ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Abitazione, diritto di
AltalexPedia, voce agg. al 31.10.2013 (Michele Iaselli)

Il diritto di abitazione è il diritto reale di godimento su cosa altrui che conferisce al titolare (habitator) la facoltà di abitare una casa limitatamente ai bisogni suoi e della sua famiglia (art. 1022 c.c.). 


Categoria: Diritto Civile

Abitazione

di Michele Iaselli

1. Nozione

2. Caratteristiche

3. Costituzione legale del diritto di abitazione

1. Nozione

Il diritto di abitazione è disciplinato dall'art. 1022 del codice civile, è un diritto reale immobiliare e come tale opera su un piano nettamente distinto dal rapporto obbligatorio di locazione; ha carattere strettamente personale e conferisce all'habitator unicamente la facoltà di abitare l'immobile con il proprio nucleo familiare, con esclusione, pertanto, di ogni forma di godimento indiretto nonché di ogni utilizzazione diversa della casa (quali destinazione ad attività professionale, commerciale, ecc.), e nei limiti dei bisogni personali del titolare e della sua famiglia.

Ne consegue che titolare del diritto di abitazione non può essere una persona giuridica ed oggetto del diritto può essere solo una casa idonea all'uso abitativo.

2. Caratteristiche

A differenza dell'usuario, l'habitator non ha alcun diritto ai frutti; ha, inoltre, facoltà limitate ai bisogni suoi e della sua famiglia, mentre nell'uso questo limite esiste solo riguardo ai frutti. In sostanza, su una casa si può costituire o un diritto d'uso, o uno di abitazione, con effetti diversi: nell'uso, il titolare ha non solo il diritto di abitare la casa, ma anche di adibirla a negozio, ufficio, ecc., escludendo del tutto il godimento del proprietario; nell'abitazione, il titolare può solo abitare l'immobile, e deve, inoltre, limitarne l'occupazione a quella parte occorrente ai bisogni logistici propri e della famiglia (art. 1025 c.c.): in tal modo, sulla stessa casa può concorrere, per la parte eccedente tali bisogni, il godimento del proprietario.

Il diritto di abitazione si estende a tutti gli accessori e pertinenze dell'immobile (balconi, giardini, rimesse, ecc.) in quanto destinati al servizio e all'ornamento della casa, nonché alle accessioni (art. 983 c.c., in virtù del richiamo contenuto nell'art. 1026 c.c.).

Il diritto di abitazione non è trasmissibile in via ereditaria, essendo strettamente personale. Può costituirsi per atto tra vivi o mortis causa, anche a favore di più soggetti. In tale ultimo caso, la perdita del diritto o la mancata accettazione di uno dei titolari accresce la quota di godimento degli altri, sempre nei limiti dei bisogni abitativi diretti di ognuno di essi. E' ammissibile la nascita di un diritto di usucapione.

3. Costituzione legale del diritto di abitazione

Unica ipotesi di costituzione legale del diritto di abitazione è quella dell'art. 540, co. 2 c.c. che prevede a favore del coniuge superstite, anche quando concorre con altri chiamati, il diritto di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare (e di uso sui mobili che la corredano: art. 1021 c.c.), al fine di garantirgli la continuità nel godimento dell'ambiente in cui si era svolta la vita della famiglia. Tale diritto ha natura di prelegato, spettante a titolo di legittima, oltre la quota in piena proprietà attribuita dagli artt. 540, co. 1, 542 e 544 c.c.; si ritiene che il diritto del coniuge superstite non sia soggetto al limite della commisurazione ai bisogni propri e familiari.

A tal riguardo proprio recentemente sono intervenute le Sezioni Unite della Corte di Cassazione (sentenza 27 febbraio 2013, n. 4847) le quali hanno statuito in via definitiva che la natura giuridica dei diritti attribuiti ex artt. 540 c.c. al coniuge superstite possiedono natura di prelegato ex lege anche nell'ambito della successione legittima (e non soltanto in riferimento alla porzione legittima attribuita al coniuge in qualità di riservatario).

Si afferma infatti che "nella successione legittima spettano al coniuge del de cuius i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano previsti dall'art. 540, co. 2 c.c.; il valore capitale di tali diritti deve essere stralciato dall'asse ereditario per poi procedere alla divisione di quest'ultimo tra tutti i coeredi secondo le norme della successione legittima, non tenendo conto dell'attribuzione dei suddetti diritti, secondo un meccanismo assimilabile al prelegato".

Tale ragionamento si fonda in primo luogo sulla ratio stessa dei diritti d’uso e di abitazione, "riconducile alla volontà del legislatore di cui alla L. 19 maggio 1975, n. 151 di realizzare, anche nella materia successoria, una nuova concezione della famiglia tendente ad una completa parificazione dei coniugi non solo sul piano patrimoniale (mediante l'introduzione del regime imperniato sulla comunione legale), ma anche sotto quello etico e sentimentale, sul presupposto che la ricerca di un nuovo alloggio per il coniuge superstite potrebbe essere fonte di un grave danno psicologico e morale per la stabilità delle abitudini di vita della persona" e "tale finalità dell'istituto è valida per il coniuge superstite sia nella successione necessaria che in quella legittima, cosicché i diritti in questione trovano necessariamente applicazione anche in quest'ultima".

In secondo luogo, tale convincimento trova conferma anche sul piano del diritto positivo, posto che l'art. 540, co. 2 c.c. prevede la riserva dei diritti di abitazione ed uso al coniuge “anche quando concorra con altri chiamati”, e che un concorso con “altri chiamati”, oltre che nella successione testamentaria, è presente anche in quella legittima.








COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Diritti di uso e abitazione nella successione legittima (Articolo 01.10.2013 (Giovanni Alessi) )

Successione legittima, coniuge, residenza familiare, diritti di abitazione e uso (Cassazione civile , SS.UU., sentenza 27.02.2013 n° 4847 )

Diritto Civile (Mappa agg. al 28.11.2012)

Usucapione (AltalexPedia, voce agg. al 02.07.2012 (Michele Iaselli) )

Dell'usufrutto, dell'uso e dell'abitazione (Codice civile , Libro III, Titolo V, agg. al 29.06.2012)

ALTALEXPEDIA, L'ENCICLOPEDIA GIURIDICA DI ALTALEX (AltalexPedia )


16 correzioni personalizzate di pareri e atti + 8 lezioni in "aula virtuale"

Giunto alla XI edizione, il corso on-line diretto per Altalex da Paolo Franceschetti, è mirato all’acquisizione del metodo e delle conoscenze necessarie a superare l'Esame Avvocato e quest'anno si pres ...

valeria mazzotta

avvocato civilista, esperto in diritto di famiglia, risarcimento dei danni, trust. Disponibile per domiciliazioni


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri codice della strada codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale decreto decreto balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto Inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per Cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sentenza Franzese sequestro conservativo sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali usucapione usura