012 n° 17092 (Simone Marani) )

Danno tanatologico (AltalexPedia, voce agg. al 17.07.2012 (Maria Elena Bagnato) )

Dei fatti illeciti (Codice civile , Libro IV, Titolo IX, agg. al 29.06.2012)

Danno sotto i minimi tabellari: giudice deve motivare (Cassazione civile , sez. III, sentenza 29.05.2012 n° 8557 (Marta Buffoni) )

Inammissibile il risarcimento irrisorio ai parenti della vittima (Cassazione civile , sez. III, sentenza 14.05.2012 n° 7499 (Simone Marani) )

Ancora sulla differenza tra danno biologico e morale (Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 02.04.2012 n° 5230 (Domenico Prosciutto) )

Sinistro stradale, lavoratore, periodo di invalidità, retribuzione, risarcimento danno (Cassazione civile sez. III, sentenza 28.06.2010 n° 15385 )

Il danno morale è diverso dal biologico: ora lo dice la legge (D.P.R. 03.03.2009 n° 37 , G.U. 22.04.2009 (Luigi Viola) )

Diritti e doveri dei cittadini - Rapporti economici (Costituzione , Parte I, Titolo III, agg. al 01.07.2006)

Diritti e doveri dei cittadini - Rapporti etico-sociali (Costituzione , Parte I, Titolo II, agg. al 01.07.2006)

Errore medico, risarcimento, danno biologico e morale, danno esistenziale (Cassazione civile , sez. III, sentenza 31.05.2003 n° 8827 )

Danno non patrimoniale per la lesione di valori personali di rilievo costituzionale (Cassazione civile , sez. III, sentenza 31.05.2003 n° 8828 )

Statuto dei lavoratori (IL TESTO AGGIORNATO DELLA LEGGE 300/1970)

ALTALEXPEDIA, L'ENCICLOPEDIA GIURIDICA DI ALTALEX (AltalexPedia )


20 lezioni di Diritto penale e procesuale e 7 correzioni

L'obiettivo del corso è quello di fornire una preziosa “bussola” con cui orientarsi  nella complicatissima selezione delle tematiche a più “elevato rischio concorsuale. Il Corso ...

Segnalazioni Editoriali
Reati contro la donna. Excursus normativo Avv. Simone Marani € 32,00 € 28,80 Sconto 10%
La violenza sulle donne è un fenomeno idoneo ad integrare differenti ipotesi delittuose, tutte accomunate dal fatto...

Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri cartella esattoriale certificato di agibilità Codice della Strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge Pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione Riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sciopero sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali tulps usucapione usura