ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Mediazione obbligatoria: novità e compromessi nella riforma dell'istituto
Articolo 23.09.2013 (Andrea Sirotti Gaudenzi)

L’obbligatorietà della mediazione è stata reintrodotta con il decreto legge 21 giugno 2013, n. 69 (poi convertito dalla legge 9 agosto 2013, n. 98), dopo che la Consulta aveva bloccato un percorso che stava dando i suoi frutti. Frutti che, beninteso, non erano affatto quelli che i più ottimisti speravano di raccogliere, pur dovendosi smentire le improvvisate Cassandre che avevano pronosticato la morte della giustizia civile. E’ noto come in quella fase, divenuta sua malgrado, un periodo di «sperimentazione» dell’istituto, si sia assistito a qualche risultato incoraggiante. I dati ministeriali parlano chiaro: quando tutte le parti si presentano davanti ad un mediatore ci sono buone probabilità che la mediazione si concluda con una conciliazione.

Ben venga, quindi, la reintroduzione della obbligatorietà, che, come sottolineato in altre occasioni, non si pone affatto in contrasto con i princìpi costituzionali ed europei. Proprio il ripristino della «condizione di procedibilità» potrebbe contribuire all’affermazione dell’istituto. Del resto, è noto che la (corposa) decisione resa dalla Consulta (e incredibilmente anticipata da uno scarno «comunicato stampa») aveva bocciato le disposizioni in tema di obbligatorietà esclusivamente sulla base di un eccesso di delega da parte dell’Esecutivo, che nello scrivere il d.lgs. n. 28/2010 non si era attenuto al mandato espresso dalla legge n. 69/2009. Chiari inviti ad incentivare il ricorso alla mediazione ed al ripristino dell’istituto come «condizione di procedibilità» erano, peraltro, stati mossi dalle Istituzioni europee e dai vertici della Magistratura italiana.

Ma sarebbe un errore pensare che tutto ritornerà come prima.

Esistono profonde e significative novità, che probabilmente non sono ascrivibili alla migliore tecnica normativa, ma che costituiscono veri e propri «compromessi politici» tesi a evitare le proteste già viste all’esito del varo del d.lgs. n. 28/2010.

Una «mediazione» nella «mediazione», quindi? Probabilmente, sì.

Del resto, la storia d’Italia è ricca di compromessi, spesso frutto di scelte gravi e dolorose, finalizzati comunque al raggiungimento di un obiettivo importante. Il Risorgimento ci ha consegnato uno dei massimi esempi in tal senso: per ottenere l’unità della Nazione, Cavour si fece artefice della cessione della Savoia e della contea di Nizza ai cugini d’Oltralpe. Venendo alle sciagurate conseguenze della partecipazione di un’Italia in camicia nera (sul finale sbiancata con un po’ di varechina) al secondo conflitto mondiale, si concretizzò un’altra «mediazione» che pose fine alla «questione triestina»: per riportare la meravigliosa città giuliana in Italia, il nostro Governo firmò il Trattato di Osimo, con cui si abbandonavano al loro destino i connazionali di territori annessi alla Jugoslavia.

I paragoni potrebbero apparire un po’ azzardati.

Eppure, ispirandosi agli esempi del passato, il Governo Letta ha deciso di giungere ad un compromesso, dando ingresso alle voci che da tempo stavano cercando di delegittimare gli strumenti di ADR, con innesti non del tutto apprezzabili, ma sicuramente «utili» all’obiettivo. Si è, così, deciso di «sacrificare» la materia della responsabilità da circolazione di veicoli e di natanti (che, peraltro, appariva di difficile mediazione, per l’ostinato rifiuto di partecipare alle sedute da parte delle compagnie di assicurazione), per non dimostrarsi insensibili al «grido di dolore» levato dai Giudici di Pace. Inoltre, si è dato accesso di diritto all’esercizio della nuova professionalità agli avvocati, i cui rappresentanti lamentavano di essere stati trascurati dal d.lgs. n. 28/2010.

Peraltro, si è deciso di introdurre una norma in virtù della quale il verbale di accordo, per essere omologato e divenire titolo esecutivo, deve essere firmato da tutti gli avvocati che assistono le parti. Nulla quaestio circa l’opportunità “politica” della norma. Ma non dobbiamo dimenticare che la disposizione che consente di ottenere un titolo esecutivo è la trasposizione di quanto previsto dal Legislatore europeo nell’art. 6 della direttiva 2008/52/CE e che la novità potrebbe tradire lo spirito di tale fonte (seppur dedicata principalmente alle controversie transfrontaliere).

Se, da una parte, si rafforza la «mediazione delegata», dato che l’avvio del procedimento diviene condizione di procedibilità, dall’altro lascia perplessi la previsione di una competenza per territorio indicata da una norma generica e poco chiara.

La scelta dell’Esecutivo è stata quella di scommettere sull’istituto, soprattutto per far fronte ai ben noti problemi della giustizia nazionale. In sintesi, non si è forse valorizzato il senso dei «considerando» della direttiva 2008/52/CE, ma si è posto risalto alla funzione deflattiva che la mediazione dovrebbe svolgere (congiuntamente alle altre misure previste dal decreto, in cui si assiste al reclutamento di un numero di magistrati onorari sicuramente insufficiente), prevedendo peraltro che le norme entreranno in vigore decorsi trenta giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto (in spregio alla prassi tipica della decretazione d’urgenza).

Da un certo verso, le motivazioni che stanno alla base della decisione del Governo non sono del tutto condivisibili. Del resto, la direttiva comunitaria indicava nella mediazione uno strumento di «risoluzione extragiudiziale conveniente e rapida», da valorizzare in quanto tale. Da un altro punto di vista, però, non si deve dimenticare che gli ostacoli all’esercizio del (pieno) diritto di accesso alla giustizia sono rappresentati da ben altri istituti, a partire dalle recenti riforme che hanno investito la materia delle impugnazioni civili. E’ evidente che sistemi che, come il nostro, contemplano un istituto come quello del «filtro» in appello dimostrano di non facilitare un approccio al mondo della giustizia, ma di comprimere sempre maggiormente il diritto riconosciuto dall’art. 6 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. E’ chiaro, quindi, che -in un contesto come questo- il procedimento di mediazione si pone come strumento particolarmente efficace, se si considera, peraltro, che lo stesso, grazie alla recente riforma, diventerà ancora più economico, con la previsione di un incontro preparatore i cui costi sono estremamente ridotti, che sembra essere perfettamente in linea con gli orientamenti espressi dalla Corte di Giustizia (sentenza del 18 marzo 2010, cause riunite C-317/08, 318/08, 319/08, 320/08).

Si segnala:

(Altalex, 23 settembre 2013. Articolo di Andrea Sirotti Gaudenzi)








COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Mediazione e Palazzo Spada: verità, dogmi e bufale nel Carnevale 2014 (Articolo 28.02.2014 (Andrea Sirotti Gaudenzi) )

Mediazione: secondo il Parlamento europeo Italia modello per tutta la UE (Ministero della Giustizia, comunicato stampa 16.01.2014)

E pur si move: pronostici sulla mediazione (Articolo 31.12.2013 (Gianluca Denora) )

Alpa a Report: vietati i conflitti di interesse tra avvocati e mediatori (CNF, nota 08.10.2013)

DECRETO DEL FARE: LA TABELLA DELLE NOVITA' (Tabella agg. al 23.08.2013)

Mediazione: il DLgs. n. 28/2010 aggiornato con al Decreto del Fare (Note di commento e osservazioni per la modifica in sede di conversione (Giuseppe Agozzino) )

Mediazione: da Comm. Giustizia temperamenti a obbligatorietà e onerosità (Cnf: un primo passo avanti, ma è opportuno un cambio di rotta)

Avvocati mediatori ope legis con il Decreto del Fare (Articolo 29.06.2013 (Giovanni Matteucci) )

Mediazione obbligatoria, Unioncamere: risparmi per 420 milioni di euro (Unioncamere, comunicato stampa 27.06.2013)

Decreto del fare: Avvocatura punta a modifiche con maxiemendamento (Oua minaccia lo sciopero nei giorni 5, 8, 9, 10, 11, 12, 15 e 16 luglio 2013)

GIUSTIZIA NEL D.L. FARE: LE TAVOLE SINOTTICHE (Tavole sinottiche 24.06.2013 (Giuseppe Buffone) )

Decreto del ''fare'': giustizia, Equitalia e burocrazia. Torna la mediazione obbligatoria (IL TESTO COORDINATO DEL D.L. 69/2013 IN GAZZETTA)

Nuova mediazione obbligatoria: le reazioni di avvocati e associazioni (News 17.06.2013)

Mediazione ed eccesso di delega: il vizio formale non deve affossare l'istituto (Articolo 07.12.2012 (Andrea Sirotti Gaudenzi) )

Mediazione civile: il testo aggiornato del D.Lgs. 28/2010 (Decreto legislativo 04.03.2010 n° 28 , G.U. 05.03.2010 )

Collegato Competitività: in Gazzetta la riforma del processo civile (Legge 18.06.2009 n° 69 , G.U. 19.06.2009 )


16 correzioni personalizzate di pareri e atti + 8 lezioni in "aula virtuale"

Giunto alla XI edizione, il corso on-line diretto per Altalex da Paolo Franceschetti, è mirato all’acquisizione del metodo e delle conoscenze necessarie a superare l'Esame Avvocato e quest'anno si pres ...

Studio Legale Troianiello

Foro di S.Maria C.V. Si occupa di: diritto civile, del lavoro e previdenza, commerciale, fallimentare, esecuzioni. Disponibile per domiciliazioni presso il Tribunale di S.Maria Capua Vetere e tutte le Sezioni Distaccate.


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto Inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura