ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Anatocismo
AltalexPedia, voce agg. al 03.07.2012 (Maria Elena Bagnato)

Categoria: Diritto Civile

Anatocismo

di Maria Elena Bagnato


L’anatocismo è un metodo di calcolo degli interessi per cui gli interessi maturati secondo una certa periodicità maturano altri interessi, cioè sono sommati al capitale dato in prestito in modo tale da contribuire a maturare altri interessi nei periodi successivi.

1. Disciplina e evoluzione storica

2. Applicabilità

3. Domanda giudiziale

4.Anatocismo e prescrizione

1.Disciplina e evoluzione storica

L’anatocismo è contemplato dall’art. 1283 c.c. secondo cui gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, purché siano interessi dovuti da almeno sei mesi. Pertanto, il giudice potrà condannare al pagamento degli interessi su interessi nel caso in cui venga provato che, alla data della domanda giudiziale, erano già scaduti gli interessi principali.

L’art. 1283 c.c. è sintomatico dello sfavore con cui il legislatore ha valutato la pratica di capitalizzare gli interessi, così come sono contemplate altre restrizioni per interessi superiori a quelli legali. Tuttavia, le banche hanno continuato ad applicare la capitalizzazione trimestrale degli interessi, supportata da varie pronunce giurisprudenziali. A tal riguardo, occorre citare l’art. 25 del D. Lgs. n. 342/1999, co. 2, che ha aggiunto un nuovo comma all'art. 120 del D. Lgs. n. 385/1993 (Testo Unico Bancario), prevedendo la possibilità di stabilire i criteri di calcolo, purché periodico, degli interessi sugli interessi, maturati nell'esercizio dell'attività bancaria. Con una norma transitoria, inserita nel decreto n. 342/1999 il legislatore aveva contemplato una sanatoria per i contratti conclusi prima dell'entrata in vigore della nuova disciplina, salvandone le clausole di capitalizzazione trimestrale.

Tuttavia, la Corte Costituzionale con sentenza del 17 ottobre 2000, n. 425, ha dichiarato illegittima la suddetta norma transitoria, per violazione dell'articolo 77 della Costituzione.

Rilevante è inoltre la sentenza del 4 novembre 2004, n. 21095, delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione, nella quale si afferma l'illegittimità, anche per il passato, degli addebiti per anatocismo, in quanto le clausole anatocistiche degli interessi precedenti al 1999, non rispondono ai principi dell'ordinamento giuridico normativo, ma attengono ad un uso prettamente negoziale. Pertanto, le suddette previsioni di calcolo si pongono in palese contrasto con l’art. 1283 c.c.

2.Applicabilità

L’art. 1283 c.c. è una norma di carattere eccezionale ed è applicabile perciò ai soli debiti di valuta (o pecuniari), e non è estensibile a quelli di valore. Per tale ragione non è estendibile al caso in cui gli interessi vengano riconosciuti a partire dalla data del fatto illecito sulle somme liquidate a titolo di risarcimento danno. Inoltre, l’art. 1283 c.c. non viene applicato in materia tributaria, ove sussistono disposizioni speciali che regolano gli effetti della mora debendi.

La disciplina dell’anatocismo si applica invece alla clausola penale, un patto con cui le parti stabiliscono, in caso di ritardo nell’adempimento, se siano dovuti o meno interessi, e ne prevedono la misura. Altro aspetto rilevante è l’applicazione dell’anatocismo agli interessi relativi ai crediti da lavoro, nonché a tutte le obbligazioni aventi ad oggetto il pagamento di una somma di denaro sulla quale spettino interessi di vario tipo.

3.Domanda giudiziale

L’art. 1283 c.c. prevede che gli interessi di un credito certo ma non liquido diventano esigibili solo in seguito ad una domanda giudiziale, e solo da tale data saranno suscettibili di produrre interessi anatocistici.

La domanda finalizzata al conseguimento del pagamento degli interessi anatocistici di cui all’art. 1283 c.c. è autonoma e distinta rispetto a quella volta al riconoscimento degli interessi principali, per cui deve essere finalizzata ad ottenere specificamente gli interessi stessi.

In particolare, tale domanda è nuova rispetto a quella eventualmente proposta per il riconoscimento degli interessi principali scaduti e della rivalutazione monetaria, per cui non potrà essere per la prima volta proposta in sede di rinvio o di appello.

4. Anatocismo e prescrizione

La Cassazione a Sezioni Unite aveva stabilito, con la sentenza n.24418 del 2010, il diritto dei correntisti ad ottenere il rimborso delle somme addebitate illegittimamente dalle banche sul conto corrente, con la capitalizzazione trimestrale degli interessi.

La Suprema Corte, condividendo la precedente pronuncia delle Sezioni Unite n. 21095/04, aveva precisato che la prescrizione del diritto di ottenere la restituzione delle somme decorreva dalla chiusura del rapporto e non dalla data della singola annotazione a debito sul conto, garantendo in tal modo la resa dell’indebito.

In senso opposto a tale pronunzia è l’art. 2, co 61, della L. n. 10 del 2011, di conversione del D.L. 29 dicembre 2010, n. 225, (c.d. “Milleproroghe”), secondo cui:“in ordine alle operazioni bancarie regolate in conto corrente l'art. 2935 del codice civile si interpreta nel senso che la prescrizione relativa ai diritti nascenti dall'annotazione in conto inizia a decorrere dal giorno dell'annotazione stessa. In ogni caso non si fa luogo alla restituzione di importi già versati alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto legge”. Pertanto, è stato introdotto un nuovo sistema di calcolo per i tempi di prescrizione: i dieci anni decorrono non dalla chiusura del conto corrente, ma dalla singola operazione bancaria. Le conseguenze di questa norma “salva banche” sono sfavorevoli al cittadino, il cui diritto al ricorso in tal modo si prescrive molto prima.

La Corte Costituzionale con la sentenza del 2 aprile 2012, n. 78 ha dichiarato l’incostituzionalità dell’art. 2, co. 61 della L. n. 10/2011, Decreto Milleproroghe, relativo alla capitalizzazione trimestrale dell’interesse, in quanto esso violava l’art. 3 Cost. In effetti, la norma censurata, facendo retroagire la disciplina prevista, non rispetta il canone generale di eguaglianza e ragionevolezza delle norme (art. 3 Cost.).








COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Anatocismo bancario: le novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2014 (Articolo 18.02.2014 (Antonio Tanza) )

Commissione di massimo scoperto: dai Tribunali soluzioni contrastanti (Tribunale Macerata, sentenza 11.03.2013 n° 334 (Antonio Tanza) )

Esame di avvocato 2012, prima giornata: il parere di diritto civile (Le tracce e le soluzioni proposte)

Diritto Civile (Mappa agg. al 28.11.2012)

Anatocismo, interessi, conto corrente, prescrizione, annotazione, illegittimità (Corte Costituzionale , sentenza 05.04.2012 n° 78 )

Anatocismo: la Consulta boccia la norma ''salva banche 3'' (Corte Costituzionale , sentenza 05.04.2012 n° 78 (Antonio Tanza) )

Gli interessi anatocistici (eBook , segnalazione del 27.10.2011 (Pierpaolo Vannucci) )

E' legge: Mediazione in vigore dal 21 marzo, rinvio per condominio e sinistri (Legge 26.02.2011 n° 10 , G.U. 26.02.2011 )

IL TESTO DEL DECRETO MILLEPROROGHE CONVERTITO IN LEGGE (Decreto Legge , testo coordinato 29.12.2010 n° 225 , G.U. 26.02.2011 )

Dies a quo del termine di prescrizione per la restituzione degli interessi non dovuti (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 02.12.2010 n° 24418 (Domenico Prosciutto) )

Anatocismo e prescrizione: dalle Sezioni Unite un duro colpo alle banche (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 02.12.2010 n° 24418 )

Anatocismo: illegittimità della capitalizzazione trimestrale dell’interesse composto (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 04.11.2004 n° 21095 (Antonio Tanza) )

Illegittima moratoria su interessi bancari passivi ex Dlgs n.342/99 (Corte Costituzionale , sentenza 17.10.2000 n° 425 )

ALTALEXPEDIA, L'ENCICLOPEDIA GIURIDICA DI ALTALEX (AltalexPedia )


20 lezioni di Diritto penale e procesuale e 7 correzioni

L'obiettivo del corso è quello di fornire una preziosa “bussola” con cui orientarsi  nella complicatissima selezione delle tematiche a più “elevato rischio concorsuale. Il Corso ...

Avv. Giuseppe de Simone

Diritto civile, Diritto di Famiglia, Successioni, Separazioni, Divorzi, Locazioni, Procedure esecutive e Pignoramenti


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso amministratore di condominio anatocismo Appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada Codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto Balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva Italia demansionamento difesa d'ufficio Equitalia esame avvocato Esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo telematico procura alle liti provvigione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma forense riforma fornero sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura