ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Codice della proprietà industriale
Decreto legislativo 10.02.2005 n° 30 , G.U. 04.03.2005

Pubblichiamo il testo del decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30 recante il Codice della proprietà industriale, coordinato ed aggiornato con le modifiche apportate dalla L. 6 agosto 2013, n. 97.

Codice della proprietà industriale


Capo I - Diposizioni generali e principi fondamentali (Artt. 1-6)
Capo II - Norme relative all'esistenza, all'ambito e all'esercizio dei diritti di proprietà industriale (Artt. 7-116)
Capo III - Tutela giurisdizionale dei diritti di proprietà industriale (Artt. 117-146)
Capo IV - Acquisto e mantenimento dei diritti di proprietà industriale e relative procedure (Artt. 147-193)
Capo V - Procedure speciali (Artt. 194-200)
Capo VI - Ordinamento professionale (Artt. 201-222)
Capo VII - Gestione dei servizi e diritti (Artt. 223-230)
Capo VIII - Disposizioni transitorie e finali (Artt. 231-246)

Altalex eBook - Collana "Codici Altalex''



Codice della proprietà industriale

Scarica il testo in PDF del Codice della proprietà industriale aggiornato con le s.m.i.


Mappa Codici






Codice della proprietà industriale

(articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n. 273)

(Gazzetta Ufficiale n. 52 del 4-3-2005- Suppl. Ordinario n.28)

** * **

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Vista la legge 12 dicembre 2002, n. 273, recante misure per favorire l'iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza, come modificata dall'articolo 2, comma 8, della legge 27 luglio 2004, n. 186, di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136, e come ulteriormente modificata dall'articolo 2 della legge 27 dicembre 2004, n. 306, di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 9 novembre 2004, n. 266, ed in particolare l'articolo 15, recante delega al Governo per il riassetto delle disposizioni in materia di proprietà industriale;

Visto l'articolo 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400, recante disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri;

Visto il regio decreto 29 giugno 1939, n. 1127;

Visto il regio decreto 5 febbraio 1940, n. 244;

Visto il regio decreto 25 agosto 1940, n. 1411;

Visto il regio decreto 31 ottobre 1941, n. 1354;

Visto il regio decreto 21 giugno 1942, n. 929;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 1948, n. 795;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1972, n. 540;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 12 agosto 1975, n. 974;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 8 gennaio 1979, n. 32;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1979, n. 338;

Vista la legge 3 maggio 1985, n. 194;

Vista la legge 14 ottobre 1985, n. 620;

Vista la legge 14 febbraio 1987, n. 60;

Vista la legge 21 febbraio 1989, n. 70;

Vista la legge 19 ottobre 1991, n. 349;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 1° dicembre 1993, n. 595;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 18 aprile 1994, n. 360;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 18 aprile 1994, n. 391;

Vista la legge 21 dicembre 1984, n. 890;

Visto il decreto legislativo 12 aprile 2001, n. 164;

Visti i commi 8, 8-bis, 8-ter e 8-quater dell'articolo 3 del decreto-legge 15 aprile 2002, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 giugno 2002, n. 112;

Visto il decreto del Ministro delle attività produttive in data 17 ottobre 2002, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 253 del 28 ottobre 2002;

Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 10 settembre 2004;

Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nell'adunanza generale del 25 ottobre 2004;

Acquisito il parere della Conferenza unificata, di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, espresso nella seduta del 28 ottobre 2004;

Acquisiti i pareri delle competenti commissioni della Camera dei deputati, espresso in data 22 dicembre 2004 e del Senato della Repubblica, espresso in data 21 dicembre 2004;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 23 dicembre 2004;

Sulla proposta del Ministro delle attività produttive, di concerto con i Ministri della giustizia, dell'economia e delle finanze, degli affari esteri e per la funzione pubblica;

Emana

il seguente decreto legislativo:

Capo I

Diposizioni generali e principi fondamentali

Art. 1.
Diritti di proprietà industriale

1. Ai fini del presente codice, l'espressione proprietà industriale comprende marchi ed altri segni distintivi, indicazioni geografiche, denominazioni di origine, disegni e modelli, invenzioni, modelli di utilità, topografie dei prodotti a semiconduttori, informazioni aziendali riservate e nuove varietà vegetali (1).

(1) Comma così modificato dall’art. 1, co. 1, D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 131.

Art. 2.
Costituzione ed acquisto dei diritti

1. I diritti di proprietà industriale si acquistano mediante brevettazione, mediante registrazione o negli altri modi previsti dal presente codice. La brevettazione e la registrazione danno luogo ai titoli di proprietà industriale.

2. Sono oggetto di brevettazione le invenzioni, i modelli di utilità, le nuove varietà vegetali.

3. Sono oggetto di registrazione i marchi, i disegni e modelli, le topografie dei prodotti a semiconduttori (1).

4. Sono protetti, ricorrendone i presupposti di legge, i segni distintivi diversi dal marchio registrato, le informazioni aziendali riservate, le indicazioni geografiche e le denominazioni di origine.

5. L'attività amministrativa di brevettazione e di registrazione ha natura di accertamento costitutivo e dà luogo a titoli soggetti ad un regime speciale di nullità e decadenza sulla base delle norme contenute nel presente codice.

(1) Comma così modificato dall’art. 2, co. 1, D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 131.

.

Art. 3.
Trattamento dello straniero

1. Ai cittadini di ciascuno Stato facente parte della Convenzione di Parigi per la protezione della proprietà industriale, testo di Stoccolma del 14 luglio 1967, ratificato con legge 28 aprile 1976, n. 424, ovvero della Organizzazione mondiale del commercio ed ai cittadini di Stati non facenti parte delle suddette Convenzioni, ma che siano domiciliati o abbiano uno stabilimento industriale o commerciale effettivo sul territorio di uno Stato facente parte della Convenzione di Unione di Parigi per la protezione della proprietà industriale, è accordato, per le materie di cui al presente codice, lo stesso trattamento accordato ai cittadini italiani. In materia di nuove varietà vegetali, il trattamento accordato ai cittadini italiani è accordato ai cittadini di uno Stato facente parte della Convenzione internazionale per la protezione delle novità vegetali UPOV, testo di Ginevra del 19 marzo 1991, ratificato con legge 23 marzo 1998, n. 110. In materia di topografie dei prodotti a semiconduttori, il trattamento accordato ai cittadini italiani è accordato ai cittadini di un altro Stato solo se la protezione accordata da quello Stato ai cittadini italiani è analoga a quella prevista dal presente codice (1).

2. Ai cittadini di Stati non facenti parte né della Convenzione di Unione di Parigi per la protezione della proprietà industriale, né della Organizzazione mondiale del commercio, né, per quanto attiene alle nuove varietà vegetali, della Convenzione internazionale per la protezione delle novità vegetali, è accordato, per le materie di cui al presente codice, il trattamento accordato ai cittadini italiani, se lo Stato al quale il cittadino appartiene accorda ai cittadini italiani reciprocità di trattamento.

3. Tutti i benefici che le convenzioni internazionali sottoscritte e ratificate dall'Italia riconoscono allo straniero nel territorio dello Stato, per le materie di cui al presente codice, si intendono automaticamente estese ai cittadini italiani (1).

4. Il diritto di ottenere ai sensi delle convenzioni internazionali la registrazione in Italia di un marchio registrato precedentemente all'estero, al quale si fa riferimento nella domanda di registrazione, spetta al titolare del marchio all'estero, o al suo avente causa.

5. Ai cittadini sono equiparate le persone giuridiche di corrispondente nazionalità.

(1) Comma così modificato dall’art. 3, co. 1, D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 131.
(2) Comma così modificato dall’art. 3, co. 2, D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 131.

Art. 4. 
Priorità

1.  Chiunque abbia regolarmente depositato, in o per uno Stato facente parte di una convenzione internazionale ratificata dall'Italia che riconosce il diritto di priorità, una domanda diretta ad ottenere un titolo di proprietà industriale o il suo avente causa, fruisce di un diritto di priorità a decorrere dalla prima domanda per effettuare il deposito di una domanda di brevetto d'invenzione, di modello di utilità, di privativa di nuova varietà vegetale, di registrazione di disegno o modello e di registrazione di marchio, secondo le disposizioni dell'articolo 4 della Convenzione di Unione di Parigi.


2.  Il termine di priorità è di dodici mesi per i brevetti d'invenzione ed i modelli di utilità e le varietà vegetali, di sei mesi per i disegni o modelli ed i marchi.


3.  E' riconosciuto come idoneo a far nascere il diritto di priorità qualsiasi deposito avente valore di deposito nazionale regolare, cioè idoneo a stabilire la data alla quale la prima domanda è stata depositata, a norma della legislazione nazionale dello Stato nel quale è stato effettuato, o di accordi bilaterali o plurilaterali, qualunque sia la sorte ulteriore di tale domanda.

Art. 5.
Esaurimento

1. Le facoltà esclusive attribuite dal presente codice al titolare di un diritto di proprietà industriale si esauriscono una volta che i prodotti protetti da un diritto di proprietà industriale siano stati messi in commercio dal titolare o con il suo consenso nel territorio dello Stato o nel territorio di uno Stato membro della Comunità europea o dello Spazio economico europeo.

2. Questa limitazione dei poteri del titolare tuttavia non si applica (1) quando sussistano motivi legittimi perché il titolare stesso si opponga all'ulteriore commercializzazione dei prodotti, in particolare quando lo stato di questi è modificato o alterato dopo la loro immissione in commercio.

3. Le facoltà esclusive attribuite dalla privativa su una varietà protetta, sulle varietà essenzialmente derivate dalla varietà protetta quando questa non sia, a sua volta, una varietà essenzialmente derivata, sulle varietà che non si distinguono nettamente dalla varietà protetta e sulle varietà la cui produzione necessita del ripetuto impiego della varietà protetta, non si estendono agli atti riguardanti:

a) il materiale di riproduzione o di moltiplicazione vegetativa, quale che ne sia la forma;

b) il prodotto della raccolta, comprese piante intere e parti di esse quando tale materiale o prodotto sia stato ceduto o commercializzato dallo stesso costitutore o con il suo consenso nel territorio dello Stato o di uno Stato membro della Comunità europea o dello Spazio economico europeo, a meno che si tratti di atti che implicano una nuova riproduzione o moltiplicazione della varietà protetta oppure un'esportazione del materiale della varietà stessa che consenta di riprodurla in uno Stato che non protegge la varietà del genere o della specie vegetale a cui appartiene, salvo che il materiale esportato sia destinato al consumo finale (2).

(1) Le parole: “, con riferimento al marchio,” sono state soppresse dall’art. 4, co. 1, D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 131.
(2) Il comma che recitava: “3. Le facoltà esclusive attribuite al costitutore di una varietà protetta e delle varietà essenzialmente derivate dalla varietà protetta quando questa non sia, a sua volta, una varietà essenzialmente derivata, al costitutore delle varietà che non si distinguono nettamente dalla varietà protetta e al costitutore delle varietà la cui produzione necessita del ripetuto impiego della varietà protetta, non si estendono:
a) al materiale di riproduzione o di moltiplicazione vegetativa, quale che ne sia la forma;
b) al prodotto della raccolta, comprese piante intere e parti di esse;
c) a qualsiasi prodotto fabbricato direttamente a partire dal prodotto della raccolta e,
d) ad ogni altro materiale derivato da quelli indicati che siano stati venduti o commercializzati dallo stesso costitutore o con il suo consenso nel territorio dello Stato o di uno Stato membro della Comunità europea o dello Spazio economico europeo, a meno che si tratti di atti che implicano una nuova riproduzione o moltiplicazione della varietà protetta oppure un'esportazione del materiale della varietà stessa che consenta di riprodurla in uno Stato che non protegge la varietà del genere o della specie vegetale a cui appartiene, salvo che il materiale esportato sia destinato al consumo.” è stato così sostituito dall’art. 4, co. 2, D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 131.

Art. 6.
Comunione

1. Se un diritto di proprietà industriale appartiene a più soggetti, le facoltà relative sono regolate, salvo convenzioni in contrario, dalle disposizioni del codice civile relative alla comunione in quanto compatibili.

1-bis. In caso di diritto appartenente a più soggetti, la presentazione della domanda di brevetto o di registrazione, la prosecuzione del procedimento di brevettazione o registrazione, la presentazione della domanda di rinnovo, ove prevista, il pagamento dei diritti di mantenimento in vita, la presentazione della traduzione in lingua italiana delle rivendicazioni di una domanda di brevetto europeo o del testo del brevetto europeo concesso o mantenuto in forma modificata o limitata e gli altri procedimenti di fronte all'Ufficio italiano brevetti e marchi possono essere effettuati da ciascuno di tali soggetti nell'interesse di tutti (1).

(1) Questo comma è stato inserito dall’art. 5, co. 1, D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 131.

(Segue>>)



COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Codice della Proprietà Industriale, Ed. Settembre 2014 - SCARICA GRATIS L'EBOOK (eBook , segnalazione del 09.09.2014)

Invenzioni del prestatore di lavoro: sintesi dei profili giuridici (Articolo 15.07.2014 (Davide Pugliese) )

Segni distintivi: differenze funzionali tra marchio e denominazione sociale (Cassazione civile , sez. I, sentenza 13.03.2014 n° 5931 (Ilaria Di Punzio) )

Diritto d'autore innalzato da 50 a 70 anni (Decreto legislativo 21.02.2014 n° 22 , G.U. 11.03.2014 )

Convalidazione marchio altrui: presupposti (Cassazione civile , sez. I, sentenza 27.11.2013 n° 26498 (Sara De Marco) )

Brevetti: consulenza tecnica preventiva inapplicabile all'azione di nullità (Tribunale Milano, sez. A, ordinanza 18.05.2013 (Leonardo Serra) )

Proprietà industriale: tutela giuridica di disegni e modelli. Excursus (Articolo 11.04.2013 (Alessio Baldi) )

Conversione in legge, con modificazioni, del DL 29 dicembre 2011, n. 216 (Legge 24.02.2012 n° 14 , G.U. 27.02.2012 )

Avvocati e liberalizzazioni: tutto da rifare? (Articolo 07.02.2012 (Maria Morena Ragone, Fabrizio Sigillò) )

Decreto Milleproroghe 2011: sfratti, assunzioni precari, trasporti, missioni, rifiuti (Decreto Legge , testo coordinato 29.12.2011 n° 216 , G.U. 27.02.2012 )

Concorrenza sleale, segno distintivo, diffusione locale, marchio registrato (Tribunale Catania, sez. specializzata in materia di proprietà industriale, ordinanza 23.06.2011 )

In vigore la riforma del Codice della proprietà industriale (Decreto legislativo 13.08.2010 n° 131 , G.U. 18.08.2010 )

Codice della proprietà industriale: il regolamento di attuazione (Decreto Ministero Sviluppo Economico 13.01.2010 n° 33 , G.U. 09.03.2010 (Cesira Cruciani) )

Rivelazione dei segreti aziendali, prova, precisazioni (Cassazione civile , sez. I, sentenza 30.10.2009 n° 23045 )

Collegato sviluppo: energia nucleare, contraffazione, imprese e consumatori (Legge 23.07.2009 n° 99 , G.U. 31.07.2009 )

Riduzione dei riti e riforma del processo tributario (Articolo 20.07.2009 (Maurizio Villani) )

Codice proprietà industriale, sezioni specializzate, applicabilità, illegittimità (Corte Costituzionale , sentenza 30.04.2009 n° 123 )

La protezione ed il controllo delle informazioni segrete aziendali (Articolo 27.01.2009 (Stefano Bendandi) )

Gioielli: nozione di “carattere individuale” nel nuovo codice di proprietà industriale (Articolo di Pierpaolo Carbone 06.06.2008)

Riconoscimento delle qualifiche professionali: attuazione direttiva 2005/36/CE (Decreto legislativo 09.11.2007 n° 206 , G.U. 09.11.2007 )

Simpsons Movie e merchandising a sfondo sessuale! (Articolo 19.10.2007 (Antonio Serravezza) )

Proprietà industriale ed intellettuale, rito societario, illegittimità costituzionale (Corte Costituzionale , sentenza 17.05.2007 n° 170 )

Cade l'applicazione del rito societario per le cause sulla proprietà industriale (Corte Costituzionale , sentenza 17.05.2007 n° 170 (Daniele Monari) )

Procedimento cautelare, marchio sportivo, confusione, periculum in mora (Tribunale Bologna, sentenza 11.04.2007)

Delitti contro la fede pubblica, reato di cui all'art. 473 c.p. (Cassazione penale , sez. V, sentenza 19.03.2007 n° 11556 )

Disposizioni volte a dare attuazione ad obblighi comunitari ed internazionali (Decreto Legge , testo coordinato, 15.02.2007 n° 10 , G.U. 15.02.2007 )

La riforma del diritto processuale industriale alla luce del D.lgs. 140/2006 (Articolo 16.10.2006 (Andrea Sirotti Gaudenzi) )

Interventi per l’innovazione industriale (Disegno di legge approvato dal CdM il 22.09.2006)

Proprietà intellettuale: attuata la Direttiva Enforcement (Decreto legislativo 16.03.2006 n° 140 , G.U. 07.04.2006 (Barbara Gualtieri) )

Codice della proprietà industriale e tutela cautelare ante causa (Articolo di Francesco Spaccasassi 30.11.2005)

Competitività: processo civile, professioni, fallimento, auto, DIA, finanziamenti (Decreto Legge , testo coordinato 14.03.2005 n° 35 , G.U. 14.05.2005 )

Diritto industriale italiano (Libro di Scuffi Massimo, Franzosi Mario )


10 correzione personalizzate e 6 ore di lezione in aula virtuale

Il corso online di Altalex per la preparazione al concorso in magistratura ordinaria giunge quest’anno all’VIII edizione. Come di consueto il corso si caratterizza per il connubio tra una metodologia didattica ...

Studio Legale Avv.Liana Casini

Diritto Civile Famiglia Recupero Crediti Infortunistica Stradale Penale


Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso Agenzia delle Entrate amministratore di condominio anatocismo appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto autovelox avvocato bando di concorso carceri certificato di agibilità codice della strada codice deontologico forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudici ausiliari giudici di pace giustizia guida in stato di ebbrezza indennizzo diretto inps insidia stradale interessi legali ipoteca legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone precetto processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sentenza Franzese sequestro conservativo Sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame Tribunali usucapione usura