ricorda
Non sei registrato?
Registrati ora
Il tuo carrello
Totale : € 0,00
Anche a Palermo si continuano ad applicare le tariffe previgenti
Corte d'Appello Palermo, nota 06.02.2012 (Barbara Lorenzi)

La Corte d'appello di Palermo rieccheggia le argomentazioni con cui il presidente del tribunale di Verona ha giustificato - stante la vacatio degli annunciati ma non emanati "parametri" ministeriali - il ricorso alle tariffe professionali previgenti per procedere alla liquidazione giudiziale delle spese a carico del soccombente.Tuttavia anche qui il riferimento all’uso appare inconferente, potendosi parlare piuttosto di prassi giudiziaria o interpretazione uniforme dell’Ufficio giudiziario.

Nonostante anche il Ministero di Giustizia abbia, in prima battuta, fatto ricorso ad analoga argomentazione, pur senza procedere a un formale decreto interpretativo, tale riferimento non è condivisibile, e meriterebbe un ripensamento, perché pur fornendo una soluzione pratica ed immediata a un problema concreto, il ricorso a una simile argomentazione crea un vulnus nel sistema delle fonti e finanche della funzione ontologica del giudice. Nel nostro sistema, infatti, il giudice non può creare un uso, lo può applicare se lo rinviene nella società, mai generarlo. Ciò perché il giudice appartiene alla lex, all’ordine dato, mentre l’uso è ontologicamente jus, cioè ordine spontaneo o convenzionale della società. Di conseguenza allo stato non si possono definire usi in senso stretto le prassi degli Uffici giudiziari, anche se concordate tra Avvocati e Magistrati, giacchè essi non sono la generalità dei destinatari.

Affermare che usi convenuti tra i professionisti del processo (avvocati, magistrati, cancellieri) siano vincolanti per tutti i consociati significa applicare un principio proprio di un sistema corporativo, in cui i soggetti esponenziali delle singole categorie sono istituzionalmente titolati a redigere norme collettive o contratti normativi regolanti l’agire professionale. Ma tale non è ancora il nostro sistema.

Ancora una volta sembra preferibile la soluzione adottata dal tribunale di Varese, il quale ritiene necessario e sufficiente allo scopo il riferimento normativo all’art 2225 c.c. con il correlativo richiamo alle previgenti tariffe quali parametro di adeguatezza retributiva, rimandando con ciò, pur senza farne esplicita menzione, al principio di enunciato nell’art. 36 Cost. comma 1. Tale argomentazione logico-giuridica appare più convincente e robusta sul piano del riferimento normativo oltre scevra dalle ingombranti conseguenze sistematiche del ricorso agli usi. Infatti l'art. 2225 si colloca nel libro del lavoro, e quindi il richiamo ai criteri dell'art.

36 costituzione è quindi assai più pertinente di un riferimento a una fonte secondaria di dubbia giustificazione sistematica.

De jure condendo, osserviamo che se il presupposto concettuale dell'abolizione delle tariffe risiede nel fatto che, ai fini di una corretta concorrenza, nello spazio giuridico europeo non sono più ammissibili regimi di prezzi amministrati, conseguenza coerente con tale pensiero dovrebbe essere che la determinazione quantitativa delle spese debba intendersi sottratta al giudice, per il semplice fatto che non sarebbe più concepibile una determinazione di esse con parametri predeterminati per legge. In altre parole, come per ogni altra spesa, la parte vittoriosa dovrebbe semplicemente avere rimborsate le spese di difesa che attesti di aver sostenuto, alla stregua di ogni altra spesa di cui chieda il ristoro. In altri termini dovrebbe depositare la convenzione col compenso pattuito previamente, ovvero la fattura per esso in caso di compenso variabile. In quest'ultimo caso la fattura dovrebbe depositarsi con l'ultima difesa, cosa che incentiverebbe vieppiù la fedeltà fiscale. Meglio ancora se ne venisse aggiunta la detraibilità dall'imponibile, al pari delle spese mediche, che come la difesa afferiscono a un diritto di rango costituzionale.

(Altalex, 21 febbraio 2012. Articolo di Barbara Lorenzi e Giuseppe M. Valenti)






Corte di Appello di Palermo

Nota 6 febbraio 2012

(Presidente Olivieri)

Criteri di liquidazione degli onorari ai difensori nei procedimenti civili e penali a seguito del D.L. 24 gennaio 2012 n. 1, pubblicato nella G.U. 24 gennaio 2012, n. 19, e recante "Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività".

L'abrogazione delle tariffe professionali, disposta dall'art. 9 del decreto legge n. 1/2012 con effetto dal 24 gennaio 2012, ha determinato una sostanziale paralisi dei procedimenti di liquidazione dei compensi dovuti ai difensori per la inesistenza, nel provvedimento legislativo, di una disciplina transitoria volta a regolamentare la materia. La norma prevede, infatti, che, nel caso di liquidazione da parte di un organo giurisdizionale, il compenso del professionista è determinato con riferimento a parametri stabiliti con decreto del Ministro vigilante (alias: il Ministero della Giustizia).

La situazione è veramente paradossale, giacché, da una canto, il giudice è tenuto al rispetto di parametri di liquidazione "obbligatori", ma non è, dall'altro, in condizioni di poter determinare in termini oggettivi e controllabili gli oneri di difesa da porre a carico della parte soccombente, per la mancanza di ogni termine comparativo per la liquidazione degli onorari a favore dei professionisti che hanno operato nel corso del processo, in difetto dell'emanazione del previsto, ma inespresso, decreto ministeriale.

In attesa che il decreto legge venga convertito in legge e che vengano emanate le norme regolamentari, principi di ragionevolezza e ragioni di buon senso impongono che venga adottata un'adeguata uniforme soluzione che contemperi, per un verso, le legittime aspettative dei difensori (impossibilitati allo stato a quantificare le loro spettanze) e, per altro verso, le esigenze del processo che inevitabilmente subirebbe una stasi dal rinvio sine die della liquidazione dei compensi di difesa dovuti dalla parte soccombente.

Soccorrono a tal proposito, oltre le disposizioni della legge professionale forense (legge 22 gennaio 1934 n. 36 e succ. mod.) nei residui termini in cui è tuttora applicabile, le generali disposizioni del codice civile in materia di professioni intellettuali, secondo le quali il compenso, se non è convenuto dalle parti e non può essere determinato secondo le tariffe o gli usi, è determinato dal giudice, sentito il parere dell'associazione professionale a cui il professionista appartiene (art. 2233 c.c.).

Questa è appunto la norma che, a parere di questa presidenza, è, allo stato, applicabile alle prestazioni professionali rese dopo l'entrata in vigore del decreto sulle liberalizzazioni e, in virtù di essa, la determinazione del compenso di difesa, sia nei procedimenti civili che penali, potrà essere determinata secondo i valori delle tariffe abrogate, la cui applicazione uniforme e costante, in difetto di una diversa normativa, potrebbe latu sensu farsi rientrare nel novero degli "usi" o, diversamente, potrebbe essere richiesto al difensore di produrre, a corredo della nota spese, il parere di congruità del proprio Ordine professionale.

A tali principi, qualora condivisi dalle SS.LL., chiedo di uniformare i procedimenti di liquidazione degli onorari, in attesa che il Parlamento converta in legge la decretazione di urgenza n° 1/2012 e che il Ministro della Giustizia regolamenti la materia col decreto previsto dal citato art. 9.


AVV. ELISA ZAPPALORTI

Lo studio legale svolge la propria attività in Prato nelle materie del diritto civile, della famiglia e delle successioni, del diritto societario e tributario


COLLABORA
Partecipa attivamente alla crescita del web giuridico: consulta le modalitˆ per collaborare ad Altalex . Inviaci segnalazioni, provvedimenti di interesse, decisioni, commenti, articoli, e suggerimenti: ogni prezioso contributo sarˆ esaminato dalla redazione.
NOTIZIE COLLEGATE
Avvocati, compenso, liquidazione, tariffe, abrogazione, ultrattività (Tribunale Varese, sez. I civile, ordinanza 26.07.2012 )

Avvocato, liquidazione del compenso, abrogazione delle tariffe forensi (Tribunale Varese, sez. I civile, sentenza 03.02.2012 )

Liquidazione compenso, avvocato, tariffe forensi, abrogazione (Tribunale Varese, sez. I civile, decreto 03.02.2012 n° 140 )

Tariffe professionali: la risposta della Camera sul DL 1/2012 (Camera dei Deputati, II Commissione (Giustizia), risposta 02.02.2012)

DL su abolizione delle tariffe non ha efficacia retroattiva (Tribunale Verona, circolare 01.02.2012 (Barbara Lorenzi) )


10 correzione personalizzate e 6 ore di lezione in aula virtuale

Il corso online di Altalex per la preparazione al concorso in magistratura ordinaria giunge quest’anno all’IX edizione. Come di consueto il corso si caratterizza per il connubio tra una metodologia didattica so ...

Segnalazioni Editoriali
Commentario breve al codice di procedura penale (Sconto 10%) Conso Giovanni, Illuminati Giulio 230,00 € 207,00
CEDAM — Anno 2014
La nuova edizione del commentario al 'Codice di Procedura Penale' giunge, a 10 anni di distanza dalla prima, molto ...

Calcolo danno macrolesioni con le tabelle dei principali Tribunali italiani

Milano-Roma 2013
abbinamento accertamento tecnico preventivo affidamento condiviso agenzia delle entrate amministratore di condominio anatocismo Appello appello incidentale arresti domiciliari assegno di mantenimento assegno divorzile atto di precetto atto giudiziario autovelox avvocato bancarotta fraudolenta bando di concorso carceri cartella esattoriale certificato di agibilità codice della strada Codice Deontologico Forense codice penale codice procedura civile cognome collegato lavoro comodato compensi professionali concorso in magistratura concussione condominio contratto preliminare contributo unificato convivenza more uxorio danno biologico danno morale Decreto decreto balduzzi decreto del fare decreto ingiuntivo decreto salva italia demansionamento depenalizzazione reati minori difesa d'ufficio dipendenti non agricoli diritto all'oblio diritto civile diritto penale donazione equa riparazione Equitalia esame esame avvocato esame di avvocato falso ideologico fermo amministrativo figli legittimi figli naturali figlio maggiorenne filtro in appello fondo patrimoniale formulario Gazzetta Ufficiale geografia giudiziaria giudice di pace giudici ausiliari giudici di pace Giustizia guida in stato di ebbrezza incidente di esecuzione indennizzo diretto induzione indebita Inps insidia stradale interessi legali ipoteca jobs act legge di stabilità legge pinto lieve entità mansioni superiori mediazione civile mediazione obbligatoria messa alla prova milleproroghe ne bis in idem negoziazione assistita occupazione abusiva oltraggio a pubblico ufficiale omesso versamento ordinanza-ingiunzione overruling parametri forensi parere civile parere penale pedone posta elettronica certificata precari precetto prima traccia processo civile processo civile telematico processo telematico procura alle liti provvigione pubblica amministrazione querela di falso responsabilità medica riassunzione ricorso per cassazione Riforma della giustizia riforma forense riforma fornero sblocca Italia sciopero seconda traccia semplificazione fiscale sentenza Franzese sequestro conservativo servitù sfratti silenzio assenso soluzioni proposte sospensione della patente sospensione feriale spending review Stalking tabella tabelle millesimali tariffe forensi tassi usurari tracce di esame tribunali tulps usucapione usura